Boniek: “La Roma ora gioca a calcio, prima non lo faceva. Zalewski? Gli ho scritto, non mi era piaciuto un suo atteggiamento”

38
1557

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Zibi Boniek, ex calciatore della Roma, è intervenuto ai microfoni dell’emittente radiofonica e ha parlato del momento del club giallorosso, in particolare sull’ultima prestazione dei giallorossi contro il Feyenoord, del cambio in panchina. Le sue parole:

“La partita di ieri è stata emozionante: tanti spunti e cose da apprezzare. Zalewski ha tirato un rigore straordinario che dimostra che il ragazzo ha testa e personalità. Non stava attraversando un buon momento, infatti, nei giorni scorsi gli ho mandato un messaggio in cui gli ho fatto capire come non mi piacesse il suo atteggiamento quando ad esempio rimane a terra dopo aver ricevuto un colpo.

Ieri è stata la vittoria della Roma come squadra, società mentre prima vinceva solo Mourinho e nelle sconfitte la colpa era solo dei calciatori. La corsa di Svilar verso la Curva Sud è sincera ed emozionante: ieri mi sono innamorato di lui. De Rossi ha avuto il coraggio di farlo diventare il portiere titolare. La Roma adesso gioca a calcio mentre prima non lo faceva“.

Su Azmoun: “Persona per bene, anche ieri l’ho visto partecipe dopo i rigori malgrado non abbia giocato”. Sull’arbitraggio di ieri: “Ha danneggiato entrambe le squadre ha preso molte decisioni errate, si è perso nella partita, però, non è stato decisivo. Adesso non si parla più degli arbitri. Fossi stato in dirigenza avrei parlato con Rosetti per fargli capire che il direttore di gara non ha fatto una buona prestazione. Il contatto su El Shaarawy mi sembrava rigore“.

Su De Rossi: “Per diventare un allenatore importante devi allenare squadre forti. Già quando giocava a calcio avevo capito che aveva tutte le caratteristiche per fare il tecnico: la società ha fatto una scelta intelligente. Adesso vedo serenità e questo mi piace. Sono felice che ora non c’è più il merito di una singola persona“.

Su Pellegrini: “Calciatore diverso rispetto a quello che abbiamo visto sino a 2 mesi fa”. Sul Brighton: “Sarà una sfida molto interessante è una squadra che gioca bene a calcio“.

Fonte: Retesport

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedenteDe Zerbi: “La Roma? Partita difficile ma dobbiamo vincere. De Rossi un grande amico, ma spero di batterlo”
Articolo successivoCapello: “Attenta Roma, il Brighton andrà fortissimo. De Rossi come De Zerbi? Andiamoci piano…”

38 Commenti

    • Non sono d’accordo. Mou non si merita queste parole. Ha e abbiamo avuto tanta sfortuna. Adesso sono rientrati tutti gli infortunati. Pellegrini è tornato in forma. Prima giocava fuori condizione e mezzo infortunato. Le battaglie contro la lega e gli arbitri erano sacrosante anche se controproducenti. Danielino ha trovato un calendario favorevole. Non c’è la riprova ma credo che anche con Mou saremmo riusciti a fare gli stessi risultati. Sono contento di De Rossi, sia chiaro, ma sarò sempre grato a Mourinho che è riuscito ad entrare nella testa e nel cuore dei romanisti oltre che nella storia della Roma e non capisco quest’odio a posteriori da parte di molti…

    • Attendiamo qualche altra prova, ma sono sempre più convinto che l’anello debole ormai fosse un altro…

    • L’anello debole sei te Francè e tutte le vedove che ancora accusano la squadra di “tradimento” tanto per usare un termine ricorrente.
      Pupazzi

    • Lupasas, forse odio è eccessivo, il problema di Mou è anche la sua dote e cioè entrare nel “cuore” dei tifosi a prescindere da qualsiasi risultato.
      Ci riesce con un atteggiamento forte e guascone che piace molto, ma c’è il rovescio della medaglia, che è proprio questa caratterialità e furbizia che a lungo diventano logoranti e iniziano a puzzare di falso, credo che questa sia la risposta alla tua domanda.

    • Bravo @Lupasas,finalmente un tifoso riconoscente qui si dimentica tutto in fretta anche le 2 finali ,fortuna che quest’ anno faremo sicuramente la terza finale e quarti in campionato (o decimi) se il capitano ha voglia
      Credo di aver riassunto tutto per bene

  1. è sempre bravo e competente e potrebbe,eccome,fare parte della società…forza Roma e fate riposare Lukaku e karsdorp (a lui più a lungo )

  2. Zalewski, e lo dico per primo come sono solito fare, sarà la piacevole sorpresa della Roma targata De Rossi. E’ solo questione di tempo,di alchimie cerebrali che s’incastrino al posto giusto.Tradotto :è tutta una questione di testa…
    Credo fermamente nelle qualità di questo virgulto giallorosso. Il suo ruolo è quello attuale,in alternanza col Faraone.

    • condivido al 100%

      per me zalenski e’ molto molto forte’deve scrollarsi di dosso la maledetta mourinhite acuta del terzino destro impaurito e dedito prevalentemente alla fase difensiva…

      il ragazzo e’ in confusione soprattutto tattica e gli va dato il tempo di riprendersi.

      attentu a giudicare i giocatori troppo in fretta…

    • Non sono daccordo, tendo a pensare che a giugno Zale sarà uno di quelli che lascerà Trigoria e si punterà ad acquistare un esterno sinistro che possa dare il cambio ad ElSharawy in modo più concreto se non addirittura superiore.

  3. Da quando Boniek è il nuovo Ds della Roma? Tra Totti che si vanta delle partite di Padel e Zibi che s’innalza a educare i giocatori, mi sa che il momento magico vissuto da De Rossi sta facendo ingelosire parecchie persone

    • alt, Paskal.
      Su Totti hai ragione da vendere, il 10 è stato un Dio per noi sul rettangolo di gioco, ma OVO SODO fuori dal rettangolo verde. Zibì no.
      lui parla spesso della Roma ed è un conoscitore vero del pallone. altroché.

    • Non c’è da meravigliarsi, al di là della classe che nessuno discute, Totti ha sempre anteposto il suo ego persino sulla Roma stessa, pochi se ne sono accorti ma è anche comprensibile, quando la squadra che tifi non vince ci si aggrappa al singolo. La risposta sul padel purtroppo svela quel suo essere un po’ rosicone… De Rossi altro livello rispetto a lui

    • JULIUS CAESAR, non dico che su Zalewsky abbia torto ma datosi che non mi risulta faccia ancora parte dell’entourage giallorosso, perchè certi rimbrotti debbono essere sempre rivolti solo ai nostri giocatori? Nulla da ridire su Boniek, l’ho esaltato quand’era alla Roma ma non dimentichiamoci del suo passato in bianconero. Sarò prevenuto ma in tutta onestà sulla buona fede di taluni personaggi non ci metterei la mano sul fuoco.

    • perché Zibì stava anche alla signora in giallorosso, quando c’era il grande Ruggeri.
      ha sempre parlato della Roma. e chi meglio di lui può farlo? poi chiaramente, non essendo in società, uno può vederla male. ma c’è di peggio. finché critica Zibì, va benissimo. quando la fa Capello, no.

    • JULIUS CAESAR torno a ribadire: Zibi’ ha detto delle cose giuste ma a mio modo di vedere (non facendo parte dell’enturage della Roma) non spettava a lui rimproverare il ragazzo. Perchè non dice nulla sul dito medio di Acerbi, un gesto ignobile costato solo 5000euro di multa Possibile che solo i nostri giocatori sono di cattivo esempio? Infine, non è vero che l’arbitro ha danneggiato entrambe le squadre ma solo la Roma. Del fallaccio su El Shaarawy era neanche ne parla. La pensiamo in maniera diversa, nulla di male.

  4. Zalewski purtroppo fino al rigore decisivo aveva ancora sbagliato tutto, pure facendosi pescare in fuorigioco in due situazioni semplici da leggere dove poteva arrivare in porta.
    E continua a lasciarsi morire al minimo contatto.
    Ieri “guadagna” una punizione pericolosa con una brutta simulazione.
    Non piace neanche a me questo atteggiamento.
    Sul rigore, è quello che Mourinho definì rigore da VAR, e doveva essere questo a intervenire in mancanza del fischio arbitrale.
    Per il resto nulla da aggiungere alle sacrosante parole di Zibì, pensieri espressi già prima dell’esonero del tecnico di Setubal.
    La Roma adesso gioca al calcio, non fa “ber giogo”, fa quello che dovrebbe essere il minimo sindacale per il suo reale valore, non altissimo, ma nemmeno quello che qualcuno ha fatto bere a tanti per troppo tempo.
    E che qualche folle definiva persino in termini di miracolo.

  5. mou ha fatto piu danni della peste … ddr sta ripulendo le macerie lasciate da quel megalomane ..come ha fatto a tenere villar in panca?? vuol dire 2 cose , o non capisci di calcio o sei prevenuto , pellegrini lo stava rovinando completamente , ndika non era adatto al calcio italiano , e io penso sia uno dei piu forti difensori in serie a

  6. dopotutto se al suo presentarsi sul dischetto, la gente mugugnava e qualcuno lo offendeva anche, un motivo ci sarà stato.
    giocatore invisibile dal suo ingresso, salvo mettere la firma sul rigore. stesso discorso che ho fatto per Hujsen a Frosinone. partita da 3 in pagella, che diventa magicamente 7 per il gol. ma sempre da 3 in pagella ha giocato.

  7. Zalewski era il rigorista della squadra primavera ed ero strasicuro che sarebbe stato uno dei rigoristi ed ero più che fiducioso che avrebbe segnato. Vorrei far notare infine che il nostro rigorista principale non potrà mai essere utilizzato in situazioni come quella di ieri perché non è in grado di stare in campo per 120 minuti ed è un bel guaio perché le coppe si assegnano molto spesso ai rigori. E forse se a Budapest non ci fossimo presentati con un citofono in porta e con Ibanez e Mancini sul dischetto chissà.

  8. Zibi ha detto cose giuste tranne sull’arbitro perché non stava danneggiando entrambe le squadre ma stava danneggiando solo la Roma.

  9. Non abbiamo voluto Bonucci perche’ ex juventino e vogliamo Boniek classe 1956, un po’ vecchiotto, voi che dite uno sui 40 o 50 no? Poi ha sempre fatto altro… il DS non e’ di sua competenza ce ne sono di Ds buoni per la Roma. Comunque gli voglio bene perche’ ha vissuto tanto tempo a Roma. Al polacchetto di Roma non gli e’ stato perdonato di aver scelto la Polonia come nazionale ma rimane sempre romano, e’ bravo ma deve crescere….e lo sta facendo !!!

  10. ha ragione su tutto tranne sull’arbitro, che ha danneggiato solo la Roma. Sperava forse in un esito diverso ma gli ha detto male, spiaze

  11. CN mou si erano involuti paredes, Pellegrini, El Sha a farsi tutta la fascia, idem spinazzola, ndicka doveva fare panchina percje nn adatto, non pronto, smalling gli ha rovinato la stagione, e infine Rui patricio sempre saldo tra i pali. Il suo concetto di calcio come blocco basso non poteva essere modificato perche la squadra nn era adatta e nn importava se metteva giocatori fuori ruolo. Inoltre la colpa delle sconfitte era dei giocatori scarsi e degli arbitri e quando faceva fare 10 minuti a un giovane sembrava che lo avesse creato lui. Belotti lo ha relegato in panca come se avesse la peste. Le cose sono cambiate ed è evidente e al di là dei buoni risultati è del gioco più fluido, i calciatori stanno riacquistando valore mentre CN mou erano svalutati. Non posso sapere come andrà la stagione ma il cambio di allenatore è stato sacrosanto

  12. …condivido tutto, analisi perfetta che rispecchia la realtà di ciò che è accaduto alla Roma e nella. Roma… raro esempio di competenza calcistica. Forza Roma

  13. Daniele,idee chiare poche polemiche pochi ali bi,non vuole essere sempre protagonista esalta giustamente i suoi giocatori .sereno, sempre sul pezzo non innamorato della sua immagine.come quello che hanno cacciato ,ora mai una parola sui romanisti, sulla squadra, scomparso. si starà guardando allo spazio come Dorian Gray. de noi non gliene po’ frega de meno..non ha salutato nessuno,sto.puzzone. per noi però meno male che cia avuto culo in conference . Daniele veramente uno di noi ..gli voglio troppo bene.bravo ragazzo .intelligente. e poi la chicca di aouar che zittisce quel bullo chiacchierone del portiere del feje dopo il rigore? .serata da romanisti. daje danie’..

  14. La fate finita di fare paragoni assurdi oppure no che portano pure male, dopo un mese come si possono fare paragoni e fare bilanci, i conti si fanno sempre a fine stagione e non dopo sette partite complessive, ritorniamo con i piedi per terra e sotto per le prossime partite. E non è essere vedovelle di qualcuno ma essere realisti e calmi, che se ci ritroviamo in questa situazione è solo alla grazie alla proprietà e alla sua incompetenza in questi anni che ha costruito male la squadra.

  15. fra due anni ci saremo stsncati di questo “va sempre tutto bene” di derossi… il gol dell’Inter palesemente da annullare, non dico urlare, m nessuno ha detto parola, daje su manco ad essere così supini…

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome