Boniek: “Roma mi ha stregato. Che forza Abraham, ma Eldor vale tanto. Agnelli capirà che con me ha sbagliato”

27
5837

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Zibì Boniek, ex di Juventus e Roma, torna a parlare della partita di domenica sera, stavolta dalle colonne de Il Messaggero. Queste le dichiarazioni:

Juve-Roma è la sua partita del cuore?
«Roma mi ha stregato e infatti ho deciso di abitarci. A Torino ho trascorso tre anni straordinari, poi i rapporti sono diventati un po’ tesi per la scelta di togliermi la stella allo stadio».

Si è dato una spiegazione per quella scelta?
«Sicuramente. È stata una mossa del presidente Andrea Agnelli per venire incontro a quella frangia di tifosi che gli creava problemi, visto che mi sono professato romanista. Io non ho mai offeso nessuno al di là di sostenere che una società importante come quella bianconera non aveva bisogno di dirigenti che l’aiutassero a vincere le partite fuori dal campo (riferimento a Calciopoli, ndr). Arriverà un giorno che Agnelli capirà che ha commesso un grande errore».

Quali sono i compagni di squadra ai quali è rimasto più legato a Torino e Roma?
«Il primo nome che mi viene in mente è Furino. Sono un appassionato del gioco delle carte e Beppe mi ha insegnato tutto. Ma poi non posso dimenticare Bonini, Rossi, Platini e Tardelli. Nella Roma ho legato con tutti, a cominciare da Nela, Conti, Giannini, Desideri, Di Carlo, senza dimenticare Voeller. Ricordo ancora quando in ritiro a Vipiteno non sapevano con chi metterlo, visto che parlava soltanto tedesco. Mi sono fatto avanti. In camera gli spiegavo come imparare l’italiano. Rudi guarda il telegiornale, così associ le immagini a quello che dicono’. Bastava però che mi girassi un attimo e subito cambiava mettendo quei canali tirolesi che cantano 24 ore al giorno».

Domenica si gioca Juve-Roma. Senza Abraham, quanto perderebbe la Roma?
«Un calciatore non fa una squadra. E prima che arrivasse lui, c’era Shomurodov che segnava un gol a partita. Detto questo, Abraham è fortissimo».

Le ricorda qualcuno?
«Per fisicità e potenza Adebayor. Ma anche ad Altobelli».

Tornando calciatore, le piacerebbe essere allenato da Mourinho o Allegri?
«Lei ha deciso di farmi litigare (ride). Entrambi bravissimi, ho un debole per Mourinho».

Articolo precedenteMeno tre a Juventus-Roma: Dybala verso la panchina, Mou punta su Shomurodov
Articolo successivoRosella Sensi: “Io, da papà a Mourinho: domenica sarà come un derby”

27 Commenti

    • Grande personaggio mai banale, lo incontrai in Polonia, gran brava persona, molto disponibonibile, preparatissima di grande esperienza e personalità, poi la fede giallorossa fece tutto il resto, 🤣😂🤣iniziammo nel conversare in inglese e finimmo con…”AAAOOOOOO E DAJEEEEE!!!!” 😂🤣😂 scoppiò in una risata di ❤️ bellissima… Che bel ricordo…

  1. Boniek,totti,nela,de rossi e giannini nell’ organigramma della Roma con mansioni adatte a loro se lo meritano,mi piacerebbe vedere una Roma fatta da romanisti con mou e friedkin,forza Roma

  2. Bravo complimenti Zibbi.
    Poi magari un giorno ci illustrerai per quale arcano motivo (economico? ) , visto che ti dichiari apertamente romanista, hai preferito firmare all’epoca per loro. O forse eri juventino e in seguito sei stato stregato dalla Roma…

    • Magari la risposta sta nel conoscere un po di storia visto che quando Boniek ha firmato per la Juve era nella Polonia comunista e il Muro di Berlino non era caduto, e negli investimenti che la Fiat fece in Polonia creando una fabbrica che fabbricò la 126 destinata ai paesi dell’est per cui il governo Polacco a cui spettava l’ultima parola autorizzò l’espatrio di Boniek in un paese occidentale…
      Un pò di studio no vero?

    • Ma che c’entra.
      Allora un calciatore solo perché e’ tifoso di una squadra dovrebbe giocare solo con quella.
      Ma andiamo…

  3. Non è una candidatura.
    Lui e’ candidato da quando si è professato romanista!!!
    Ed è competente.
    Eppoi parla da Dio…
    FORZA ROMA

  4. Boniek è diventato romanista dopo esserci arrivato, mica un polacco che aveva sempre giocato in patria poteva nascere romanista.
    Comunque come ha detto anto l’importanza economica della rube/fiat in Polonia indirizzò Boniek a Torino e purtroppo quei tempi non sono cambiati.

    • Verissimo ahahahah ,grande zibi ,faceva le buche per terra quando partiva, ma poi la cosa bella che a Roma lo spostarono a fa na specie di mediano d inserimento alla Perrotta per carpirci, e giocava meglio che a Torino, calzettone abbassato e velocità a go go. Sapete na cosa, nelle movenze shomurodov gli somiglia.

  5. Chi vince resta nella storia c’è poco da rinnegare.

    Come se noi rinnegassimo Carlo Ancelotti perchè poi ha fatto la storia del Milan, ma qui ha vinto il secondo scudetto della Roma e quello resta e nessuno glielo toglie.

    I ragazzotti tifosi della Juve sono sempre più ridicoli, prima impongono di fare mettere tutte quelle stelle allo stadium e poi lì degradano e la cosa più allucinante chi i dirigenti gli vanno appresso.
    Però la cosa non mi sorprende affatto, visto in mano a chi era finito il tifo della Juve evidentemente di certa gente si ha paura, un peccato che nel calcio il mondo ultrà è sparito da un pezzo e adesso c’è un altro mondo che li comanda

  6. avete gia detto tutto
    lui è un grande e alla Roma sarebbe un grandissimo valore aggiunto

    Noi ti aspettiamo braccia aperte Zibi.
    Forza Roma.

  7. Grande ziby. Prego vivamente il presidente friedkin (DAN & RYAN) di prendere al più presto bonyek vero conoscitore di calcio vero uomo e soprattutto VERO ROMANISTA!!! PENSATECI PRESIDENTE!!!
    FORZA ROMA SEMPRE

  8. Vero in parte.
    Lui sapeva dell’interesse della Roma quando giocava con il Lodz e voleva venire. Poi per le questioni che ha spiegato benissimo @anto è dovuto andare a torino.
    Appena ha potuto ha indossato la maglia giallorossa. Fonte … lui stesso.

  9. e Poi Ziby ci porterebbe il meglio del calcio Polognese, per dire polacco sicuro sarebbe come mourinho “2 gli ultimi 10 anni il meglio del calcio l ha prodotto la polonia,dajeeeeeeeeeeeee

  10. Io voglio bene a Zibì, come tutti. Ma continuo a vedere il suo curriculum e achievements da tecnico e dirigente: pessimo il primo, non granché il secondo.
    Anche da presidente della federcalcio polacca ha raccolto poco e niente.
    Affetto a parte, non vedo alcun motivo per pensare a lui.

  11. A proposito di vipiteno, ero nei Casta, il gruppo sportivo di sci alpino della regione dell’alto adige degli alpini, ricordo che una mattina all’adunata vedevo davanti a me soltanto orecchie rosse, saliamo in camera e il pintone (colui che era preposto alle pulizie quel giono) aveva la radio accesa che diceva: -31 gradi, era l’inverno dell’86. Bei tempi- Che freddo!!!!!!!!!

  12. Grande Zibì !!! Ho un grande ricordo di lui in campo con la maglia della Roma anche per avermi fatto esultare all’Olimpico quando ha segnato, quando lo stadio era tutto aperto e non aveva la copertura. Spesso mi capita di rimpiangere il calcio degli anni ’80 a cui sono affezionato.
    Boniek un Campione vero !!!
    Comunque che Agnelli un giorno capirà di aver sbagliato con lui, ci credo poco vista la sua presunzione ed arroganza tipica di un gobbo juventino.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome