Bove-Lecce, Corvino a Roma per trattare con Pinto: non c’è accordo sulla formula

15
902

UTIME NOTIZIE AS ROMA – Sono ore calde per la trattativa che dovrebbe portare Edoardo Bove al Lecce, scrive l’edizione odierna della Gazzetta dello Sport.

Ieri Pantaleo Corvino, ds dei salentini, è sbarcato a Roma e nella giornata odierna incontrerà a Trigoria Tiago Pinto per discutere del trasferimento del centrocampista della Roma alla corte di Marco Baroni nella prossima sessione invernale del mercato.

Il club salentino ha ormai superato la concorrenza per assicurarsi le prestazioni dell’azzurrino cresciuto sotto le direttive di Mourinho, che però attende il recupero dall’infortunio d iWijnaldum prima di dare l’ok alla partenza di Bove.

Sul tavolo delle trattative tra i due club si studia e si valuta la formula del trasferimento. Il Lecce cerca il prestito con diritto di riscatto e contro-riscatto. Mentre la Roma è orientata per il prestito secco.

Fonte: Gazzetta dello Sport

Articolo precedenteWijnaldum e Karsdorp vedono il Portogallo
Articolo successivoMourinho tra la tentazione Portogallo e il rinnovo con la Roma

15 Commenti

  1. Attento Pinto a non farti infinocchiare da una vecchia volpe come Corvino. Se questo si è scomodato a venire fino a Roma,vuol dire che ha fiutato l’affare.
    Incrocio le dita ,ritenendo Bove un giocatore su cui fare affidamento per il futuro.
    🤞

    • bravo Zenone. anche perché noi siamo fenomeni per fare fare gli affari agli altri. va bene farli giocare, va bene riconoscere qualcosa a chi ti fa giocare e mettere in mostra il giocatore. ma riscatto a 1mln e controriscatto a 1.1 mln è già tanto

    • Grande Zenone, hai detto bene, se uno come Corvino si scomoda, sa, delle qualità di Bove….Fa bene Pinto iniziare con il prestito secco, oppure se ancora esiste il premio valorizzazione….Ma la storia del controriscatto, non vorrei, che finisse come Frattesi, il controriscatto va subito definito in sede di trattativa, non nel libero valore di mercato…

    • Pure Braida è una vecchia volpe che si è preso Felix a 7 mln, e per il momento sembra che l’affare non lo abbia fatto lui…

    • ah bhe se l’ha fiutato corvino allora è un bomber… corvino, colui che ha lanciato Messi, CR7 e come non menzionare Maradona.. ma per favore

    • addirittura si narra che Corvino si presentò inizio anni 90 a trigoria.. vide un giovane, gli mise una mano sulla testa e gli disse: ” tu sarai un fenomeno”..
      bhe quel giovane.. era Francesco Totti..ahahahahah
      ma dai perfavore Cor-vino mi sa che ci andate giù pesante

  2. In prestito secco farebbe la fine di Calafiori al Genoa.
    Se credi nel giocatore la formula ideale è quella del cessione con diritto di recompra.
    Se va bene ed il giocatore esplode in Salento sarai felice di pagare un premio formazione, de va male c’hai guadagnato qualche milione

  3. Ricordiamoci di ROMA-Lecce 2-3 ! A questa squadra di m. nessun affare. Vadano a raccogliere tabacco ed usino i primavera.

    • A proposito di quella maledetta volta, mi è capitato di sentire un racconto di Pasculli su quella partita, i giocatori del Lecce erano anche dispiaciuti con l’Olimpico pieno deluso da quel risultato, nel 2° tempo sull’1-3 il match poteva essere anche ribaltato, il Lecce si è scansato ma la Roma a parte segnare il 2-3 non ha fatto niente per quantomeno pareggiare, questo a detta dell’ex-attaccante argentino del Lecce, i leccesi evitavano anche i contrasti decisi, si sono guardati nello spogliatoio a fine 1° tempo increduli del risultato, avevano fatto quei 3 gol dopo l’1-0 di Graziani al 7° minuto e lo svantaggio il Lecce lo aveva tranquillamente digerito come una cosa normale e senza problemi anche perché era matematicamente retrocesso e non voleva rovinarci la festa come invece è accaduto.
      La partita l’ha persa la Roma e la causa di quel 2-3 è ancora sconosciuta, a sentire gli ex-calciatori della Roma, alcuni hanno detto che erano arrivati alla frutta alla penultima gara di campionato, la stanchezza pure per rimontare gli 8 punti alla rubbe ma io a questo non ci credo più di tanto, c’è invece sempre stato il sospetto che qualcuno si sia venduto il match, forse alcuni calciatori, di nascosto, senza far saper nulla a nessuno, al resto della squadra ed all’allenatore, allontanando sospetti e la cosa resta a tutt’oggi insabbiata.
      Penso sia andata così, certo è che il Lecce pur volendo in tutti i modi non vincere contro di noi, non poteva dare nell’occhio all’inverosimile segnandosi da solo o sbagliare in modo clamorosissimo quei 3 gol con quelle ripartenze incredibilmente concesse a loro mentre eravamo in vantaggio ad inizio gara.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome