Bruno Conti festeggia le nozze d’oro con la Roma: pronta la festa all’Olimpico

25
563

NOTIZIE AS ROMA – L’Olimpico si prepara a omaggiare Bruno Conti per un anniversario speciale: le sue nozze d’oro con la Roma.

Un legame indissolubile tra il campione del mondo e la società si riannoda in un calcio che non esiste più, riportandoci ai primi Anni Settanta: “Marazicodebuttò in maglia giallorossa il 9 settembre 1973 nel campionato Primavera contro la Ternana. Aveva appena 18 anni quest’ala guizzante capace di ogni gioco di prestigio con il piede sinistro.

Dal settore giovanile alla Roma dei grandi, con la quale esordisce nel 1974. Sedici le primavere passate insieme, con 402 presenze, uno Scudetto, 5 Coppe Italia oltre a due campionati e una Coppa Italia con la Primavera. Senza contare il titolo mondiale conquistato nel 1982 in Spagna con la Nazionale azzurra.

Durante l’intervallo di Roma-Monza, la società e i tifosi (previsto l’ennesimo tutto esaurito allo stadio) premieranno Bruno Conti per i 50 anni al servizio del club. Un sodalizio eterno, proseguito anche al termine della carriera da giocatore, con Conti che ha sposato per tutta la vita la causa giallorossa. Nel 2012 è stato inserito nella prima edizione della Hall of Fame della Roma, celebrato come uno dei simboli del club capitolino, dove attualmente si occupa del coordinamento tecnico delle squadre giovanili fino all’Under 14.

Non è la prima volta che Conti si presenta all’Olimpico in questa stagione: già contro la Salernitana – e poi in trasferta con il Verona – “Marazico” è stato accolto da una serie di applausi e cori, a simboleggiare l’amore eterno tra Bruno e i tifosi giallorossi.

Fonti: Corriere dello Sport / Il Tempo

Articolo precedenteRoma all’attacco: Belotti e Lukaku per battere il Monza, ma Azmoun chiede spazio
Articolo successivoBove, ecco il meritato rinnovo. E ora spera in una maglia da titolare

25 Commenti

  1. L’ho sempre stimato sotto ogni punto di vista, come giocatore e come uomo. Fossero tutti come lui sarebbe un mondo migliore.

  2. Tra le mie reliquie calcistiche più care vi è una foto della squadra nel ritiro estivo della stagione 77/78 con dedica autografata di Bruno.
    Non fu richiesta da me, nella vita non ho mai chiesto autografi a nessuno. Fu lo stesso Bruno a donarmela al termine di un allenamento al Tre Fontane, nel quale avevo passato tutto il tempo ad incitare questa aletta che accendeva i miei sogni di bambino che entrava nell’adolescenza.
    Lui, Francesco Rocca e Agostino, i miei idoli romani e romanisti.
    Si avvicinò alla rete al termine dell’allenamento guidato da Giagnoni, mi chiese come mi chiamassi e mi disse di aspettare, nell’imbarazzata curiosità mia e di mio padre.
    Tornò con questa foto pochi minuti dopo e io mi sentii il ragazzino più felice al mondo.
    Daniele, suo figlio, nacque all’ospedale Nuovo Regina Margherita di Trastevere, nel quale lavorava mia madre da ostetrica.
    Bruno e la moglie scelsero una struttura pubblica e lui era lì ovviamente, con naturalezza tra la gente comune.
    Mia madre le ricordò quell’episodio e di come tornai a casa volando un metro sopra il cielo.
    Lui se ne ricordava, le disse di salutarmi, e fece una foto anche con mia madre, rigida e imbarazzatissima, che quando la vedo ancora rido.
    Racconto questo per far comprendere ai più giovani quanto sia speciale Bruno Conti, un campione rimasto sempre umile che non ha mai rifuggito il contatto dalla sua gente, e l’abisso che lo separa da quelli di oggi.
    Bruno ha sposato la Roma mettendosi al suo servizio, offrendo le sue competenze ovunque fossero richieste, mai incupito nemmeno nei momenti in cui il suo ruolo è stato ridimensionato senza un apparente motivo.
    Sempre con lo stesso entusiasmo da quel giorno nel lontano 1973.
    Sono felice e orgoglioso di averlo seguito per tutto questo lunghissimo percorso.

    • Sono ricordi belli, Bruno Conti oltre ad essere un GRANDE Campione, e’un GRANDE uomo e signore .

  3. Bruno Conti ha dedicato una vita alla Roma. E’ stato un diamante in campo ,è stato ed è altrettanto prezioso fuori campo.
    Nella storia della Roma non c’è nessuno che ha fatto quello che ha fatto Lui.

    • Idem
      Bellissimi ricordi. Lui, Ago, Falcao e Cerezo… amore eterno. Grazie per tutto e auguri Marazico
      💛❤️💛❤️

  4. Io non so che criteri seguite, se è un blocco automatico o se c’è qualcuno che decide, ma davvero mi avete censurato persino un elogio a Bruno Conti? Capisco tutto, ma così diventa ridicolo

  5. A quello che avete detto voi fin qui non c è bisogno di aggiungere altro… Chapeau per CHI ha contribuito alla storia della a.s. Roma…🦾

  6. Una mattina io e 3 amici facciamo sega e andiamo a Trigoria per vedere da vicino i nostri idoli aspettandoli all’entrata fuori il cancello.
    Ricordo Cervone fare la curva prima del cancello ad una velocità diciamo così “sostenuta”.
    Non si ferma nessuno allora decidiamo di aspettare la fine degli allenamenti.
    Finalmente esce qualcuno , è Bruno Conti Mercedes 500 sec marrone con un passeggero .
    Eravamo rimasti solo noi, lui si ferma e ci dici: ma che state a fa? che state a piedi? dai montate ci porto alla fermata dell’autobus.
    Io avevi 16 anni ed ero rimasto imbambolato,i miei 3 amici salgono e io rimango fuori come un c……e.
    Bruno mi vede attaccato al finestrino e mi dice : e tu che stai a fa ? daje monta.
    Si si era rifermato ,sceso dall’auto e mi ha fatto salire, in 4 dietro.
    Una buona persona, semplice e genuina .
    Vi risparmio quello che ci siamo detti in macchina altrimenti faccio un poema e mi sembra troppo.
    Ecco quello che ti aiuta a spiegare cosa vuol dire rifare e amare la Roma che ti accompagna come un familiare o un caro amica in questa vita.
    Scusatemi se mi sono dilungato ma è partito il ricordo e un po’ la lacrimuccia.
    P.S. Forza Roma

    • Mitico!!!!
      Grazie per aver condiviso questo racconto.
      Essere Romanisti è oltre L’Amore per la nostra Squadra ,anche una filosofia di vita….mai e poi mai per quanto delle volte m’incavoli e la delusione mi assale…cambierei per qualche scudetto in più……..

    • Max ricordo tutto di quella storia. Ricordo che davanti c’era la macchina di Desideri e Bruno scherzava sulla targa. TV. Aveva sul cruscotto con se una foto della curva Sud. Questo è Bruno Conti.

  7. Sono anni che mi ripeto.. Ma nessuno nella storia della Roma è come Bruno Conti.. O forse senza esagerare potrei dire.. Chi nella storia del calcio è come Bruno Conti?

    50 anni con la stessa società.. Pur di restare nella Roma ha fatto tutto quello che gli è stato chiesto.. Ha cercato talenti per la Roma.. Ha fatto l’allenatore per la Roma.. Anche quando lui stesso sapeva che non era tagliato..

    E no.. Non stiamo parlando di un “Pessotto” qualsiasi.. Ma di uno che tecnicamente non aveva nulla da invidiare hai più grandi calciatori mai esistiti.. Tecnica, Dribbling, Fantasia, Assist.. Marazico..

    Amo tanti calciatori.. Tanti capitani e tante bandiere.. E noi di bandiere ne abbiamo avute tante.. Ma nessun altro si avvicina neanche lontanamente a lui.. Che per la Roma ha dato e fatto tutto..

    Grazie Bruno..

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome