Buona fortuna Tiago. E ora si attende l’annuncio del nuovo ds

84
3198

NOTIZIE AS ROMA Tiago Pinto saluta la Roma nel modo migliore possibile, regalando ai tifosi un ultimo colpetto di mercato con l’arrivo di Tommaso Baldanzi, giovane di belle speranze su cui il club ha deciso di investire per il presente e il futuro tecnico della squadra.

Il general manager portoghese non è voluto nemmeno comparire nel comunicato che ne annunciava l’acquisto, né nelle dichiarazioni di rito, né nelle foto accanto al calciatore. Qualcuno ha ipotizzato che dietro a queste ultime operazioni, l’affare Angelino e il colpo Baldanzi, ci sia la mano del prossimo direttore sportivo, quello che sarà annunciato a brevissimo dai Friedkin.

Senza fare dietrologie, vanno fatti i complimenti a Tiago Pinto per quello che in molti ritengono sia stato il suo miglior mercato da quando è alla Roma: le cessioni a titolo temporaneo di Kumbulla e Belotti, e gli arrivi di Huijsen (in prestito secco), Angelino e Baldanzi sono operazioni convincenti, considerando le difficoltà enormi di operare nella sessione invernale a campionati in corso.

Senza voler tornare sulle scelte più o meno sbagliate operate in questi tre anni da Pinto, va apprezzato il lavoro complessivo svolto dal gm nell’affannosa ricerca di snellire una rosa ipertrofica che pesava come un macigno sulle finanze del club. I primi risultati del suo compito si stanno vedendo ora. A Tiago, ottimo professionista, facciamo un grande in bocca al lupo per la sua carriera futura, ancora all’inizio.

Ora tutte le attenzioni dei tifosi si spostano sull’annuncio, ormai imminente, del prossimo ds. Una scelta non banale, che indirizzerà la direzione sportiva del club dei prossimi anni. Mitchell e Maurice i due candidati forti secondo tutti i giornali, Massara l’outsider “nostrano”, ma i Friedkin hanno abituato ai colpi di scena. Non resta che attendere.

Giallorossi.net – Andrea Fiorini

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedenteSmalling in attesa dopo il test di ieri. Sanches ok per Roma-Cagliari, Angelino titolare al debutto
Articolo successivoCalciomercato Roma, Spinazzola potrebbe restare con De Rossi ancora in panchina

84 Commenti

  1. Con quello che hai ereditato hai fatto un buon lavoro Tiago,grazie di tutto, altro che il suonatore di nacchere andaluso

    • Ma come fate a dire che ha fatto un buon lavoro, non ha portato un giocatore degno di tale nome, il nulla cosmico, e non mi parlate di Lukaku e Dybala che sappiamo tutti com’è andata.

    • Credo che ormai la Redazione abbia ricevuto chiare indicazioni dalla società..
      Altrimenti non si spiega come si possa dare un giudizio positivo su un DG che alla fine della fiera ha buttato nel … diversi miliardi.
      Ditemi un SOLO giocatore che abbia portato Pinto che abbia avuto successo.
      E per favore non mi citate Lukaku e Dybala perché per prendere quelli si sono mossi i Friedkin personalmente.
      I giocatori emersi in questo triennio (Bove, Zalewski) li ha scoperti Mourinho dalla primavera.
      La lista dei fallimenti di Pinto è lunghissima.
      Un giudizio positivo forse sulle cessioni, però ha ceduto Ibanez e Veretout (che non erano fenomeni ma forse più forti di chi li ha sostituiti possiamo dirlo). Ricordo che nello schifo della gestione andalusa Monchi almeno Cristante lo aveva portato..

    • Perdonami, Friedkin go home, ma tu puzzi di Guidone.
      Appena arrivato a Roma, Thiago Pinto si è trovato un monte ingaggi che contata poco più di 60 giocatori, eredità di Pallotta, tra cui alcuni pesi morti come Pau Lopez. Sfoltire quella rosa, e ridurla a 30, è stato un successo.

      Quest’anno ha fatto un grande mercato, la Roma negli ultimi due anni ha preso giocatori come Matic, Dybala, Lukaku, Renato Sanchez e Paredes. Se poi l’allenatore non è stato in grado di valorizzarli, non è colpa sua.

      Ma una cosa vorrei dire. Da quando ci sono i Friedkin, la Roma è vero che non è entrata in champions, ma ha raggiunto una semifinale di EL, ha vinto una Conference League, le hanno rubato una EL. E questi sono successi tanto della presidenza quanto del GM, e quindi, non sono obiettivi esclusivi di Mourinho.

      Ricordo che quando c’era Fonseca, si parlava di preparazione in riferimento ai tanti infortuni muscolari. Oggi, molti “sapientoni” parlano di “storia clinica” perché l’allenatore ha tirato fuori questo tipo di discorso.

      Roma è una piazza particolare. Se stai simpatico ad un conduttore radiofonico, a quei soggetti si può perdonare tutto. Se gli stai sulle @@, anche quando fai il fenomeno sei un brocco. Un esempio? Il capitano della Roma, Lorenzo Pellegrini. Da quando se ne andato Mourinho, Lorenzo Pellegrini gioca da centrocampo in su e guarda caso, in due partite, ha fatto due goal. Con Mourinho, faceva il mediano con Matic e Cristante, e gli si chiedeva di segnare come al primo anno. Oggi, invece, qualche conduttore radiofonico, lo fa passare per quello che non è: un giocatore che ha giocato contro l’allenatore.

      In tutti gli sport, anche quelli individuali, si vince in gruppo e si perde in gruppo.

      A Roma, invece, vincono solo Dybala e Mourinho, e perdono Friedkin, Pellegrini e Thiago Pinto.

      Questo atteggiamento, crea fazioni e alibi. I microfoni vincono, e la Roma perde.

      Fatevi una domanda, ogni tanto….

    • @Asterix
      ancora non ti sei ripreso dalle mazzate delle legioni di Cesare eh ?
      con il riposo e il duro lavoro nei campi, forse, tra altri 2000 anni ti sarai ripreso esupererai il deficit cognitivo che ti stai portando appresso da allora

    • @Asterix Zalewski l’ha fatto esordire Fonseca. Va bene andare dietro al proprio idolo, ma nn raccontiamo frottole, che ne abbiamo sentite gia’ abbastanza negli ultimi 2 anni e mezzo.

    • Pinto ha lasciato una Roma al 9° posto in classifica.
      Basterebbe solo questo dato inoppugnabile per bollare tutto il suo triennio di permanenza alla Roma. Potrei aggiungere le mille altre castronerie che ha combinato ma mi astengo,mi basta la soddisfazione di averlo fatto silurare.

    • Quindi “….Pinto ha lasciato una Roma al 9° posto in classifica….” ma la Coppa l’ha vinta Mourinho, giusto?

    • Ahahahaha a Zenone mo te stai a allargà un po troppo, prenderti il merito di aver fatto silurare Pinto è quantomeno demenziale. Pinto quando comunicò che sarebbe andato via la Roma era sesta ad un punto dal quinto posto e se ne va con un trofeo e mezzo, l’acquisto di Dybala, Matic, Paredes ed il Prestito di Lukaku ed Azmoun. A te ti rimangono solo le castronerie inoppugnabili.

    • a mio avviso è stato chiamato a “creare” una struttura dei Giovani come era al benfica. ha migliorato quello che era già un nostro fiore all’occhiello. i risultati suoi li vedremo anche nei prossimi anni quando spunteranno più giocatori di prima fascia pronti per la squadra A

    • nono posto? il compare la classifica la guardo al contrario se posa il boccione s’accorge se n’è andato che la Roma è al quinto posto

    • Caro Zenone ai simpatizzanti di MAGO PINTO basterebbe solo rammentare che se il suo lavoro fosse stato ritenuto soddisfacente dai Friedkin sarebbe rimasto invece di essere stato molto elegantemente dimissionato. Nessuno, dicesi nessuno dei giocatori presi da lui si è minimamente valorizzato e le cessioni di Reynolds e Vina, costo a bilancio e cifre cessione hanno comunque generato minusvalenza seppur contenuta attesi gli ammortamenti o qualcuno può dire il contrario?

    • grazie Pinto di averci portato un trofeo europeo che mancava da troppi anni, una finale europea, di aver riportato a Roma un Mister di alto livello, Mourinho e qualche campione che, anche loro mancavano da un pochino di anni.

    • Per me non ha operato alla grande, il primo anno ha fatto operazioni discutibili. Tuttavia nun ha fatto i danni dei suoi predecessori e secondo me, a differenza dei predecessori, è onesto. Io lo saluto e lo ringrazio perché anche lui, oltre Mourinho, ha avuto un ruolo importante nelle ultime due stagioni vissute. Fatte de sold out e notti europee. È bene ricordarlo a tutti gli odiatori seriali.

    • Io penso che il primo anno poteva fa molto meglio, ha fatto operazioni discutibili quando aveva i soldi.
      Tuttavia ha fatto meglio dei suoi predecessori e a differenza loro è una persona onesta e per bene.
      Io lo ringrazio perché insieme a Mou ci ha regalato due anni de notti europee e sold out. Se non ci avessero ammazzato gli arbitri la storia sarebbe stata diversa. Questo è bene ricordarlo a tutti gli odiatori seriali.

      Daje ASR

    • Consiglio .. 215 tifosi romanisti entusiasti di Pinto??? Mai visti allo stadio o parlando con qualcuno per strada..
      Con questi plebisciti di stile argentino qualche pubblicitario comincia a fiuta qualcosa che non gira con gli account del sito..fate voi

    • Asterix, povero ascoltatore di Guidone…. perché non parliamo di Calafiori? Bocciato da Mourinho, e ora in odore di nazionale. Thiago Pinto se ne è andato, per una sua scelta, Mourinho lo hanno cacciato. Capisci la differenza? E si è subito proposto al Napoli…

      Partiamo da una intervista di Thiago Pinto: è stato lui a portare Mourinho, è stato lui a portare Dybala, è stato lui a portare Lukaku. Anche perché un rosicone come Mou non ha smentito le sue parole.

      Se tifate Mourinho, aspettate che si trovi una squadra e lasciate questo forum ai TifosiGiallorossi

    • Gran signore Thiago,
      sopratutto grande professionista che ha gestito la parte sportiva a mio avviso in modo eccellente , sempre con discrezione senza mai dire un io, al quanto ammirabile il lavoro di smaltimento della rosa che ha fatto in questi tre anni per raggiunge gli obbiettivi a livello di gestione che si erano prefissati con la societá, semplicemente
      dedito alla causa al 100%
      Gli auguro che abbia un seguito di carriera
      brillante e chissà che un giorno non lo
      rivedremo alla Magica con un bagaglio d’esperienza ancora piú ricco.
      Buona fortuna

    • io invece sono curioso di leggere i commenti dei vari capiscioni quando verrà il nuovo DS, una volta è un fenomeno un altra non capisce niente, come se non si sapesse di chi sarebbe la responsabiltà. in 3 anni ha fatto mercato coi pagherò.

  2. Secondo me ha fatto un Buonissimo lavoro con le poche risorse che ha avuto a disposizione.
    in bocca al Lupo grande Tiago.

    • Ottimo lavoro quando si è trattato di vendere o prendere a 0. Decisamente rivedibile quando ha avuto soldi da spendere

    • @salmacis, d’accordo con te al 100%, quando ha avuto da spendere doveva fare meglio.
      dei prestiti Renatone lo sbaglio più grande, non avessimo avuto bove a centrocampo sarebbe stato un disastro

    • Non ho idea di se e come sia sostenibile l’acquisto di Baldanzi per rispettare gli accordi UEFA e se questo porterà a dover vendere mezza squadra a giugno per far quadrare i conti, quello che però vedo è un’inversione di tendenza per la quale si è andati ad investire su un giovane forte con margini di miglioramento. In questi tre anni di Pinto+Mou la tipologia di mercato è stata molto diversa e ci ha portato alcuni top (Dybala, Lukaku, Matic), altri nomi di rilievo internazionale che in un modo o in un altro sono stati un flop (per es., Wijnaldum, Sanches), ma comunque giocatori di esperienza presi nelle formule contrattuali che potevamo permetterci.
      Arrivo al punto: la rosa attuale non è un asset che possa garantire un futuro, in quanto tolti quelli in prestito e quelli in scadenza di contratto, gli altri sono poco vendibili per scarso rendimento, stipendi troppo alti, età avanzata. Tant’è che la scorsa estate, oltre a Ibanez, è stato dato fondo ai ragazzi della primavera per fare cassa. Quest’anno con chi la fanno? Aouar? Abraham fermo da un anno? La Roma di Sabatini era un supermarket in cui andavano e venivano 20 giocatori ad ogni mercato, però aveva sempre dei giocatori forti e giovani che altre big venivano a comprare. Pinto è stato sicuramente abile come DG e gestore di conti in una situazione molto complicata, ma per me molto meno come DS in termini di scelte di acquisti. Chiunque verrà al suo posto, o ha anche doti come DS oppure dovrebbe essere affiancato da qualcuno che sa vedere e scoprire nuovi giocatori altrimenti non cambierà niente neanche stavolta.

    • I tuoi dubbi son giusti Voeller tuttavia, come ho già avuto modo di postare, non penso che per far quadrare i conti toccherà vendere mezza squadra per gli acquisti di Baldanzi e di Angelino ma molto più semplicemente e in estrema sintesi, rispettare comunque i paletti del S.A. incidendo pesantemente sul monte ingaggi rinunciando non solo a Mou e al sup pesante ingaggio ma anche a quelli altrettanto onerosi di Lukaku e Dybala oltre a quelli di Sanches e Belotti (oltre 3 milioni netti a testa) e a quelli di Rui e Spinazzola in scadenza; solo con questi si risparmiano una settantina di milioni al lordo. Di converso e aggiungendo qualche altra cessione tipo Karsdorp, Celik, Shomu, Aouar,Solbakken (purtroppo ci si realizzerebbe poco ma si risparmierebbero gli ingaggi, forse ZAlewski e Kumbulla per poi prendere quegli elementi essenziali per completare l’organico e cioè un portiere, due laterali,un centrocampista di contenimento e almeno un esterno veloce e che sappia saltare l’uomo naturalmente sperando nel pieno recupero di Abraham riscattando Azmoun.

  3. Quando ho saputo che se ne sarebbe andato ho pensato che i Friedkin avevano pagato per la formazione triennale di un ds, poi mi sono ricordato che ancora 6 mesi fa ha preso Renato Sanches e ho pensato che tre anni non sono bastati per imparare. Comunque grazie per Viña, grazie per Shomurodov, per Renato Sanches, per Celik, per il rinnovo a Karsdorp, per il contratto faraonico a Pellegrini, grazie di tutto e spero di incontrarlo da avversario (magari al Backa Topola) perchè ci sono ottime probabilità che avrà costruito una squadra coi piedi (fucilati).Fantastic!

    • criticarlo per sanches vuol dire esssere in malafede o non capire di calcio.
      Tutti sapepavo quanto grande fosse la scommessa Sanches: probabilmente un ex giocatore, forse un ritrovato campione.
      Lo prendi in prestito, ti giochi la scommessa.
      Ci sta che perdi, punto.
      D’altra parte non è che a 25 anni sarebbe rimasto senza squadra, altrimenti….

    • Carletto di buona fede e che capisce di calcio, nel tuo mondo un ds minimamente capace fa una scommessa su un ruolo per cui non ha un sostituto?Se non puoi fare a meno di un’auto per andare a lavoro prendi un macchinone incidentato che non sai se va o prendi una golf nuova con gli stessi soldi?

    • Grazie anche per aver scoperto le potenzialità da calcio nipponico di Solbakken, per aver definito Anguissa e Koopmeiners: “giocatori che non mi piacciono”, per aver portato in gita spesata un giocatore dal cognome importante come Maitland-Niles e per l’umiltà sempre dimostrata nel valutare il proprio operato a fine campagna, grazie soprattutto che te ne sei andato. Se la proprietà non riesce a liberarsi dall’ossessione dell’algoritmo almeno che cambi il programmatore, thank you.

    • @Carletto75 la scommessa ci sta se sei coperto, a centrocampo serviva un titolare, non una scommessa

    • Scommessa ???? tanto mica li paga lui i circa 7 milioni comunque costato Sanches tra ingaggio al lordo e forte commissione. Mica li rimette lui le minusvalenze di Reynolds e Vina o i 18 milioni di Shomu. Se ne fosse valorizzato uno dei suoi eccezionali acquistoni.
      GRazie ai Friedkin che hanno deciso di rinunciare a questo enfant prodige, chissà come mai!

  4. GRAZIE di tutto Tiago Pinto!! Hai lavorato tra mille difficoltà e paletti Uefa, di più non potevi fare, forse evitare qualche vecchia ciabatta tipo Sanchez, Vina, Shomurodov.
    Buona fortuna amico della Roma per sempre!

    • Gli errori più grandi rimangono solo Vina (che poi alla fine è stato venduto) e Shomurodov

  5. Grazie dell’impegno e della professionalità,
    in bocca al Lupo,
    te lo meriti.

    Ps: se poi dove vai ti porti anche Shomurodov 10 e lode 🙂

  6. Persona per bene e grande professionista, che come tutte le persone ha fatto cose buone e meno buone. Auguro il meglio per il futuro a Tiago Pinto.

  7. Persona apposto, mai fuori luogo, discreta e, anche se molti di noi non lo pensano, un buon DG, che ha risolto non pochi problemi senza mai dare nell’occhio. Dispiace per le critiche ricevute anche per colpe non sue. De Rossi voleva che restasse….. significherà qualcosa?
    Grazie Thiago.

    • Forse De Rossi ma non certo i Friedkin. Si pensa forse che se i Friedkin avessero voluto il fenomeno non rimaneva????’

  8. Un signore che ha avuto la sfortuna di lavorare con Mou che gli ha tolto il merito di alcuni acquisti, altri bocciandoli preventivamente, e comunque scaricando su di lui tutti quelli che venivano considerati inadeguati (non considerando mai che forse erano vittime del gioco difensivista). Un signore che ha fatto mercato senza soldi, vendendo a cifre importanti giovani appena affacciati in serie A.
    Una brava persona. Grazie Pinto

  9. se non avessimo incontrato taylor, quanti giudizi su questi tre anni sarebbero cambiati da negativi a positivi e da positivi a ottimi?

    allenatore, diesse, proprietà… la differenza l’ha fatta il caso nelle vesti del pelato maledetto

    non so, veramente, giudicare il lavoro di Pinto.
    nessun “colpo d’ala” di uno sconosciuto che si scopre fortissimo, tante cessioni, ma potevano fruttare di più, di meno? come facciamo a dirlo?
    quanto i Dybala i lukaku sono dipesi da lui?

    alla fine però, quello che è certo è che non ha fatto i danni di monchi.

  10. Pinto bravo a vendere, non si può discutere, ma certe scelte sugli acquisti non le capiremo mai: ha speso 40 milioni per una riserva del Chelsea, 27 milioni (non mi ricordo esattamente quanti) per una riserva della Sampdoria, preso una riserva del Lille per 7,5 milioni……siamo già a più di 70 milioni or sono sperperati per riserve di squadre tutto tranne irresistibili. Ma con 70 milioni sai quanti “Baldanzi” (e ce ne sono in giro tra Italia e Europa) prendevi?
    No caro Pinto, grazie per l’impegno ma abbiamo bisogno di ben altro.

    • Quella riserva del Chelsea al suo primo anno romano aveva fatto 27 gol. Schick è stato comprato dal cassiere di Siviglia e non da Pinto per 42,5 milioni. I 7 milioni di Celik per quanto fossero una cifra ridicola è un terzino da difesa a 4 che adattandosi in una difesa a 3 ha reso meno di quanto si aspettava (eh te credo..) ma è recuperabile e vendibile ora a maggior ragione giocando con una difesa a 4. I veri errori gravi di Pinto sono soltanto gli acquisti di Vina (che poi alla fine è stato venduto) e Shomurodov. Tanti acquisti erano in prestito come Maitland-Niles, Oliveira, Sanches, Wijnaldum, Kristensen e Lukaku. I migliori li hai presi a zero come Dybala, Matic e Ndicka (che pur iniziando male si sta pian piano riprendendo) e hai preso altri giocatori a zero che seppur abbiano fatto malino sono riprendibili e vendibili come Aouar e Solbakken.

    • Una bella cura di memoserina. Rui Patricio l’ha VOLUTO l’emeperator de setubal. Fatevene una ragione e smettetela di sputare per aria

    • Caro Lupo Romolo nessun giocatore è mai a zero, neanche se viene in prestito. Solo N.Dicka 4,2 milioni netti a stagione e 3, 5 di commissione. Anche per Solbakken oltre all’ingaggio 1,6 milioni di commissione.

  11. A questo punto sembra evidente che le scelte di mercato degli anni precedenti siano state fortemente influenzate da chi siedeva in panchina

  12. 👏 Un plauso a me stesso che ti ho fatto licenziare (per il bene della Roma,perchè a me personalmente la cosa non mi tange).

  13. ha snellito la rosa dei vecchi acquisti di monchi.
    ha comprato male : vina shorodomov celik sanchez e io ci metto pure paredes.
    Ha venduto male, secondo me solo zaniolo.
    Non apprezzo aver rinforzato la fiorentina.
    Professionale fino alla fine non un cafone come petrachi.
    voto 6 striminzito, abbiamo visto di peggio ma anche di meglio.
    Che abbia avuto un comportamento professionale mi sembra il minimo visto quello che guadagnano, quanti lo fanno a cifre molto più basse.

    • Per me era un cafone pure il barbone di Siviglia (che tra l’altro ha provato a fregarci un giocatore proprio ora alla fine del mercato…)

    • Sull’educazione, signorilità e buonafede di Pinto non posso che concordare, ferma restando un’inopportuna e fastidiosa presunzione ma è come DS che per me non ha convinto affatto, ha salvato la faccia realizzando buone plusvalenze solo con giocatori presi da altri (Zaniolo,Ibanez, Kluivert o del vivaio fatti esordire da Mou e questo è incontestabile.

  14. Ho ancora qualche riserva sulle condizioni fisiche di Baldanzi e mi spiace che Huijsen sia senza diritto di riscatto, ma ammetto che sembra essere uno dei suoi mercati più ragionati.
    Come hanno già detto alcuni comunicatori del mondo Roma, bravo Pinto. Essendo dimissionario avrebbe anche potuto fare un lavoro a metà ma pare essersi impegnato fino alla fine, e di questo lo ringrazio. La professionalità è sempre ben accetta e sapendo come va il mondo cerco di non darla mai per scontata.

  15. Pinto è sempre stato un negoziatore e per me i calciatori che non hanno funzionato sono gran parte demeriti dello Scouting Team a cui lui si è fidato troppo, e che va cambiato in toto, altrimenti può cambiare pure chi opera il mercato ma se rimangono le stesse figure che hanno lavorato male ed il nuovo DS o DT fa affidamento su queste figure, i problemi rimangono. La direzione di questo calciomercato è stata eseguita da Pinto ma chiaramente qui c’è la mente ed un modus operandi diverso. Avrei detto Krug, Congerton (anche un Ward ma lui è troppo quotato), forse anche un Vivell o un Krosche. In Italia vedo che forse si continuerà con lo stesso giro (Baldanzi di Riso, Pocetta che fa da mediatore ed ha aiutato per piazzare qualcuno come Darboe last minute alla Samp) ma la grande novità potrà essere sul mercato internazionale. La cosa ora importante è di vedere chi sarà il nuovo responsabile di mercato perché da lì si capisce in modo definitivo la tipologia di progetto calcistico almeno per il prossimo triennio in modo chiaro, perché non basta dire che è incentrato su giovani di grandi potenzialità, ognuno dei vari dirigenti che ho appena menzionato, come altri mai nominati, ognuno ha una propria idea di calcio e di progettualità molto diverse l’uno dall’altro. Io penso che il migliore in assoluto sia tipo un Zorc, lui potrebbe rivoluzionare tutto e scovare tantissimi talenti da ogni angolo del mondo, costruire un nuovo concetto e modello in Italia di vivaio che produrebbe calciatori più pronti per fare la differenza in prima squadra anche se hanno solo 16-17 anni e nello svilupparne il potenziale al massimo.

    • Mi sembra che si parli a vanvera senza conoscere che situazione ci fosse con Mou e Pinto nei posti di comando. Sei proprio sicuro che la colpa debba ricadere su certi soggetti e non su chi doveva prendere le decisioni finali?

    • Mou ha anche le sue colpe ovviamente ma chi doveva lavorare come era stato anche comunicato inizialmente quando fu formato lo scouting team, un team che avrebbe dovuto lavorare sia a stretto contatto di Mou, dovendo comprendere la tipologia di calciatori che Mou richiedeva eppoi anche questo team lavorare a stretto contatto con Pinto. Mou avrà pure avvallato alcuni acquisti alla fin fine ma lui mica si può mettere a guardare tutte le partite ed a scrivere rapporti, il suo ruolo non è da dirigente o responsabile scouting, prenderà delle decisioni in base anche al materiale prodotto dallo scouting team che li mandano riassunti e raccomandano i profili più idonei e da lì Mou decide chi li piace di più e viene fatta una scaletta in ordine che poi il dirigente che negozia va a trattare. Questo lavoro chi lo dovrebbe fare allora? Pinto che non ha mai fatto scouting o uno scouting team pagato apposta per tali incombenze?

    • Per spiegarlo meglio, perché è quello che mi auspico entro la fine di quest’anno lo dovrò fare io per due club tedeschi con cui ho già parlato da diverso tempo, quando un dei due club vorrà, l’allenatore stillerà un identikit con ruolo e caratteristiche ed un riassunto della tipologia precisa del calciatore che ricerca con anche dei parametri economici stabiliti. Io in base a questi parametri dovrò produrre una lista di giocatori pertinenti alla mia area geografica di osservazione di competenza che potrà essere che devo presentare da 10 calciatori ma che siano tutti altamente pertinenti alle richieste specifiche dell’allenatore fino anche a 50 calciatori la cui pertinenza è un dato secondario ma che comunque rispecchiano determinate caratteristiche (di cui in questo caso vogliono dei profili futuribili che costano poco). Nel caso dei 10 calciatori, tutti e 10 che vado a proporre devono essere ritenuti altamente idonei, ed i rapporti fatti coadiuvati di analisi dettagliate anche con grafici e dati (comparazione dei dati e di quanto si avvicinano alla pertinenza richiesta in percentuale), qui per l’allenatore ed il dirigente di turno che tratta, diventa infine una questione di gusti personali o di condizioni economiche chi scelgono infine e con quale ordine di preferenza. Il buon osservatore deve quindi in ogni caso indicare solo calciatori idonei e questa fase che è cruciale nell’identificare i calciatori idonei in questi primi step, è totalmente responsabilità dell’osservatore. Se viene preso un calciatore da questi 10 profili proposti, anche il decimo e non dovesse rendere, è giusto che io venga licenziato in primis perché non è svolto un buon lavoro.

    • Io ci devo lavorare con analisi dati, algoritmi e sistemi di database pure, cose che ancora oggi pochi fanno mentre oramai queste sono cose standard nelle altre importanti realtà calcistiche. Ho creato un mio database pertinente alle aree geografiche su cui mi sto specializzando e che ho fatto vedere infine a questo Responsabile Scouting in Germania, ma solo dopo aver dovuto effettuare una specie di esame (cosa inaspettata ma di cui non mi sono tirato indietro), e non era affatto facile visto che era un test di 4 ore con due PC ed un tablet, un desktop per analizzare una partita con match analysis, i dati dettagliati con vari dati da leggere in contemporanea sul tablet, e la partita di riferimento era di una partita tra Nazionali U17. Poi da lì ho dovuto sul laptop compilare un form di base eppoi scrivere un report dettagliato il tutto da fare entro 4 ore. Dopo questo mi hanno interrogato e fatto una ventina di domande dove se ne sbagliavo due di risposte, mi avrebbero bocciato e dopo che ho superato questo loro test, da li ho potuto presentare un esempio di alcuni formati di miei report in 5 formati diversi ed un anteprima del mio database. Il Responsabile Scouting è stato contento e li ho fatto capire che però devo fare un ultimo step che sarà di andare tra Marzo-Aprile ad osservare dal vivo una lista di ora oltre 300 calciatori tra i 14-18 anni (Giappone, Corea del Sud, Australia) del mio attuale database (che dal mio ultimo aggiornamento ha ora oltre 3400 calciatori da queste tre aree), oltre a prendere diretto contatto con diversi club in quei tre paesi che giocano tra prima, seconda divisione ed altre realtà calcistiche giovanili importanti in quei paesi. Ringrazio molto questo Responsabile Scouting che mi ha fornito diverse lettere di introduzione del suo club che mi permetteranno di essere ospitato da vari club e qualche collaboratore estero (risparmio parecchi soldi visto che andare in quei paesi per quasi oltre 1 mese e mezzo costa non poco). Guardate non è nulla di eccezionale quello che faccio, lavorano tutti laggiù così e se non sai lavorare a questi standard, non puoi ambire al giorno d’oggi di lavorare con queste realtà calcistiche che lavorano e credono nello scouting vero. Pensavo che sarei dovuto incominciare da una seconda o terza divisione in Germania ma il Responsabile Scouting quando mi ha esaminato ha detto infine che ho abbastanza un buon “Eagle Eye”, soprattutto a denotare le lacune dei giocatori in campo e su alcune metodologie di formazione utili a correggerli quando mi ha chiesto cosa avrei fatto per ovviare a quelle debolezze, quindi potrò collaborare con un club di Bundesliga ed il suo club satellite, ma dovrei migliorare di più sotto alcuni aspetti del data analysis che non utilizzo male ma su cui posso migliorare di più.

    • Zorc😍ecco il nome del DS da gridare forte dagli spalti dell’Olimpico 😂😂😂
      Zorc Zorc Zorc😂😂😂

  16. Nel complesso ha fatto un lavoro sufficiente con alcuni alti tipo la cessione di quella m***a di Ibanez a 30 mln e alcuni bassi come gli acquisti di Shomurodov e Vina, ma sicuramente va considerato il migliore DS che ha avuto la Roma da quando sono andati via i Sensi, molto meglio del laziale, del suonatore di nacchere e del coatto di Lecce

  17. Finalmente! adesso un manager serio che sappia scoprire talenti e non segua tarzan al cimitero degli elefanti o giri per rsa e cto.
    finalmente si guarda avanti

  18. alla fine non era così male, forse molti hanno dimenticato i danni di monchi.
    E’ riuscito a liberarci di pipponi che nessuno voleva e a portare gente come Dybala e Lukaku, il tutto in una piazza schizofrenica come quella romana dove oggi sei dio e domani sei uno str0nz0
    Vedremo chi arriverà se saprà fare meglio di lui

  19. Lui dal momento che ha rassegnato le dimissioni non ha più voce in capitolo in nessun aspetto societario, tantomeno nel mercato, e nello specifico in quest’ultimo ha solo eseguito gli ordini e i dettami del nuovo DS, del mister e della proprietà…il problema è che nessuno ha ancora scoperto (e fino all’annuncio nessuno lo scoprirà) chi è il nuovo DS e quindi si finisce per dare i meriti a Pinto!

  20. Renolds, shoumurod,Vina , solbaken, Kristensen,i rinnovi a cifre astronomiche de pellegrini,cristante , Mancini il non acquisto di xhaca e altri che voleva Mourinho Se non sei bono non te prende una Ferrari inizia dalla bicicletta . L unico che aveva indovinato era Leonardo ma invece di prenderlo subito ha aspettato le calende greche .Ciao Pinto stato bello ritornate in Portogallo e vediamo se hanno capito di mettere dentro un DS esperto non un apprendista .

  21. Se fosse stato affiancato da un direttore sportivo valido, avremmo evitato parecchi acquisti sbagliati e forse oggi parleremo di una Roma diversa. Sicuramente oggi Pinto è un dirigente molto più preparato e bravo del neofita che iniziò la sua avventura a Roma 3 anni fa. Mi sarebbe piaciuto che restasse magari con un ruolo meno operativo anche se dopo aver appreso il suo scetticismo sull’under 23 sono rimasto profondamente deluso e pertanto non lo rimpiangerò. Detto questo, gli ho sempre riconosciuto serietà ed impegno. Per questo gli auguro il meglio.

    • Io infatti non li ho mai mosso critiche sul mercato perché conscio che lui è un esecutore e negoziava chi li veniva indicato di prendere e non l’ho infatti mai considerato un DS perché lui non l’ha mai fatto in vita sua, ma avrebbe dovuto portare a tutti i costi Ferreira, il vero asso della manica e Capo Scout del Benfica come voleva fare lui inizialmente o scegliere una figura di riferimento per lo scouting più competente ai livello di Ferreira, questo in sostanza il grande errore di Pinto e se lo Scouting Team non funziona, cambiarlo prima. Però anch’io ho provato molta delusione quando ha detto che non vedeva la necessità della squadra U23, mentre invece vedevo il gallese Congerton dell’Atalanta che dopo 1 sola stagione di ambientamento e lavoro, poi lui va a costituire la seconda U23 in Italia in accordo con Percassi, e tramite l’abilità del gallese, i Bergamaschi investono molto meno di €100M dati a Pinto alla prima stagione, ma però registrano dopo 1 stagione una super plusvalenza con Hojlund che permette ai Bergamaschi di autofinanziarsi la squadra B dopo i Gobbi, mentre dopo 3 anni qui nulla in questo senso. Per me Pinto è stato molto abile nelle negoziazioni di trattative ma avrebbe avuto bisogno di essere supportato meglio e bastava anche un Capo Scout di comprovata bravura di livello internazionale o DT, se si voleva risparmiare anche in questo campo piuttosto che prendere un DS perché non vuoi darli delega di firma. Quindi sono stati fatti errori di cui sia lui, sia Mou, sia di uno Scouting Team non all’altezza ma anche dei Friedkin di cui si spera siano gli ultimi e che da qui in poi le cose vadano solo per il meglio.

  22. la domanda che vi pongo è una, come fate a commentare se il suo è stato o no un buon lavoro?? siete a conoscenza delle direttive che le aveva dato la proprietà?? non credo, l’unica cosa che posso imputargli è Renato Sanches, ma perchè l’ha ammesso lui stesso che era una sua responsabilità, non perchè mi scambiassi messaggi con lui… qua pare che avete tutti er numero de telefono de Dan Friedkin, a conti fatti Pinto non è un DS, credo e dico credo che era qui per risanare in parte i conti della ROMA, e i numeri sono dalla sua parte, vi ricordate il “mercatino” da 7 mln di cui parlava Mourinho?? secondo voi era un imput della proprietà fare in quel modo, oppure Pinto era scarso e non sapeva spendere i soldi…. Buona fortuna, la tragedia di questa proprietà è stato el senor zampognaro Monchi, Thiago Pinto c’ha messo solo na pezza.

  23. Ringrazio Pinto per il lavoro svolto fino all’ultimo dimostrandosi un grande DS sicuramente il migliore che abbiamo avuto fino ad oggi facendo degli ottimi acquisti senza soldi e soprattutto per aver fatto pulizia di gente con ingaggi pesanti e quindi risanando comunque una parte dei debiti creati dai precedenti Ds (vedi i vari Monchi….)Grazie Tiago uno di noi.

  24. ottimi acquisti renolds ottimo,Vina ottimo, shoumurod libidine, solbaken doppia libidine e per finire Er meglio Kristensen libidine con i fiocchi a Sanchez il suo tormento grande DS giusto fino ad oggi e Sabatini era un pivello in confronto a sto genio.Ha fatto pulizia di ingaggi pesanti sostituendoli con altrettanti pesanti 5 a Er magnifico ; cristante ,Mancini,giocatori da Sassuolo massimo fiorentina . Grazie Pinto adios adelante nuovo DS .

  25. Tiago ha fatto cose buone e anche errori…ma è una persona onesta che ha lavorato fino all’ ultimo giorno con abnegazione…a me basta questo per considerarlo un grande…dopo Monchi che si è arricchito con le bustarelle che gli davano i procuratori e quell’altro pinocchio di Petrachi che ha portato la Roma in tribunale e pure vinto…ma che adesso non trova nessuna squadra disposta ad ingaggiarlo.

  26. Ragazzo serio, che ha provato ma non è riuscito benissimo, sicuramente ci voleva un ds ad affiancarlo, sarebbe andato bene anche Morgan de Santis

  27. Ciao Tiago Pinto e Buona Fortuna !!! Grazie per il lavoro svolto con professionalità fino all’ultimo giorno e complessivamente bene nonostante un pò di errori, considerando anche il fatto di essere un GM e non un DS.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome