Calciomercato Roma, ufficiale: D’Alessio lascia i giallorossi e passa al Cittadella (COMUNICATO)

35
803

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Francesco D’Alessio lascia la Roma. Il giocatore della Primavera, classe 2004, aveva annunciato l’addio al club giallorosso in seguito alla sconfitta per 3-0 col Sassuolo nella finale Scudetto e si è trasferito a titolo definitivo al Cittadella.

Questo il comunicato ufficiale del club veneto che milita nella Serie B: “L’A.S. Cittadella comunica l’acquisizione delle prestazioni sportive di FRANCESCO D’ALESSIO.

Centrocampista classe 2004 nato a Roma e cresciuto nel Settore giovanile giallorosso. A Francesco il nostro benvenuto in granata e un grosso in bocca al lupo per il prossimo campionato di Serie B con i nostri colori”.

Il giocatore aveva esordito con la Roma dei grandi sotto la guida di Josè Mourinho, che lo aveva schierato in campo nel corso della partita di Europa League giocata lo scorso ottobre contro il Servette.

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedente“ON AIR!” – GRAZIANI: “Invece di prendere Chiesa i Friedkin comprano l’Everton, sono preoccupato”, CORSI: “Sono i nuovi Pallotta, così non diventeremo mai grandi”, PRUZZO: “Non ho ancora capito qual è il loro progetto”
Articolo successivoCalciomercato Roma, Belotti verso il no al Como: l’affare rischia di saltare

35 Commenti

  1. Cioè non l’hanno preso Real o PSG?
    Il Cittadella?
    eh ma no, noi dovevamo tenerlo.
    Dovevamo tenerli tutti.
    10 fuori quota dai primavera tutti in prima squadta o con un bel contratto pluriennale
    in prestito magari pagando metà ingaggio come ai bei tempi di Pallotta.
    Poi ne esplode uno su 10 (la media è ancora più bassa, uno su 20, ma stiamo larghi)
    e gli altri ti rimangono sul groppone?
    Ma che ce frega, noi non dobbiamo dar via nessuno!!!

    Ps: Inter, Milan, Juve, Bologna, Atalanta non ci sono arrivati davanti grazie ai Primavera,
    e non è che non abbiano un settore giovanile di primordine anche loro.
    Ma per qualche motivo vanno a prendere giocatori pronti o quasi da altre squadre.
    Lo stesso Calafiori il Bologna non l’ha preso 3 anni fa dalla nostra Primavera,
    ma dopo 3 anni di esperienze varie in giro per l’Europa.

    • Anto, scusa ma mi tocca tirarti le orecchie dopo questo post.
      Se permetti c’è una bella differenza tra il tenerli tutti e il tenerne sotto controllo solo alcuni.
      Ogni anno quelli bravi sui quali scommettere sono al massimo 1/4 della rosa, quindi non più di 6-8 ragazzi.
      Tra questi forse 1 o 2 possono essere aggregati alla prima squadra e gli altri dovrebbero andare il prestito in serie B o C per qualche anno (2? 3?) o in una Under 23 se ne avessimo una, prima di stabilirne il destino (cessione o passaggio in prima squadra).
      Questo a mio avviso potrebbe essere un modus operandi virtuoso di una Primavera.

      Peraltro dopo la topica di Calafiori sarebbe consigliabile evitare ironie. Stiamo parlando di un giocatore che già ora ha una valutazione di almeno 30-40 ml, destinata a salire. Se oggi avessimo Calafiori in rosa il nostro pacchetto di centrali sarebbe di valore assoluto. Eppure Calafiori non è spuntato fuori dal nulla. Nel gruppo della Primavera era considerato se non il più bravo, tra i 3 più bravi assieme a Zalewski e Bove e per questo aggregato in prima squadra. Ha pagato (sarebbe meglio dire abbiamo pagato) l’incompetenza del nostro settore sportivo e la scarsa lungimirante di Mou se è vero che il ragazzo non dopo 3 anni, ma dopo 1 solo anno ha inanellato prestazioni di rilievo al Basilea diventando titolare della difesa nel ruolo di centrale.

      Non dobbiamo inventarci nulla basta seguire l’esempio dell’Atalanta che i suoi giovani migliori fino ad 1 anno fa li prestava anche per più anni (es Carnesecchi) prima di portarli in prima squadra o venderli a peso d’oro. Ora con l’Under 23 già immagino che sapranno ulteriormente aumentare le entrate.

      Mi sorprende che tu non sappia riconoscere il fallimento delle nostre politiche sui giovani nemmeno di fronte all’evidenza.

    • @Anto praticamente ripeti quello che dico da mesi, prendendomi pollici verso e ira di tutti qui.. qualche post fa ho scritto.. chi ha vinto il campionato primavera lo scorso anno? e quest anno?
      cioè lo dico io e mi date contro poi come per altri primavera pian piano iniziate ad aprire gli occhi..

    • @PierMou lasciali perdere qui sono alcuni commercialisti, altri scopritori di talenti , altri ancora scopritori di talentuosi commercialisti ahahaha

    • poi però se escono fuori i vari scamacca frattesi Calafiore non dovete dire che abbiamo una società di incompetenti perché non abbiamo trattenuto d Alessio ,vendendolo a due €.
      sarebbe troppo facile così!!
      se lo hanno venduto ci saranno stati dei motivi,il primo potrebbe essere quello che la cessione l ha chiesta proprio il ragazzo!!!
      FORZA ROMA SEMPRE!!!

  2. ma si dai, noi i giovani del vivaio li regaliamo come calafiori e altri .. tanto poi se pijamo aouar e belli capelli ..

    mancano competenze in questa società!!

    • Tu sai che nel 2016 abbiamo vinto lo scudetto primavera sì?

      Ecco, la formazione era questa:
      ROMA (4-3-2-1) Crisanto;
      De Santis, Capradossi, Marchizza, Anocic;
      D’Urso (dal 15’ s.t.s Grossi), Vasco, Machin;
      Ndoj (dal 43’ s.t. Spinozzi), Di Livio (dal 15’ s.t.s Bordin); Ponce.

      Dimmeno uno, UNO, che rimpiangi.
      Eeeeeh, ma quelle dopo. C’era Calafiori.

      Ok, 2020 ad esempio, a parte Boer che è ancora con noi:
      Difensori: William Bianda (’00), Devid Bouah (’01), Alessio Buttaro (’02), Riccardo Calafiori (’02), Valerio Coccia (’01), Stefano Parodi (’01), Wiktor Plesnierowicz (’01), Alessio Santese (’01), Francesco Semeraro (’01), Daniele Trasciani (’00), Filippo Tripi (’02).

      Centrocampisti: Edoardo Bove (’02), Luca Chierico (’01), Ebrima Darboe (’01), Keres Masangu (’00), Gennaro Michael Nigro (’00), Alessio Riccardi (’01), Zakaria Sdaigui (’00), Pier Luigi Simonetti (’01).

      Attaccanti: Mory Bamba (’02), Vicente Besuijen (’01), Felipe Estrella Galeazzi (’01), Ludovico D’Orazio (’00), Ruben Providence (’01), Andrea Silipo (’01), Nicola Zalewski (’02).

      A parte quelli che sono ancora con noi, incluso Darboe,
      degli altri chi è esploso?
      UNO, Calafiori.
      Ma se vuoi vai a leggere i messaggi delle vedove di Providence, di Riccardi, di Tripi, di Semeraro…..

      UNO SU 20.

    • quindi tu avresti preferito un giocatore, passato al Cittadella e non in chissà quale squadra, piuttosto che andare sul mercato?

    • Anto nella rosa Primavera che vinse lo scudetto 2016 c’erano pure Luca Pellegrini, Frattesi, Soleri, Tumminello e Umar Sadiq.
      Nessuno di loro per vari motivi giocó la finale, ma le cose bisogna scriverle correttamente 😉
      Con Luca Pellegrini ci abbiamo fatto 22 ml.
      Frattesi ora vale 40 ml.
      Soleri del Palermo vale ora 3ml.
      Tumminello lo cedemmo a 5 ml.
      Sadiq prima di infortunarsi valeva 20 ml.

      Questo per sottolineare che anche se diventa un giocatore da Roma forse solo uno su 40 ragazzi noi non siamo stati bravi ultimamente a tenerceli e spesso nemmeno a venderli al giusto prezzo.

    • Vegemite,
      il problema è quello, capire chi sarà l’uno su 20,
      e non ci riesce quasi nessuno tra le squadre di vertice.
      Questo perchè un contro è formarsi giocando a Cagliari, magari in B,
      a Monza, a Pescara come Verratti,
      un conto è confrontarsi con le rose di grando squadre.

    • Ricordo che 3 o 4 anni fa moltissimi qua dentro spingevano per promuovere Tripi, sicuri del suo grande futuro. A 22 anni gioca in Slovenia, nell’improbabile NSMura.
      C’aveva ragione Morandi, uno su mille ce la fa.

    • @ Anto,
      je lo puoi scrive e dimostrà in Aramaico, in alfabeto cuneiforme, in lingua vulcaniana, non c’è niente da fa’ e il problema alla fine è: che non hanno mai giocato e quindi non capiscono quello che realmente avviene in un campo di calcio. So’ i teorici del nulla! Calafiori nel loro immaginario sembra diventato Baresi, Aldair, Ruediger ecc. L’ha salvato la deviazione fortunosa di Donnarumma contro l’Albania altrimenti, dopo ch’era annato in bambola su quel lancione, mò erano “volatili per diabetici”.

    • Vegemite, il problema di non identificare i giocatori da privilegiare non è solo della Roma. Tanto per dirne una, Bellanova stava nel settore giovanile del Milan, che non ci ha pensato due volte a sbolognarlo.

    • @@@ Anto

      Fare valutazioni sbagliate di tanto in tanto è fisiologico, noi però abbiamo un tasso di errore altissimo. Non avere in questo momento nella nostra rosa due giocatori come Frattesi e Calafiori che erano manifestamente tra i più talentuosi ragazzi passati per Trigoria negli ultimi anni è sinonimo di incompetenza. C’è poco da argomentare.

      @@@ Corregidor

      Non so se tu hai solcato i campi della serie A, ma non credo che serva esser stati professionisti per discutere di calcio.
      Io dalla mia umile esperienza in 1 categoria dilettanti credo comunque di poter esprimere dei giudizi sensati.
      Se fosse stato per il sottoscritto Frattesi, Scamacca e Calafiori sarebbero ancora dei giocatori della Roma in questo momento, e la mia ammirazione per questi ragazzi l’ho rimarcata spesso su questo sito, non oggi, ma svariati anni fa quando gli stessi venivano snobbati o addirittura perculati da utenti come te.

    • Toglierei Frattesi dai giochi. La formula di cessione per lui e Marchizza è stata una delle poche cose fatte bene (se non l’unica) da Monchi: potevi riprenderlo dopo un anno, dopo due, e infine mantenere il diritto del 30% sulla vendita (ciò che abbiamo scelto di fare).
      Florenzi e Pellegrini te li sei ripresi con questa formula, ovviamente pagando un prezzo per la loro valorizzazione, come è giusto che sia.
      Non capisco perché Frattesi sia stato l’ultimo ad essere ceduto con tali modalità che sono le uniche, in mancanza di una squadra B, a darti l’opportunità di valutare i giocatori in un arco temporale congruo.

    • @@@@ Vege-tale

      infatti de calcio ne puoi discute pure te che è da quando frequento ‘sto posto che non mi fai leggere una cosa sensata o attinente al “calcio di campo” perciò manco credo, anzi c’ho proprio un sesto senso, che tu abbia mai giocato in qualsiasi categoria, perché il “campo” proprio nun c’è mai in quello che scrivi.
      Tra le altre cose, Scamacca se n’è annato LUI e me pare avesse 16 anni allora, Calafiori aveva dato prova di inconsistenza, per la serie A, quando era stato chiamato in partita vera, Frattesi mostrava delle qualità ma non abbastanza per non rientrare in qualche scambio di mercato. Ogni volta che te leggo pare che vieni dal mondo della luna… tutta teoria e niente pratica e nel calcio vero i “discorsi” stanno a zero… e col senno del poi diventano tutti fenomeni, tipo te, che col senno del poi l’azzecchi tutti!

    • … poi leggo, fonte un aruspice, che con Luca Pellegrini c’abbiamo fatto 22 mil. – vero – ma non famo finta de non sapè le cose, che qui dentro lo sapemo tutti come so’ venuti fori ‘sti 22 mil. a meno che uno non arrivi dalla luna!
      Che Sadiq valesse 20 cammelli ho i miei dubbi, ma pare che sparà al rialzo sia lo sport preticato in tutte le notizie de mercato e uno s’adegua e dice: mò ce provo pure io e sparo 20!
      Altri 3 mezze-s-conosciuti… ce fai ‘no squadrone che tremare il mondo fa co’ quelli, direi che ai prezzi che l’hai venduti, gente che la serie A la vedrà col binocolo, hai fatto un capolavoro! Frattesi certo, anzi mò e dico mò-ora-adesso -certo- magari allora non era così -certo-… meno che per gli Aruspici… che nel 2017, quando diciassettenne fu ceduto al Sassuolo per 5 mil. già sapevano che sarebbe diventato quello che è oggi… certo!

    • me correggo:
      Frattesi fu ceduto al Sassuolo in un operazione complessiva che coinvolgeva l’acquisto di Lorenzo Pellegrini, che aveva fatto una grande stagione al Sassuolo con 28 partite 6 goal e 6 assist in serie A, per 14,70 milioni di euro… Frattesi a quel tempo aveva giocato solo in Primavera…
      … o reso l’idea?

    • e aggiungo:
      Frattesi nel 2017-18 passa dalla Roma al Sassuolo;
      nel 2018-19 il Sassuolo lo presta all’Ascoli poi torna e va in prestito all’Empoli, poi torna e va in prestito 2020-21 al Monza, poi nel 2023-24 viene prestato all’Inter che poi lo acquista… so’ passati 6 o 7 anni da quando la Roma è stato ceduto, e a Roma non c’è mai stato tempo d’aspetta un giocatore 6 o 7 anni!

    • Ci avevano dato un fallo laterale contro che non c’era e aveva deciso di dare vita alla presa di Regina Coeli.

  3. in bocca al lupo al ragazzo, augurandogli che trovi il suo spazio nel calcio professionistico.
    una riflessione però andrebbe fatta sull’opportunità di imbastire una squadra under23, come fanno sempre più squadre in serie A.
    è sicuramente un campionato, la C, più probante della primavera e dà l’opportunità ai ragazzi di crescere ulteriormente, come ha dimostrato la juve..
    invece che investire “4 spicci” sul Cannes, cari Friedkin, potevate magari spenderli per una licenza di serie C italiana, du sòrdi…

    • Premetto che sottoscrivo ogni virgola di quel che hai scritto, ma le società calcistiche che i Friedkin hanno acquistato dopo la Roma, lo hanno fatto per interessi extra-calcistici, tipo la produzione cinematografica (per il Cannes, grazie al famoso festival) e la realizzazione dello stadio (per l’Everton). Poi, avendo la Roma, forse pensano anche ad una sinergia di squadre calcistiche.

    • l’ under 23 sarebbe la cosa migliore non a caso i giovani più pronti sono quelli di Juve e Atalanta.. a quanto sembra costa sui 10 milioni l’anno , secondo me un investimento che ripagherebbe alla grande, ma che evidentemente non vogliono fare … quindi occorre stringere sinergie con altri club, non capisco perché non lo facciano col Frosinone, club che sta a due passi e che ha sempre fatto giocare i giovani se validi. detto questo i migliori della primavera verranno tenuti ad eccezione di Keramitsis e Cherubini che a quanto sembra abbiano già chiesto ingaggi da professionisti e usciranno a zero

    • Faccio una riflessione “ad alta voce” per ragionare insieme a voi. La serie C è divisa in 3 gironi (A, B e C) da 20 squadre ciascuna. L’atalanta II è inserita nel girone A (tutte squadre del nord), la Juve Next Gen nel girone B (squadre centro-nord), probabilmente una Roma Under23 andremme inserita nel girone C (squadre del sud) o forse meno probabilmente in quello B (ma dubito visto che c’è già una under23 di una squadra di serie A). Da quel che mi ricordo, tali under23 non possono essere promosse in serie B, anche se risultassero la prima qualificata, ma credo possono essere retrocesse nella cadetteria, qualora dovessero essere ultime (lasciamo stare il discorso play-off e play-out). Adesso per essere inserite occorerebbe che una squadra avente diritto di disputare la serie C nel proprio girone non avesse le carte amministrative in ordine, rinunciasse e cedesse il “titolo sportivo” ad una nuova formazione under23 costruita dal nulla, quindi da questo punto di vista non credo sia facile entrare ogni anno, ma servirebbe l’annata giusta di assenza di una delle 20. Il costo di gestione sarebbe quello degli ingaggi, (probabilmente più alti di una primavera), di trasferte
      e di staff tecnico. Dubito che bastino “solo” 10ML l’anno. Spesso si sente dire che se un primavera chiede l’ingaggio di un professionista. la Roma NON cede e libera il calciatore a 0, quindi suppongo che se la Roma non si sente di dover garantire un ingaggio da professionista minore a due/tre primavera, mi chiedo perchè dovrebbe spenderne per 20/22 giovani (già con una media di 1ML a calciatore saremmo intorno ai 20/22ML solo di ingaggi). Diciamo che più ragionevolmente il costo presunto sarebbe intorno ai 30ML l’anno (comprese trasferte e staff). E’ talmente difficile che con un paio di buoni giocatori non ci si ripaghi delle spese sostenute? Considerando che il bacino romano ha storicamente sfornato talentini (cioè buoni/discerti giocatori anche di serie inferiore o di squadre di media-bassa classifica in A) in abbondanza? Quali altri rischi si potrebbe correre nell’allestire l’Under23?

  4. Under 23!!!
    Under 23!!!
    Under 23!!!
    Under 23!!!
    Under 23!!!
    Prima lo capiamo e prima scopriremo se abbiamo veri talenti o no!
    Altrimenti tutte queste vittorie di categoria saranno sempre e solo fini a se stesso.
    Dall’Under 14 alla Primavera se la Roma non vince è quantomeno in finale!
    Ma poi se perdono tutti!
    Famo st’Under 23 e vedrete che MOLTI SBOCCERANNO DAVVERO!
    Under 23!!!
    Under 23!!!
    Under 23!!!
    Under 23……!!!!!!!!!!!!!
    FORZA ROMA

  5. insomma molti scrivono che ,in pratica,non è possibiĺe ricavare titolari dalla primavera. Inoltre quelli che sono pagati.per lavorare nel settore giovanile, non avrebbero alcuna responsabilità nel non aver individuato quelli di cui sarebbe stato opportuno mantenere il controllo o la partecipazione del cartellino.
    Allora perchè manteniamo un settore giovanile ?
    Inoltre perchè scrivere osservazioni misere sui giocatori ceduti o da cedere.Calafiori ha fatto una bella partita, tanto è vero che i miserelli si devono attaccare a un unico episodio
    ( quando.il nostro titolare ndika è stato scavalcato 842 volte da lanci lunghi,specie nella prima parte di campionato,e nemmeno si sogna di avere lo stesso tocco di palla). Zaleski è stato considerato il migliore della sua squadra da tutti,tranne che a Roma.A suo tempo qualcuno provò anche a dire che Alisson era il Kariu senza baffi. Poi capì ,infine, che anche fare la figura dello scemo non è il massimo

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome