Caro Totti, ti ricordi Cassano? C’è lui tra la Roma e il primato

0
885

totti-cassano

NOTIZIE AS ROMA (Gasport, A. Pugliese) – Si sono amati e poi lasciati, arrivando anche quasi ad odiarsi. Poi, dopo essersi chiariti, si sono spesso ignorati, limitandosi ai saluti di rito e lasciando spazio al rispetto reciproco. Stasera Francesco Totti ed Antonio Cassano si ritroveranno ancora una volta contro. È già successo negli anni passati, ma stavolta ha un sapore diverso. Un po’ perché la Roma (che non vince le prime tre partite consecutive dal 2007-08) per agganciare il Napoli in vetta deve dare una spallata proprio ad un ex di lusso come Fantantonio, un po’ perché è la partita che segna un anniversario, quello dei dieci anni dal punto più alto della coppia Totti-Cassano, quella che nel 2003 sembrava poter disegnare il futuro del calcio azzurro. «Cassano e Totti sono il futuro dell’Italia», diceva in quei giorni Fabio Capello.

Il flop con la Sampdoria Se stasera la Roma vince, dunque, torna in vetta tre anni e mezzo dopo l’ultima volta, quel 18 aprile 2010 che anticipava la sfida casalinga (poi persa per 1-2) con la Sampdoria di Cassano. Già, proprio Antonio, che in quell’occasione pennellò un assist al bacio per il temporaneo pari di Pazzini (dopo il gol iniziale di Totti, in un Olimpico che sognava ad occhi aperti). Quel k.o. fu la buccia di banana su cui la Roma perse lo scudetto e Cassano ci mise lo zampino decisivo. Festeggiò, il barese, proprio in quello spicchio di campo dove in precedenza era abituato a spaccare le bandierine a calci. […]

Dal doppio bacio al gelo Eppure, da quando arrivò a Roma nel 2001, fu proprio Totti ed il suo entourage a prendere sotto l’ala protettrice Cassano, mamma Giovanna e l’inseparabile Nicola (il cugino di Antonio). Antonio non faceva niente senza Francesco, ammirato come un Dio in terra. Così tanto che prima di ogni partita Antonio e Francesco avevano un dolce rito, quello del doppio bacio portafortuna. Ed, in effetti, di fortuna gliene portava a tutti e due, visto che con Giovanni Trapattoni proprio nel 2003 cominciarono a comporre la coppia d’attacco azzurra (o uno dei due in alternativa a Vieri). Poi, dopo il litigio e l’autobiografia di Cassano (che provocò più di qualche prurito a Totti), ecco il grande gelo: Francesco e Antonio a lungo si sono appena salutati, anche se negli ultimi tempi i rapporti sono tornati ad essere migliori di prima. Ancora oggi Antonio a fine gara regala la sua maglia a Francesco (è successo con la Samp, l’Inter e il Milan) e ne parla sempre bene, proprio come Totti che — appena può — non lesina complimenti all’ex amico. Ma niente a che vedere con l’amore di quegli anni lì, ovviamente, che proprio nel 2003 visse un apice che sembrava poter essere senza fine.

Napoli e Donadoni «Totti e Cassano hanno fatto percorsi diversi, ma sono entrambi giocatori talentuosi, di spessore e al di sopra della media — ha detto ieri Roberto Donadoni, che con il capitano giallorosso non ha avuto mai un rapporto d’oro in nazionale —. Stasera chi dei due avrà più fame e riuscirà a trasmetterla ai compagni farà realmente la differenza». Garcia, ovviamente, si augura che alla fine sia Totti e non Cassano. Perché arrivare al derby da capolista vorrebbe dire alimentare le pile dell’entusiasmo giallorosso e perché agganciare in vetta proprio il Napoli che ha «aggredito» Lamela è una cosa che piace a tutti, a cominciare dall’ambiente societario. Di mezzo, però, c’è ancora una volta Cassano, l’ex pupillo di Francesco. E qui l’amicizia non conta più, contano i punti, la fame ed il talento[…]

Articolo precedenteRoma, è la notte dei grandi sogni
Articolo successivoParma – Roma, Ljajic sorpassa Gervinho

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome