Cessione Roma, settimana bollente: Baldini lavora alla cordata sudamericana, ma c’è un nome “top secret” pronto a spuntare

65
5621

AS ROMA NEWS ULTIME – Si preannuncia una settimana calda per quanto riguarda la Roma e le novità attese sul fronte cessione. Già ieri, nella notte, si erano rincorse voci incontrollate sul nome (che però non trova conferme) di Al Baker, uomo d’affari del Kuwait che aveva parlato di interesse nei confronti di un club italiano quotato in borsa. Pallotta però ha subito smentito: “Mai sentito”. 

Gli ultimi rumors che arrivano oggi da Tele Radio Stereo parlano però di due o tre gruppi interessati alla Roma oltre al già noto Friedkin. Partiamo proprio dal texano: Dan e suo figlio Ryan non sono usciti di scena, ma del tanto chiacchierato rilancio non c’è stata ancora traccia. La posizione resta di attesa, soprattutto ora che sembrano essere entrati in gioco altri soggetti potenzialmente interessai al club capitolino.

Confermato quanto scriveva questa mattina Il Messaggero: c’è Franco Baldini al lavoro sulla cordata sudamericana. E’ l’ex ds della Roma ad aver portato all’attenzione di Pallotta questo gruppo che sta manifestando un interesse concreto, ma che al momento non ha presentato offerte né ha avviato una due diligence sul club giallorosso. Non è da escludere che, qualora l’affare dovesse concretizzarsi, Baldini possa assumere un ruolo di primo piano all’interno dei quadri dirigenziali. Ma per ora siamo nel campo delle pure ipotesi.

Dall’altra parte c’è Mauro Baldissoni, anche lui a caccia di investitori interessati all’affare Roma: lo aveva già fatto in passato con George Soros prima e con James Pallotta poi. Gruppi e investitori interessati al club giallorosso ce ne sono, e al momento sono almeno un paio. Tra queste ci sarebbe quella di un soggetto ritenuto particolarmente importante e per questo tenuto ancora “top secret“. Se provenga dall’Arabia o dall’America ancora non è dato saperlo. Ma nei prossimi giorni potrebbero arrivare importanti novità.

Fonte: Tele Radio Stereo

65 Commenti

    • Rimane Pallotta tranquilli….Alle sue condizioni nessuno si farà avanti….lo spero tanto ma….

    • Anche io vorrei un nuovo Anzalone…. E come centravanti a questo punto un nuovo Musiello andrebbe bene… La ciliegina sulla torta sarebbe un nuovo Roma Atalanta 2-2 con pareggio e salvezza a due giornate dalla fine…. Che tempi, quanno dominavamo er monno ‘ntero! Altro che quer purciaro de Palotto… 🙂

  1. Come faccia un interesse ad essere concreto senza alcuna offerta o due diligence è un mistero di fede.
    Sì cerca di mettere prescia a Friedkin che però sta lì fermo e saldo nella sua congrua offerta.
    Il bluff di ballottino è presto destinato a essere scoperto, come tutti gli altri di questo grigio decennio.

    • Ma secondo te qualcuno può seriamente pensare in quell’ambiente di provare un bluff?
      Ma su.
      Queste sono solo sparate giornalistiche, punto.
      Per il resto penso si muova GS in tutta riservatezza, e Friedkin aspetta di vedere se ci sono altri interessi o se la sua offerta resta l’unica. Tutto normale.

    • Ti stupisce? Eppure qui in molti ancora accusano Rosella Sensi di aver fatto scappare Soros con la storia del fondo arabo.
      Vero allora e falso adesso?
      Inoltre non penso che Friedkin possa conoscere personalmente ogni riccone della terra. Per cui, secondo me, ci sta, anche a giudicare dalla provenienza degli spifferi.

    • UB40,
      secondo te SOROS (Dico Soros, non Ricucci) si faceva spaventare dalla storia del fondo arabo????
      Soros ha effettuato una due diligence e ha probabilmente avanzato una proposta di offerta che non ha soddisfatto la Sensi che ha provato a rilanciare ventilando potenziali concorrenti nell’acquisto.
      Soos a quel punto ha salutato perchè non avevavi intenzione di aumentare l’offerta di 1 $.
      E’ successo lo stesso tra Friedkin e Pallotta ora.

      Il problema principare è che questo Al Baker non è un riccone: NON E’ NESSUNO.
      Nè un emiro, nè un imprenditore, nè nulla. Basta verificare, non esiste in rete nulla di significativo su di lui.
      Probabilmente è solo un mitomane.

      In ogni caso. ci fosse una vera trattativa con chiunque, prima della due diligence si dovrebbero informare i mercati, quindi Friedkin lo saprebbe così.

    • Che Rosella Sensi abbia sempre giocato a rialzo dal 2004 al 2009, è nei fatti, e per di più, in un caso ci sono delle carte a specificarlo. Ad oggi, non so se Friedkin sia l’unico acquirente ad essere seriamente interessato, non ho le basi per dirlo. L’unica certezza, è che nessun soggetto ha presentato un’offerta VINCOLANTE per l’acquisto del club, altrimenti sarebbe stato comunicato ai mercati.

      Di certo, se devo pensare a roba come bluff e giochi a rialzo meschini… beh, onestamente mi viene più naturale attribuirli ad una realtà casereccia come come quella di Villa Pacelli, piuttosto che ad un manager di hedge fund mediamente importanti, e uno degli istituti di credito più importanti del globo.

    • Franco sensi uno di noi.
      Ballotta uno di voi.
      Viola uno di noi.
      Bladini uno di voi.
      Ah scusate pensavo fosse un topic del 2020. Invece vedo citazioni da post del 2009. Ma vabbè se vede che la raptor paga male i velinisti. O velisti? Caffè cocco cocomero, telline e farina?
      Vi può interessare l’as Roma?
      No lo dico perché mi sembra i compratori reali scarseggino, quindi pensavo ai gianni e pinotto dell’operazione drago.
      Una roba sul genere franco e ciccio che può capire pure l’extraraccordo.
      E poi basta co sti arabi portamo un bel gruppo uruguagio, che diamo un tocco di Macdonald nella jungla.
      Daje sballotto connection

    • Ciao Anto… sai che ti stimo, ma non è asssolutamente vero che prima o durante una due diligence bisogni informare i mercati! Non è vero! E per chi non dovesse credercmi ( i luoghi comuni a forza di di ripeterli sicentano verità per molti , soprattutto se si tratta di vicende a tinte giallorosse) basta tornare a ritroso nelle vicende della Roma. Kerimov non fu comunicato se non quando le cose erano fatte. Soros uguale… ed in quel caso ci furono comunicazioni richieste dalla CONSOB a seguito di articoli ripetuti nel tempo ed a seguito di un appuntamento diventato di dominio pubblico attraverso i media con membri della Inner Circle che causarono oscillazioni pazzesche del titolo. Stessa cosa con Friedkin… uscito sui giornali solo a due diligence già quasi conclusa sui e solo in conseguenza a questa uscita mediatica, con conseguenti oscillazioni del titolo la Roma e la sua controllante hanno dovuto diramare un comunicato , dove, tra le altre cose, non appare il nome di Friedkin o del suo gruppo ma si parlava di potenziali investitori. Anche in quel caso il luogo comune aveva interpretato il termine “potenziali investitori”come soci di minoranza. I luoghi comuni portano fuori strada e ce ne sono tantissimi intorno alle vicende della Roma. Comunque.. in caso di due diligence, se questa non esce mediaticamente e non diventa di dominio pubblico con conseguenti possibili oscillazioni anomale del titolo, non vi è nessuna necessità o obbligo nel renderla pubblica informando i mercati… anzi.. esattamente il contrario. Usciamo da questo luogo comune. Là due diligence è una analisi finanziaria e legale di una società. A seguito di questa, potrebbe ( condizionale d’obbligo) esserci una offerta formale e solo nel caso di un preaccordo siglato ( quindi un accordo ufficiale) si ha l’obbligo di informare immediatamente i mercati. Questo è quanto

    • Diego,
      Temo che diamo un significato diverso alla due diligence.
      La Roma è una SpA quotata quindi tutti i documenti finanziari sono accessibili.
      Potenzialmente qualcuno potrebbe studiare il dossier senza consultare la Roma, e ovviamente senza informare i mercati.
      Io intendo però la due diligence formale, quella che il gruppo Friedkin ha fatto a Roma a Gennaio.

    • Ci sono soggetti come Marco Polo mi sembra si chiami così che per far valere le proprie opinioni deve demonizzare altre persone…
      Oggi deve raccontarci dei sensi e di Rosella per giustificare non si sa cosa e chi.
      Non paragonare,non fare confronti raccontaci tu cosa ne pensi ..

      No come i bambini se lo fai tu lo faccio anch’io ..
      Vuoi paragonare le proprietà?
      Purtroppo prendi il cavallo sbagliato .. i numeri e valori tecnici non sono a tuo favore ….
      Scudetto contro coppa italia lazio…. e li fermo….

    • Egregio Grigio Decennio, periamo di tornare ai bei tempi di quando dominavamo er monno. Io metto ‘na piotta. Tu quanto c’hai? Ci vediamo al Sistina, come l’altra volta.

  2. La cordata so quattro straccioni come pallotto e suoi compari nel 2011.

    Il nome top secret e’ talmente segreto che non lo sa nessuno perché non esiste.

    Solo invenzioni per farvi continuare a guardare sto campionato inutile e scacato.

    O pallotto convince i suoi soci a buttare altri soldi nel cesso aspettando uno stadio che non si farà mai, o falliamo e ricominciamo dall’ Interregionale con Eziolino Capuano.

    Poi io non e’ che sono un veggente, ma la storia e la logica dice questo.

    Il resto e’ quello che dicono i giornali quindi fuffa basata sul nulla come sempre.

    Inutile che sognate fondi arabi che portano Mourinho : qua o si va avanti con pallotto e il 4-3-3 di qualche straniero inadeguato che piace solo a baldino…

    …o si fallisce e arriva un Lotirchio qualsiasi che ti porta Eziolino Capuano.

    Queste sono le alternative : il resto sono sogni di mezz’estate.

    PALLOTTO VATTENE

    • Te e UB40 siete i San Francesco D’Assisi di questo forum… non capisco cosa ci troviate di tanto intrigante in questo pauperismo tafazziano.

    • Tu sei un altro disco rotto, come altri 3-4 qui dentro.
      Il tuo marchio ossessivo pormai è arcinoto, ogni post è tutto un : pallotto/pallirchio/lotirchio, campionato scacato, Eziolino Capuano, baldino ecc..
      Contento te, ognuno ha le sue perversioni.

    • dimenticavo che mancano ancora:
      – l’oligarca russo
      – il miliardario cinese
      – il petroliere saudita in concorrenza con quello del kuvait
      – lo speculatore Ceco ah no, quello lo stiamo gestendo, sta a comprare i terreni dello stadio
      – qualcuno dall’indonesia tipo quello dell’inter
      dimentico qualcuno?

  3. Ma se entrasse CDP come in Atlantia? 😀 😀 😀
    Così se qualche giocatore batte la fiacca lo mettiamo in cantiere sulla A14 e poi vedi come corre!

    Comunque ragazzi, questo Al Baker è una nullità eh, un mitomane in cerca di pubblicità.
    Sul suo profilo twitter posta solo video dello stesso giornalista che ha lanciato la notizia.
    Me pare una cosa allo sceicco di Perugia, domani non ne parlerà più nessuno.

  4. Lo stadio, la vendita della Roma…tutto sempre futuribile ed ipotetico…giorni, mesi, anni…ma non ne avete piene anche voi le 🎱🎱?

  5. James Bond pallotta ha sguinzagliato i suoi Baldi giovani alla ricerca di un’alternativa a Friedkin, che di rilanciare non ha alcuna intenzione… Al contrario, da un giorno all’altro c’è da aspettarsi l’offerta al ribasso. Poro pallotta, je pijerà un coccolone…
    Pora Roma mia, in che mani sei finita…

    • ma adesso arriva Val Kilmer di Top Secret.

      Iceman risolverà tutto, vedrai.

      Nel frattempo bevi qualcosa.

      Vuoi bere qualcosa, Pedro?

      Pedro, bevi qualcosa.

    • RISPOSTA X Adelmo: speriamo che Pedro non beva per nulla. Che bevono di tutto ne abbiamo e ne abbiamo avuti anche troppi, da Cicinho a B. Ceres…

  6. Io pure lo so chi è il nome top secret. Ho parlato anche io con mio cugino. Proveranno a vendere la Roma su Amazon e creeranno una cordata tra tutti gli utenti prime che vorranno investire. La settimana scorsa non ci stavano a coj**à eh, avevano solo capito male!

  7. @@@ esci fuori se hai craggio!😁

    @@ e sbrigate!

    @ la cordata sudamericana, me puzza “de sola”.

    *** un unico proprietario, sarebbe l’ideale
    a trovarlo però!

    ** sempre queste notizie, che ci lasciano a metà
    del sapere.

    * con gli altri americani, dovevamo chiudere a dicembre

    FRS💛💗

  8. Anche nei programmi Inglesi di sport il nome che sta girando è di Friedkin… È sempre stato lui, solo che Pallirchio vuole appioppargli il brende a più del suo valore, Friedkin sta aspettando la fine della stagione. Il resto è fuffa che non si materializza e questo individuo con la capoccia grigia sta cercando altre cose, xke Friedkin una volta che entra lo va a mettere a pane e acqua… In pratica rimarrà senza lavoro…sta già cominciando a preoccuparsi

  9. Blabladini.
    Ogni giorno una nuova fiaba.
    Ormai questo personaggio vive solo nei racconti degli altri, e tutto ciò che tocca lo rende fuffa.
    Guardate sareste stati più credibili se al posto suo ci aveste messo calvo.
    Pe ditte.

  10. KAWA, la cosa paradossale è che si intrecciano notizie attendibili a bufale colossali ahahahah mah anche ci fosse la riservatezza delle operazioni finanziarie, ma che ci guadagnano a far circolare cose completamente infondate? Per me la vicenda rasenta il ridicolo. ciao e come sempre un caro saluto.

    • Caro Prohaska, le bufale ormai sono all’ordine del giorno, come le ridicolaggini. Niente di strano.
      La cosa più saggia è farsi una bella risata, anziché prendersi troppo sul serio. Ma non devo certamente dirlo a te, che nell’autoironia sei maestro.
      A presto e sempre forza la nostra Roma.

  11. Ancora una lunga serie di illazioni a babbo morto sulla eventuale vendita del pacchetto azionario di As Roma . Sappiamo solo dopo il comunicato di alcuni mesi fa che il Gruppo Friedkin al momento è l’unico interlocutore ufficiale del ns.Presidente . Ovvio che questa situazione non potrà protrarsi ancora per molto in mancanza di una nuova è più sostanziosa offerta. Se ciò non accadrà altri investitori al momento coperti dal riserbo più assoluto sono pronti a fare irruzione pesantemente sulla scena . E visto lo spessore finanziario dell’operazione saranno sicuramente di primissimo piano . Di sicuro possiamo affermare come a tutt’oggi James Pallotta sia però sempre solidamente sulla tolda del clipper giallorosso pronto a solcare nuovi mari e a raccogliere nuove sfide…

  12. La cosiddetta cordata sudamericana facente capo al magnate paraguagio Felipe Pedro Alvarado y Gutierrez y Gonzales y Lopez de Santiago de Loyola, meglio noto come el Rey de la Cariòla, per mezzo del suo vice, Pedro Pablo Videla, detto El rey dello Smuerza Candela, ha dato mandato al celeberrimo avvocato Rubén Sòla di trattare l’acquisto della Roma.
    Si attendono sviluppi. Nel frattempo Dario Bersani si è accampato sotto l’ambasciata paraguagia con uno striscione con scritto

    “nuestro Salvador es El Cariòla,
    prende la Roma nos famos la hòla”!

  13. Ultima notizia Sembrerebbe che ci sia anche un gruppo di investitori provenienti da un altra galassia interessati alla Roma sembra habbiamo già preso contatti con tele radio stereo ma vorrebbero rimanere ancora anonimi per battere la concorrenza

  14. La fiera dei luoghi comuni intorno alle vicende della nostra società è, mi duole dirlo, imbarazzante. Eccoli..:
    1. Informare i mercati in caso di due diligence
    2. 6 mesi di tempo per una due diligence
    3. La parola gruppo , che potrebbe tranquillamente indicate un gruppo industriale, commerciale etc, diventa improvvisamente cordata.
    4. L’intermediario di Cavani ha espressamente parlato di gruppo nord americano, ma,tempo 24 ore, il luogo comune lo ha trasformato in “cordata sud americana”.
    Questi sono solo alcuni esempi del qualunquismo che aleggia intorno alle vicende societarie.
    La verità è che nessuno ha notizie certe ed allora in molti casi ci si nasconde dietro questi luoghi comuni.

    • Concludo dicendo che non mi sorprende il fatto che si creino questi luoghi comuni che diventano poi finte verità, perché in molti casi chi è chiamato a raccontare queste vicende ha pochissimi elementi e , soprattutto, non ha la minima contezza della materia di cui sta parlando.
      Quella più spinta comunque è là due diligence che deve essere comunicata ai mercati. Una due diligence non è vincolata ad un acquisto… pensate se si dovesse comunicare una due diligence ed a seguito di questa il potenziale ( potenziale proprio perché non vincolato) investitore dovesse decidere di non procedere.. o di fare un’offerta al ribasso , il tutto per valutazioni del tutto personali… questo potrebbe incidere in modo molto negativo sul titolo e questo non sarebbe assolutamente ammissibile. Senza calcolare che l’analisi in questo caso potrebbe essere sulle controllanti, che non sono quotate. Il dovere ( obbligo)di informare i mercati esiste solo a seguito di un accordo ufficiale. Diverso èil caso di una trattativa che diventa mediatica con possibili oscillazioni ed allora si chiede alla società in questione di fare chiarezza, per evitare che queste oscillazioni siano basate sulla fuffa o su finte indiscrezioni di potenziali speculatori che, in quel caso, starebbero commettendo reato!

  15. Ormai non vende prima di settembre ottobre. Se in un paio di mesi ha l’ok per lo stadio può spillare qualche milioncino in più. Prepariamoci ad un mercato molto povero

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome