Champions League Femminile, WOLFSBURG-ROMA 4-2: prima sconfitta per le giallorosse

15
601

NOTIZIE AS ROMA – Prima sconfitta nella Women’s Champions League per la Roma Femminile. La squadra di Alessandro Spugna perde 4-2 in casa del Wolfsburg.

Le tedesche vanno in vantaggio al 24′ con Pajor e raddoppiano al 40′ con Jonsdottir, ma due minuti più tardi le giallorosse accorciano le distanze con Andressa.

Nella ripresa le padrone di casa trovano due reti in due minuti, tra il 52′ e il 53′, prima con Lettwein e poi ancora con Pajor, che firma la doppietta personale. Al 76′ la Roma prova a riaprire la partita con Haug, ma non basta.

Il Wolfsburg stacca così le giallorosse portandosi da solo in testa alla classifica del Gruppo B con 10 punti, la Roma resta ferma a 7.

 

Articolo precedenteArgentina, Scaloni: “Dybala sta bene, non ha giocato perchè non c’era l’occasione di inserirlo”
Articolo successivoMourinho chiede altri Dybala. E i Friedkin puntano a blindare la Joya

15 Commenti

  1. Brave lo stesso abbiamo fatto una buona partita loro hanno sfruttato meglio le occasioni avute noi dobbiamo essere piu ciniche comunque fiero di voi💛❤️💛❤️

  2. dobbiamo solo applaudire queste ragazze che ce l’hanno messa tutta. il wolfsburg è sembrato più lucido e in definitiva più forte. esemplare per esempio che in occasioni molto simili la haavi abbia sbagliato un gol fatto tirando sul portiere mentre l’attaccante islandese del wolfsburg l’abbia messo dentro con lucidità e semplicità. ma siamo lì vicino. la roma ha comunque creato le sue azioni. ma a questo livello pure la Greggi e la Haavi che in Italia sbancano qui sono sembrate normali. andressa invece è la vera campionessa, la vera leader. giacinti non pervenuta. ma va bene così, in fondo si trattava di fare esperienza. Forza Roma. qualche innesto ancora a gennaio e saremo ancora più forti. grandissimo spugna.

    • Sono d’accordo.
      Su Giacinti va detto che se passi un tempo a fare lanci lunghi, la tagli fuori dal gioco. Lei è un rapace d’area, devi arrivare in area di rigore per innescarla al meglio. Benissio Roman nel secondo tempo, ma in linea di massima la squadra ha dimostrato che ha anche una panchina per giocarsi certe partite. Greggi e Giugliano hanno sofferto e la partita si è decisa in quella zona di campo.

    • la giacinti non si discute infatti. se siamo prime è anche grazie a lei.
      è come dici tu. si è alzata l’asticella e alcune giocatrici hanno sofferto. lo.stesso per la.difesa. per vincere in italia siamo attrezzate. per vincere in Europa ci vuole qualcosa in più che per esempio Andressa ieri ha mostrato ampiamente. non solo nel gol. per esempio ad un certo punto dopo un calcio d’angolo del wolfsburg Andressa a preso un rimpallo e con un colpo di tacco ha fatto l’unica giocata possbile, liberandosi di 2 avversarie e persino lanciando la greggi, credo, in avanti. poi le tedesche hanno fatto fallo sennò diventava un’azione da gol. ecco servono questo tipo di giocate. ma la roma sta benissimo. la serturini e la haavi comunque sono due splendidi ali e posso mettere in difficoltà chiumque. la Greggi e la Giugliano sono giovanissime.

  3. Queste son forti davvero.
    A sto giro han vinto loro.
    Chissà che nel prosieguo della competizione non tocchi riprovarci, e sarebbe un buon segno…..
    FORZA ROMA

  4. Bravissime comunque, a finire al 1° posto nel girone un pò ci avevo sperato perché la Roma Women sta dimostrando di essere una squadra forte, è la capolista del campionato, ha vinto la Coppa Italia e la Supecoppa Italiana negli ultimi 2 anni e poi contro queste tedesche forti all’andata ci aveva pareggiato 1-1.

  5. quando si dice “sconfitta che fa crescere”… tornare da Wolfsburg a testa altissima non è facile per niente, eppure ci sono riuscite.

  6. Lo confesso, ci avevo sperato. E già questo è un grande risultato, nel senso che, da esordienti in Champions, ogni avversario sembrava in grado di batterci, sulla carta. Perché l’esperienza fa molto, come stai in campo, il fatto che sai che per dieci minuti puoi subire duro e che la tempesta sarà fportissima, ma in realtà puopi rialzarti immediatamente. Sono forze mentali da imparare sul campo, non c’è dubbio. In questo la Roma deve crescere, ma sorprendentemente meno di quello che ci si sarebbe potuti attendere. Lo dimostrano i 7 punti nel girone e, tutto sommato, anche la partita di ieri.
    Critica la seconda metà del primo tempo, dove la squadra ad un certo punto si è spezzata in due e NON deve accadere, e l’1-2 del secondo tempo, dal quale però le ragazze hanno reagito. Su questo occorre lavorare. L’errore fatale da non commettere, e quello del primo tempo, con lanci lunghi che non sono la nostra proposta di calcio. Noi giochiamo palla a terra e fraseggio per lanciarel’esterno opposto e quando lo abbiamo fatto abbiamo fatto male alle avversarie.

    Andressa… che dire. Ha i lampi che le escono dagli occhi, io vorrei tanto 11 maschietti con il suo atteggiamento in campo, cacchio!

  7. Grandi lo stesse. Sconfitta che non duole più di tanto. Il passaggio del turno non era per nulla scontato e ora ce l’abbiamo a portata di mano. Che dire allora…tanta roba.
    E che gol Andressa!
    Daje Roma daje!

  8. Abbiamo perso ma le ragazze ce l’hanno messa tutta e disputato una gran partita. Gli errori ci stanno.
    Brave, brave, brave.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome