Che giornata di campionato: la Roma osserva gli scontri diretti e prepara la fuga

31
1067

AS ROMA NEWS – Il campionato riparte subito, e lo fa con i fuochi d’artificio. La giornata di oggi offre un programma di alto livello, con una serie di scontri diretti che la Roma si gusterà da prima in classifica.

Turno dunque che, almeno sulla carta, può essere favorevole ai giallorossi, che domani sera affronteranno comunque una formazione temibile come l’Udinese, e per di più alla Dacia Arena. Una partita complicata, che però Pellegrini e compagni possono e devono provare a portarsi a casa per sfruttare le partite in programma in questo turno.

Oggi pomeriggio alle 15 si parte subito con un Fiorentina-Juventus davvero gustoso: i viola, partiti maluccio, affronteranno col coltello tra i denti i rivali storici bianconeri. Anche Allegri però non può permettersi altri passi falsi dopo aver pareggiato prima in casa della Samp, e poi proprio con la Roma allo Stadium. Sarà uno scontro molto interessante da vedere.

Alle 18 il livello sale di un gradino con il derby di Milano, un vero e proprio scontro scudetto tra rossoneri e nerazzurri. Nonostante il campionato sia alle battute iniziali, le due squadre meneghine vengono accreditata dagli addetti ai lavori come le grandi favorite per il titolo. La partita di oggi è il primo bivio stagionale per le milanesi, con la squadra di Pioli che insegue quella di Inzaghi a un punto.

La sera invece il sabato calcistico si chiude con un interessante Lazio-Napoli: entrambe le squadre sono partite benino, appaiate a 8 punti in classifica, due dietro la Roma capolista in compagnia dell’Atalanta. La squadra di Sarri, come spesso le succede, è andata forte negli scontri diretti casalinghi, ma non è riuscita a dare continuità di risultati nelle gare fuori dall’Olimpico. Discorso simile per il Napoli di Spalletti, che passa da prestazioni sfavillanti, specie quando gioca con l’undici titolare, ad altre decisamente meno appariscenti.

La Roma dunque oggi potrà gustarsi la giornata, sapendo che qualcuna di queste perderà punti e morale. Poi però toccherà ai giallorossi domani non sprecare una buona occasione per incrementare il piccolo vantaggio sulle dirette concorrenti. E non sarà per niente facile.

Giallorossi.net – Andrea Fiorini

 

Articolo precedenteZaniolo cuore giallorosso: canta “Grazie Roma” al concerto di Venditti (VIDEO)
Articolo successivoBelotti scalpita, Camara si candida: tutte le ultime su Udinese-Roma

31 Commenti

    • A parte la scaramanzia questa Roma è soprattutto questo allenatore sa come vincere le partite concedendo poco agli avversari.
      Il problema sono gli infortuni….a rosa completa questa Roma non ha nulla da invidiare alle strisciate.

  1. occhio all’udinese.
    lo scorso anno ci abbiamo pareggiato solo all’ultimo minuto.
    non facciamo l’errore di credere che sarà una passeggiata

  2. Oggi una occhiatina interessata la butto, se riesco. Va bene qualunque risultato (se non possono perdere tutte e sei). Poi domani massimo tifo for the magic one. Forza Roma!

  3. Sta situazione di vantaggio la troviamo fino a che incontreremo la DEA… SFRUTTIAMOLA! 💛♥️🐺🐺🐺🏆

  4. Bell’articolo, come sempre, del sig. Fiorini …
    completamente d’accordo con il pensiero delle ultime righe …
    poi tocca a noi sfruttare eventualmente i probabili vantaggi (comunque qualcuno o addirittura tutte, con il pareggio, perderanno punti ) di queste partite…
    ma non sarà facile per nulla … anzi … prevedo una prestazione dei friulani alla “Real Madrid” o “Liverpool” e questo è giusto, sia chiaro …ma contro di noi, SEMPRE di piu’ che vs altre …
    dajie Roma !!!

    Sempre Forza ROMA !!!

  5. Rendiamoci conto che sta situazione ce la portiamo, finché, incontreremo la DEA! DAJEEE ROMA DAJEEE! 💛♥️🐺🐺🐺🏆

  6. Spero di sbagliarmi ma la scelta di Maresca in campo contro di noi alla Dacia Arena è qualcosa contro la quale dobbiamo assolutamente protestare.

    Non voglio offendere nessuno (mi scuso di averlo definito idiota e deficente in un post precedente…) ma penso che mandarci un arbitro le cui performances gli hanno provocato (credo) la più lunga sospensione della stagione scorsa non sia una scelta che possiamo accettare / condividere senza fare presente le ragionevoli perplessità da questo derivano.

    Per di più nel momento in cui lottiamo per il vertice della classifica con il minimo vantaggio (1 punto).

    E con l’aggravante che la causa della sua sospensione sia stata proprio il suo modo di comportarsi in una nostra partita.

    Che garanzia abbiamo che sia guarito / abbia imparato ad arbitrare? Il VAR, così come è concepito, non è in grado di contenerlo / correggerlo perché può intervenire (censurare…) meno dell’1% dei suoi comportamenti in campo (non può intervenire sulle decisioni disciplinari né tantomeno sulla gestione ‘ordinaria’).

    Chi si assume la responsabilità delle sue azioni? Chi ci toglierebbe eventuali sanzioni (ammonizioni, espulsioni) che ci dovesse comminare? Chi ci ridarebbe i punti che ci potrebbe far perdere?

    La protesta, perché sia efficace, dev’essere preventiva… è adesso che dobbiamo farci sentire, prima del calcio di inizio. Chiederei a Rocchi come mai, visto che nella partita in questione c’era anche il Milan, perché non lo manda ad arbitrare il Derby…

    • E no, perché nel derby sarebbe come ARLECCHINO,servo di due padroni. Invece il suo compito in udinese Roma e’piu’ semplice. Penalizzare la Roma.

    • A essere sincero non credo che sia questo il motivo per cui Rocchi lo manda a noi anziché a Milano, caro Gae. Ho la sensazione che quella di domani sia una specie di ‘prova di maturità’ per Maresca: tipo riuscire tenere la testa a posto contro una squadra che lui odia (e che lo ricambia al 1.000%).

      E’ questo che mi irrita di bestia: non ho nessuna voglia di ‘testare’ le capacità caratteriali di Maresca. Non sento nessuna vocazione al Sammaritanesimo (si dice così 🤔?)…

      Ciao Gae e speriamo bene 😊: credo che comunque il tipo domani si giochi la sua permanenza ad alti livelli…

  7. Fuga? Dai su, facciamo i seri, l’Udinese ha un punto in più della Viola, quindi sulla carta è un impegno più complicato di quello che attende la Juve al Franchi.
    La classifica, come sempre, inizierà a delinearsi alla fine del girone di andata, e allora capiremo a quali traguardi sarà lecito ambire.
    Ciò che mi sento di poter dire è che anche questo sarà un torno equilibrato e che si deciderà solo alle battute finali.
    E’ giusto e doveroso che la Roma ambisca almeno alle prime quattro posizioni e al ritorno in Champions, ma è pure vero che non si deve lottare per i piazzamenti bensì per i trofei.
    E nessuno più di Mourinho ha ben chiaro questo concetto…

  8. Pensiamo a battere l’Udinese e basta, agli altri non si deve pensare. Comunque almeno per adesso non ho visto episodi scandalosi contro di noi, compreso contro i gobbi. Friedkin sta assumendo un ruolo di rilievo in ECA ed anche nella FIFA forse il vento sta cambiando, la cricca forse comincia a puntare i fari altrove! Forza Roma!!!

  9. indipendentemente dai dubbi preventivi sulla conduzione arbitrale, la partita di domani sera per me è già molto significativa, ci farà capire tante cose su dove potrà arrivare questa Roma da qui alla sosta Mondiali.

  10. Buongiorno cari tifosi Romanisti, TRANQUILLI!!!! È cambiata l’aria, possono mandare ad arbitrare anche Michelotti …. c’è rimbarza tutto. Domani daremo dimostrazione di cosa è quello che un tempo cantavamo “ARRIVA LO SQUADRONE GIALLOROSSO”❤️💛❤️💛❤️💛❤️💛

  11. Verissimo che Mourinho punta sempre ai trofei, tuttavia quest’anno per noi il piazzamento Champions (e i soldi relativi) vale quasi più di un trofeo, per i motivi finanziari che sappiamo.

  12. L’unica cosa da fugare qui…sono i trionfalismi, punto. Testa bassa e pedalare tre punti qui tre punti con empoli e si aspetta l’Atalanta.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome