Chelsea, Wyss: “Abramovich è in preda al panico, vuole sbarazzarsi del club in fretta”

55
1291

ALTRE NOTIZIE – Hansjorg Wyss, 86 anni, uno degli uomini più ricchi di Svizzera, ha svelato che gli è stato offerto di acquistare il Chelsea, club della Premier League ‘orfano’ dell’oligarca russo Roman Abramovich, costretto a lasciare dopo l’invasione dell’Ucraina.

“Mi prendo ancora quattro o cinque giorni di riflessione. Abramovich sta chiedendo troppo in questo momento. Il Chelsea gli deve 2 miliardi di sterline, ma non ha soldi. Ciò significa che chi acquista il Chelsea deve risarcire Abramovich”, ha spiegato Wyss.

Secondo il Daily Mail, Abramovich sarebbe disposto a vendere i Blues per la cifra di 3,6 miliardi di euro. Abramovich è uno dei più stretti consiglieri e amici di Putin. Come tutti gli altri oligarchi, è in preda al panico. Vuole sbarazzarsi del Chelsea in fretta. Insieme ad altre tre persone, ieri ho ricevuto un’offerta per l’acquisto del Chelsea da Abramovich“, ha detto Wyss al quotidiano svizzero in lingua tedesca Blick.

Wyss, fondatore della società produttrice di apparecchiature mediche Synthes, ha anche affermato che non agirebbe da solo: “Qualora prendessi il Chelsea, lo farei con una cordata di sei o sette investitori”.

Articolo precedente“ON AIR!” – CORSI: “Felix punito per la discoteca? Sapessi i grandi che fanno…”, ALIPRANDI: “Errare è umano, perseverare è diabolico”, CATALANI: “Il vero dramma è avere una squadra scarsa”
Articolo successivoPinto e la rivoluzione dentro la Roma: taglio delle commissioni, tetto massimo al 10%

55 Commenti

  1. Ciao, chi sa spiegarmi questa frase?

    “l Chelsea gli deve 2 miliardi di sterline, ma non ha soldi.”

    Ma se il Chelsea è suo… che se deve i soldi da solo?

    Scusate l’ignoranza.

    • Credo che lui abbia messo nella società dei soldi di tasca sua per sopperire ai ricavi che sono inferiori ai costi,ed ora vuole vendere ad un prezzo gonfiato per cercare di rientrare del proprio capitale. Un po quello che stanno facendo i friedkin per coprire le spese.

    • No, somiglia alla storia della Roma e dell’abbanga. Il Chelsea società sarà una cosa, il conto dal quale sono partiti i soldi un’altra, tanto più che credo, a memoria, per il FPF non si possano immettere soldi liquidi direttamente ne bilanci di una squadra, se non per progetti di crescita tipo stadio, altre infrastrutture e via dicendo. Quindi è possibile che abbiano aggirato il paletto in questo modo (tanto mica sono la Roma o l’Aalborg), tipo il PSG che è messo uguale. Solo che se lo sceicco se ne va, a bilancio riciccia il debito.
      Insomma, e sottolineo, non per fare la vedova di Pallotta, ma se Pallotta ha chiesto soldi in prestito alla banca può darsi che fosse anche per evitare di fare le cose irregolarmente come hanno fatto Chelsea e PSG.

      Più passa il tempo e più mi sembra che Pallotta sia il pollo al tavolo del poker, tutti hanno barato tranne lui. Che non toglie ovviamente che poi abbia cannato altre cose sulla gestione societaria, però competere come fa il Chelsea (o come ha fatto l’Inda l’anno scorso) è scorretto e impedisce a te di crescere.

    • probabilmente ha fatto dei conferimenti soci nel tempo per quella cifra complessiva, per cui risulta creditore nei confronti della società sportiva. In bilancio il chelsea ha un debito nei confronti del socio che ha messo denaro liquido.

    • sarebbe faciel spiegartelo ma sono certa che non capiresti,persona giuridica,società,lui persona fisica,ha prestato dei soldi alla società creando di fatto un debito della società nei suoi confronti,non vado nei particolari,assetti societari,bilanci consuntivi etc ma se ti sforzi magari ci arrivi

    • Ciao, tu devi considerare le società come fossero terze persone… Se tu finanzi questa “terza persona ” ed un giorno decidi di lasciarla questa terza persona ti deve dei soldi… Quindi se tipo lui ha preso questa sorta di scatola chiamata chelsea ha investito dentro soldi per renderla bella migliorandola aumentandole il valore allora quei soldi che ci ha messo dentro devono tornare a chi ha investito

    • Francesca sarà pure un pò presuntuosa però è la più simpatica di tutti….

    • Francesca scusi ma magari non tutti sono esperti di finanza o commercialisti come lei, quindi se vuole partecipare alla discussione può rispondere alla domanda posta gentilmente dall’utente,senza necessariamente far passare lui (e anche tutti gli altri che non sono ferrati in materia,me compreso) come un decerebrato….
      Grazie
      FORZA ROMA SEMPRE!

    • @lee non ti curar di loro.

      oltretutto è un vizio che sta aumentando su sto forum.

      non fa nulla.

    • Vedo che qualche fulmine di guerra non è arrivato alla mia battuta.
      Ce ne vuole, eh…

    • Il club versa uno sorta di stipendio,come se fosse una srl,dove i soci hanno una busta paga

    • “Vedo che qualche fulmine di guerra non è arrivato alla mia battuta”

      Troppo fine e concisa, volevo provare a spiegare ulteriormente il concetto dicendo che infatti e’ “simpatica” come un cucchiaino di bitume appena colato nel caffellatte la mattina, ma poi ho soprasseduto.

      Comunque, dai rega’: sta “Francesca” che posta ogni tanto qua dentro si vede che e’ un troll stile usenet fine anni 90, via.

    • sembra di aver capito che abramovich deve 2 miliardi di sterline a questo wyss svizzero
      (86 anni) e appunto abramovich vuole vendere appunto il chelsea per 3,6 miliardi di euro per coprire anche il debito.

      morale della favola abramovich ha fatto stellare il chelsea con i soldi di wyss

      …il chelsea? ma chi glielo fa fare a 86 anni,fossi in wiss passavo il resto della vita appresso a escort con viagra a kili

    • Certo che 2 miliardi di debiti sono proprio un pugno sullo stomaco alla passione per questo sport. Dopo anni di fair play gridato a gran voce, tranne, ai pochi eletti.

    • dtf, ma poi sai qual è la cosa bella?
      Che si vede lontano un miglio che non sa di cosa parla. A parte l’esposizione e la grammatica ad essere buoni da scuola media e non certo da chi ha studiato davvero la materia.
      Ma poi ti assicuro che “assetti societari” e “bilanci consuntivi” sono cose che non hanno nessuna correlazione diretta con un debito verso gli azionisti.
      Ha sparato due paroloni a caso pensando di poter infinocchiare tutti. ahahah, pensa la stupidità…

    • Il cosiddetto “finanziamento soci” è un’operazione che prevede una restituzione futura dei soldi immessi. L’aumento di capitale, sottoscritto dal socio di maggioranza, no.

      @Jeremy forse intendevi dire Pallotta. Non Friedkin…

      @Idi c’è un errore di fondo: Pallotta chiedeva soldi alla banca (i prestiti di centinaia di milioni di euro hanno milioni di euro di interessi…peggiorando la situazione) perché non aveva i suoi da mettere. E’ diverso. E Friedkin li ha dovuti restituire, al netto dei debiti.

      Pensate ai guadagni collegati al calcio di questo uomo che prima di comprare il Chelsea era sconosciuto: due miliardi di investimento, e circa 1,5 che verrà dato in “beneficienza alle vittime della guerra”.

      Chissà chi comprerà il Chelsea.

  2. Ecco, questo è il tipico esempio di errori che commette l’occidente nei rapporti con i dittatori.
    Inutile tuonare e condannare contro di loro se poi ci fai gli affari.
    Una politica miope e opaca condotta da tantissimi anni dall’occidente che dovrebbe invece tagliare tutti i ponti con quei paesi nei quali non esiste la democrazia.
    L’unico modo per abbattere i dittatori di tutto il mondo è affossarli finanziariamente. Non comprargli il gas, il petrolio, le materie prime, ecc.
    Il resto è solo retorica e bei discorsi strappa applausi nei consessi internazionali.

    • Hai unito due “mostri” in un commento: le fantomatica democrazia occidentale (solo se resti in certi schemi, sennò giù botte) e l’autarchia (“Non comprargli il gas, il petrolio, le materie prime, ecc.”).

      Una domanda, visto che sai come si combattono i dittatori, saprai pure chi è che li finanzia e li mette al potere?

    • Hai tanta ragione. Molti di questi personaggi li creiamo e li foraggiamo noi, li usiamo finché ci fanno comodo, e alla fine ti si ritorcono quasi immancabilmente contro.
      Non dimentichiamo che anche Hitler ha fatto comodo all’Occidente che ne ha agevolato l’ascesa in funzione anti bolscevica.
      Putin e i suoi oligarchi hanno accumulato le centinaia di miliardi di dollari che detengono sui loro conti esattamente grazie a noi.
      E’ inutile essere ipocriti e non ammettere che a noi interessa solo avere materie prime a basso costo, e non ci importa minimamente sapere grazie a quali mezzi questo costo è mantenuto basso.
      Solo quando accade l’irreparabile questi despoti vengono poi definiti col loro nome, cioè “tiranni”, e si rispolverano i concetti riguardo la democrazia e l’autodeterminazione dei popoli. Ci sarebbe molto di cui vergognarsi…

    • Gli affari, generalmente, si fanno sempe in due: se c’è uno che ha convenienza a vendere ci sarà un altro che ha convenienza a comprare. L’etica ed il denaro non vanno mai d’accordo, e negli affari economici e politici, si deve ahimè guardare più al secondo aspetto che al primo. Scendendo più nel dettaglio, l’Europa (o l’Italia) che compra il gas o altre materie prime dalla Russia, si garantisce una fornitura di un bene che le occorre e magari ad un prezzo più conveniente rispetto a dover acquistare altrove, e al tempo stesso si tiene buono una potenza mondiale (indipendentemente da chi ne sia il presidente/sovrano/dittatore del momento) con cui poter fare affari economici e politici di altro tipo (export di prodotti europei o italiani magari ben pagati più che vendendo altrove). L’etica e la morale, vengono messe da parte. Per fortuna, che di fronte ad un vero e grande sopruso palese a tutto il mondo, l’Europa (ma anche le altre nazioni mondiali) si stanno alleando nell’imporre restrizioni e isolamento a quello che arrogantemente sta cercando di conquistare con la forza ciò che non è suo di diritto (come invece vorrebbe far credere Putin). Tra le altre cose, spesso e volentieri chi detiene certe risorse prime, “rare” da trovare altrove e con cui per forza di cose devi averci a che fare (a meno di non rinunciare completamente a poter disporre di quel bene), non si contraddistingue per democraticità. Il gas (per esempio) lo si compra in Russia o in certi paesi africani e spesso i governi di questi ultimi sono assolutamente paragonabili in fatto di non democrazia (se non peggio) all’altro fornitore disponibile.

    • La fai facile… Dico solo attenzione ad un altro risvolto, cioè al modello di dittatura economica/finanziaria che è più silenziosa ma non meno violenta e grave nel lungo.

      L’ucraina non è un paese ne sotto nato ne fa parte dell’unione europea, quindi non conviene a nessuno entrarne a far parte di questa guerra, è brutto dirlo ma è cosi.

      L’europa non è abbastanza forte per fare la voce grossa contro la russia: sia chiama unione ma non è unione visto che molti paesi EU si sono fatti fuori da ogni discorso di aiuto o coinvolgimento.

      Purtroppo senza far polemica amico romanista di dittatore ne hai uno come presidente del consiglio… ne è uno dei tanti che esercita il “lavoro” in maniera diversa.

    • Ragazzi, non paragonatemi le “dittature occidentali” basate sulle costrizioni economiche con le vere dittature, quelle di Putin e della Cina, dove esiste solo una verità, quella ufficiale.
      E’ vero che in occidente si può essere obbligati a fare determinate cose imposte dai governi non eletti dal popolo (noi ne siamo l’esempio vivente).
      Ma io e te possiamo parlarne tranquillamente e se vuoi puoi andare a manifestare il tuo dissenso senza essere internato.
      E questo, amico romanista, fa la differenza tra come si vive qui e come si vive li.
      E infatti, non a caso gli ucraini (e probabilmente gran parte dei russi) vorrebbero far parte dell’occidente.
      Il c.d. “paradiso dei lavoratori” come amavano chiamarlo alcuni politici dell’epoca in cui io rimorchiavo le ragazze, non esiste.

    • Nel caso nostro non possiamo permetterci di mandarli a quel paese,buona grazia dei 5 stelle che hanno detto no a tutto,compresa l’estrazione del gas presente nel nostro sottosuolo,in Italia ci sono 752 siti per l’estrazione ma preferiamo comprare il gas in Russia,per il petrolio,la regione più ricca in un indagine di qualche anno fa è il Molise,ma anche lì niente…ragionate quando votate che dopo sono queste le conseguenze!!!

    • Lorysan,
      “Purtroppo senza far polemica amico romanista di dittatore ne hai uno come presidente del consiglio…”
      ma io davvero mi chiedo come fai ad accendere un computer o un telefono se hai un livello cerebrale che ti porta a scrivere queste minchionate…. ma davvero.

      “quindi non conviene a nessuno entrarne a far parte di questa guerra, è brutto dirlo ma è cosi.”
      Certo,
      poi ti arrivano 10 milioni di profughi e li fucili alla frontiera, giusto?

      Guarda, parliamo di calcio che è meglio per tutti, in primis per te.

    • @UB40 “E’ inutile essere ipocriti e non ammettere che a noi interessa solo avere materie prime a basso costo”

      Pure peggio: In Italia, ma anche in molte altre parti, si reagisce a problemi assolutamente reali come inquinamento, riscaldamento globale ecc. in modo insensato e isterico, finendo con il peggiorare le cose.
      Sul suolo nazionale si chiudono centrali energetiche, si eradica il nucleare, si smette si estrarre gas ecc. con il risultato di dipendere per l’energia quasi interamente da nazioni canaglia come Russia, o Iran ecc. guidate da mostri e tiranni, dove si fa tutto quello di cui sopra (nucleare, centrali a carbone, gas, petrolio) pero’ in modo mille volte piu’ inquinante e senza scrupoli ambientali rispetto a come l’avremmo fatto noi.
      Ma siccome “non vediamo” le centrali a carbone antidiluviane in Siberia o pozzi petroliferi stile 1800 nelle steppe, e’ come se non esistessero, come se non fossero sullo stesso pianeta.
      E cosi’, dopo il disastro della centrale di Chernobyl del ’86, via subito a chiudere tutte le centrali nucleari in Italia. Come se le nostre fossero state come quelle russe, tenute insieme con lo sputo e la cingomma, anziche’ progettate e realizzate da ingegneri nucleari coi contro-maroni che il mondo ci invidiava.
      O come se non ci fossero centrali attive in Francia, nel giardino dei vicini…
      Isteria, ipocrisia, menefreghismo.
      Ecco come trionfa il male.

    • Anacronistico,
      daccela tu la soluzione.
      Anzi, da gran politologo che sei, telefona a Zelensky e al presidente di turno dell’Unione europea e informali sul da farsi dato che è una settimana che su questo sito riprendi e bacchetti chiunque esprima sconcerto o disappunto per i dittatori assassini come Putin.
      Strano però che NON ti sia venuto in mente di fare circa 20 anni fa questi interventi “costruttivi”… (mentre eri e sei libero di scrivere tutto quello che volevi e vuoi, di votare chi ti pare e di protestare contro guerre, dittatori e fame nel mondo in questa pseudo-democrazia occidentale).
      Dov’erano le tue sapienti repliche alle prime avvisaglie quando, AD ESEMPIO, Putin si era appena insediato a capo del regime russo e lasciò morire in profondità del mar baltico i suoi marinai connazionali sopravvissuti all’esplosione del sottomarino Kursk…?
      Peccato! Sempre col senno del poi o con 20/30 anni di ritardo vi risvegliate voi saccenti moralisti… in fondo il tuo nickname la dice lunga…

    • Caro Rod,
      quando scrivi “non paragonatemi le “dittature occidentali” basate sulle costrizioni economiche con le vere dittature, quelle di Putin e della Cina, dove esiste solo una verità, quella ufficiale” dici delle cose sacrosante. E’ la migliore controreplica a chi si lamenta di queste “dittature occidentali”. Glieli farei fare in Russia certi paragoni… vedi come gli passerebbe la voglia…

  3. Esplicativo del fatto che il patrimonio personale del proprietario di un’azienda non c’azzecca nulla con il patrimonio dell’azienda stessa. Sono due “persone” diverse.
    La società deve fatturare se vuole spendere, come da regole fpf, e teoricamente non può utilizzare i soldi del suo presidente come rifornimento. Poi la cosa la si può aggirare con le famose false sponsorizzazioni ovviamente.

  4. Sono cose che possono capitare quando uno strxxxo autocrate si sveglia una mattina e decide di invadere un paese confinante e sovrano per i fantasmi del suo passato e di una mente ormai consumata da droghe e sogni di onnipotenza. Se rimangono disoccupati i giocatori noi siamo disponibili ad ospitarli.

    • Chi ha cominciato il tutto perseguitando i filo russi in Ucraina?ma che cmq le avvisaglie di ciò che sta accadendo ci sono dal 2014,ma l’UE insieme alla Nato e l’America,se sono fregati,in quanto secondo me a questo volevano arrivare..

    • Si certo dal 2014, i filorussi e le repubbliche autoproclamate così come la Crimea tutti vessati dell’Ucraina democratica. Oppure il povero Putin anima pia che ha la sindrome da accerchiamento e quindi fa missioni di pace bombardando ed invadendo un paese confinante. Oppure accusa di nazismo l’Ucraina ma intanto usa la brigata Wagner. È la stessa logica con cui uno stupratore giustfica lo stupro perché la donna aveva la minigonna. Se ogni leader ragionasse come Putin il mondo sarebbe finito da un pezzo! Occhio a giustificare questi atti perché siamo in Europa e con le stesse scuse banali potrebbe invadere qualunque altro Stato confinante ex sovietico!

    • Meno male che ci sei tu Gladio a darmi una mano.
      Qui c’è gente che si ciuccia la propaganda di questo pazzo assassino di Putin a ettolitri!

  5. Qui c’era chi diceva che Pallotta si faceva lo stadio e lo affittava alla Roma ahahahahah
    Volemo Abbramovicic….dicevano ahahahahah
    Mo se scopre che il Chelsea c’ha i buffi ( e che buffi! direi buffoni! ) co quello che era il presidente suo ahahahah

    • “Si scopre”? Parla pe te Zeno’…è una cosa che si sa da sempre, almeno per chi è stato sveglio…

    • Cio’ non toglie che Pallotta avrebbe costruito lo stadio e che non sarebbe stato nel PATRIMONIO della Roma ma di un’altra azienda.

    • UB(ambolo) IO non c’ho tutto il tempo che hai te a studiare i bilanci delle squadre de pallone. IO a 69 anni vado a lavora’ tu a 46 stai in pigiama a fa lo Smart working

  6. Se un socio di una società mette dei soldi nella società prima o poi dovrà essere rimborsato, a meno che la società non fallisca, in quel caso recupererà poco o niente. Il Chelsea come tutto il resto del mondo del calcio vive al di sopra delle sue possibilità, sono tutte società pesantemente indebitate, la Roma con le banche e il Chelsea con il suo socio… Ma poco cambia sempre di buffi parliamo.

  7. Tra poco sarà la Russia a vivere al di sopra delle proprie possibilità, non solo il chelsea….
    Saranno più numerosi i profughi russi rispetto agli ucraini…. Vi hanno chiuso i rubinetti miei cari bolscevichi, è finita la pacchia, dall’occidente non vi arriverà più neanche un centesimo…
    Forza Roma! Forza Zelinsky! Forza Ucraina!!!

    • Ma lo sai che zelensky si è venduto l ucraina all america? Pensi che gli ucraini siano bravi…ti vorrei far parlare con una mia amica polacca..4 km dall ucraina…i russi vogliono la nato fuori dalle loro zone…e non vogliono gay. Gli ucraini (stato) non hanno interesse dei civili che muoino, infatti non si arrenderanno e faranno uccidere tutti. Un buon leader sa anche quando ritirarsi per evitare un genocidio

  8. Ma magara te rimane sur groppone. Comunque è inutile che che condannate la Russia, perché l ucraino è un ebreo filoamericano e si è venduto l ucraina e gioca a fare il potente con il sangue e le armi altrui. Non vedo differenza tra ucraina, russia o america.

  9. Poverino… “è in preda al panico”, dice lui!

    Ti manderei in Ucraina sotto le bombe “a grappolo” lanciate dai tuoi soldati connazionali… anzi, no: ti lascerei dentro una casetta di uno dei tanti villaggi (SENZA RIPARI SOTTERRANEI) presi a cannonate da quei 60 km di carro armati russi costruiti TUTTI CON I SOLDI TUOI!!!

    Allora sapresti sì cos’è il “panico”, ipocrita ruffiano del compare folle e assassino di bevute di vodka!

  10. Putin è un incosciente come tutti i dittatori, ma anche in questo caso, come sempre nella storia delle guerre recenti, la colpa è dell’America, e la sua sfrenata voglia di tenere tutto sotto botta… mi spiegate perché vuole per forza mettere al confine russo le basi nato?? Come se uno si alza la mattina, esce dalla porta di casa, e si ritrova un individuo che ti punta addosso un fucile, non ti spara, ma ti tiene d’occhio, passa un giorno, ne passano due, al terzo dalla porta esci armato e gli dici ma che caxxx vuoi? Poi a rimetterci sono gli innocenti, e questa è la storia più triste e angosciante.

    • Gli USA vogliono mettere le basi Nato vicino la Russia perché è stato Putin per primo ad aver imposto pericolosi dittatori filo imperialisti (militari) come Lukashenko in Bielorussia ai confini con i stati membri dell’Unione europea tipo Polonia, Lituania e Lettonia.
      Comunque la storiella di Putin che si sente circondato dalla Nato è soltanto uno dei tanti e ridicoli pretesti partoriti dal suo delirio di egemonia e onnipotenza imperiale in quanto, se ci documentiamo e riflettiamo su ciò che dice (invece di berci automaticamente le sue panzane), sapremmo innanzitutto che è la Russia STESSA ad essere ancora oggi un membro, seppur “associato” di quella Nato a cui punta il dito!
      È come la favola da lui raccontata del voler “denazificare” l’Ucraina quando pure i muri sanno ormai che Zelenswky è di origine ebrea tanto quanto un’enorme comunità ucraina che insieme a tutto il resto del popolo ha imbracciato i fucili per difendere l’indipendenza e quel modello politico-economico (sbagliato o giusto che sia di una perlomeno pseudo-libertà) identico al nostro.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome