CIES Football Observatory: Zalewski è il centrocampista box to box con più esperienza tra quelli nati dal 2002

7
633

NOTIZIE AS ROMA – Secondo il report mensile del CIES Football Observatory, dedicato ai talenti promettenti Under 21 nel mondo, Nicola Zalewski è il centrocampista box to box che ha accumulato il maggior capitale d’esperienza tra i calciatori nati dopo il 1° gennaio 2002.

Questo report identifica 200 giocatori – i primi 10 in 20 diverse categorie di classifica – che hanno non più di vent’anni e hanno accumulato il più alto capitale esperienza nelle partite ufficiali disputate in competizioni per adulti nel 2022.

Tale metrica è particolarmente utile per identificare calciatori promettenti poiché unisce il tempo di gioco, il livello agonistico delle partite giocate e i risultati. L’utilizzo del capitale di esperienza permette di evidenziare giocatori particolarmente solidi e affidabili nonostante la giovane età.

Il numero 59 della Roma, Nicola Zalewski, ha accumulato il più alto capitale di esperienza nel 2022 tra i centrocampisti box to box, cioè quelli principalmente attivi sia in campo difensivo che offensivo. Il valore di cessione del giocatore giallorosso è già vicino ai 20 milioni di euro (18.7 milioni), ben al di sopra di quello del secondo classificato, l’argentino del CA Unión Juan Ignacio Nardoni (5,2 milioni di euro).

Il romanista supera nettamente in questa classifica due altri giovani centrocampisti talentuosi come Ryan Gravenberch del Bayern Monaco e Fabio Miretti della Juventus. Secondo il report, le caratteristiche migliori dell’esterno polacco sono quelle legate ai cross e ai dribbling riusciti, alla creazione di occasioni e al recupero e alla distribuzione del pallone.

Fonte: football-observatory.com

Articolo precedente“ON AIR!” – MAGNI: “Frattesi destinato a diventare un gran giocatore”, PIACENTINI: “Per lui sacrificherei sia Bove che Volpato”, CIARDI: “Operazione societaria più che di Mourinho”
Articolo successivoMoggi: “La Juventus non ha mai rubato nulla, fu la Roma a farlo con lo scudetto del 2001…”

7 Commenti

  1. In portogallo l’ho visto bene , sembra tornato ai suoi livelli.
    Dajeee Nico 💪🐺🔥💛💖

  2. Per qualcuno che si lamenta dei Friedkin (Dan perdona loro…), con Pallotta presidente sarebbe già stato plusvalenzato sull’altare del fairplay economico…sich!

  3. … per dire, il mr. con i giovani non ci prende, MOU solo i campioni affermati!
    altrimenti non é buono, molti la vedono cosi no?
    Questa è statistica interessante, mi chiedo quanti campionati copra (pure i sudamericani o solo i principali europei? bho’…)

    Ora, vero che (per me) Zalewskj é stato “avvantaggiato” dall’infortunio di VINA (il sostituto preso per SPINA che, infatti, i primi 6 mesi fin dopo Natale andava fisso in campo 3 volte alla settimana, neanche il tempo di disfarsi i bagagli tra un volo e l’altro), e che, infortunato Matias e scoperto dal nulla ELSHA in quel ruolo… si e rotto pure il Faraone, da lì l’esperimento ZALE che ha sfruttato la chance mentre BOVE, un suo “pari”, ha sempre avuto davanti gente (almeno 1 più Miky o Lollo arretrati in mediana) sana e più affidabile, ancora, per il coach (e quando si rompe, per dire, CRISTANTE?)

    ma se ZALEWSKJ non avesse avuto doti importanti finita l’emergenza sarebbe tornato dietro piuttosto che prendersi il posto di prepotenza, e BOVE d’altrocanto avrebbe ricavato cmq più spazio fosse stato (per MOU) pronto eguale.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome