Col Napoli senza Llorente e Paredes. De Rossi spera in Lukaku

7
262

NOTIZIE AS ROMA – La sconfitta casalinga contro il Bologna lascia scorie non solo fisiche e mentali, ma toglie a Daniele De Rossi due calciatori importanti in vista della difficile trasferta di Napoli di domenica prossima.

Con i cartellini gialli assegnati da Maresca a Paredes (esagerato) e a Llorente costeranno ai due calciatori un turno di stop: né il centrocampista argentino né il difensore spagnolo saranno utilizzabili al Maradona.

Se lo stop del centrale iberico impensierisce fino a un certo punto (giocherà Smalling), pesa di più la squalifica del regista argentino: Cristante farà le sue veci, con Bove di nuovo titolare.

Qualche piccola speranza per Romelu Lukaku: il belga tenterà un recupero lampo per l’importantissima gara di Napoli. Compito difficile ma non impossibile per Big Rom, la cui assenza ieri si è sentita in campo. Oggi intanto Evan Ndicka effettuerà nuovi controlli a livello polmonare che chiariranno meglio la situazione. Anche l’ivoriano potrebbe tornare disponibile per la gara del Maradona, anche se l’obiettivo più realistico potrebbe essere l’Europa.

Fonti: Il Tempo / Corriere dello Sport

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedenteInter campione d’Italia in faccia al Milan: i nerazzurri vincono il derby (2-1) e festeggiano il titolo
Articolo successivoMaresca, il rapporto difficile con la Roma e il vizio dei gialli. E di Napoli disse: “Amo da morire questa città”

7 Commenti

  1. Vabbè….Mancheranno Llorente e Paredes, ma Smalling e Bove dovrebbero quanto meno farci stare un minimo tranquilli. E’ l’assenza di Lukaku che mi preoccupa. Spero solo ( sempre che Lukaku non recuperi) che Azmoun abbia convinto De Rossi e lo faccia partire tiolare. Ma prima ci sta lo scoglio- Udine,tutt’altro che semplice …..

  2. Per me se non vinci a Udine conviene puntare tutto sulla partita di coppa facendo turn overe a Napoli (poi se perdi l’andata con due o tre gol di scarto amen).
    Se avviene un miracolo e passi il turno con molta probabilità troverai l’Atalanta in finale e quindi potrebbe esserci il 6 posto in CL (sperando di non finire settimi in campionato e favorire la Lazio che potrebbe vincerle tutte) Pertanto con il pareggio a Udine oltre ai giocatori squalificati (LLorente e Paredes) non rischierei nemmeno Lukaku, Spinazzola, Pellegrini, El Sharawi e Dybala contro il Napoli.
    La Roma per arrivare in CL tramite il campionato deve fare in 5 partite 12 punti vincendo contro l’Atalanta e considerando il pareggio di Udine. Vuol dire perdere a Napoli e poi vincere le altre quattro che sono Roma – Juve, Atalanta – Roma, Roma – Genoa e Empoli – Roma.
    Quindi ribadisco proviamo a vedere l’andata di EL come và e poi si decide se abbandonarla e puntare sulle ultime quattro.

    • …se l’Atalanta arriva quinta (e noi sesti), la finale dell’Europa League con l’Atalanta non ti garantisce il posto in CL. La devi vincere, in quanto non scala il posto

  3. Bisogna andare a Udine a prendersi i 3 punti, con sangue agli occhi e coltello tra i denti.
    20 minuti da lupi veri e incazzati.

  4. Eccolo qua….arrivano i complottisti. Ammesso che sia così, ringraziate mourinho se il mondo ci odia, ma non credo sia così. Piuttosto mi domanderei come mai abbiamo perso? sarà che elsharawi e abrham non me hanno vista una? Sarà che Pellegrini ha fatto vomitare ieri? Sarà che il nostro centrocampo spinto in discesa con la quinta fa 40 km orari mentre gli altri volano? ecco perché abbiamo perso. Può un portiere con un passaggio rasoterra arrivare a servire un attaccante spaccando una squadra in due? Altro che complotto ieri abbiamo fatto pena ed aggiungo, se il futuro del centrocampo si chiama Leandro Paredes ora capisco perché dallo Zenit in poi non lo faceva giocare nessuno. Mai visto un regista, un calciatore che dovrebbe innescare la manovra di una squadra di una lentezza così…mai visto un regista che per fare un passaggio saltella muovendo il pallone 20 volte girando su se stesso con lo stesso piede…e questo sarebbe il campione da 5,5 milioni netti all’anno? Come continuare a buttare soldi….che schifo…spero che il nuovo ds cambi lo stato delle cose e due il giusto valore a bidoni del genere…

  5. Eccoli, i poverelli del calcio..basta una partita in cui siamo arrivati stanchissimi e con l’altra squadra fresca e riposata per far ragliare di nuovo gli asini.
    Meno male che state confinati in questa bolla, poveri mentecatti. Fate schifo pure allo specchio

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome