Conferenza JURIC: “Verona in emergenza, contro la Roma non so chi far giocare. Kumbulla? Era quello che mancava ai giallorossi”

26
3161

NOTIZIE AS ROMA – Ivan Juric ha appena parlato in conferenza stampa alla vigilia di Verona-Roma, prima giornata di campionato che si giocherà domani sera alle ore 20:45. Queste le parole dell’allenatore dei veneti sulla sfida contro i giallorossi:

Si riparte. Hai avuto più difficoltà di quanto pensassi?
Sì, molto. È una situazione difficile, domani saremo in emergenza, non so chi far giocare.

Quanto manca per completare la rosa?
Sapevamo che avremmo dovuto prendere tanti giocatori e che non sarebbe stato facile. Noi come società siamo visti diversamente rispetto all’anno scorso, e questo porta difficoltà. Ieri è arrivato Barak, oggi penso che Favilli sarà all’allenamento. Bisogna lavorare, non puoi buttarli dentro così. Poi ci vuole tempo, anche chi è arrivato a inizio ritiro fisicamente è molto sotto.

Bisogna dimenticare Amrabat? Si può lamentare del fatto che giocherete degli scontri diretti senza il vostro pubblico?
È tutto strano. Cercavamo di mettere giocatori al posto di chi è partito, poi quando li vendi a grandi squadre significa che sono giocatori top. Non è semplice sostituirli, bisogna alzare il livello di chi c’è. Per completare la rosa ce ne vogliono quattro o cinque forti. Finora abbiamo lavorato bene, il problema è che non avevamo alternative in casa. Adesso abbiamo preso giocatori che pensiamo possano sostituire i titolari che abbiamo perso, e abbiamo preso giocatori che potrebbero essere alternative in futuro. Bisogna metterne altri quattro o cinque. Per noi sarebbe fondamentale avere il pubblico. Quando uno arriva dall’estero e non parla la lingua, con un impatto così è diverso. Sono partite che giochi in campo neutro.

A che punto sono i nuovi?
Abbiamo grande difficoltà dietro, in mezzo e davanti (ride, ndr). Sono arrivati giocatori giusti per noi, ma soprattutto in difesa hanno bisogno di tanto lavoro. Magnani è fuori, Cetin è presente ma ha grandi margini, è molto indietro. Tamèze magari riesce a fare un tempo, Benassi non può giocare perché ha un problema al polpaccio. Gunter se riesce a fare un tempo è tanto. È una situazione di grande emergenza, ma rimango fiducioso che siano i giocatori giusti. È come se si giocasse tra un mese, per la situazione.

Bisogna cancellare la scorsa stagione?
Io cancellerei, è rimasto poco di quella base. Sono arrivati giocatori diversi, con caratteri diversi. Bisogna ripartire con le nostre idee e andare su quello. È finita, ci siamo divertiti, però basta: pensiamo al nuovo anno.

Sei soddisfatto o irritato?
Non arrabbiato, capisco le difficoltà. Penso che la società abbia lavorato tanto, ma abbiamo trovato situazioni che sono andate come non volevamo che andassero. Sono preoccupato per domani, per l’Udinese, per Parma, perché chi è arrivato è lontano da una forma accettabile. Abbiamo solo quattro o cinque giocatori con una forma accettabile. Abbiamo messo cose buone, ma ci manca qualcosa per concludere, e qualcuno deve uscire. Poi ci metteremo a lavorare.

Partite ancora sfavoriti?
Il fatto che partissimo come ultimi tra gli ultimi era stata la nostra forza. Quest’anno è diverso, da una parte ci saranno più difficoltà, dall’altra ci siamo permessi qualche titolo definitivo in più. È rimasto poco dello scorso anno.

A parte i portieri, hai bisogno di almeno un rinforzo per reparto?
Sulle fasce siamo a posto. L’attacco è completamente scoperto, sono andati via in tanti. In mezzo siamo abbastanza a posto, e dietro sono preoccupato, perché Dawidowicz ad esempio non riesce a riprendere bene e non mi dà tempo di far crescere i nuovi.

Benassi quanto starà fuori?
Ha avuto un infortunio alla fine dello scorso anno, ma secondo il nostro medico ha bisogno di un inserimento soft.

Dimarco sta bene…
Penso sia stato importante che abbia fatto sei mesi con noi. Sa esattamente cosa deve fare, per me sta crescendo bene.

Empereur può essere responsabilizzato?
Penso sia tra quelli che sono cresciuti di più. Domani giocherà, e poi vediamo.

Hai studiato la Roma?
Loro sono a posto. Io non ho un altro da mettere al posto di Gunter, e se va oltre rischia l’infortunio. La Roma gioca più o meno come lo scorso anno, dietro hanno preso Kumbulla, che è quello che gli mancava. Si parla di Dzeko o Milik, non cambia molto.

Spera di riavere Pessina?
È fattibile, il problema è che è infortunato. Ci vuole tempo, ma siamo molto attaccati a lui, a livello umano e come calciatore. Ha il nostro spirito, e vogliamo che torni. E anche lui vuole tornare a tutti i costi.

Cosa ti ha convinto a lasciare andare Verre?
Non lo so. Francamente non so che risponderti. Devi ragionare anche sui costi, fai valutazioni di questo tipo. E non decido solo io. Abbiamo deciso insieme di non tenerlo.

E Salcedo?
È come Pessina, stava crescendo ma non è nostro. Gli altri fanno inevitabilmente il prezzo. Ma mi piacerebbe averlo.

Come sta Zaccagni?
Ha fatto una settimana, è un ragazzo che ha bisogno di tanto lavoro. Quando trova continuità diventa importante. Può giocare per uno spezzone, ma non è in condizione per fare tutta la gara.

Qualche giovane potrebbe tornare utile?
Tra i Primavera nessuno può stare con noi. Devono crescere molto.

Che impressione ha sugli infortuni che avete avuto?
Ogni infortunio è diverso. Durante il post-Covid abbiamo massacrato i giocatori, specialmente noi. Gli infortuni di adesso sono diversi. Dawidowicz non riesce a recuperare bene, ha avuto un infortunio stranissimo. Gunter solitamente ha bisogno di più tempo. Magnani ha cambiato modo di lavorare, e per Lazovic è un infortunio che si è procurato in nazionale.

Pensi che le tue richieste possano essere soddisfatte in queste ultime settimane di mercato?
Devono essere soddisfatte, sennò è la fine. Se fai un mercato in uscita di un certo tipo devi fare un mercato in entrata all’altezza. I giocatori li sceglie D’Amico in base alle caratteristiche, poi ovviamente dobbiamo essere tutti d’accordo. Dall’inizio sapevamo dove dovevamo migliorare. Sennò rimani come prima, con giocatori che sanno quello che devono fare, ma senza miglioramenti.

26 Commenti

  1. Il Verona nonostante le cessioni,comunque di livello ha fatto e sta facendo comunque una bella squadra,merita di restare in serie a per molto tempo al contrario di squadre come Chievo Verona (ormai sceso) e Genoa che hanno un progetto non ambizioso. Comunque per adesso andrei da Manchester united a prendere Smalling, poi andrei a fare il triplo/doppio colpo dal Real Madrid prendendo Odriozola,Jovic,Nacho (ho detto triplo/doppio perché su Nacho ho qualche dubbio,se viene per fare il panchinaro ben venga sennò che rimanga li,a quel punto virerei su Izzo); poi andrei dall’ Arsenal a prendere Torreira (tenendo Diawara e cedendo Cristante). Poi se ci fosse la possibilità di fare un altro colpo ben venga sennò ritengo che per questa stagione andrebbe benissimo così (ovviamente prendendo Milik e cedendo Dzeko,che anche se non sono d’accordo ormai è quasi fatta quindi è sottinteso

    • Odriozola,Jovic,Nacho, sono giocatori del Real Madrid, con ingaggi da Real. Torreira andrà al Toro e non mi sembra sto fenomeno. Izzo, lasciamo perdere. Cristante (lo vuole qualcuno?) per ruolo naturale dovrebbe giocare in un reparto affollato, la metà campo avversaria. Ci vorrebbe un mediano vero, un centrocampista basso che fa girare gli altri, ma in questo momento anche in giro ne vedo pochi. da De Sisti a Di BA, a Giannini, a De Rossi, al Pek, ne abbiamo sempre avuti. ultima coppia forte è stata Strootman/De Rossi Naingoolan era adattato al ruolo, per caratteristiche giocava alla Perrotta. uno Strootman servirebbe, e si fanno tanti nomi, ma io giocatori così non so proprio…

    • Hanno si ingaggi abbastanza alti,ma Nacho se vuole provare a giocare qualcosa in più deve abbassarsi l’ingaggio,il Real ha aperto al prestito degli altri due. Izzo è un gran bel giocatore,se non ne vuoi parlare è perché consideri solo l’ultimo anno in cui ha giocato al Torino controvoglia. E Torreira è un gran bel giocatore ed è il centrocampista con i poedi buoni che chiede Fonseca

    • david one e comunque nostro se quest anno fa benen lo possiamo attivare il diritto di controriscatto a 15m

    • @andreas
      non penso sia piu’ cosi l’accordo, e’ stato rivisto in toto, solo se non si verificheranno alcune condizioni nei 2 anni di prestito, solo allora non si materializzera l’obbligo di riscatto.
      altrimenti non c’e’ piu’ il controriscatto.

  2. Pare ‘na tragedia, ma non mi dispiace per niente. E non è per “homo homini lupus”, ma proprio perché sono il Verona

  3. allenatore che già piange ancora prima di cominciare questa cosa mi puzza spero che la Roma non cada nel tranello e faccia la sua partita con la testa giusta e porti a casa i tre punti. Forza Roma

  4. La cosa che mi fa scompisciare è che quando fonseca dice che sarà dura col verona tanti ‘tifosi’ della roma dicono che mette le mani avanti perche la squadra si è indebolita, ora che juric piagne, è un fenomeno di pretattica. ‘tattica collaudata’ o tifosi romanisti un po ‘isterici’ per non dire altro….. Daje Romaaa gioca bene o ìgioca male lo vogliamo in nazionale’!!!!!

  5. Juric sei un volpone….il problema è che sicuramente la Roma ci cascherà in questo piagnisteo che ti mancano tutti i giocatori…e sicuramente entrerà in campo LEGGERA.
    Mister Fonseca, vedi di caricare a pallettoni i giocatori!! Sei un uomo educato e perbene, fuori le palle!
    DAJE

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome