Corsa e sacrificio: ecco Matias Viña, il terzino indicato alla Roma da Mou

31
836

AS ROMA NEWS – La Roma ha scelto il suo rinforzo per la fascia sinistra, resosi necessario dopo l’infortunio di Spinazzola: si tratta di Matias Viña, un calciatore che a molti risulterà essere sconosciuto, ma che sembra aver impressionato proprio Josè Mourinho, suo prossimo allenatore.

“Corsa e sacrificio”. Usò questi due termini per descriverlo Fabian Coito, ct della Sub20 uruguaiana vincitrice del Sudamericano di categoria in Ecuador nel 2017, quando gli chiesero due caratteristiche per fotografare Matias Viña.

Garra da uruguaiano, facilità di corsa e dotato di un ottimo cross, questo terzino sinistro di 23 anni dal piede educato, ma portato più a difendere che ad attaccare, è considerato uno degli esterni mancini più promettenti del calcio sudamericano. Tanto che, scrive oggi Il Messaggero, da Trigoria sussurrano che sia stato proprio lo Special One ad indicarlo a Pinto.

Nella Roma arriverà per contendere una maglia da titolare a Calafiori, almeno fino a quando Spinazzola si sarà completamente ripreso. Ma per questo ci sarà, purtroppo, bisogno di molto tempo.

 

 

Articolo precedenteDroni, barriere e pugno duro: il segno di Mou sulla Roma
Articolo successivoPinto non si ferma: ora c’è Senesi nel mirino

31 Commenti

    • aspettiamo il comunicato ufficiale, prima sono solo voci.

      i giornalisti stanno ancora facendo la roma di sarri

  1. Non lo conosco, quindi li affido a Pinto e Mourinho, è il loro lavoro.

    Però per curiosità domenica ho fatto un paio di partite su PES con l’Uruguay, tipo roccioso… Mi è piaciuto 🙂

  2. VIÑA. 09/11/97
    .Ha già vinto
    1 campionato uruguaiano
    1 Supercoppa in Uruguay 1 Coppa del Brasile
    1 Coppa Libertadores.
    Non male
    Certo , difficile sostituire SPINA : uno dei PIU FORTI LATERALI al mondo (, dura da ammettere per CHI ne aveva tanto criticato l’ acquisto ). però VIÑA anche se con altre caratteristiche sembra valido.
    GRINTA assicurata e fame calcistica

    • I filmati su youtube saranno pure fuorvianti e (pare) è pieno di intenditori-talent scout che la sanno lunga.
      Però dagli stessi filmati, di Matias Viña si evidenzia una cosa: vince molti rimbalzi sulla corsa, sia pur intercettati perché si allunga troppo la palla.
      Nel nostro campionato verrebbe a) contrastato in altro modo (non frontalmente ma, più spesso, con diagonali difensive per chiudergli gli spazi o entrando da dietro in recupero); b) raddoppiato perché gli spazi sono più stretti (il che è ancora più probabile).

      Inoltre, nelle uscite difensive dall’area, appare piuttosto allegrotto (qui il pressing sulle “seconde palle” fa parte dell’organizzazione di gioco da squadra media).

      Detto questo, e senza ripetere la tiritera che guardare youtube non serve a nulla, appare un giocatore potente fisicamente, veloce e dotato di un buon cross; e pure di un tiro non male.
      Quindi, per grinta e doti tecniche condivido il tuo commento: sul presupposto scontato che Mou lo “inquadrerebbe” su movimenti e giocate adatti al calcio europeo senza molte difficoltà.

  3. Ma non lo vede proprio, magari arriva…

    “contendere la maglia per un posto da titolare a Calafiori”

    Vorrei sapere chi a scritto l’articolo

  4. Sembra un buon giocatore e (per quanto vale) rispecchia la mia idea di terzino in una difesa a 4, cioè un difensore innanzitutto.
    Adesso un terzino dx dalle caratteristiche simili per chiudere una volta per tutte queste maledette fasce.
    Munoz del Genk sarebbe perfetto.

  5. Da quello che ho capito si tratta di un terzino più classico rispetto a Spinazzola, buono anche nella fase offensiva ma con doti da difensore.
    Ricordando lo schieramento dell’Inter del Mou, a dx c’era Maicon che spingeva come un treno ma a sx Chivu che garantiva l’equilibrio. Quindi direi che come profilo ci sta tutto.
    Semmai sarà interessante capire come trovare questo equilibrio una volta rientrato Spinazzola.
    Ma c’è tempo e non è il caso di pensarci adesso.

  6. Matias Viña, non lo conosco e neanche mi interessa andare a vedere video su YouTube, su di lui, perché tanto sono indicativi di nulla.
    Ma se è vero ché è stato segnalato a Pinto direttamente da Mourinho, penso che trovare un’altra persona che capisce di giocatori e di calcio rispetto a José Mourinho, sia abbastanza difficile.
    Per cui se lo ha segnalato lui c’è la garanzia

  7. Se Pinto lo prenderà riceverà i miei complimenti.
    Sinora ho apprezzato poco o nulla di quello che il nostro GM ha fatto, ma Vina a sensazione potrebbe essere un’acquisto azzeccato, la prima operazione che riceverebbe il mio plauso.
    Non conosco il giocatore ma “a pelle”essendomi visto un sacco di video sembra avere le caratteristiche giuste per sostituire il nostro Spinazzola.
    Chi parla di rientro tra 6 mesi è forse eccessivamente ottimista: dobbiamo considerarlo OUT per la prossima stagione.
    Se anche tornasse in campo nei tempi usuali (6-8 mesi) non sarà quello di prima perché dovrà recuperare (si spera) la massa muscolare che si perde significativamente dopo mesi di inattività totale.
    Di Vina mi ha colpito in particolare l’abilità nei cross che potrebbe finalmente favorire i nostri colpitori di testa.
    Pensavo che la società avrebbe messo solo una pezza a sinistra invece ha fatto un’investimento importante: bravi.
    Quando c’è da riconoscere un merito lo faccio sempre.

    • I nostri colpitori di testa??? Fatti salvi i corner, dove arrivano a saltare anche i difensori, noi specialisti nel gioco aereo davanti non ne abbiamo al momento.
      Dzeko è quasi negato malgrado la statura e pure Mayoral non mi sembra Pruzzo da questo punto di vista. Poi? Cristante forse, ma mi risulta difficile inserirlo tra i titolarissimi…

    • Mah io UB non vedo tutte queste lacune.
      Dzeko per me è estremamente abile di testa ed anche Majoral lo è abbastanza.
      Cristante è molto forte e lo è pure Pellegrini.

  8. VEGEMITE, ti sei misurato la temperatura? stai bene bello de Prohaska ahahah non mi far stare preoccupato eh ahahha Forza ROMA

  9. Dunque vediamo un po’. Lo ha chiesto muorinho, quindi è forte, in gergo romanista, il nuovo Roberto Carlos. Ma. A noi serve un sostituto di spinazzola, serve un terzino pronto. Il calcio però ci insegna, e quando dico calcio intendo numeri. Statistiche e riferimenti storici. Che i terzini brasiliani sono ali aggiunte e soffrono impatto col calcio europeo più tattico a fisico. Guardate Emerson Palmieri, tra Palermo e Roma ci ha messo 3 anni per maturare tanto da attirare le attenzioni della premier oggi è un giocatore fantastico. Vina, tra 2/3 anni sarà forse, veramente il nuovo Carlos, ma oggi è un giocatore che a noi non serve, sostituirà uno dei migliori terzini sx al mondo, e non è pronto per farlo al di là del forte o meno, perciò qualcuno lo ha detto sarcastimente ma rischia sul serio di fare la fine di Dodo’.

    • Lo ha chiesto Mourinho.. Significa che secondo lui, e pronto per giocare in Italia, che è pronto per il calcio Europeo..

      Ma infondo, Mourinho chi è?.. Solo perché ha vinto 25 titoli in carriera bisogna seguire le sue indicazioni?..

      Tony entra in società.. Fai tu i nomi, portaci i campioni veri, giocatori già affermati da 10 mln di ingaggio annuali..

      Ma già che ci sei, porta anche una 50 ina di mln con uno sponsor magari, sai per aumentare il fatturato e poter pagare ingaggi simili..

      E per finire, un po di sana informazione farebbe bene.. E Uruguaiano.. E generalmente sono molto diversi dai Brasiliani..

      Ed anche leggere questo articolo ti avrebbe fatto bene, dove si parla di giocatore che si preoccupa più della fase difensiva.. Magari avresti evitato di etichettarlo solo per un apparenza in base ad una nazionalità che nemmeno è la sua..

      Criticare e facile, tutti lo possiamo fare, costruire e più complicato, per questo alcuni nemmeno ci provano mai..

      Forza Roma.

  10. Dopo tanti anni che Dzeko gioca con noi ancora non si è capito che non è un colpitore di testa? Anche Schick era migliore in questo fondamentale (manca di scatto, non si carica con il collo e tende a colpire con la parte superiore della testa). In questo momento la Roma non ha colpitori di testa in attacco. Forza Roma!

    • Quindi quello Dzeko che è quasi imbattibile nei duelli aerei e che è tra i primi in Italia ed in Europa per goal segnati di testa è il fratello gemello?

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome