Damiani: “Celik è un terzino, non un esterno a tutta fascia. Giocatore completo, con Mou potrà solo migliorare”

22
550

AS ROMA NEWS – L’arrivo di Celik alla corte di Mourinho è ormai imminente, e il procuratore Oscar Damiani, massimo esperto del calcio francese, lo racconta dalle pagine de Il Messaggero oggi in edicola.

Che tipo di acquisto è?
“Lo conosco bene, l’ho visto giocare molte volte. Sa fare entrambe le fasi, meglio la fase difensiva, dove diagonali e coperture difensive sono il suo pane quotidiano, E poi ha una buona gamba, si muove bene sulla fascia. Gioca a destra ma se non ricordo male in emergenza è stato impiegato anche a sinistra. Lo ritengo un ottimo calciatore, di certo parliamo di un giocatore completo”.

È più adatto per una difesa a tre o a quattro?
“Chi lo prende sa che Celik è un terzino, non un esterno a tutta fascia. Quindi è perfetto per una difesa a quattro. Ripeto, sa difendere bene e all’occorrenza attaccare. Non è un goleador ma qualche rete la fa.. Poi i calciatori si adattano e magari, all’occorrenza, potrà fare benissimo anche in una linea a tre”.

È un calciatore che può far fare il salto di qualità al reparto?
“A meno che non sei un fuoriclasse, tipo Cafu, è difficile parlare di salto di qualità legato ad un solo calciatore, Quello lo regala la squadra e il gioco. Ritengo però che inserito in un contesto come quello della Roma, Celik darà certamente il suo contributo che può essere importante”.

Caratterialmente che tipo è?
“È uno di temperamento, ha una mentalità importante. Poi milita in una squadra che gioca un buon calcio che ha ottenuto ottimi risultati. È un buonissimo giocatore e la conferma è il fatto che non te lo regalano”.

Tra lui e Karsdorp c’è molta differenza?
“Sono due calciatori più o meno allo stesso livello. Forse Celik difende meglio anche se il calcio francese è meno tattico del nostro, mentre l’olandese è uno che guarda sempre in avanti. Ma con un bravo allenatore come Mourinho non potrà che migliorare”.

Fonte: Il Messaggero

Articolo precedenteDe Paul, l’Atletico lo scarica e prende Witsel. La Roma può ancora sperare
Articolo successivo“ON AIR!” – FOCOLARI: “Cristante superiore a Matic, non capisco il suo acquisto”, MAGNI: “Cavani come vice-Abraham? Mi sembra troppo”, CORSI: “La Roma fa benissimo a non far sapere niente del suo mercato”

22 Commenti

  1. È quello che scrissi in tempi non sospetti. Celik sarebbe un ottimo acquisto se si tornasse alla difesa a 4, e consentirebbe a Spinazzola di essere più offensivo, ma non sarebbe un granché come esterno a tutta fascia, dato che quel ruolo richiede capacità offensive che il turco non possiede. Ad ogni modo, è un terzino che, fase difensiva a parte, ha gamba, tempi d’inserimento e un buon tiro, quindi pur non essendo Maicon, anche da quel punto di vista può essere un valore aggiunto.

    • Ma se tu confermi il 3 5 2 e a sinistra alterni Spinazzola e Zalewski a dx poi ci vuole chi difende…. quindi acquisto sensato

  2. L’importante è che, mutatis mutandis, sia più o meno allo stesso livello di affidabilità dell’olandese.
    Sono troppi anni che, per un motivo o per l’altro, da quella parte del campo è grasso che cola se riusciamo a schierarne uno in grado di reggere dignitosamente il campo.
    Il turco potrebbe essere schierato nelle occasioni in cui pensi di aver bisogno di una maggiore copertura e Rick nelle altre in cui pensi di dover attaccare per gran parte della partita.
    Fermo restando che quest’ultimo non è il meglio che si possa desiderare in fase offensiva ma nemmeno così scarso nell’altra fase, in cui invece ha registrato dei buoni progressi.

    • Secondo me, Karsdorp è di medio livello in entrambe le fasi di gioco. Dal punto di vista difensivo se la cava quando sul lungo può sfruttare la sua potenza fisica, è bravo negli anticipi/chiusure, ma resta limitato nei duelli aerei e nel fronteggiare giocatori abili e rapidi nello stretto. A livello offensivo ha grandi doti atletiche (corsa e progressione) e ottimi tempi d’inserimento, ma non ha dribbling e crossa solo rasoterra, anche quando sono necessarie altre soluzioni.

      In generale, credo che con il ritorno alla difesa a 4, il turco abbia ottime possibilità di diventare titolare, essendo uno specialista in fase difensiva, e avendo doti offensive tutto sommato non dissimili. Discorso diverso se si restasse a 3/5, e allora in quel caso, credo che Karsdorp rimarrebbe più appropriato per quel ruolo, avendo più corsa e maggiore propensione offensiva.

    • Purtroppo io invece mi sono fatto l’idea che proprio in attacco Karsdorp dia il peggio di sé.
      Spero che la prossima annata possa vederlo tornare più fiducioso in se stesso, lo vedo sempre dare palla all’indietro, non crossa quasi più e non si azzarda mai a saltare l’uomo.
      Potrebbe anche essere un problema di tenuta atletica, e con un compagno di reparto che gli possa ridurre il carico di lavoro magari le cose andranno meglio, ma se devo giudicare oggi Karsdorp sarebbe terza opzione su quella fascia.

    • Io infatti ho detto che non è il massimo cui si possa ambire nel gioco d’attacco.
      Però è anche una questione di caratteristiche: abbiamo abbondantemente capito che non è Spinazzola, non ha nessuna qualità che gli permetta di saltare l’uomo da fermo.
      Invece, lanciato in velocità, arriva quasi sempre prima del suo avversario sul pallone.
      Nel 3412 non hai nessuno con cui tentare lo scambio e creare superiorità numerica sulla fascia.
      Diverso il discorso con il 4231, che lo solleverebbe dalla solitudine e dall’improbo compito di provare a dribblare il diretto avversario, fondamentale che manca completamente nel suo repertorio.

    • Scusate ma l ho notato solo io che karsdorp passa sempre la palla dietro ?!?quella fascia con lui è bloccata ed è un grosso neo di tutta la squadra, non sa crossare decentemente se non in rare occasioni .ripeto l ho già detto diverse volte, è un giocatore che per i mezzi che ha potrebbe fare molto ma molto meglio ,ma deve sbloccarsi e osare di più, allo stato attuale è poco più che un discreto giocatore ed è un gran peccato.

  3. Al posto di questo Celik,conosciuto solo da sua madre, avevo proposto Faraoni,giocatore di categoria,ben acclimatato alla serie A, dal costo e dallo stipendio abbordabilissimi.
    Niente, Pinto è specializzato nell’andare a scovare le più promettenti pippe a livello mondiale:
    dopo Reynolds (Nord America) è arrivato Vina (Sud America) e poi Maitland Niles ( Africa) e mò se ne esce con uno asiatico. Mahhhh

    • Credo che tu sia pronto per fare a compagnia a Paolo82, l’antropologo lombrosiano…una bella coppia, non c’è che dire!

    • Maitland Niles ( Africa).
      Sai che in un paese civile rischieresti una denuncia per una boiata di questo tipo?

      Ps: Faraoni ha 31 anni, molto ben acclimatato direi, poi dopo Watford, Novara, Perugia, Crotone, Udinese e Verona negli ultimi 10 anni direi che ha sempre mostrato di essere
      un campione irrinunciabile…

    • Nei tempi passati le variopinte personalità dell’autore del post, offrivano cahate quotidiane di varia forma, stampo variegato e con bersagli diversificati, ora si sono talmente intrippate fra di loro che si sono coalizzate verso un unico, inutile, grottesco e ripetivo refrain che porta ad un solo obiettivo : perculare Pinto.
      Ah, che pena signora mia, ‘na vorta qui era tutta campagna…

    • @Zenone…o chiunque tu sia….datte una regolata ….io capisco che è facile fare i leoni da tastiera…..o meglio i troll…che circolare qua dentro solo per aizzare le discussioni..che tristezza e che pena che fate

    • @anto…vatte a fa un tuffo nei navigli, senti a me.👈
      Agli altri comparoni, si commentano da soli 🕶️

  4. Celik a 7-8 ml sarebbe un’ottimo acquisto.
    A proposito di terzini destri il Parma ha ufficializzato Del Prato a 3.5ml: veramente un’affare considerato il valore del ragazzo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome