Dati Auditel: la Roma insidia il Napoli e stacca la Lazio

6
616

NOTIZIE AS ROMA – Sono stati diffusi i dati Auditel che considerano tutti gli ascolti di Dazn in Serie A. La Juventus occupa il primo posto con un totale di quasi 34,9 milioni di spettatori e una media di 1,29 milioni a partita.

Sul podio, al secondo posto, il Milan (29 milioni) e al terzo l’Inter (26,8). Segue il Napoli primo in Serie A ma quarto negli ascolti (26), quinta la Roma (25,2) e sesta la Lazio (16,5).

Un dato parziale visto che non tutte le squadre hanno giocato con tutte le avversarie e ad incidere anche la data e il giorno in cui vengono giocate le partite. Resta comunque determinante perché l’audience in tv è un criterio di redistribuzione dei ricavi tra i club.

Fonte: Il Messaggero

Articolo precedenteRoma “inarbitrabile”? I numeri dicono altro: è la quarta più disciplinata della Serie A
Articolo successivoLuca Di Bartolomei: “Papà si sparò e per anni mi sono sentito in colpa. Ecco cosa ricordo di quella mattina”

6 Commenti

  1. I dati auditel possono essere facilmente falsati.
    Mi ricordo, anni fa, quando Sensi chiese più soldi perché la Roma portava a Tele + il numero più alto di abbonati. Da quel momento, come per magia, cambiarono la formula di abbonamento: non più a squadre, ma a campionato.
    Ecco contro chi ha dovuto combattere il Grandissimo Franco Sensi. Un’associazione a delinquere, il tutto certificato da calciopoli e tutti i filoni di indagine.

    Una Vergogna.

    Poi i presidenti si lamentano del fatto che la Serie A un campionato che riscuote poco successo all’estero. Stadi indecenti e sempre vuoti, e soprattutto una mancanza di onestà.

    Trovo del tutto causale, e non casuale, il fatto che la Roma subisca dei torni quando Inter e Milan pareggiano o perdono.

  2. Ribadisco un concetto che vado dicendo da anni, ma chi si intende di tifo non lo dice mai, anzi lo ignora a cominciare dagli addetti ai lavori e dai “tifosi stessi di altre squadre.”
    Invece è “IMPORTANTISSIMO!”

    Tra le grandi città, i “pulcinella” sono quelli che hanno “UN’ UNICA” squadra.
    Ovvio che tutti gli abitanti la tifino ed abbiano allo stadio “due curve”
    In più si aggiungono anche tantissimi meridionali specialmente quelli che vivono all’estero.

    Facciamo che a Milano, Torino, Genova, Roma, fosse lo stesso.
    Poi ne riparliamo.

    FORZA ROMA SEMPRE!

  3. Il problema ,signori miei, non è rappresentato da quelli regolarmente abbonati,ma dai 3 milioni di utenze abusive,che in tal modo sottraggono risorse economiche che sarebbero destinate alle società di calcio,con la possibilità di colmare almeno in parte il gap con le inglesi e le spagnole.
    Queste statistiche pertanto mi lasciano indifferente : riguardano le persone oneste,
    i furbacchioni hanno numeri a parte; là senz’altro primeggia il napoli,con il famoso “pezzotto”.

    • questo è un pregiudizio che puzza di razzismo.
      come quando dicono che i romani non hanno voglia di lavorare

  4. La fonte, le fonti sono fondamentali per una corretta valutazione di un argomento…
    Io incrocerei qualche dato, perché sé (e ci credo) una certa stampa è surrogata a determinati poteri quindi, non credibile, potrebbe anche essere che i dati siano manipolati…
    Silenzio assoluto sui bilanci disastrati delle “solite” strisciate, dei suoi falsi in bilancio e delle truffe connesse, invece sempre pronti con articoli per decantarne le imprese…🤷
    💪🧡❤️

  5. Fortuna che non ci mostrano i dati delle prese per il cuxo che puntualmente fanno in Europa, le cosiddette armate del nord italia…

    Meglio de no, sennò l’Auditel sammoscia!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome