Dazn andrà su Sky, ma serviranno due abbonamenti (e più soldi)

29
909

ALTRE NOTIZIE – Il calcio tornerà (anche) su Sky. Dopo mesi di attesa, alla fine il doppio accordo è andato in porto, scrive l’edizione odierna de La Repubbica: Tim ha rinunciato all’esclusiva sull’app di Dazn che aveva acquistato per 340 milioni nell’inverno del 2021.

Certo, il calcio si vedrà ancora su TimVision. Ma ora la tv in streaming chiuderà l’intesa che già da maggio aveva trovato per trasmettere i propri contenuti anche su Sky. Non pensate a partnership commerciali o a sconti per gli abbonati, non sperate in vantaggi economici: il consumatore non avrà alcun profitto, se non la possibilità di vedere la Serie A senza interruzioni dovute alla connessione internet.

A patto di pagare 2 abbonamenti e quasi 50 euro al mese: i 29.99 di Dazn e i 19.90 del pacchetto Calcio di Sky. Come sempre in Italia, la soluzione arriva sul gong. O meglio, arriverà, visto che c’è ancora qualche dettaglio da limare (si aspetta la manleva di Dazn per consentire alla Serie A di rimettere in vendita gli highlights delle partite, a cui Sky è molto interessata). A neanche dieci giorni dall’inizio del campionato, il pubblico scoprirà di pote vedere la propria squadra anche sul caro, vecchio decoder.

L’app di Dazn girerà regolarmente su Sky Q, che permette di accedere ai contenuti Sky con una connessione internet anziché la parabola. La novità è che gli abbonati potranno accedere anche a un canale sul bouquet: la programmazione del canale sarà decisa da Dazn, che potrà decidere cosa trasmettervi giorno per giorno. Ma questa soluzione permette a chi ha un decoder di superare il problema della linea internet che salta, scongiurando il rischio “rotellina”.

Certo, dovrà pagare: nessuna promozione, per vederlo sarà necessario sommare i 2 abbonamenti. Da capire anche se Dazn chiederà una cifra extra per la visione del canale sul satellite.

Fonte: La Repubblica

Articolo precedenteDybala chiama Belotti. Shomurodov o Felix: chi gli farà spazio?
Articolo successivoTottenham in pressing su Zaniolo: i giocatori inglesi lo chiamano, la Roma apre a un incontro

29 Commenti

  1. Ma la Consob non dice nulla? L’Antitrust? Dormono? Il mercato che dev’essere competitivo e quindi un vantaggio per i clienti?

    (Il calcio femminile non si dice nulla? Sarà sempre su Tim Vision?).

    • La Consob è morta come i sindacati. Fanno gli interessi del potere e cioè banchieri e governi…sottomessi al sistema. 🤘

    • idi,
      è così in tutto il mondo, a noi piace lamentarci ma siamo uno dei paesi che paga meno per il calcio. Quanto al Francia. E la Ligue 1 è una serie B.

    • Peraltro non capisco perché sarebbe scongiurato il rischio rotellina. Se la trasmissione avviene via internet, chi invia il segnale è dazn come la stagione scorsa, chi riceve il segnale è il tuo router, come la stagione scorsa, il fatto che passi dentro il decoder skyq, in che modo accelererà la trasmissione? Bah ci capisco poco io forse.

    • Copio e incollo per coloro che curiosi volessero dare un’occhiata…ce ne sarebbe bisogno di capocce come questa qui perché da qualche commento che leggo è forse giunta l’ora di mandare tutti a fare popò..
      Il male minore o il meno peggio (da appaiare con l’altra formula scriteriata del «tanto peggio tanto meglio»). Si potrebbe trattare in forma di apologo (ricordare il detto popolare che «peggio non è mai morto»). Il concetto di «male minore» o di «meno peggio» è uno dei più relativi. Un male è sempre minore di un altro susseguente possibile maggiore. Ogni male diventa minore in confronto di un altro che si prospetta maggiore e così all’infinito. La formula del male minore, del meno peggio, non è altro dunque che la forma che assume il processo di adattamento a un movimento storicamente regressivo, movimento di cui una forza audacemente efficiente guida lo svolgimento, mentre le forze antagonistiche (o meglio i capi di esse) sono decise a capitolare progressivamente, a piccole tappe e non di un solo colpo!
      Forza Roma, sempre!

  2. Ladruncoli da quattro soldi! Poi dicono che uno si fa la iptv…Che babbi…Se mettessero prezzi cristiani la pagherebbero tutti senza problemi.

  3. 50 euro al mese per vedere qualche partita di serie A 😂 questi se so impazziti, AIUTOOOOOOO 🆘

    Dazn ha i giorni contati…è destinata al fallimento!

  4. Scusate ragazzi illuminatemi…io l’anno scorso ho fatto dazn…posso usare solo dazn o per forza devo fare anche l’abbonamento a Sky?

    • Puoi tranquillamente continuare a vedere DAZN come hai fatto l’anno scorso.
      Quest’anno in più c’è la possibilità di vedere DAZN direttamente attraverso il decoder di sky (ovviamente per chi lo ha)

  5. Questo schifo tutto italico 🤮🤮🤮🤮🤮…

    Se ci fosse un popolo vero……

    Nessuno farebbe un abbonamento….
    50 euri per essere preso per il ciulo…..

    Potete fallire tutti quanti…..

  6. Da ormai cinque anni, dopo 12 di abbonamento alle pay tv, ho deciso di mandarli al macero per tutta una serie di ragioni, che vanno dalle pretese economiche per un servizio di qualità complessivamente scadente, al trattamento da paria riservato alla Roma e i suoi tifosi.
    Le partite le vedo in streaming in P2P, in qualità spesso superiore a quella propinata dai detentori dei diritti, con un commento il più delle volte in una lingua che non mastico, ma risparmiandomi le insulse parole dei pigiamati che spesso vengono spediti a seguire le partite della Roma.
    I soldi risparmiati li spendo in un Roma Store quando ho occasione di passarci, con la certezza che finiscano nelle tasche giuste.
    Per me possono fallire tutti, anzi spero che ciò avvenga nel più breve tempo possibile…

    • Link qui non è permesso metterne. Comunque non è complicato googlare mettendo insieme la marca di una nota candeggina seguita da “stream”.
      E’ un protocollo P2P che funziona molto meglio del tradizionale IPTV in cui un server sovraccarico si freezerà ogni 10 secondi.
      Qualità HD (reale, cioè almeno 1080p) e pochissimi blocchi. I più affidabili sono i russi, se riesci a sopportare di non capire niente (ma è sempre molto meglio rispetto a comprendere le boiate che dicono dall’Italia…).
      Per trovare i siti coi link giusti consiglio vivamente di cambiare i server DNS sul proprio PC o dispositivo che usi abitualmente, perché molti di questi sono oscurati dagli ISP italiani.
      Spero di essere stato utile…

  7. “Le partite le vedo in streaming in P2P, in qualità spesso superiore a quella propinata dai detentori dei diritti, con un commento il più delle volte in una lingua che non mastico, ma risparmiandomi le insulse parole dei pigiamati che spesso vengono spediti a seguire le partite della Roma”. Pienamente d’accordo con quanto detto da @UB40. Se il sottoscritto deve pagare 50 euro per: L’assenza di segnale, Un Assistenza Tecnica che fa schifo, Telecronache scadenti e di parte, se lo possono scordare😑 Mai pagato un cents a Sky e Dazn e continuerò a farlo👌

  8. Non c’entra un ciufolo…. Ma occhio all’aia, è pieno de strisciati e pigiamati…. Figuriamoci i cronisti che manderanno a vedere la Roma…. BASTA INTRALLAZZATORI NEL CALCIO. VOGLIAMO UN CAMPIONATO REGOLARE SENZA IMBROGLI….. FORZA ROMA SEMPRE.

  9. L’italianata sui diritti del calcio è arrivata e come sempre è quella che accontenta le aziende ma non i clienti. Tim dopo la maxi sola della scorsa stagione è arrivata a più miti consigli per ammortizzare i soldi buttati. DAZN dopo le sberle degli abbonamenti e i soldi spesi ha deciso di ampliare il bacino di visione e SKY potrà dire agli abbonati che possono vedere nuovamente DAZN sul decoder. Il tutto per la modica cifra di 50 euro al mese. Nessun accordo per l’interesse del cliente ma accordo totale per gli interessi delle aziende. Alla fine non cambia nulla ma si mette una pezza per cercare di non fare figure di mexxa anche questa stagione. Il cliente deve solo pagare e accontentarsi senza troppe pretese. Questo è il risultato che ha prodotto un Lega calcio che sta ormai alla canna del gas e che pensa solo ad intascare soldi. Di questo passo ne intascare sempre meno ragionando così.

  10. stikazzi io non gli do una lira da anni…..radiocronaca e poi sintesi….questo sport da me non avrà mai piu soldi…..ho gia dato…

  11. Rimango della mia idea: un prodotto quasi “vitale” in Italia come il calcio, non può essere distribuito principalmente tramite il web perché troppe zone rimangono a livelli ridicoli in quanto a connessione.
    Per dire, a casa dei miei fino ad un paio di anni fa avevamo come picco di download, circa 40 kbit (non Byte, bit, otto volte più piccolo) al secondo. Roba che una partita la vedi dopo un paio di settimane dalla sua fine. E temo che sia così ancora un po’ ovunque fuori dalle zone fortemente abitate.
    PRIMA si fanno le infrastrutture adeguate, POI si spinge il pubblico ad utilizzarle. Fare al contrario non funziona granché bene

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome