DE ROSSI: “Farò dei cambi, ma non stravolgerò la squadra. In Europa dobbiamo prendere esempio da Mourinho” (VIDEO)

27
746

AS ROMA NEWS – Daniele De Rossi parla in conferenza stampa alla vigilia di Feyenoord-Roma, gara di andata del playoff di Europa League che si giocherà domani.

Di seguito tutte le dichiarazioni dell’allenatore giallorosso sulla sfida con gli olandesi, sulla condizione della squadra e sui possibili cambi di formazione:

Che cosa si prova a tornare qua in un’altra veste? E’ la prima da allenatore in Europa…
“Sono contento di esordire così in Europa. Il 14 febbraio è il compleanno di mia figlia, l’anno scorso mi avevano appena esonerato, ma sono grato, a volte dobbiamo ricordarci che siamo fortunati. Sappiamo che da quella partita che ho giocato io ci sono state altre sfide col Feyenoord. Il clima sarà infuocato, ma sul campo ci vanno i giocatori e le idee, dobbiamo pensare a quello”.

Se dovessi scegliere una partita in Europa del tuo passato?
“Non lo so, ce ne sono state tante belle ma non abbiamo mai alzato la coppa. Ci siamo rialzati spesso su dopo batoste tipo quel 7 a 1, ma se devo scegliere un episodio forse Roma-Barcellona, anche per la forza dell’avversario e per l’Olimpico, è stata una notte assurda. Noi dobbiamo tornare a essere una delle prime squadre d’Europa”.

Pellegrini sembra ritrovato, come sta? E’ sbagliato pensare di trovare il risultato a ogni costo o preferisce vedere la crescita della squadra?
“Pellegrini lo valuto da quando sono qui, sia come essere umano che come guida come capitano che in campo, e non potrei essere più contento. Migliora, fa sempre più cose che vorrei vedere io in campo da lui. Non posso che ringraziare i miei giocatori. Sul risultato, il percorso è bello e comodo se fossimo all’8 luglio, quando giochi contro i boscaioli, qua nel frattempo devi vincere le partite. Il risultato è sempre importante, voi parlate di giochisti e risultatisti, ma i risultati sono fondamentali per ogni allenatore”.

Che differenza c’è tra la Roma tua e quella di Mourinho?
“Io ho studiato parecchio la Roma di Mourinho, vedevo sempre le partite da tifoso, non so quanto sia differente, con Mou hanno ottenuto ottimi risultati in Europa e dobbiamo prendere esempio da quel percorso. Poi ogni allenatore ha le sue idee e darà sempre qualcosa di diverso da quello precedente”.

Come vedi il Feyenoord?
“Squadra che mi ha impressionato, sa giocare a calcio, gli esterni sono di grande qualità e gamba. Ho grande rispetto per gli elementi che ha, sarà una bella partita. C’è sempre stato equilibrio anche se ultimamente ha vinto sempre”

Se giocherà Gimenez cambierà il tuo approccio?
“No, se non giocherà lui giocherà il sostituto. Gimenz è un giocatore molto forte”.

Utilizzerai la panchina domani o per il Frosinone?
“Qualche cambio verrà fatto, perchè ho fiducia in tutti nella rosa e non solo a chiacchiere. Non vorrei fare 11 cambi a Frosinone, se cambi troppi giocatori li metti in difficoltà o in condizione di fare la loro miglior performance. Cambieremo, ma non 11 giocatori”.

Angelino ha bisogno di riposare?
“La scelta verrà fatta in base a mille cose, Angelino ha giocato due partite di seguito, Spina sta bene. Amo avere due terzini così diversi, come stazza e gamba, la cosa mi piace, è un vantaggio per l’allenatore perchè ogni partita è diversa dalle altre. Sono tranquillo nella scelta, non è solo un discorso di condizione fisica”.

Cristante?
“Sta bene, è partito con noi e può giocare”.

Non ci sono i tifosi…
“E’ un peccato, spesso le tifoseria ospiti ci hanno dimostrato come si possa accompagnare la propria squadra con amore. Giocheremo anche per loro”.

DANIELE DE ROSSI A SKY SPORT

Un anno fa eri al compleanno di tua figlia…
“Sì, ero sommerso da bambini alla festa di mia figlia. Ero stato esonerato poche ore prima dalla SPAL ed ero corso a Roma per la festa e per stare con mia figlia. Sorridiamo, mi devo rendere conto di essere qui. Lavoriamo tanto giorno dopo giorno per essere all’altezza”.

La prima in Europa?
“Intrigante, emozionante. Ho iniziato questo percorso un po’ in fretta e furia, mi elettrizza, mi tiene sempre sveglio. La prima partita all’Olimpico non è che fosse meno eccitante di questa. Sto scoprendo tutto, voglio dare il massimo a prescindere da quanto durerà”.

Come stanno Dybala e Lukaku?
“Bene, hanno lavorato bene in questi pochi giorni in cui ci siamo allenati. Li ho trovati molto bene, anche di morale. Si lavora meglio dopo le vittorie, ma sono contento di come stiamo lavorando”.

Che squadra è il Feyenoord?
“Una squadra di qualità, con molti elementi interessanti. Sa giocare a calcio, sarà complicato recuperare la palla. È una squadra interessante, che viene da un percorso abbastanza positivo. Massimo rispetto”.

Ndicka?
“Non è ancora tornato. Ho trovato una chiamata durante la conferenza ma non gli ho potuto rispondere. Arriverà venerdì e sarà bello allegro e felice. Gli faremo i complimenti, lo aspettiamo con ansia perché è un giocatore importante. Saremo contenti di avere tutto il gruppo finalmente, manca solo Tammy, ma non dovrebbe mancare neanche troppo”.

Quale difficoltà maggiore hai incontrato?
“Tante. C’è tanto tempo, tante cose da fare. C’è tanto extra calcio, c’è il mercato, ma fortunatamente sono stato messo in condizioni di fare il mio lavoro, sia da parte della società, dei proprietari e dei dirigenti. Le difficoltà ci saranno sempre, anche quando avrò 60 anni, però farlo in una società così organizzata e con giocatori così forti è più facile”.

Articolo precedenteSVILAR: “Spero di fare una grande partita. De Rossi sta portando fiducia, con lui più costruzione dal basso”
Articolo successivoDe Rossi ne cambia quattro per il Feyenoord: Lukaku non riposa

27 Commenti

  1. In Europa il confronto con Mou è obiettivamente difficile ma l’obiettivo adesso è solo passare il turno contro il Feyenoord. Forza Roma!

    • Il confronto è con il Feyenoord e la Roma è quella del nuovo corso, il vecchio non esiste più.
      I confronti sono la cosa più antipatica che possa subire una persona.

    • Confronto impossibile perché Mou in Europa non si è mai vergognato di essere pragmatico per portare a casa il risultato..
      DDR con la partita contro l’Inter ha dimostrato di volere portare avanti prima il suo gioco e dopo il risultato, secondo i diktat di Spallettiana memoria (che in Europa non ci portarono bene per onestà e neanche con il Napoli raccolse qualcosa).
      Speriamo che stasera DDR ci smentisca e faccia un bagno di umiltà e punti al risultato.
      Però credo che neanche la società (se ancora esiste qualcosa di simile a Trigoria) glielo abbia chiesto.

    • Asterix falso mito pure questo. I gol del 2-2 e del 3-2 sono stati presi su cross dagli esterni. Sulla punizione di Barella (a centrocampo) la difesa si trovo al limite dell’area di rigore, non sulla a trequarti.
      Poi ti potevi chiudere a cercare di fare blocco basso dentro l’area per 45 minuti, ma non è detto che funzionava manco quello. Guardare Juve, Napoli e Roma-Inter dell’andata.

  2. “…qua nel frattempo devi vincere le partite. Il risultato è sempre importante, voi parlate di giochisti e risultatisti, ma i risultati sono fondamentali per ogni allenatore”.
    Applausi… 👏👏👏

    • Mi ha fatto morì quando ha parlato di partite coi boscaioli nella preparazione estiva. Dice quello che deve dire, non fa mai eccessi o errori

    • Tranquillo la squadra è nettamente più forte basta mettere la difesa a centrocampo e attaccare a capoccia bassa per 45 minuti.
      il secondo tempo come viene viene poi c’è il ritorno .

  3. Fuori tema ma attuale.
    Il quarto posto, con l’Atalanta in gran forma, per noi è una chimera, stasera mi turo il naso e spero che vinca la Lazio, se poi vincessero anche le altre italiane c’è la possibilità concreta di entrare in Champions col 5° posto.

    • Per chi non ne fosse a conoscenza, attualmente siamo primi nel ranking UEFA per nazione 2° Inghilterra, 3 Germania; le prime due nazioni avranno anche la 5° squadra in Champions.
      Pertanto capisco che la vittoria della Lazio col Bayern fa rodere assai, ma in realtà ci dà una grandissima mano allontanando la Germania dal 2° posto.
      Se poi preferite la seconda Conference in bacheca, è inutile parlarne.

    • Grazie Pogo non sapevo della possibilità del 5 posto.
      A quel punto basterebbe superare solo Bologna e tenere a distanza le altre.
      Sarebbe sicuramente più fattibile

  4. Daje DDR !!!
    Chissà cosa stavano facendo gli altri alle ore 22, io scrivo sempre in queste ore notturne, a quell’ora stavo leggendo gli articoli qui ed un pò di post ma senza mettermi a scrivere, stavo guardando la tv con la mia compagna.
    Gli sbiadiditi formellesi li considero poco e niente ma purtroppo ho avuto la curiosità di controllare un solo istante il risultato con la speranza che potessero prendere la sveja dal Bayern ed invece mi è toccato tirare un insulto ad Upamecano che ha causato il disastro.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome