DE ROSSI: “Inter battibile come ogni squadra, sono straconvinto che possiamo vincere. Il funerale di Losi? Distrazione grave, chiedo scusa” (VIDEO)

69
1334

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Alla vigilia di Roma-Inter, a Trigoria va in scena la conferenza stampa di mister Daniele De Rossi.

L’allenatore giallorosso risponde alle domande dei giornalisti sull’impegno contro i nerazzurri di domani pomeriggio e sulla condizione psico-fisica della sua squadra. Ecco le sue dichiarazioni:

Con quale coraggio e proposta state preparando questa partita?
“Il coraggio che devono avere i giocatori forti, e noi ne siamo pieni. Ogni squadra del mondo è battibile, e lo è anche l’Inter che è la squadra più forte del campionato. Ora si alza il livello, cambia la metodologia di preparazione alla gara, loro sono abituati a tenere il dominio del gioco in pugno, ma sappiamo che possono soffrire. Sono forti, ma anche noi e possiamo fare una grande partita”.

Cosa è successo con il funerale di Losi?
“Io non ho chiesto la data e il luogo, la partita e il post partita mi hanno distratto. E’ stato un errore. Se fosse accaduto due mesi fa non sarebbe successo. So che rapporto c’era tra me e lui, e il figlio è molto simile a Giacomo. Mi dispiace tanto, ma non so cosa posso fare. La distrazione è grave. Non ero impegnato, non ho fatto niente tutto il pomeriggio. Ho chiesto scusa, queste cose non le avevo mai sbagliate. Spero che finisca qui”.

Che partita ti aspetti da Lukaku?
“A me basterebbe che facesse la stessa partita col Cagliari, ha giocato per la squadra, ha tenuto palla, ha allungato la difesa avversaria, e ha tirato 5-6 volte in porta, e così facendo farà tantissimi gol. Poi c’è l’emozioni di giocare contro l’ex squadra, ci sta di toccarla di meno ma perchè la squadra avversaria è forte”.

La Roma ha faticato contro le big, da cosa dipende secondo lei?
“Non è una casualità, nel calcio non esiste. Ma sono scontri diretti dove io non ero l’allenatore. Vediamo come va domani, se ci saranno ancora queste problematiche, ci sta che perdi quando giochi contro squadre forti, ma noi anche siamo forti e prima o poi toccherà anche a noi fare una grande partita contro una big. Sappiamo che ci sono dei livelli in campo che parlano: Juve, Inter e Milan sono tanto forti. Io sto cercando di far partire un percorso che non so quanto durerà, ma che possa permettere alla Roma di vincere queste partite qui. Noi prima di queste partite qui ne abbiamo vinte tante, eppure l’Inter era sempre forte. Problema di testa? Parliamo di giocatori che hanno vinto mondiali, europei…sarebbe offensivo dire che hanno un problema di testa a giocare contro le grandi. Noi cercheremo di non perdere il braccio di ferro, e che stavolta spinga dalla parte nostra”.

Hai giocato tanti Roma-Inter, hai un ricordo particolare di questa partita?
“Tanti anni ci siamo giocatori scudetti e coppa Italia, era diventata una lotta a due. Vincevano quasi sempre loro, e sono stati più bravi. In campo però c’è sempre stato rispetto. Mi dispiace non tornare a San Siro, che è lo stadio più emozionante dopo il nostro. Sarà una sfida altrettanto bella a quelle del 2008 e 2010, l’obiettivo è tornare presto a misurarsi punto a punto e non con 20 punti di distacco”.

Quanto può cambiare il ritorno di Smalling per la fase difensiva? Sanches è ancora fondamentale?
“Sanches è fondamentale come gli altri, avremo tante partite e saranno tutti utili. Si stanno accorciando le distanze fisiche, la condizione sta tornando. Quello che vedo mi piace, e sono convinto che saranno tanto importanti per noi”.

Come si prepara mentalmente una partita del genere? El Shaarawy è uno che dà strappi, è tornato centrale…
“Rispetto sì, ma la spocchia serve, serve la spavalderia. Giochiamo a casa nostra e siamo la Roma, se porti troppo rispetto poi diventa paura e perdi le partite. Ci saranno momenti in cui soffriremo, ci saranno dei momento in cui ci potranno schiacciare, ma un conto è farlo per 10 minuti, se lo fai per 50-60 minuti significherebbe consegnargli la vittoria. Noi dobbiamo andare in campo convinti che possiamo vincere, non è un sogno, possiamo farlo. Il Sassuolo ha battuto l’Inter. Nella partita singola sono stra-convinto che possiamo vincere. El Shaarawy? Sta avendo un’evoluzione mentale importante, prima era un po’ troppo morbido, leggerino specie nei contrasti, ora è diventato un giocatore vero. Quando entrava lui sembrava sempre che poteva cambiare la partita. Mi piace lui come Zalewski, e io punto tanto su entrambi. Per ora Stephan può darci qualcosa in più, ma ci tengo tanto anche a Nicola. Se giocherà domani? Mi tengo un po’ di tempo in più per pensarci, ma non posso dirti se gioca o no sennò, altrimenti capite la formazione…”

Giovedì c’è il Feyenoord, ci può stare l’inserimento di Bove o dei cambiamenti tattici?
“Ci possono stare dei cambiamenti, ma prescindere dalla partita di giovedì. Metterò la squadra migliore per vincere domani. Poi Bove e gli altri giocheranno, ma non facciamo rotazioni o cambiamenti tattici in base alla partita successiva”.

Per tanti sei un predestinato. Per Daniele De Rossi chi è il De Rossi allenatore?
“Non lo so. Del predestinato leggevo un paio di anni fa, poi dopo la Spal pochi pensavano ancora che lo fossi, e in pochi hanno puntato su di me dopo aver cambiato allenatore. Era giusto così dopo quei 4-5 mesi non positivi. I predestinati per me non esistono. Un po’ per caso mi sono trovato nel posto dove vorrei fare l’allenatore per tutta la vita, e cerco di farlo al massimo. Il fatto che sia arrivato qui può essere una casualità, ma anche un segnale importante, e mi fa interfacciare con una parte del calcio che conosco meglio rispetto a un anno fa. Ora mi godo questa avventura, che non so quanto durerà, ma che mi sta piacendo molto”.

 

 

Articolo precedenteIl calcio pronto a cambiare: arriva il cartellino blu e l’espulsione a tempo
Articolo successivo“ON AIR!” – FERRAZZA: “De Rossi lasciato allo sbando come Mourinho”, CORSI: “Il silenzio del club mi fa pensare che i Friedkin stiano per andarsene”, CARINA: “Inter distratta dalla Champions, la Roma può approfittarne”

69 Commenti

    • Si scusa sulla questione Losi!!!
      Molto apprezzabile e sincero.
      Bravo DDR.

      Ma la società dov’è???
      Ancora una volta latitante e inutile lascia da solo l’allenatore.
      Mi cominciano a stufare parecchio!!!!
      Sto entrando in una fase di fastidio nei confronti dei Friedkin

  1. “Siamo pieni di giocatori forti” ma quelli fortissimi sono pochi (forse due). Un grande allenatore è anche fortunato, vediamo.

    • Un grande allenatore ottiene il 100% da quasi tutti i giocatori e li valorizza con idee di gioco razionali e adatte a quello che ha.
      La fortuna isolata è il caso, la “fortuna” che invece capita più spesso è merito dello sforzo e delle abilità di persone di valore.

  2. Questo signore quì sa quello che dice e quello che vuole. A me personalmente infonde molta fiducia,nonostante la sua poca esperienza. Ma quella si acquista solo col tempo. Per domani quindi,pur sapendo della superiorità degli avversari mi aspetto una partita gagliarda comre era lui da giocatore. L’unico appunto,se così si può dire,vorrei vedere Bove a centrocampo,se non altro mi sembra l’unico che abbia lo stesso passo dei centrocampisti avversari. Ma se De Rossi dovesse decidere in un altro modo ci sarà un motivo. Per cui fidiamoci di lui e….Forza Roma , daje DDR ,facci sognare!

  3. E cosa è successo? un allenatore che crede nei suoi giocatori, un allenatore che affronta le avversità con ottimismo, un allenatore che parla di calcio…

    Benvenuti nella normalità.

    Mi è mancata.

  4. Mister,
    hai controllato il meteo? Domani dà pioggia sulla Capitale…
    Probabilmente il campo sarà pesante…
    Vabbè, sono sicuro che c’hai già pensato da te…

  5. Alla fine perdere per perdere, sempre meglio giocarsela… Anche in previsione delle partite dopo. e in cerca di dare fiducia ai giocatori.
    Roba più opposta da Mou non poteva esserci, vediamo che succederà

  6. Persona onesta e intelligente che conosce l’ambiente romanista meglio di chiunque altro. Sa che molti lo aspettano al varco, che alcuni arrivano pure a gufare contro, che alla prima sconfitta inizieranno i processi e i paragoni. Ma da persona intelligente non si farà intimidire, c’è solo da sperare che i giocatori continuino a andargli dietro.

    • Non credo che ci sia qualcuno che gufa contro la Roma pur di veder fallire DDR.
      Quel trattamento vergognoso è stato riservato solo a Mourinho.

    • @Kawa: non so se c’è chi ha gufato Mourinho, l’unica cosa che so è che di sicuro non io. Anzi sono partito con entusiasmo, poi scemato di settimana in settimana, ma mai mi sono messo a guardare una partita della Roma sperando che non vincesse o robe simili.
      Su De Rossi ? In questi giorni abbiamo letto di tutto, che ha giocato contro nessuno, che le abbiamo anche rubacchiate (!!! detto da tifosi della Roma!!), che mo’ vediamo quando usciamo con uno 0-5 con l’Inter, che il “barbetta” è un furbacchione, e i pollici versi ai gol della Roma ecc. ecc.
      Questo è quanto si è letto qua sopra in questi giorni. Ma forse ti eri preso una vacanza.

    • Se dovessi scegliere tra le svariate accuse lette su questo Forum, quella del “vi faccio arrivà decimi” la trovo tra le piu’ infami. Riporto quanto segue: “Nel pezzo dei giornalisti Carlo Bonini e Marco Mensurati si parlava di un gruppo di senatori composto da De Rossi, Manolas e Dzeko che chiedevano l’esonero di Di Francesco e l’allontanamento da Trigoria di Totti all’epoca dirigente! Arrivati al 2023 il Tribunale di Roma ha dato ragione all’ex calciatore condannando il giornale, il direttore e i due giornalisti al risarcimento danni per un ammontare di 27mila euro più il pagamento delle spese legali ovvero circa 9mila!” Somma che se ben ricordo, è stata devoluta per intero al Bambin Gesu’! Alla faccia di chi approfitta dell’anonimato inventandosi balle inconsistenti! Sempre Forza Roma💛💖

    • Tu Sop non lo hai mai gufato? Io non lo so fare, invito però chi è bravo, solo per amor di verità, di riesumare i tuoi commenti.

    • @Sop,
      probabilmente io e te abbiamo orizzonti diversi… il mio va un po’ oltre il sito.
      Mi ero preso una vacanza, dici? Ma perché questo per te è un lavoro?

      Che ci sia stata gente che ha sperato che la Roma perdesse pur di vedere Mourinho fallire, non è una mia opinione è un dato di fatto, è la triste realtà (che tu non sia tra questi è abbastanza irrilevante, credimi).
      Gli antimourinhani si sono manifestati da subito, appena ha assunto l’incarico, con motivazioni legate più che altro (dato che il palmares era inattaccabile) all’antipatia per la persona, successivamente rinvigorita dai risultati deludenti (resterà sempre il dubbio su cosa sarebbe successo dopo Budapest senza l’accoppiata Palomino+Taylor, ma con i se e con i ma non si fa la storia).

      Viceversa, la maggior parte di quelli che sono stati definiti “mourinhani” (compresi, a rigore, tutti noi abbonati almeno di Curva e Distinti) oggi sostiene convintamente e in modo compatto DDR (che è uno di noi).

      Tutto qua. Poi siete liberissimi di continuare a vivere nel virtuale.
      Stammi bene.

    • Di rapaci notturni ne ricordo tantissimi volteggiare sopra la testa di Di Francesco e Fonseca.
      Mourinho ha goduto senza dubbio della più alta percentuale di gradimento da quando è stata inventata la panchina della Roma.

    • Grande Basara, commento ineccepibile che andrebbe scolpito su pietra in memoria a chi ha partorito e continua a farlo con tanta infamità gratuita nei confronti di DDR,Capitan Totti e qualcun altro…naturalmente escludendo da questi il ristoratore de Bostonne per motivi che tutti sanno, e cioè: In caduta libera Con Ballotta, il fallimento su tutti fronti, il peggior presidente della storia della AS Roma

    • Kawa se tu che scrivesti che ti saresti preso una pausa o qualcosa del genere, chiamala come vuoi, pure a me le tue battaglie personali, le tue convinzioni di essere quello reale perché paga un biglietto mentre gli altro sono “virtuali”, e pure i tuoi orizzonti mi interessano veramente poco, sei un nickname su un forum, magari se ti conoscessi dal vivo sarebbero più interessanti, qui sopra sono di una noia terrificante. Continua con le tue battaglie, io continuo a dire quello che penso, il forum è qua per questo, a posto così.

  7. Io dico vittoria con gol di Lukaku che fa il saluto sotto il settore ospiti.
    Olimpico che scoppia e li rimannamo a casa zitti e muti.

  8. Molti amavano le conferenze di Mou, quando perculava i giornalisti, quando sminuiva i calciatori, quando parlava preventivamente degli arbitri.
    Che bello sentire un allenatore che è orgoglioso di quello che ha a disposizione e della fiducia nella squadra. Poi magari domani non andrà come speriamo, ma questo è sicuramente un percorso di crescita.
    “Il coraggio che devono avere i giocatori forti…e noi ne siamo pieni”… applausi

  9. De Rossi è un affabulatore che dice quello che la gente vuol sentirsi dire.
    Mourinho diceva quello che pensava.
    Tutta qui la differenza,ma non è roba da niente.

    • 1 mese che è andato via il Pifferaio e ancora parli di lui … vatti a fa toglie l’incantesimo Zeno’

    • mah … secondo me è tutto alla rovescia… Mourinho un incantatore capopopolo, tutto chiacchiere e distintivo… Daniele De Rossi sì che (come ha fatto sempre) dice quello che pensa… e chi sostiene il contrario vediamo quanto coraggio di coscienza ha…. Daniele De Rossi c’ha giocato sul serio a calcio e non è un teorico “fattosi sui libri” come qualcun altro…

    • Io non penso che DDR sia un affabulatore.
      Penso che si sia rimboccato le maniche e abbia preso molto sul serio questo impegno, considerando anche che allena la squadra del cuore.
      Però è vero che in alcune sue risposte mi è parso di sentire un ufficio stampa concordato, repliche a telecomando già concordate perché bisogna prendere le distanze con quello che è stato.
      Mi ha un po’ fatto storcere il naso, per tanti motivi, comunque spero che siano solo scorie delle quali ci libereremo presto, occorre tornare a vincere con regolarità e adesso c’è il lavoro di Daniele.
      Che non significa che non abbia una precisa idea su quello che è stato fatto a Mou. Però domani c’è l’Inter.

    • Eccerto, “ero a casa e non stavo facendo niente” è da affabulatori.
      Invece “Amo il romanismo puro” quando gli chiedevano del rinnovo, era da sinceri.
      Apposto cosí.

    • Urka! Io fino a un mese fa avrei giurato che Mourinho dicesse esattamente ciò che “lagggente” voleva udire.
      L’indice di gradimento era altissimo, poche le voci dissonanti prontamente bullizzate e ridotte al silenzio.
      Forse aveva ragione Churchill allora, “40 milioni di fascisti prima della guerra e 40 di antifascisti dopo ma in Italia non ci sono 80 milioni di persone”.

    • Sei più inconsolabile del buon vecchio zazzaroni, mettetevi in contatto per rivangare i bei vecchi tempi di mou. Almeno vi fate forza a vicenda

    • Zeno, non mi pare proprio un affabulatore. Se una cosa non gli si può rimproverare è la mancanza di sincerità.
      Che poi non sia uno stupido non guasta.

    • Io non condivido sempre l’idea di Zenone ma capisco quante aspettative e amore aveva e anch’io, riposto in Mourinho, che è il prototipo del vincente, poi sappiamo com’è andata, tutta colpa sua , tutta colpa della società, gli arbitri o i giocatori, per me è un po’ di tutto.
      Io la mia parte l’ho fatta sostenendo Mourinho sino all’ultimo e lo farò anche per DDR .
      Noi tifosi romanisti semo splendidi e non capisco perché ce dividemo sempre su ste cose, forse il troppo amore, ce sta.
      SFMROMA

  10. Mou diceva che ha una rosa modesta
    DDR parla di una rose forte
    Vedremo chi ha ragione
    Io dico che a parte la sconfitta con la prima della classe cosa può succedere?
    Possiamo fare peggio di come abbiamo fatto finora negli scontri diretti?
    Meglio giocarsela secondo le proprie idee e le proprie qualità.. Ma attenzione alle ripartenze Inter, questi corrono tutti e 10 tutta la partita
    In Inter Roma alla andata abbiamo fatto un tiro i n porta in 95 minuti, abbiamo perso e mou diceva che abbiamo fatto una buona partita… Punti di vista! Io credo che vedere giocare la roma negli scontri diretti era una sconfitta annunciata, tutti in difesa nessuna idea in attacco, squadra arrendevole, d d’altronde se hai l idea che la tua rosa è modesta meglio difendersi, ci sta…. Io credo che. Qst rosa valga di più di quello che ha dimostrato e DDR lo dimostrerà, poi se si perde contro l Inter, pazienza, ma almeno te la vai a giocare rischi di vincerla

    • mou non aveva terzino sinistro, né vice Dibala e tutti rotti fino a 1 mese fa.
      vedi tu..
      La verità è che è andato inviso sulla società dopo finale di E.L.

  11. Mah. Sembra che i tifosi si siano dimenticati che per primi attaccavano la squadra e soprattutto avevano i loro bersagli preferiti: Mancini, Cristante, Rui, Zalewski, Karsdorp etc… Ora il mantra e’ che siamo pieni di giocatori forti. E giù applausi. Chissà dov’è finito lo striscione del 12 gennaio?

  12. A mio avviso questo è ciò che si chiama grande comunicazione, a partire dal prendersi le proprie responsabilità senza cercare scuse per una brutta caduta di stile occorsagli per il funerale di Losi.
    “Ero a casa e non stavo facendo niente”…leggi sono un essere umano e sbaglio e quando lo faccio lo riconosco. Tutti, tutti, siamo umani e sbagliamo, non ci sono immuni all’errore.
    Un leader che ammette le proprie colpe inchioda i suoi subordinati a fare lo stesso con l’esempio.
    Grande DDR! A San Siro ci andrai il prossimo anno.

  13. Abbiamo aperto le finestre e si respira aria nuova, fresca.
    Dopo quasi tre anni, si è tornati a parlare di calcio e dell’utilità di qualche giocatore ed anche di chi sta fuori da tempo.
    Quanto alla sgradevole vicenda Losi, passiamo oltre.
    La cosa è imperdonabile, e ognuno farà i conti con la propria coscienza.

  14. Io la vedo così domani:
    il Mister chiederà audacia e sangue freddo, prontezza e abnegazione, mordi e fuggi.
    E lo considero giusto.
    Ma poi in campo vanno i giocatori…
    E nessuno ha la cazzimma di DDR!
    Ergo, ci imbriglieremo tra chi ha le palle e chi no!
    Ne verrà fuori un “vorrei ma non posso”, soprattutto se seppur partendo con un piano efficiente poi ci fregasse l’Inter al 1° tentativo.
    Non si può affrontare una squadra forte e collaudata, che gioca a memoria, con una tattica “che sta nascendo adesso” e nei piedi di gente che il coraggio lo deve scoprire in itinere.
    Mi auspico una partita accorta, attenta e “fulminante” nelle poche occasioni.
    Qualcosa come “l’ultima giocata a San Siro”, con l’aggiunta di più cattiveria nei momenti topici.
    E che Dybala e Lukaku ci assistano….
    FORZA ROMA

  15. il nuovo mantra è che abbiamo giocatori forti che non sono stati valorizzati dal precedente allenatore
    e i Friedkin gongolano, non servono grandi investimenti, qualche ritocchino, qualche parametro zero perché siamo già competitivi.
    W la Pax Romana di De Rossi

    • I giocatori sono questi fino al termine del campionato, forti o pippe che siano. Sinceramente non so se gridare ogni settimana ai 4 venti che la rosa è piena di pavidi, traditori, sopravvalutati, inadatti, rammolliti e scarsi tecnicamente possa aiutare i giocatori a dare qualcosa in più durante la gara. Provate a farlo voi in continuazione e pubblicamente con i vostri figli, con la vostra compagna, con i vostri colleghi, con i vostri amici, con i vostri studenti o apprendisti e poi osservate i risultati di questo atteggiamento.
      Qui non vale il fatto che sono professionisti, il professionismo non contempla la disponibilità ad essere insultati pubblicamente e si misura su altri aspetti.
      Penso che sia importante, per un allenatore, lavorare sull’autostima e convincere i propri giocatori che possono fare molto di più perché ne hanno la capacità, anche se sono modesti.

  16. sinceramente non abbiano nessuna speranza di vincere, sarà una sonora sconfitta, come sempre torneremo sulla terra dopo 9 punti e il.solito errore di sentirsi improvvisamente campioni del mondo. mi aspetto comunque una prova di coraggio e di perdere con onore, questo almeno è obbligatorio.

  17. Ha fatto mea culpa su Giacomino Losi, non si è nascosto dietro ad un dito. Grande uomo Danielino. Amo le sue conferenze stampa.

  18. Crediamo in te per tutto quello che hai detto, Losi compreso….c’ero rimasto parecchio male. Lui da lassù ti ha già perdonato, mo dedichiamogli una vittoria degna. Daje Roma

    • Si scusate se ho usato il plurale…ogni tanto mi viene in mente di quando i tifosi erano compatti, almeno su certi argomenti.
      Sul sarcasmo del medium, io credo che l’anima di chi va via, per prima cosa è incapace dei sentimenti beceri che circondano sta razzaccia e quindi sia disposto al perdono. Specie di chi è in buona fede. E io credo in quella di De Rossi. Ma se volete polemizzate che vi fa bene

  19. Io personalmente ho un carattere simile a De Rossi, sono spavaldo e sicuro di me…sempre, ma questa mia convinzione , magari esagerata mi ha aiutato a fare cose che nemmeno pensavo di poter iniziare, la mentalità e la schiettezza mi fa impazzire, di solito gli allenatori si buttano avanti per non cadere indietro, per paura che se il risultato poi sarà diverso, fanno una figuraccia ..ma de che? comunque sotto questo punto ha un grande carattere e se i giocatori lo seguono nelle sue convinzioni, le cose cambiano 🤗

  20. De Rossi ha detto quello che doveva dire, apprezzabili le scuse per la figuraccia su Losi; giustamente la Roma non può partire già sconfitta, le sue parole lasciano trasparire un messaggio forte e chiaro: ce la giocheremo. Poi visto il divario tecnico si può anche perdere, ma penso che ci si divertirà

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome