DE ROSSI: “Roma coraggiosa, miglior partita di Lukaku da quando sono qui. Se a Udine non saremo feroci i giocatori non mi avranno capito”

29
621

AS ROMA NEWS – Mister Daniele De Rossi si presenta davanti ai microfoni dei giornalisti per parlare di Milan-Roma, gara valida per l’andata dei quarti di finale di Europa League.

Di seguito tutte le dichiarazioni dell’allenatore giallorosso rilasciate alla stampa nel prepartita e poi al termine del match:

DANIELE DE ROSSI A SKY SPORT

Non era facile ripetere la stessa situazione del derby. Quali elementi le sono piaciuti di più?
“La gestione del pallone è stata per 65-70’ molto buona. Abbiamo tenuto bene palla, per portare loro fuori soprattutto. Quando vengono forte abbiamo bisogno di andare verticali. Oggi abbiamo visto per me la miglior prestazione di Romelu da quando sto lì, ci ha aiutato, ha fatto bene le sponde. A volte valutiamo gli attaccanti dai gol, oggi ha fatto una gara che vorrei vedere sempre da lui. Volevo questo”.

Non è facile fare questo palleggio a San Siro.
“Avevamo avuto un paio di partite in cui l’avevamo fatto meno bene, in maniera più lenta a Lecce, la Fiorentina ci aveva attaccato bene. Nel derby lo avevamo fatto bene, oggi ancora di più. Delle volte si pensa che più la squadra avversaria è forte più è difficile tenere palla, invece per me in alcuni casi può essere il contrario. Grandi giocatori in fase offensiva delle volte ti lasciano gli spazi, ci vuole anche il piede fermo, che non tremi”.

Hai parlato tanto di carattere alla vigilia della partita, cosa ti ha esaltato maggiormente della squadra?
“Un po’ tutto, il coraggio di tenere palla e la forza di difendere negli ultimi minuti: il calcio è anche questo, soprattutto quando giochi contro queste squadre. Bisogna avere un atteggiamento da provinciale diciamo. Una squadra deve saper fare tutto. Dopo Lecce avevo detto a loro che non accettavo neanche un centimetro in meno di quello che è stato l’atteggiamento del derby. Poi si possono sbagliare i passaggi e posso sbagliare io, ma l’atteggiamento che ho visto al derby non possiamo tenercelo solo lì e a Milano. Se a Udine l’atteggiamento è meno feroce e da squadra vera, allora ho ancora tanta strada da fare e i giocatori non hanno capito quale è l’atteggiamento da tenere. Queste partite vanno fatte anche in campi più piccoli, a Lecce ci ero rimasto male perché avevamo fatto una brutta partita”.

La scelta di El Shaarawy a destra? Quanto sta migliorando la sua squadra senza palla?
“Il percorso è lo studio, ma non c’è bisogno di studiare il Milan, ha campioni ovunque. Arrivare in corsa su Theo sarebbe stato troppo, quindi  abbiamo fatto questa scelta (El Shaarawy a destra, ndr). Avevo parlato con Stephan, gli avevo detto che avrebbe giocato a destra e lui è stato super positivo e io ero tranquillo”.

Si è visto il miglior De Rossi della stagione. Hai recuperato alcuni giocatori come Celik.
“I giocatori in fiducia hanno anche un atteggiamento fisico e corporeo negli allenamenti che li porta ad avere lo stesso atteggiamento in campo, è una catena dall’aspetto mentale a quello tattico. Gli avevo già detto che mi fidavo di loro e che sono davvero orgoglioso del loro atteggiamento e personalità, anche i giocatori più blasonati che lottano come sanno fare le squadre più piccole”.

DANIELE DE ROSSI A RAI SPORT

Primo tempo vostro.
“Sì, bella gara. Siamo contenti, era la partita che speravamo. Sapevamo che era difficile, soprattutto nell’ultima parte di gara. Abbiamo mantenuto bene il palleggio. Sono contento”.

El Shaarawy?
“Sapevamo che fisicamente non potevamo abbassare Paulo su Theo. Bryan non poteva fare quel lavoro solito su THeo. Abbiamo spostato El Shaarawy che si è dimostrato tranquillo. Sapevamo che poteva fare questa partita”.

Cristante squalificato?
“Sono tranquillo, abbiamo tanti giocatori che possono sostituirlo. Lui è un grande giocatore, che spesso copre qualche situazione pericolosa”.

Mancini?
“Gioca bene con la palla, sa colpire la palla di testa sapendo di far gol. Sono contento, ma devo citare tutti. Smalling è stato sereno dopo tanto tempo, Lukaku ha fatto una gara magnifica”.

La gara di ritorno?
“Sarà simile, volevano vincere per chiudere il ritorno. Se giochiamo per pareggiare, facciamo una figuraccia, dobbiamo giocare per fargli male sapendo che loro saranno più avvelenati rispetto a oggi”.

DANIELE DE ROSSI IN CONFERENZA STAMPA

Ha visto i derby persi dal Milan per replicare la prestazione di oggi?
“Ho visto tantissime partite, il mio staff ne ha viste tantissime; loro lavorano anche la notte per trovare id ettagli che magari possono risolvere le partite. Grandi idee nascono anche da squadre che hanno perso contro il Milan. Abbiamo guardato anche i derby ovviamente, ma ho guardato tanto il Milan”.

Grande partita dei tuoi terzini…
“Leao e Pulisic non sono giocatori normali, i terzini hanno fatto una partita super e sono soddisfattissimo di loro”.

Grande mossa El Shaarawy a destra…
“Siamo contenti, abbiamo preparato la partita a tutto tondo: doveva andare tutto bene per vincere col Milan. Penso che con le squadre forti devi tenere più palla tu, perché magari Leao prende 20 palloni invece che 50 e fa meno male. Poi quando ci hanno pressato forte era importante non cincischiare e andare su Lukaku: oggi miglior prestazione di Lukaku. Poi negli ultimi 15 minuti abbiamo giocato da provinciale. L’abbiamo fatto anche al derby negli ultimi 10 minuti, così come oggi. Il calcio è tutto quanto: saper palleggiare in faccia a squadre forti come il Milan, saper essere verticali e sapere fare le barricate negli ultimi minuti. A questo livello, le squadre se vogliono attaccano e non puoi fermarle, devi rimpallare i tiri”.

Quattro clean sheet di fila…
“La solidità difensiva parte da tutto, a cominciare dal dargli un po’ meno la palla rispetto a quanto siamo abituati a tenerla. Poi abbiamo alzato il livello di attenzione. Ci vuole tempo per provare i concetti. Al corso di Coverciano ci dicono che non puoi pensare di non prendere gol; Ulivieri ci dice di scegliere come prendere gol. Ci vuole tempo per assimilare le cose, ma secondo me stiamo venendo fuori bene. Ho detto alla squadra che non accetto un centimetro in meno dell’atteggiamento visto nel derby, poi possiamo anche giocare bene o male…”.

Come gestire il ritorno?
“Loro sicuramente pensavano di poter vincere in casa, per poter poi gestire il ritorno. L’atteggiamento loro quindi potrebbe essere lo stesso, ma se facciamo 90 minuti all’Olimpico come gli ultimi 10 qui siamo spacciati”.

Sostituzioni un po’ in ritardo?
“Mi stavano piacendo per ordine, per quello che concedevano al Milan e quindi li ho tenuti in campo e forse ho impiegato troppo tempo per fare i cambi. A volte, si fanno i cambi perché sembra obbligatorio farli, soprattutto avendone 5, ma io devo cercare di mettere a posto le cose che non vanno bene e, invece, mi sembrava che le cose andassero abbastanza bene, a parte un momento in cui il Milan ha attaccato di più”.

DANIELE DE ROSSI AI CANALI DEL CLUB 

“Molte emozioni, sono contento. Non vincevamo qua a San Siro dal 2017. Ai giocatori ho detto proprio che una volta venivamo qui e giocavamo alla pari. Loro sono forti ma lo siamo anche noi. I ragazzi sono stati molto bravi, hanno giocato con fiducia e sono molto soddisfatto”.

Come e quando è nata l’idea di El Shaarawy a destra?
“È nata nella preparazione della gara. Ho uno staff clamoroso, a volte arrivo e loro hanno già fatto tutto. Loro mi hanno aiutato molto in questa scelta, sono giorni che ci pensiamo ma non potevamo distrarci perché ci sono tante partite. Sapevamo di dover mettere qualcuno da quella parte, avevamo fatto varie ipotesi e poi abbiamo pensato che Stephan fosse quello giusto. Abbiamo parlato con lui e si è reso subito disponibile. Il mio staff mi ha dato una grandissima mano”.

 

DANIELE DE ROSSI NEL PREPARTITA

Il ritorno di Smalling?
“Lui è un giocatore che ha tante gare in Europa, è forte. Quando facciamo scelte, le facciamo anche su due partite. Avrei voluto farlo giocare in una di queste due importanti, Diego ha giocato benissimo con la Lazio. Oggi toccherà a Chris, sono sicuro che farà bene. L’abbiamo visto bene anche in allenamento”.

Spinazzola cosa può garantire rispetto ad Angelino?
“Ha caratteristiche diverse. Magari Angelino con due tocchi ti fa uscire dalla pressione in maniera unica, Spina ha uno strappo diverso, porta palla in mezzo al campo. Ci dà soluzioni diverse e dobbiamo essere noi bravi a riconoscere le caratteristiche dei giocatori”.

Quali sono le vostre convinzioni?
“Le convinzioni le abbiamo salde. Delle volte si può cambiare idea e fare errori, l’importante è che siano convinti i giocatori, dipende da come tu lo trasmetti e dai risultati”.

Che effetto fa a livello emozionale questo stadio?
“Un effetto che conosco. Un’altra visuale: sono fermo. Ho ancora meno tempo per vedere lo stadio pieno, in ogni secondo nella partita c’è qualcosa a cui pensare e dire. Sono abituato”.

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedentePIOLI: “Il pareggio ci stava. Il loro gol viziato da un precedente fuorigioco. Se c’è una squadra che può ribaltare questo risultato è il Milan”
Articolo successivoComanda la Roma

29 Commenti

  1. Mister una partita alla grande con un gioco con palla in avanti che a scardinato il Milan mai la palla indietro una grandissima partita che poteva anche finire con un goal in più per la Roma. Grandi💛❤️🇮🇹

    • Smentiti tutti quelli che ieri paventavano chissà quali complotti arbitrali ai nostri danni. A dirla tutta anzi qualche decisione di Turpin c’è stata benevola.
      Partita giocata benissimo dalla Roma.
      De Rossi ci ha messi in campo ben compatti e corti senza dare spazio allo spettacolo e alle verticalizzazioni del Milan che ci avrebbero fatto male e sfruttando per segnare il solito calcio piazzato.
      Nel secondo tempo Roma più mourinhana che sa soffrire e anche una discreta dose di chiul….che non guasta.
      Ora ce la giochiamo bene al ritorno fra le mura amiche.
      Andiamoci a prendere questa semifinale.

    • Considerazioni
      La roma ha imbrigliato in modo impeccabile il Milan ,de rossi giocatore ha uno spessore di lettura e preparazione delle partite che il prete se losogna ( per non parlare come giocatore)
      Svilar se non erro sono 5 partite che non prende goal abbiamo trovato un portier e con essa una difesa che regge.
      il milan magnificato dai media, sopratutto da carta straccia rosa, ma in buona sostanza squadra umorale , la rosa dipinta come una armata che distrugge tutto .
      il mitico leao veramente un bluff sparisce nelle partite che contano fa il fenomeno solo in italia e sappiamo quale e’ il livello delle squadre italiane.

      e da ultimo non si puo’ sentire la telecronaca dei 2 sulla rai talmente faziosi l adani ha caldo ” come non si ouo’ dar un rigore cosi evente”…..
      e ultima pillola per il prete,quando a Sky hanno tirato la linea e fatto vedere che potrebbe essere in gioco, pioli non ha più l affermato questa cosa. Ha parlato di check var, che però non può esserci per un calcio d’angolo.
      Testa bassa e concentrati per giovedi prossimo ci sono ancora 90 minuti , quello che ni rincuora le parole di derossi abbiamo cc che possono sostituire cristante,(ma mancini al suo posto , quando lo lancio garcia se non sbaglio…..)
      con umilta’ e lavoro sodo ci prenderemo la semifinale
      daje roma

    • DDR ieri sera mi hai definitivamente convinto.
      Grande prova anche di tutti i giocatori.
      Non è finita ma l’olimpico giovedì giocherà accanto alla squadra e faremo un bel casino..!
      Dai ora 3 punti pure a Udine…
      Forza Roma, sempre!

  2. squadra che ha dimostrato di avere due palle come due mongolfiere.
    e l’atteggiamento è tutto merito di Mister De Rossi.
    daje che con lo stesso mindset, la semifinale se pó ffá…

    • Esatto. Ho visto uno spirito di sacrificio e una resistenza grintosa quasi al livello di Mou, ma con in aggiunta una gestione della palla con più qualità ed efficacia. Ennesima riprova che Daniele non è un integralista nel suo modo di vedere il calcio da allenatore, ma una persona dall’intelligenza rara. È davvero un piacere averlo con noi, e spero vivamente che resti a lungo (a patto che se lo meriti, ovviamente).

  3. Scelte di formazione perfette, ha letteralmente demolito il punto di forza del Milan, tra l’altro esponendo Hernandez ad una figuraccia, perché di difendere su Elsha non ne aveva proprio voglia, con il faraone che si è battuto in difesa e si è spinto in avanti, giocatore al top. Celik, Svilar ed Elsha erano 3 panchinari, che invece si stanno rivelando ogni partita tra i migliori in campo. Come ha detti Ancelotti il calcio è semplice, a noi ora mancano solo i gol del centravanti, ma secondo me arriveranno presto.

  4. DDR bravissimo oggi la vittoria la dobbiamo a lui.
    Oggi ha dimostrato che può far crescere questa squadra.
    La mossa di Elsharawy (modello Delvecchio) fantastica!!
    Lukaku modello Dzeko che fa salire la squadra.
    Daniele sta prendendo tutto quello che gli ha dato il campo nel suo essere allenatore. È un predestinato!!

  5. Sono amareggiato per una partita quasi perfetta abbiamo vinto solo con un goal di scarto é l’unica cosa negativa della serata insieme al cartellino giallo di Cristante

  6. A Udine è la prova del nove. Dopo due partite così e alla vigilia di un’altra fondamentale il pericolo dello scarico nervoso è dietro l’angolo ma non possiamo permettercelo.
    Se Daniele riesce anche a sfatare questo nostro atavico difetto, cosa gli vuoi dire, sta facendo cose che nessuno poteva immaginare.

  7. I completely agree with your comment, but I would like to remind you that “mindset”, in Italian means “mentalità” hence, why not say it in Italian instead??????

  8. Un DDR cé solo un DDR, un DDR…….
    Lo vogliamo dire oppure no che hai avuto il talento acuto per far uscire questa squadra dalle
    sabbie mobile dove stava sprofondando.
    Io te te lo dico, sei bravissimo anche da allenatore, senza nulla togliere ai fantastici tifosi che supportano in tutto e per tutto questa squadra ad oggi tu sei il 12 uomo in campo.
    Benedetto quel giorno che hanno scommesso su di te🫶❤️

  9. Sognavo questa partita!
    Anzi, è andata pure meglio e paradossalmente sto a rosica’ perché il risultato giusto era il doppio vantaggio…!
    Tattica Derossiana e difesa Mourinhana.
    Mix perfetto, quindi, vincente!
    Che gioia vedere IL NOSTRO DANIELE COSÌ !!!
    FORZA ROMA

  10. O.t.:‘Na tristezza i cori milanisti, parono bambini deficienti.
    Tizio pezzo di m.., Semrpnio vaffan….., la mamma di Mevio è una putt…., e poi via a rotazione con gli altri giocatori.
    Fatta eccezione x gli ultimi 10 minuti è stata così x tutta la partita. Ripeto, ‘na tristezza…

  11. Rinnovare con urgenza e subito il contratto a De Rossi, ormai è una certezza e dopo 3 mesi non è una casualità, ha vinto fuori casa contro il bilan con una genialata tattica da top allenatore. Abbiamo quindi un grandissimo allenatore (a prescindere da come finirà la stagione) che nonostante il grande dispendio di energie fisiche e nervose del derby, molto più dispendioso rispetto al match casalingo dei milanari contro il Lecce, la Roma per una bella ora di gioco ha fatto una capoccia come un dindarolo in trasferta al bilan.
    Se De Rossi avesse uno squadrone a disposizione come il City oppure il Barça degli anni nei quali vinceva tutto, non sarebbe assolutamente da meno di Guardiola.

  12. La cosa che proprio non mi va giù che nonostante siamo saliti al 7° posto del ranking uefa a pari merito del Lipsia scavalcando anche il Chelsea non ci fanno partecipare al mondiale per club anche per colpa delle porcherie arbitrali che ci sono state riservate e che ci hanno impedito di andare in Champions in questi anni.

  13. D’accordo con De Rossi su Udine….. Stessa testa e stessa ferocia se vogliamo tornare a casa con i tre punti. Ma ci pensiamo da domani…..Oggi se gode!

  14. …diciamo pure che inevitabilmente dove lascia Mourinho l allenatore che gli succede non può nn far bella figura.
    Però Mourinho per la crescita della squadra è stato importante.
    Certo che DDR è stato bravo a prendere in mano una situazione che poteva degenerare e l ha rimessa in carreggiata.
    Comunque, se dovessi scegliere, preferirei il quarto posto alla semifinale di EL.. ed a leggere l intervista DDR la pensa come me.

  15. Buongiorno a tutti.
    Bello quando il saluto mattiniero non è una frase fatta.
    DDR ha tanti meriti, ma io voglio incensarne il coraggio, il suo e quello che trasmette ai giocatori.
    In un quarto di finale di EL ha schierato per la prima volta titolare Smalling, nonostante l’inglese fosse fuori da inizio stagione e nonostante il fatto che Llorente nel derby sia stato tra i migliori in campo. Al netto della traversa presa dopo la funambolica azione di Chukuweze Giroud è stato completamente annullato.
    Non ha rinunciato alla filosofia di gioco, anzi insistendo col giro palla basso tra portiere e centrali. Forse qualcuno, ancora memore dei metodi prudenti adottati in precedenza, avrà avuto qualche brivido con tutti quei passaggi in area con gli attaccanti avversari a pochi metri, ma questa tattica ha completamente disorientato il Milan, annullandone la capacità di recupero palla, facendoli correre tanto ed a vuoto ed ha aperto grandi spazi in profondità che forse avremmo potuto sfruttare un po’ meglio.
    Infine dell’inedita scelta tattica col Faraone alto a destra a raddoppiare sulla loro formidabile colonna di sinistra. Fosse andata male le critiche si sarebbero sprecate per un allenatore alle prime armi che si inventa cose improbabili, ed invece è stata una mossa geniale che, insieme al l’ottima prestazione di Celik, ha decisamente spuntato le armi principali dei rossoneri.
    Il coraggio, ove non sfoci in temerarietà, è segno di intelligenza.

  16. Con Bollitinho ieri sera magari sarebbe pure finita 0-0 ma in modo vergognoso e senza superare la metá campo del Milan… Avanti ASRoma, avanti DDR!!!

  17. De Rossi tra l’altro ha detto: “Grandi giocatori in fase offensiva delle volte ti lasciano gli spazi.”
    Queste sono verità che è meglio tenersi per se perchè sono le realtà che se consideri solo tu e non gli avversari ne trai vantaggio in partita.
    Si sa che i grandi campioni sono più pigri perchè supponenti ,mentre i giocatori di scarso livello sanno solo correre quindi, i primi ti pressano meno, mentre i secondi non ti fanno respirare. Quando incontri squadre di campioni, ma sai queste cose, puoi impostare la partita nel modo giusto. DE Rossi l’ha fatto a Milano e a vinto.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome