DE ZERBI: “Perso contro una squadra più forte di noi. La differenza l’ha fatta l’abitudine a giocare certe partite. I miei hanno giocato al 25% del potenziale”

33
734

ULTIME NOTIZIE AS ROMARoberto De Zerbi, allenatore del Brighton, commenta a fine gara la prova dei suoi ragazzi nel match di andata degli ottavi di finale di Europa League che si è appena giocato allo stadio Olimpico contro la Roma.

Di seguito tutte le dichiarazioni del tecnico degli inglesi ai microfoni dei giornalisti al termine della partita:

Cosa vi siete detti con De Rossi?
“Gli ho detto che l’unica cosa positiva è che ho perso con un amico… Abbiamo perso contro una squadra più forti di noi. Voi parlate di numeri e di sapete, c’è una cosa che non sapete, l’abitudine a giocare queste partite. La Roma negli anni precedenti è diventata forte, i calciatori sono diventati forti anche mentalmente e sanno giocare queste partita. Ha spostato la non abitudine di una squadra piccola. Nessuno dei giocatori ha giocato più del 25% del loro potenziale stasera, poi magari avremmo perso uggiale, non credo con lo stesso punteggio, ma sarebbe stato diverso. Questa giornata ci insegna a migliorare in tutto, magari nel sapere gestire meglio i mesi di gennaio e febbraio, servirà ai calciatori che escono con dei grandi rimpianti. Ma il rimpianto ti migliora. Poi voi potete parlare di occasioni, ma abbiamo perso meritatamente contro una squadra molto forte di testa oltre che in campo…”

Avete avuto difficoltà tattiche contro la Roma. Come mai?
“Secondo lei non abbiamo incontrato in Inghilterra una squadra che giocava a 5 dietro? Il problema non è tattico. A Marsiglia eravamo sotto 2 a 0 e abbiamo ripreso la partita. La squadra fatica a gestire questo livello di competizioni e  questi stadi. Io avevo già capito tutto nel prepartita, è una cosa normale che ci sta nel calcio”.

Oggi l’inesperienza ha pesato anche su Steele…
“Sì, su lui e tutti i big miei. Steele non è abituato a giocare queste partite. Il gol di Lukaku, Dunk gli ho visto far fare certe chiusure in Premier, era in vantaggio, e questo ha pesato, e cioè il peso della partita e l’inesperienza di giocare queste partite ha pesato su certi giocatori”.

Come prepara i giocatori in vista del ritorno?
“Il Brighton non è la prima volta che si perde così e hanno risposto bene. Però non stiamo facendo gol, e questo è un dato importante. E’ chiaro che è difficile in 15 giocatori giocare ogni 3 giorni, specie se non sei abituato ed è per questo che abbiamo perso tanti giocatori per infortunio”.

Come sta Dunk? Sarà difficile recuperarlo dopo quell’errore?
“Ora erano tutti dispiaciuti. Sanno che hanno fatto meno del solito. Dunk è sempre stato un esempio e continuerà a esserlo. Sta giocando sempre e fa fatica a reggere le tre partite. Ma come leadership zero dubbi”.

Le dispiace per i supporter arrivati all’Olimpico? I due tifosi accoltellati?
“Mi dispiace molto, e mi fa più male perchè è successo nel mio paese. Per quanto riguarda i tifosi allo stadio, è difficile reggere questo livello ma sotto il punto di vista dell’impegno non si può dire nulla ai giocatori” .

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedenteROMA-BRIGHTON 4-0: le pagelle
Articolo successivoDE ROSSI: “Non ho fatto niente di speciale. Se pensiamo di essere già qualificati ci ribaltano. Questi sono giocatori forti, lo ripeterò fino alla morte”

33 Commenti

  1. la differenza l’ha fatta la difesa (non in linea) a centrocampo in pieno stile zeman… chiedere a Paulo per conferma.

    ❤️🧡💛

    • De Zerbi se metti la squadra regolarmente sulla linea del centrocampo di goal ne prenderai sempre a carrettate.
      Io non dico che ti devi chiudere ma di giocare con la giusta misura. Come gioca il tuo amico DDR insomma.
      Te lo ha dimostrato sul campo.

    • in effetti molto Zeman, purtroppo per lui poco arrosto.
      La Premier è è un campionato fantastico, però di tattica c’è n’è poca.

    • Si oggettivamente al di là delle assenze l primo gol di Dybala con il fuorigioco a metà campo mi ha ricordato un Roma Inter con Ronaldo che portava in giro il grandissimo Pluto.
      Onestamente sto fenomeno tattico non l’ho visto..
      Tanto fumo poco arrosto e la dimostrazione che senza giocatori non vai da nessuna parte.

  2. Secondo me la squadra era messa anche bene in campo, abbiamo faticato non poco a uscire dal loro pressing alto. Ma siamo più forti di loro, con molta più esperienza internazionale di loro e in un momento psicologico top.

    • Se fai pressing alto costante rischi che gli altri capiscano come saltarti, l’ideale è saper pressare altissimo quando vedi l’ccasione e non farlo però sempre. Il Napoli di Spaletti ad esempio faceva così e anche l’inter quest’anno a volte sale d’intensità ma non fa come il Brighton o le altre squadre di De Zerbi e simili cioè giocare sempre alti perchè il “paredes” di turno che ti apre in due prima o poi lo trovi, così come se a volte si pressa e a volte no succede che improvvisamente un giocatore esperto pressato da Lukaku si fa prendere dalla fretta e fa una cavolata.

  3. Ho scritto nel post di De Rossi ma era forse meglio qui.
    “Guardando la partita ho capito perché De Zerbi viene considerato un grande allenatore anche se praticamente non ha vinto mai niente.
    Ho capito che il discorso che faceva lui sul coraggio di fare delle cose che non tutti fanno.
    Lui fa giocare le sue squadre a prescindere dai giocatori che ha.

    Quando altri direbbero è meglio che sto basso, perché i miei difensori so tordi, lui sta alto uguale. Il risultato o viene giocando un gioco che è notevole, fatto di pressing e inserimenti, o non viene.

    Perché se è vero che gli mancano diversi buoni giocatori, questi che ha fatto giocare non sono all’altezza del gioco che fa esprimere alla squadra.”

    Aggiungo che se dietro non avessero fatto errori, e davanti anche, non avessero sprecato (anche noi abbiamo sprecato, però. almeno un paio con Lukaku clamorose)
    era una partita che poteva finire si con tanti gol, tipo anche un 5-2 per noi… che comunque abbiamo giocatori di qualità più alta, di gran lunga.

    “quando un uomo con il gioco incontra un altro uomo con il gioco… vince quello che ha i giocatori più bravi”

    • Leggendo la tua analisi su De Zerbi, mi è venuto subito alla mente Di Francesco, con il Frosinone infatti gioca come giocava con la Roma, però mi pare che sti andando benino in ciociaria, credo che sia importante non perdere mai la bussola di quello che si fa e se non si è capaci di fare altro non snaturarsi, oggi DDR ha dato una lezione di calcio, perché le giocate di Svilar di attesa per cercare di stanare il Brighton sono state preparate alla perfezione, oggi davvero tutto fatti bene, c’è chi ha giocato da 8 e chi da 6,5 ma l’ impegno è stato massimo da parte di tutti, ho visto un azione difensiva con Dybala in difesa.

    • boh, se non facevano errori probabilmente finiva 4-0 per loro, ma ammetto di essere scarso in matematica

  4. De Rossi è un mese che allena questa squadra, eridata con una condizione fisica penosa, ancora non abbiamo Smalling al 100% , Abraham e secondo me doveva essere messo in lista Uefa Huijsen al posto di Sanches. Questo e forte forte, da difensore già 2 goal ma sarebbe da provare a centrocampo

    • Non si poteva fare, c’erano i cambi limitati, il giovane difensore è arrivato a gennaio e non avrei mai sacrificato il posto di Angelino, Spina non sai mai quanto dura.

    • secondo me, in un gioco che funziona, con geometrie e ritmo, come quello che stiamo vedendo, anche Ebram ricomincia a segnare… con murigno solo uno o due lanci lunghi e per il resto tutti dietro… manco osimen avrebbe fatto tutti quei goal dello scorso anno. era diventato scarso pure lui, come tutti gli altri…

    • Io invece ringrazio Mourinho con cui è iniziata una rinascita internazionale della Roma, so arrivate le finali, e abbiamo avuto un cambio de cultura.
      Voltata pagina e detto addio a Mourinho, è arrivato in panchina un ragazzo che respira calcio da quando è nato, il papà è allenatore. A questo si associa l’enorme talento e l’intelligenza calcistica che j’ha dato la natura. E poi, romano romanista e ex capitano, tra i piu’ amati dopo Totti. E’ un sogno bellissimo che diventa realtà.
      Ma piedi per terra, come dice er Mister, ancora non avemo fatto nulla.
      DAJE ASROMA

  5. I tuoi hanno giocato a fight club piccolo,piccolissimo uomo..Probabilmente su tue indicazioni sul 4-0 perché sei annato in puzza..Piccolo allenatore.

  6. lo ripeto
    in una Roma con i tuoi schemi da difesa zero, dureresti meno di Gasperini all’Inter.
    oggi è solo una conferma ulteriore ma già lo sapevo

  7. Lo dicevo ieri, de Zerbi lo sottolinea…
    La Roma ha negli interpreti una squadra dai contenuti tecnici molto più forte e la giusta attitudine europea, la storia conta…..
    Il Braigton è come gli “sbiaditi” in Champions, fuori luogo…🤷

  8. Certo che la maglia coi colori sbiaditi come i formellesi fa prendere goleade ed imbarcate, le squadre che hanno indossato la seconda maglia stile quaglie all’Olimpico contro di noi hanno fatto tutte questa fine da quello che mi ricordo.
    Battuta a parte, il Brighton di De Zerbi l’idea di bel gioco ce l’ha ma giocava bene e correva anche prima di De Zerbi, è sempre interessante e divertente seguire le partite degli albionici. Tuttavia De Rossi lo ha surclassato, la Roma è superiore ed ha dei top players che il Brighton non ha ma il gioco di DDR mi ricorda tanto quello di Spalletti, Danielino pratica il bel gioco ed in modo equilibrato riuscendo a rendere la squadra “camaleontica” a seconda delle situazioni, dei momenti del match.
    De Zerbi è bravo e coraggioso ma la difesa messa in stile zemaniano lascia spazio ad imbarcate, io mi tengo stretto De Rossi che invece ha tutti i requisiti per essere un grandissimo allenatore e speriamo diventi un top allenatore sulla panchina della Roma.

  9. Ribadisco ciò che ho scritto ieri su di lui quando con falsa modestia, ossia con ridicola supponenza, dice di non considerarsi un genio ma uno che ha il coraggio di fare scelte che gli “altri” (chi sarebbero gli altri?) non farebbero… Che si alzi alle 4:30 ogni mattina per andare a lavorare al mercato o in miniera… se proprio vuole fare scelte che gli “altri” del suo pari non avrebbero il coraggio di fare. Per il resto, copia spudoratamente uno Zeman di 30 anni fa che, non solo ebbe il merito di essere il primo nel mondo del calcio a fare scelte che i “colleghi” a suo tempo non avrebbero fatto, ma anche di realizzare una valanga di goal oltre a subirli.

  10. ah… De “Genius” se proprio voi fa’ dì oibò pure a “San Sdengo”, al ritorno, damme retta ARZALA N’ALTRO PO’ STA DIFESA… (tanto n’hai già presi 4… uno più uno meno…).

  11. il vero motivo perché hanno perso all’inizio prendendo due gol, io ero allo stadio, e gli ha fatto proprio effetto a loro, a chi non lo farebbe ieri è stata una bolgia, gli sono tremate le gambe

  12. boh, sarà che non lo avevo mai visto giocare il Brighton prima di ieri sera, mi è sembrata una squadra messa bene in campo, ma con dei limiti. De Zerbi sarà pure coraggioso ma quella difesa altissima mi ha riportato a tristi ricordi di qualche anno fa, quando si perdeva 5 a 4 con l’inter di hodgson (!), “però come giocamo bene aho…”

  13. Se dici che hai perso contro una squadra più forte, avresti perso anche giocando al 100%. Effettivamente proprio un genio non sei

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome