Di Francesco: “Dopo la semifinale di Champions sbagliai ad accettare il mercato. Berardi? Lo cercammo dopo Malcolm, ma lui…”

76
1258

AS ROMA NEWS – Eusebio Di Francesco ripercorre le ultime tappe di una carriera involuta alle pagine della Gazzetta dello Sport (M. Cecchini) oggi in edicola. Queste le parole dell’ex allenatore della Roma.

Dalle semifinale di Champions allo stop. Il calcio è senza memoria?
Sì, ma fa parte del gioco. Comunque quando, come nel mio caso, un allenatore non fa bene per poco di trenta partite – fra Samp, Cagliari e Verona – è anche perché non ha avuto modo di fare continuità a un lavoro. Comunque non sfuggo alle mie responsabilità. Tra l’altro, è stato detto che ero legato al denaro, invece le dico che alla Samp – dove volevo andare via già alla seconda giornata perché non ero d’accordo con le scelte – si è parlato di esonero, mentre ho rescisso, lasciando quasi due anni. Stessa cosa ho fatto a Cagliari, perché i progetti non era stati rispettati: ho fatto togliere una clausola rescissioria da 3 milioni. A me piace allenare con le persone giuste.

Torniamo alla sua Roma dimenticata: stupito?
Diciamo che c’è un po’ di rammarico. Non ho rancore, ma solo voglia di rimettermi in gioco. In fondo ho anche portato il Sassuolo in Europa League. Tornando alla Champions coi giallorossi, la remuntada col Barcellona nacque in una settimana, non da un percorso. La mentalità europea è quella che mi piace.

Si è detto che lei è stato troppo aziendalista, accettando di farsi smantellare la squadra.
Io sono abituato a lavorare con quello che ho, anche se a volte si può sbagliare. Non ero d’accordo con quel mercato. Però sono stato io a lanciare Zaniolo, quando dei club non lo volevano neppure in prestito. Invece lo feci esordire col Real Madrid per fargli capire che credevo in lui. Un po’ come ho fatto con Berardi.

Che lei voleva alla Roma.
Le racconto un retroscena. Dopo il no di Malcolm. volevamo prenderlo, ma lui ci disse: “Non voglio essere una seconda scelta”. Oltre a essere un ragazzo straordinario, Domenico dimostrò di avere anche le palle.

Ma è vero che per lei la gestione Monchi è stata un disastro?
Sono generalizzazioni. Certo, il secondo anno il rapporto è cambiato. Si era logorato qualcosa e io mi sono fatto un po’ da parte, invece dovevo andare a sbattere con le mie idee.

Le piace la gestione Friedkin?
Molto. Ho gioito per la Conference e mi è piaciuto il mercato. È stato fatto con criterio. La Roma è costruita bene come identità tattica. Per me può togliersi soddisfazioni. Con l’Atalanta non meritava di perdere. La cosa più bella è l’entusiasmo che si è ricreato. L’Olimpico pieno spinge tanti. Anche nell’errore c’è un applauso in più. Prima se si perdeva era una tragedia, ora se ne parla con positività, che fa bene alla squadra. Ma prima c’era del malumore verso i vertici del club, per il poco legame che si era creato.

Se potesse tornare indietro cosa non rifarebbe?
Dopo la semifinale di Champions con la Roma, non avrei dovuto accettare il mercato successivo. All’interno l’ho detto, ma il mio carattere mi ha portato a non dirlo pubblicamente. In questo Mourinho è un grande. Ma mi creda, proverò a migliorare anche in questo.

Fonte: Gazzetta dello Sport

Articolo precedenteDybala, niente di grave: resta con l’Argentina. Pellegrini può rientrare a Trigoria
Articolo successivoDybala si allena sulla cyclette con l’Argentina: lo scatto fa discutere (FOTO)

76 Commenti

  1. TI auguro tanta fortuna. Non so giudicarti come allenatore, ma mi sembri una brava persona e, anche se molto spesso ce lo si dimentica, è la cosa più importante. Però, un consiglio: impuntati qualche volta. Non accettare tutto e tutti. Vedi alla voce Gonde

    • alisson
      manolas
      daniele
      radja
      strootman
      dzeko (in stato di grazia)…

      dalli a Mou …

      ❤️🧡💛👊

    • Per me, Eusebio rimane STRAORDINARIO… Ho vissuto a 53 anni u fasti di un tempo (l’era Viola) la semifinale Champion, ti porterò sempre nel ♥️ ultimo scudettato… 💛♥️🐺🐺🐺🏆

    • Rudy, ma perché quelli che ha Mou sono scarsi? Abraham, Dybala, Zaniolo, Pellegrini, Zalewsky, Spinazzola, Smalling… Dai su… Ora si deve giocare sempre come abbiamo fatto contro L’Atalanta… Deve essere il punto di partenza…

    • UTR, non parlo di qualità tecniche, parlo di qualità caratteriali, la mia impressione (non faccio l’allenatore, non li conosvo personalmente) è che quelli di ora abbiano anche buoni piedi ok, ma mai il carattere e la personalità di quelli scritti sopra.

      x franco 65
      con juan jesus m’hai rovinato la mattinata… l’avevo rimosso 🤣🤣🤣❤️🧡💛👊

    • UTR…

      Abraham non è scarso… è molto scarso (tecnicamente).
      Gli mancano un pò di cose: stoppare una palla, assist, tiro, carriveria sotto porta… anche quando corre è scoordinato.
      Ok che lo scorso anno ha fatto molti gol, ma è proprio per questo che sono incazz… con lui perché pensavo si fosse ambientato superando alla grande l’anno più difficile: il primo.
      Quest’anno speravo in altro, senza chiedere la Luna, ma neanche così da mangiarsi i gol in modo clamoroso…

    • Leggere cose come quella scritta da mbuti ti fa capire quanto la gente non capisca nulla di calcio me ne parla! Tammy scarso tecnicamente non si può leggere!!! Tammy è molto tecnico ma come tutti i tecnici molto alti e NON dal baricentro basso ovviamente fanno fatica su certi palloni che invece i non altissimi e dal baricentro basso non hanno. Pure Mbappè a volte litiga col pallone e si mangia dei gol, anche Salah lo fa (che non è altissimo ma ha la frequenza di falcata molto alta), MA questo perchè cercano di fare le cose in velocità e grazie a questo si creano le azione che a volte poi falliscono. Quando Tammy stoppa, manda l’avversario dalla parte opposta, e sguscia in mezzo a 2 con la palla incollata tra i piedi è perchè ha tecnica, il gol contro l’Atalanta NON lo fa perché è tecnico e tenta il controllo in velocità a sfilare… se fosse stato meno tecnico probabilmetne avrebbe fatto gol controllando più semplice. Ed è appunto qesto che spesso gli rimproverà Mou, saper dosare il semplice e il “complicato” quando serve, una cosa che impari con l’esperienza. Qualcuno si scorda che ha 24 anni, è il momento in cui si comincia a diventare grande attaccante… tranne rarissimi precoci fenomeni. Per dire a 24 anni Batistuta segno 16 gol in serie B con la Fiorentina.

    • Uomo di grande valore, ma come allenatore lasciasse perdere.
      Semifinale di champions grazie a difra ? io dico semifinale di champions nonostante difra

    • Mi stupisco
      Mi stupisco nel leggere su un forum della Roma che la Roma gioca male quando vince e gioca bene quando perde. Con l Atalanta peggior gara della stagione, abbiamo subito 1 solo tiro 1 gol, noi 20 occasioni 0 gol , ma abbiamo giocato bene , miglior gara da stagione ho letto 😆
      Abraham non ha tecnica, Shomuroto è titolare sul quale creare la squadra intorno, Celik è Maicon, e Dybala finge infortuni.
      Bah
      😂😂

    • Si, però altro filosofo del calcio tipo Fonseca e compagnia. Buona fortuna e a noi Mourinho. Forza Roma

    • Di Francesco secondo me potrebbe essere anche un bravo tecnico, ma non e’ un bravo allenatore. A Cagliari – dove si sentiva tutto a bordocampo, anche per il Covid e gli stadi vuoti – ho capito che con i suoi e’ davvero antipatico, modi non da leader, non riesce a gestire il gruppo.
      E’ chiaro che i giocatori dovrebbero seguirti a prescindere, in quanto professionisti, ma il calciatore e’ anche persona, come sa bene Mou, e non ti segue se non li rispetti, li motivi, se sei piu’ di loro come persona.
      Infatti alla Juve stanno cercando di liberarsi di Allegri, che sta mandando a scatafascio squadra e gruppo.
      Ricordiamoci che Liedholm giocava con Scarnecchia e Valigi e altri che non ricordo, ma questi davano fritto e cuore per lui…

    • Uno che ti porta in semifinale di champions non può essere criticato.
      Va detto però che quella Roma aveva un centrocampo che oggi ci sognamo.
      De Rossi, Ninja, Strootman, oggi giochiamo con Cristante titolare…..dai su….

    • x mbuti. Siamo alla 7a giornata, dagli tempo, se fa un paio di goal si scioglie e saranno caxxi.

    • Per forza! ha confermato di essere un aziendalista 😂😂
      manvo al Benevento lo hanno preso, quante carriere d allenatori abbiamo stroncato a Roma !ahahah

  2. come persona massima stima da sempre, come allenatore gli rimprovero la mancanza di duttilità, fosse stato tatticamente più flessibile avrebbe fatto una carriera più fulgida.

    • Ad esempio, col Liverpool potevamo giocarcela meglio, c’è mancato poco lo stesso, ma con un po’ di criterio potevamo andare in finale

    • @Enobardo sicuramente! Però, non per piangere, il liverpool andò in finale e li convocarono anche per una amichevole di pallavolo

  3. Ti ho apprezzato Di Francesco , ma , pur stimando molto ( per me Berardi è campione con la C maiuscola ) ,non ha dimostrato le ” palle ” non venendo a Roma.
    Ha dimostrato paura della città, paura di non affermarsi .
    Grazie per la notizia : Berardi meno campione del mio pensiero.
    Rivaluto chi non ha paura e aspetto miglioramenti , ma non contro squadre di serie c , in campionato.

    • Oh, sono contento che tu ti sia finalmente convinto che Berardi è un [email protected]@e mosce, come ho sempre sostenuto.
      Adesso speriamo che ti convinca pure Zaniolo che, per inciso, domenica a me non è piaciuto per niente, soprattutto nel secondo tempo.
      Può essere che alla fine floppi pure lui, purtroppo il futuro non si può prevedere.
      Ma su chi rischiare, tra lui e Berardi, non ho mai avuto e non ho dubbi.

    • UB, zaniolo ha fatto ammonire mezza atalanta e meritava 1 rigore (se non ti danno rigore quando resti in mutande!!!!). passa poco la palla, vero, ma la prende la porta avanti e obbilga 2 o 3 giocatori a seguirlo. non è un caso se con lui si crea superiorità numerica e occasioni da gol

    • Caro furiova, nel secondo tempo non c’era alcun rigore su di lui, perché è sempre stato lui a strattonare per primo.
      Nella migliore delle ipotesi, strattonata reciproca, e c’ha sempre ragione il difensore.
      Sull’episodio del primo tempo, se non si mette incredibilmente in testa di resistere con tutte le sue forze al fallo di Demiral, quello è rigore tutta la vita e glielo fischiano per forza.
      Nel momento in cui resiste, supera Demiral, e si trova nelle stesse esatte condizioni in cui si sarebbe trovato senza il fallo, nessun arbitro a quel punto fischierebbe rigore, perché il fallo non si è concretizzato. L’intenzionalità vale solo in caso di gioco violento.
      Pollo lui, stop.
      Per quanto riguarda il resto sono d’accordo, ma nel secondo tempo l’ho rivisto come quello dell’anno scorso in tante occasioni che ingaggiava duelli rusticani coi difensori fini a se stessi.
      E poi va bene, anzi benissimo, la superiorità numerica e tutto quello che vuoi, ma adesso deve pure iniziare a spaccare la porta con regolarità, perché lui lo sa fare. E lo deve fare.

  4. Caro Eusebio questo è quello che capita nella vita quando ti comporti da yes man. Avresti dovuto smascherarli subito quegli infami speculatori, invece no avete preferito spaccare una tifoseria piuttosto che dire la verità.

  5. Caro Eusebio,
    sei stato ingenuo a fidarti del fruttarolo e del suo “braccio”, il famoso mago andaluso… Ci sono cascati in molti, ma per te è più grave perché li hai conosciuti da vicino. Avresti dovuto capire prima con quali pessimi soggetti avevi a che fare e denunciarlo pubblicamente. Questo avresti dovuto fare, per la Roma e per i Romanisti.

    • Sì, ma come ambizione e carattere pari pari sono. E se uno fa il “fenomeno” solo a Udine, beh, vuol dire che non lo è.
      Infatti, quando chiamato in nazionale, sembrava il lontano parente di quello friulano, addirittura peggio di Berardi.

  6. Era scontento dopo la semifinale di Champion si e’ sentito subito noi tutti enfatici dopo che ci avevano detto che il Barcellona ci mangiava, ma lui no io pensavo strano ce qualcosa che non va’….poi avevo capito Pallotta e il mago di Siviglia gia’ avevano messo le mani sulla marmellata e lui non sarebbe rimasto ecco la verita’ poi gli allenatori ormai sono Manager si occupano di tutto con la societa’ con la stampa anche con i tifosi e’ un altro modo di pensare il calcio. Grazie Berardi e’ bravo ma non e’ Dybala poi lui ha Roma non ci viene e a Roma si dice chissene frega si vive il calcio con progetti seri in 3 o 4 anni si puo’ arrivare a vincere tanto lui era una scommessa…. Gli auguro tutto il bene e’ una persona seria…..

  7. Vale di più la Coppa dei settimi o una semifinale di Champions ad un gol (rigore negato) dalla finale?
    Vale più battere il Feyenoord e il Leicester (ora sono ultimi in classifica) o arrivare primi nel girone con Chelsea (3-0) e Atletico Madrid e poi battere 3-0 il Barcellona e 4-2 il Liverpool ?
    Se non siamo daccordo su questi punti possiamo stare a parlare per anni.
    Dei 25 tituli passati sinceramente non me ne frega molto, nè mi interessa degli insuccessi successivi di Di Francesco, io tifo la Roma non tifo l’allenatore; bene, finora mi ha dato più soddisfazioni calcistiche Di Francesco che Mourinho.
    Qualcuno dirà, con quella squadra Mourinho avrebbe vinto la Champions, siamo sicuri con Fazio e Juan Jesus ? Io non credo proprio.
    Ora comunque ha Dybala e Zaniolo, due fuoriclasse, oltre ad altri ottimi giocatori ed una panchina di buon livello, infatti non più di venti giorni fà moltissimi parlavano di scudetto. Vedremo cosa sarà capace di ottenere al suo secondo anno.
    Di Francesco inoltre scontò la permanenza a Roma durante l’era Pallotta, con tutto quello che ne seguì nei rapporti con la tifoseria, parlo ad esempio della assoluta mancanza di entusiasmo se rapportata ad oggi anche se perdi col Ludogorets.
    Qui si esalta giustamente la Conference anche perchè non vincevamo una qualsiasi coppa da tantissimi anni, ma non dimentichiamoci che dopo la finale di Liedholm, quello con Di Francesco a livello internazionale è il punto più alto mai raggiunto dalla Roma in 100 anni….
    Grazie Di Fra.

    • io mi ricordo anche la gran figura in coppa Italia contro la Fiorentina….. dimmelo tu il risultato, io ho cercato di dimenticarlo ma non ci riesco.
      Brava persona ma come allenatore vale poco.

    • Io ancora me ricordo la Roma a Cajari, vincevamo uno a zero. Ar novantaduesimo, rimessa dar fonno pe’ noi. Schiera la difesa a centrocampo (Ar 92′!), Orsen sbaja la rimessa, palla al rossoblu, na prateria davanti a se’, gò der pareggio. Che soddisfazioni!
      Guarda che a DiFra je vojo bene, ma ricordate che in semifinale ce portò n’alieno che de nome faceva Alisson e de cognome Becker…

    • Quindi per te i risultati ottenuti da Special One (Conference League compresa) non valgono niente Buono a sapersi! Scommetto che non hai mai ottenuto un riconoscimento decente in vita tua, ne sei andato oltre la quinta elementare…

    • quello è un grande rimpianto perché come detto prima con un po’ più di acume tattico si poteva vincere quella Champions.
      Mourinho mi piace e lo stimo soprattutto perché allena la Roma, ma sbaglia a non usufruire di tutta la rosa se continua così c’è la fondata possibilità di restare a giugno con un pugno di mosche in mano, anche perché vincere l’Europa League quest’anno è difficile quanto vincere lo scudetto se non di più .Quindi è necessario un cambio netto nel gioco nella mentalità e nella gestione dei giocatori

    • Guarda che la squadra allenata da Di Francesco era più forte di questa attuale, credo che soltanto Dybala avrebbe giocato titolare in quella. E poi Fazio fece almeno 2 anni alla grande e Juan Jesus era una riserva (col Barcellona giocó alla grande). Poi è vero che quella era la Champions e non la Conference League, ma vincere è sempre difficile e noi non siamo andati nemmeno in finale quell’anno. Io credo che Di Francesco abbia avuto grandi meriti in quella cavalcata, ma anche grandi demeriti, sia in coppa che in campionato. Con più flessibilità e studio degli avversari, avremmo potuto vincere qualcosa, ed abbiamo scontato l’inesperienza dell’allenatore, un po’ come capitò con Eriksson, che dopo l’esperienza con la Roma ha fatto tesoro degli errori e poi iniziò a giocare per vincere

    • Dei 25 tituli passati sinceramente non me ne frega molto…
      Nulla da ridire su Di Francesco come persona ma sminuire i traguardi raggiunti da Special One mi sembra veramente troppo Qui parliamo di un allenatore che ha dedicato un intera vita al Mondo del Calcio, ottenendo successi e riconoscimenti ovunque sia andato. Lo si può criticare ma mettere in cattiva luce il suo lavoro solo per pura meschinità lo trovo un gesto di cattivo gusto Mi da l’impressione di un ragionamento alla discanio. Senza contare che il dopo Roma di Di Francesco non mi risulta cosi’ eclatante ma costernato da continui fallimenti.

    • Mamma mia Nico, che m’hai ricordato! L’avevo rimosso dalla mente, quasi come Roma-Lecce.
      Penso che de tutti l’anni de Purgatorio che me toccheranno, gran parte l’ho accumulati lì.
      Una cosa da clinica psichiatrica…partita finita, game over, sto già pronto a esulta’, e quel folle li manda tutti avanti.
      Solo per quello già non dovrebbe più allenare…

    • Numb3rs, meschino forse è un pò esagerato non trovi ? ma ho capito che quando vi si tocca il Totem, non vi regolate. Comunque, se non mi sono spiegato lo ripeto: non me ne frega perchè lo giudico per quello che sta facendo alla Roma non per il passato, così come Ancelotti fu cacciato a Napoli eppure era Ancelottti. Qui invece è iniziata l’adulazione a prescindere, a prescindere dal Bodo, a prescindere dal Ludogorets, dall’Udinese ecc.ecc., poi con la coppa dei settimi ci vivremo di rendita per parecchi anni questo è chiarissimo.

    • Franco65 Rileggeti quello che hai scritto. Se te la vuoi rivoltare come piu’ ti fa comodo problema tuo A parte il fatto che il sottoscritto non incensa nessuno ma la differenza sostanziale tra te e Mourinho sai qual’è? Che tu sei solo un ombra che sminuisce e denigra in anonimato Lui continua ad allenare incassando successi e quattrini. Non solo non te conosce ma neppure te calcola…

    • Franco65 Special One = Conference League Ha detto bene MEH: Contano i Trofei non le chiacchere La tue sono solo cattiverie. Pura malafede dettata da antipatie e risentimenti personali

    • Me lo ricordo sì, come me ricoderò pe’ sempre er 25 Maggio 2022. A’ “coppa de li settimi”, sta putthanatha lasciala dì a qui merdhosi de latziali. Nun la venì a scrive qui, fa a’ cortesia…

    • VALGONO LE COPPE. Sono quello che resta nella storia. I piazzamenti sono solo magre consolazioni. Come gli scudetti buttati all’ultima giornata. Non li ricorda nessuno. Infatti, nessuno si ricordò che Graziani al Toro ci aveva regalato due coppe Italia sbagliando i rigori decisivi, e lo abbiamo mandato sul dischetto…

    • La Roma sì e er Feye-no…che soddisfazione! Me la so’ pure levata sta soddisfazione, cantandogliela a l’excelsior a qui scappati de casa olandesi, che stavano a scenne dar pullman dopo la scoppola rimediata da li merdhosi sbiaditi…

    • “A’ “coppa de li settimi”, sta putthanatha lasciala dì a qui merdhosi de latziali. Nun la venì a scrive qui, fa a’ cortesia!” 💛💖Grande Ispettò…😅😁💛💖 Applausi 👏👏👏👏👏

    • Franco, credo che in molti qui si siano tatuati la paratona di Alexander Arnold. Senza quella sarebbero finiti in psicanalisi…

    • Non prendendo le difese di nessuno ma sta “Coppa dei Settimi” non se pò davvero piu’ senti’
      Questo è un Trofeo messo in palio dall’ UEFA e vinto meritatamente sul campo Sminuirlo in questo modo “Offende” non solo la A.s Roma Calcio ma anche un Intera Tifoseria che lo ha festeggiato ergo da simili amenità nettamente di parte preferisco dissociarmi. Come a Di Francesco (nonostante match persi ingloriosamente) riconosco la Finale di Champions, cosi’ riconosco un traguardo prestigioso raggiunto da Mourinho Quando c’è da criticare Special One sono il primo a farlo ma talune malignità preferisco lasciarle ad altri Sempre Forza Roma!!!

  8. Chi va col Fruttarolo non Frutta! Pallotto oltre a distruggere la Roma tra debiti impicci e plusvalenze ha rovinato pure la tua carriera caro Eusebio!

  9. Diciamo pure che se non fosse stato lo yesman che poi è effettivamente risultato, alla Roma, in quella Roma, non sarebbe mai arrivato.
    Per cui io nemmeno glielo rimprovero, perché in quella Roma poteva arrivare solo una certa categoria di allenatori, eccezion fatta per Spalletti, che infatti utilizzò la Roma per rilanciarsi e l’abbandonò appena fu possibile farlo.
    A lui personalmente rimprovero una assoluta rigidità tattica, come al suo maestro. Un approccio alle partite che poteva anche andare bene in Europa, dove tutti pensano a giocare la propria partita, ma mai in Italia, dove si gioca sulle debolezze altrui.
    Quando prendi per decine di volte gli stessi gol in fotocopia senza emendare l’errore, vuol dire che sei in cerca di guai.
    Fondamentalmente penso che sia un allenatore mediocre, ma paradossalmente resta legata al suo nome una delle più belle avventure europee della Roma.

    • C’hai ragione UB e in più te ce metto che, all’indomani della vittoria sul Barcellona, er buon Eusebio parlava in termini entusiastici praticamente solo de se stesso e de quanto era stato bravo a mette la squadra in campo (la qual cosa me dette n’gran fastidio). Er contrario de Mourinho, che ha dato ai suoi ragazzi er merito della Conference. Differenze tra un (forse)normale allenatore e uno Special-One.

    • @born to be fenomeno (perchè quello è Abraham): diciamo che il fu Special-psicologo però sta commettendo l’errore inverso, adesso, esaltando un giocatore solo, e descrivendo gli altri come degli scarpari incompetenti che “coi Maxime Lopez e Ferrari ce poi fa er possesso”, coi campioni d’Europa, i vincitori della confenrece, no.

  10. La verità sul mercato della Roma post anno del Barcellona la disse Totti nella famosa intervista (….dei giocatori richiesti da Di Francesco ne hanno presi zero…)

    Ma a certi livelli bisogna farsi sentire, altrimenti, come è accaduto, ti bruci la carriera.

  11. Fin che avevi la squadra, l’hai portata in semifinale di Champions.
    Poi te l’hanno smantellata ehh…
    Per me sei un ottimo allenatore..!!!
    💪🧡❤️

  12. Col tempo si tende a ricordare le cose migliori di un rapporto e si dimentica il resto. E tuttavia insieme alle belle emozioni della champions, con la partita contro il barcellona su tutte, ricordo bene la faces inebetita nel primo tempo a Anfield mentre Salah ci massacrava con il solo Juan Jesus alto a centrocampo a contenerlo (a guardarlo, più che altro).

    E ricordo questo in particolare perché è proprio il simbolo del peggior difetto di DI Francesco allenatore: la testardaggine di incaponirsi a fare il proprio gioco a prescindere dai giocatori che hai, dagli avversari, dalle condizioni psicofisiche della tua squadra.

    Che ovviamente non vuol dire snaturarsi, ma avere accortezza di adattarsi.

    Quindi abbiamo che per sua ammissione si è adattato troppo quando gli toglievano i giocatori, dandogli magari giocatori inadeguati al suo gioco, e tuttavia ha insistito per farlo, andando a fondo.

    Le due cose insieme non stanno bene.

    • @wtf
      Certo, tutto giusto…
      Chi perde commette più errori di chi vince, concordi..??
      Allegri ha portato in finale la Juve 2 volte ma..?? Ha sbagliato.. E così tutti..
      Il buon Eusebio però è arrivato in semifinale, quanti altri lo hanno eguagliato o fatto meglio..??
      💪🧡❤️

  13. Peccato Eusebio, questo tuo errore ti costa una carriera e per ricostruirla non sara’ semplice.

    Ti stimo come uomo e non dimentichero’ mai cosa hai fatto per me.

    Difendi sempre le tue idee, buona fortuna.

  14. pensare che Berardi ha le palle perché nn si sente una seconda scelta spiega perché poi la tua carriera si è fermata
    Berardi nn ha capito che lui nn è una seconda scelta ma nemmeno una terza….ha solo avuto paura a mettersi in gioco….

    • Cosi L ha chiamata Bargiggia
      l Italia segue la voce di chi non ha capitolo
      I vari Cassani, Di Cani, Bargiggi
      questo è!

  15. Caro Difra comunque ti voglio bene ma come potevi pensare o sperare che SBALLOTTA e IL SONATORE DE NACCHERE volessero creare un progetto duraturo e vincente? UN bieco speculatore il primo ,ignorante ,arrogante e senza na lira, bono solo a fare debiti e cercare soldi in tutti i modi (la frutta evidentemente non bastava) e un buffone, scappato de casa bono solo a elargire laute e sconsiderate commissioni ( pro domo sua?) il secondo!!!
    Veramente che schifo questi due loschi individui….indimenticabili solo per i danni creati che ancora si riflettono e gravano sul bilancio e sul mercato della nuova gestione.

  16. Da giocatore nulla da dire, era uno che non si risparmiava e fu sicuramente tra gli artefici silenziosi dello scudetto
    Come tecnico invece l’ho sempre ritenuto mediocre, rigido e poco coraggioso, non fui contento del suo arrivo e fui sollevato quando finalmente se ne andò
    Unico merito che gli riconosco aver lanciato Zaniolo, quando nessuno lo conosceva e non gli davano una lira, e oggi ce ne stiamo godendo i frutti
    Per la famosa semifinale, io mi ricordo che ad Anfield all’80’ stavamo 0-5 con Salah che faceva quello che voleva e noi che non ci stavamo capendo un c4zzo, una figura di m3rda incredibile
    E sorvoliamo su altre figuracce in coppa italia e in campionato
    Con gente come Alisson, DDR, Nainggolan, Manolas, Dzeko non è riuscito a fare nulla. Gli hanno smantellato la squadra? Ok, ma come dice anche lui stesso, non si è opposto a questa gestione scellerata
    per carità, sarà anche una brava persona, ma sta bene dov’è

  17. Lasciamo stare quello che ha fatto alla Roma, ma in quelle altre tre squadre dove è andato fece malissimo andò via e quelle squadre fecero bene.
    Non so se è stata una involuzione la sua, ma forse doveva cambiare variare più moduli, invece mi sembra uno che crede solo nel 433 modello di gioco che puoi fare se hai giocatori adatti e molto veloci

  18. Dovevi fare una sola cosa Eusebio: a Liverpool dovevi mettere 10 dietro al pallone e 2 fissi su Salah. Solo quello. E forse oggi lavoravi ancora.

  19. Dopo i pallottola, monchichì, petrarchi e altri scorreggioni vari: sensiani, palafrenieri, garagisti, decespugliatori e magazzinieri ecco il mago della tattica e soprattutto l’uomo verticale italico da Pescara con furore!
    Ricordo che l’anno della cavalcata in Champion’s la squadra godeva di un portiere, di un difensore e di un centrocampo così forti che pure gli altri di media bravura divenivano mostri. Su tutti Nainggolan, uno e trino!
    La squadra chiaramente si autogestì il più possibile ma i cambi li faceva eusebia e nella gara di andata col liverpul lui la rovinò la squadra per come gestì la partita. Mettici che il liverpul doveva andare in finale e l’arbitro fede di tutto per aiutarli. La coppa l’avrebbe rubata il real comunque ma a me rode per non esser andato in finale e proprio col liverpul e di quel rejetto zozzone di salah.
    Dopodiché quando fu smantellata la rosa lui appoggiò la società ed entrò in lite con molti giocatori che poi furono mandati via tipo Radja. Fine di un sogno di mezza primavera!
    Di francesco che ha combinato dopo? Sampdoria: fallimento! Poi?
    E vogliamo parlare del suo pallino defrel che molto dicevano molto legato a lui? Non combinò un corno!
    Sintetizzo con “colui che ebbe una signora rosa e che riuscì a polverizzarla per dabbenaggine” perciò andasse a fare in … come tanti altri!
    Gloria alla Roma e a chi s’è immolato per essa!

  20. la champion la dovevi vincere imbecille ma siccome sei un cesso di allenatore questo è il risultato.
    e quanti ce n’erano che ti difendevano….si sono visti i tuoi risultati successivamente…bravo bravo

  21. Io non capisco perchè si debba sempre insultare la gente boh…
    Sinceramente essere arrivati in semifinale di Champions è stata na cosa figa, molto figa. Peraltro penso ci fu una ladrata plateale in quel caso, ma con gli inglesi succede.
    Non è un allenatore eccezionale, forse nemmeno bravo, ma gli va detto grazie per averci regalato un sogno.
    Mo vediamo che faremo st’anno con Mou. L’anno scorso ci ha regalato una bellissima soddisfazione ma io rimango dell’idea che in campionato si perdano troppe partite.

  22. Per me l’allenatore più bravo che abbiamo avuto negli ultimi 20 anni è stato Spalletti. Per quanto di difetti ne abbia anche lui, probabilmente sul piano caratteriale.
    Ma sul campo, per come fa giocare le squadre, non si discute.

  23. per sapere: è “il fu” che innervosisce? è riferito solo a “psicologo”. voi vi sentireste a vostro agio a lavorare in un gruppo di persone, con un capo che, ad ogni occasione, dice pubblicamente che uno di voi è bravissimo, e gli altri sono di un livello nettamente inferiore? vi sentireste stimolati, coinvolti? la risposta credo sia nella prestazione corale con l’Atalanta, senza quello bravissimo

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome