Di Francesco duro: «Male Schick, la Roma però non è più brillante»

29
1821

AS ROMA NOTIZIE – La Roma non sa più vincere. Dopo la doppia sconfitta con il Torino in Coppa Italia e la Juventus in campionato, l’1-1 col Sassuolo fa sprofondare la formazione giallorossa a 9 punti, ma con una gara da recuperare, dal Napoli capolista. «Facciamo mea culpa – l’analisi di Di Francesco a fine gara – perché non abbiamo saputo gestire meglio il vantaggio, dovevamo chiudere prima la partita ma il Sassuolo non ha demeritato. È un pareggio che dà fastidio, un esame non superato, perché dovevamo ripartire da una vittoria. Abbiamo disputato una prestazione sottotono, se vogliamo ambire a essere più grandi non ce lo possiamo permettere. Per competere con le più forti ci manca ancora qualcosa».

La Roma è sembrata una squadra stanca e con poche idee. «La stanchezza può essere fisica ma anche mentale, ci sono calciatori che hanno fatto bene, ma è mancata lucidità nell’ultimo passaggio, dovevamo essere più brillanti. Mi auguro sia solo un momento che in una stagione ci può stare, la squadra mi ha dato risposte positive in allenamento. Il gol andava gestito meglio, anzi dovevamo concretizzare maggiormente, ci hanno creato delle difficoltà soprattutto nel primo tempo, paradossalmente abbiamo subito il pareggio quando eravamo schierati bene. Peccato perché era una partita importante, da vincere nonostante non fossimo stati brillantissimi».

La coppia Dzeko-Schick non ha funzionato: entrambi sono rimasti a secco, il ceco è stato sostituito dopo quattro minuti del secondo tempo. Unica consolazione: gli applausi dei tifosi, che non lo hanno abbandonato. «Schick non ha fatto una buona gara, nell’intervallo mi ha detto che non stava bene e mi ha chiesto il cambio. Questo però non significa che non possono giocare insieme. Schick deve crescere e avere la forza psicologica per affrontare un ambiente come questo: deve leggere e sentire un po’ meno quello che si dice. Dzeko ha grandissime potenzialità, mi domando anche io perché non segni, mi auguro che si sblocchi, è importante farlo giocare. Non penso che non digerisca il mio modo di vedere il calcio».

(Corriere della Sera, G. Piacentini)

Articolo precedenteDzeko replica alle offese di un gruppo di tifosi
Articolo successivoIl contrappasso della Var gela l’Olimpico

29 Commenti

  1. Purtroppo quando è il momento di spiccare il volo la mia Roma rallenta e rimane a terra…è successo anche l’anno scorso dopo aver vinto fuori casa con l’inter. Quest’anno vittoria bellissima col Chelsea, vittoria nel derby…e stop. Non lo so che succede…ci adagiamo…la rosa non è inferiore a Napoli e Juve. Mi sa che ci vuole lo psicologo nello spogliatoio…manca la rabbia, la grinta, la fame…eppure non abbiamo vinto un c….come funziona?

  2. Per competere con le grandi ci manca ancora qualcosa? Si .. secondo me in sede di campagna acquisti dovete comprare qualche calciatore vero…altrimenti se le possibilità sono queste, non è più facile dire alla gente che la Roma è questa senza parlare di tavolo delle grandi e di tutte le caxxate che ogni anno dite per giustificare i fallimenti?

  3. Male schick? Male tu, mi avevi quasi convinto, poi vedo che dal 433 non ti muovi, snaturò fuori ruolo schick e defrel, casualmente sono ridimensionati ninja e strotman che soffrono quella posizione, l’importante è restare fedele al 433…delusione

    • Bravo Antonio, finalmente uno che ragiona. Come sempre da tifosi stiamo dando la colpa a Rotazione ai vari DDR NINJA STROOTMAN DZEKO è poi SHICK e poi UNDER e poi DEFREL e poi GONALONS .. nessuno fa uno più uno.. la colpa è solo di questo scappato di casa che va cacciato a calci in culo. L unica cosa da fare e che Monchi lo metta seduto e gli faccia la formazione.

    • Aveva ragione D’Alema, alla fine ha dovuto chiedere scusa anche lui dopo i risultati di coppa. Il primo posto in CL ha ingannato tutti ma riavvolgendo il nastro niente di più ingannevole. Il nostro percorso tra l altro non brillante alla luce delle partite con il modesto Qarabag e alla strapazzata presa sia all andata che al ritorno con L atletico, ci siamo salvati per demerito di un Chelsea alle prese con problemi interni . Ricordo che all andata eravamo sotto di due gol dopo mezz ora poi andò come andò.

  4. Cambia sto modulo siamo in difficoltà, non far diventare shick l’ennesimo iturbe. A noi mancano i gol del ninja avanzalo di 10 metri e vedrai che tra un mese parleremo di una Roma stellare

  5. Secondo me, DiFra ha una responsabilità nel momento delicato in attacco della squadra.
    Schick o lo metti al centro dell’attacco o lo metti sulla panchina, scusatemi ma metterlo esterno è un insulto al calcio.
    Tuttavia il problema è anche al centrocampo dove abbiamo bisogno di un po’ più di tecnica e di velocità…
    Monchi ora deve dimostrare di essere un grande DS e deve mettere a disposizione del tecnico una squadra completa.

  6. Ormai i punti che buttiamo al water non li conto più, e che differenza fa pareggiare o vincere sapendo di giocare in questa maniera? Non ho più parole per commentare questa squadra. Se andiamo avanti così non andremo molto lontano

  7. Ragazzi ho gia’detto che la medicina per vincere e’una sola, anzi ha un solo nome:ANTONIO CONTE. dispiace per di francesco ma se usciremo dalla CL questa nonostante le premesse sara’un’altra stagione disastrosa. E dico anche di stare molto attenti alla lazio per il quarto posto, ieri potevano vincere a san siro. La societa’deve fare di tutto per portare conte alla roma, se vogliamo cominciare a vincere qualcosa,altrimenti continuiamo a sognare a occhi aperti e vedere gli altri che vincono scudetti e alzano coppe!

  8. Vedrai che la colpa e mia….la Roma non ha un gioco gli altri con tre passaggi sono in porta la Roma tira ogni 70 minuti….e poi la Juve mette a sedere un certo higuain o dybala…ma perché una grande pippa come dzeko non riesci a metterlo fuori?m’ha segreti del mistero

  9. Da quando abbiamo cambiato proprietà per qualche motivo abbiamo sempre avuto allenatori che fanno del 433 il loro credo, con l’eccezione di Spalletti, senza mai dare a questi allenatori i giocatori giusti per quel modulo. Personalmente preferisco allenatori che adattano il modulo ai giocatori che hanno, ma se proprio decidi di puntare sul modulo devi avere gli interpreti giusti.
    Quello che manca veramente è il terzino destro, Florenzi lo può fare solo in determinate partite e se la squadra gira al 100%, avanzando lui e Ninja avresti più giocatori che si muovono senza palla davanti e non ti scopriresti troppo, a differenza del 424.
    Poi servirebbe pure un regista, ma lì ci sarebbe da investire veramente

  10. ma un ambiente come questo in che senso? e basta con questi luoghi comuni, facili capri espiatori per personaggi bravi solo a cercare scuse. ieri Shick solo applausi. SERVONO ATTRIBUTI. DiFra se non vuoi cambiare modulo almeno imponiti e prendi decisioni impopolari. chi è da tribuna deve andare in tribuna.

  11. Ogni squadra ha un regista svelto nel lanciare, noi abbiamo un piombo che passa la palla solamente indietro o di fianco. Lanci in avanti solo a palombella e presa delle difese. Non sa contrastare, non salta di testa, non tira in porta forse per non rompere il tabellone luminoso, e tiri al volo sbilenchi.

  12. Quest’anno purtroppo sarà così, si deve cercare di arrivare terzi..poi dal prossimo anno o si danno i calciatori adatti a Di Franacesco o si cambia allenatore. Se hai di francesco devi avere centrocampisti veloci ed esterni fortissimi…i nostri giocatori sono forti ma per niente adatto al gioco del mister…quindi pazienza e il prossimo anno idee più chiare

  13. Schick non puoi giudicarlo fino a che non lo farai giocare nel suo ruolo naturale di 1/2 punta per almeno 4/5 partite di fila perché lui ha bisogno di campo per poter esprimere le proprie qualità e non esterno di fascia
    Inoltre vorrei far notare che pur perdendo punti e partite importanti nessuno si incazza ne mister ne società
    Dopo Sassuolo li avrei fatti allenare sia il 31 che il 1 alle 8 di mattina per ben 2 ore vedrai che la prox partita la vincono sto pagliacci

  14. Qualcuno si ostina a non capire che il vero problema è nel mezzo… DDR è troppo lento nell’impostare, mai una giocata in verticale e andava bene fino a quando avevi la qualità di Pjanic mazzala che ogni tanto accendeva la luce ma con Raja e Kevin non è cosi …. È vero che non facciamo goal ma quante occasioni da goal creiamo? Se Perotti non salta l’uomo o Kolarov non fa una giocata è dura….Passassero al 3 4 1 2 con Kovacic da mettere a centrocampo con Strootman o Derossi stesso e vedi le cose come cambiano

  15. 3 4 1 2
    Manolas
    Fazio (Moreno)
    Emerson (Jesus)

    Kolarov (Perotti)
    KOVACIC (Gerson)
    Strootman (DDR)
    Florenzi (Perez)

    Nainggolan (Pellegrini)

    Sckick (Defrel)
    Dzeko (Elsha)

  16. Poca grinta, poca voglia di vincere, sempre lenti e prevedibili, mai un cross degno di tale nome , modulo non attuabile con questi giocatori che iniziano a non seguire più il Difra ..Radja, Kevin, Edin possibile che siano diventati così molli? Difra deve cambiare modulo e alla svelta sennò si perde barba e sapone ..

  17. D’Alema ha ragione solo su Renzi.

    Per il resto non ne ha mai azzeccata una, manco per sbaglio.

    Tra 10 anni confronteremo i titoli del talentuoso Eusebio con quelli del rimpianto Spippetti.

    Sono sicuro che ci divertiremo

  18. Il cambio modulo gioverebbe a tutti i reparti compresa la fortissima difesa. Purtroppo Eusebio è stato chiaro che lui è stato preso per quel tipo di gioco. Ai posteri l’ardua sentenza.

  19. 3°posto, passaggio ai quarti in CL e nuovo stadio.

    Questo chiedo Al nuovo anno!
    Forza Roma.

    Poi tra 3 anni ne riparliamo per quanto riguarda altri obiettivi.

    Ma tutte ste pippe riusciremo a rivenderle?

  20. Onestamente sono un po’ deluso. Non parteciperò al massacro dei disfattisti, ma mi era sembrato di capire che, proprio in funzione di Schick,il mister avrebbe cambiato qualcosa.Mi dispiace constatare che invece si sta chiedendo Patrik di fare l’esterno puro di in 433. Non è assolutamente il suo ruolo e,finché sarà sfruttato così, sfrutteremo si è no il 10% delle sue capacità.Alla Roma manca anche un centrocampista con cambio di passo e,che salti l’uomo è che sia rapido e capace a dialogare nello stretto. Forza Roma!!

  21. c’è una flessione in particolare il centrocampo mi sembra lento. Non c’è nessuno che possa risolvere la partita anche con un calcio piazzato. Ma in un centrocampo così Gerson non può proprio giocare? Perché ieri non ha cambiato perotti che nn andava è lasciato schick

  22. Sono d’accordo con Roderik,ricordo che gli Americani avevano chiesto un gioco offensivo e riconoscibile,ma,per una società che deve produrre un volume di plusvalenze consistente e che,in quest’ottica,spesso preferisce andare a prendere un’occasione,un possibile crack di mercato,piuttosto che un giocatore funzionale è difficile anche perché servirebbe continuità,insomma Sarri qui andrebbe al manicomio.

  23. Manca un regista che faccia girare la squadra e centrocamposti più veloci. Gerson o Florenzi potrebbero essere utilizzati a centrocampo

  24. Per quanto riguarda la Roma attuale,non credo che il cambio di modulo sia la soluzione,la squadra secondo me,sarebbe incompleta in ogni caso.Schick,in questo momento è in difficoltà e lo è stato anche quando ha giocato prima punta contro il Cagliari. Andare a sconvolgere anche ciò che funziona a campionato in corsa è un rischio,perché passare dal 433 al 4231 è un conto,ma al 4312 significa cambiare movimenti sia in fase difensiva che in quella offensiva con una manovra che si sviluppa più centralmente,i centrocampisti sarebbero contati e rimarrebbe il problema della mancanza di fantasia e del rifinitore che detti l’ultimo passaggio,il non terzino destro sarebbe ancora più esposto,il problema più che il modulo è l’interpretazione dello stesso

  25. Caro EDF vorrei capire perché abbiamo uno dei più forti giocatori da esterno alto d’Italia e non lo facciamo giocare li ?…Alessandro Florenzi e ora che rigiochi in quella posizione…con esterno basso Peres oppure Palmieri.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome