Di Marzio: “Anche la Roma su Johnny, centrocampista 21enne dell’Internacional”

34
1052

AS ROMA NEWS CALCIOMERCATO – La Roma mette nel mirino il centrocampista americano, ma di origini brasiliane, Johnny Cardoso. Lo rivela Gianluca Di Marzio di Sky Sport.

Il giocatore 21enne è un mediano difensivo che con il passare del tempo ha spostato più avanti il suo raggio di azione, anche grazie alla qualità dei suoi piedi.

Johnny, così viene comunemente chiamato, in questi mesi sta cercando di ottenere il passaporto comunitario, particolare che faciliterebbe parecchio il suo trasferimento in Europa.

Ci sono infatti diversi club sul calciatore dell’International: il Bologna, lo Spezia, il Valencia, e anche la Roma. Qualora Johnny dovesse ottenere il passaporto, questi club sono pronti a farsi sotto per il centrocampista americano.

Fonte: Gianlucadimarzio.com

Articolo precedenteTerremoto nella Juventus: si dimettono Agnelli, Nedved, Arrivabene e tutto il Cda
Articolo successivoPiù gol e occasioni: ora Mourinho pensa di tornare al 4-2-3-1

34 Commenti

  1. Johnny c’aveva er negozio de ferramenta a fianco a me, ma ha chiuso er mese scorso.
    Quindi mo è libero, la notizia po esse vera

    • “miiii Johnny, ti dovrebbero dare il premio Nobel per la mafia, e se non te lo danno è perché è tutto un magna magna”.
      Cit.

  2. cominciamo a spendere soldi per giocatori sicuri e affidabili, che hanno esperienza in Europa e non sono ventenni…magari ne prendiamo meno anche un paio ma sicuri!! se no ogni anno ci ritroviamo con una decina di calciatori mediocri con ingaggi alti e contratti lunghi sul groppone

    • I giocatori “sicuri e affidabili”, nel pieno della maturità psicofisica, costano dai 30/40 in su, a seconda del mercato in cui li compri.
      Ergo, in questo particolare momento, non te li puoi permettere. Devi essere bravo e capace a scovare quei giocatori la cui quotazione è ancora entro i 10 mln, che nel giro di due anni ti diventino i profili di cui sopra.
      A questi affianchi qualche parametro zero con ancora qualcosa da dare, e in più cerchi di cavar qualcosa di buono dal tuo vivaio.
      Questa mi sembra l’unica strada perseguibile per provare a crescere entro i paletti imposti dalla necessità di risanamento dei conti e del FFP.
      Ovviamente, conditio sine qua non, è che quelli buoni cerchi di trattenerli il più a lungo possibile e che vi sia un allenatore disposto a lavorare con entusiasmo in tale contesto.

    • Infatti… perché andare a prendere un futuro Kvaratskhelia?

      Nooo… andiamo sui trentenni come facciamo ora. Del resto, i risultati sono sotto gli occhi di tutti!

  3. La cosa che mi preoccupa di più è che non abbiamo uno scopritore di talenti nello staff e questa è una grave mancanza secondo me il settore scauting deve essere prioritario in una società come la nostra e deve essere di primo livello

    • Niru, non ti offendere se dubito del tuo essere romanista oppure mi riprendo e dico che sei un tifoso romanista che si occupa solo della squadra maggiore e non sa niente di quello che succede dalla Primavera in giù per non parlare di quella femminile. Abbiamo i migliori scauting d’Europa guidati da Bruno Conti che si occupa U14 alla U10 che sono le basi in cui i talenti fanno valere le proprie doti. Abbiamo una Primavera che da anni è tra le più forti in Italia e sta uccidendo il campionato con 5 punti di vantaggio dalla Juve. Sforniamo da decenni giocatori Lupacchiotti di cui solo Mou ne ha fatti esordire in Campionato e in Coppe una decina che sono desiderati da tutte le squadre Italiane e Europee e tu ti preoccupi di un punto più forte della Società? Su Karsdorp, sono tra i pochi che lo hanno sempre difeso perché conoscevo la sua forza da quando giocava in Olanda. Ma qui si ripete la realtà di quei giocatori che scollegano la mente con i piedi e brucino una carriera da buoni giocatori. Salutiamo Rick e avanti un altro con la garanzia che con Mou in panchina dovrebbe essere di un certo livello. Dovrebbe eh.
      Sempre Forza Roma!!

  4. Pijamolo così je famo er coro cor pezzo dub dei Five Young Cannibals “Johny come home”! Anni 80 quanno esisteva ancora chi faceva musica davvero.

  5. li paghi venti milioni e sono affidabili con alto rendimento? magari! quale sarebbe il problema li rivenderesti se serve a molto di più. sicuramente sono più realistiche le cifre di 30/40 ma se ne fai una o due massimo a sessione di mercato magari finanziando ti con qualche cessione di giocatori mediocri sarebbe meglio secondo me. abbiamo preso tammy con queste cifre ed è un attaccante infatti era mezzo sconosciuto e ti ha detto benino…possiamo farlo con altri che giocano in ruoli meno cari e prenderli con qualche stagione in più.

  6. Mamma mia mezza serie A si contengono questo giocatore con la Roma, ovvero squadre del Calibro di Bologna, Spezia e l’interraizonale Valencia. Sarà proprio dura.
    Ma un giocatore forte lo vogliamo prendere?????

  7. Si può e si deve scommettere su giovani e talenti ancora grezzi,ma non in ruoli chiave, un conto è inserire un giovane in una squadra che funziona, un altro è dare la responsabilità al giovane di far funzionare la squadra! Lo può fare lo Spezia,non la Roma!

  8. Ci sono infatti diversi club sul calciatore dell’International: il Bologna, lo Spezia, il Valencia, e anche la Roma…..
    ..
    cioe’ squadre interessate al nuovo cafu’!….
    pieta’ pieta’ solo pieta’..
    solo la maglia,forza ROMA

    • “Pietà, pietà, solo pietà”.. de che?
      Questo è un gran bel giocatore. Magari Pinto lo pijasse!

  9. Mancherebbe Mary.
    Comunque non ve sta bene niente eh….
    Se so giovani so giovani, se so vecchi so troppo vecchi, se so italiani non so stranieri…. se costano cinque euro sei un pulciaro ma se poi scopri che è forte diventi un genio.
    Io aspetterei prima di esprimere pareri così lapidari, anche perchè è solo il quinto nome che esce per Gennaio, arriveremo sicuro ad un centinaio.

  10. Prezzo Gollll io ti voglio bene, ma intendevo che non peschiamo più giovani forti tipo Marquinos ,non possiamo andare avanti solo con la nostra primavera oggi devi essere all’avanguardia, su tutti i fronti specialmente sul fattore scauting, devi conoscere il panorama calcistico mondiale per scovare talenti e devi avere gente capace e competente così da individuare prima le capacità prima che esploda in ragazzo gente come Giuntoli Sabatini ecc ecc questo serve a noi ,visto che purtroppo non siamo una super potenza da poter spendere e spandere milioni di euro su un calciatore questo intendevo

  11. Non lo conosco minimamente.. Di conseguenza non posso dare un parere..

    Ma quando si parla di un interesse della Roma (è lo fa solo la stampa per ora)… Se il giocatore non è conosciutissimo si inizia a criticare..

    Quindi Kvara, Kim, Lobotka.. Ne prendo 3 a caso che stanno facendo grandi cose.. Su questo Forum sarebbero stati massacrati..

    Per un solo e semplice motivo.. Non sono conosciuti..

    E non capisco veramente come si fa a criticare qualcuno oppure qualcosa che non si conosce?

    I calciatori vanno visti.. E non in qualche video YouTube.. Dove anche Loria potrebbe apparire un bel calciatore..

    Specialmente se si parla di 20 enni.. Che ancora stanno costruendo la loro carriera..

    Se solamente anni fa avessimo preso quello sconosciuto Kante dalla B Francese.. Oppure quel Norvegese di nome Halland che era stato offerto alla Roma quando ancora non era nessuno.. Oppure ancora quel Richarlison anche lui offerto alla Roma..

    Tre mezzi sconosciuti che sarebbero stati colpi da 90..

    Si parla e si giudica troppo solo per mancanza di conoscenza..

    Forza Roma..

    • Concordo e qui dove si vede l’abilità di chi lavora nel nostro scouting.
      Noi un calciatore oggi molto conosciuto, quando appositamente è stato anche offerto o si ero proposto dai 16-20 anni, li abbiamo sempre scartati. E’ qui non è stato per una volta un errore di DS od altri ma di osservatori che non sono stati capaci di identificare il talento e potenziale di tali calciatori quando potevano essere presi.
      Quando fu il caso di Haaland, il giudizio di un nostro osservatore fu “…bravo ma pigro, da rivedere”.
      Per questo vedendo anche il lavoro dopo 1 ciclo di scouting di 1 anno, e quest’estate dopo tanta pazienza in cui dissi che non volevo esprimermi se non dopo la fine di 1 annata in cui uno scouting team composto da 6 professionisti, non sembra riuscire ad identificare anche a condizioni ragionevoli, anche 1 solo colpo di qualche giovane interessante (perlomeno ad esempio un Mannsverk del Molde), mi rendo conto che la maggiore problematica sembra essere uno scouting team che non funziona perché penso che Mou abbia dato chiare indicazioni agli osservatori su ciò che voleva, e se Pinto lavora come un dirigente portoghese, tali dirigenti seguono le indicazioni di mercato proposte dal capo osservatore che ha seguito i dettami dell’allenatore e li comunica al dirigente o presidente che gestisce poi chi firmare.
      Secondo me c’è di mezzo stato un intoppo proprio sulla voce “capo osservatore”.
      Per questo motivo, in questi giorni scrivo di un Rudi Voeller come DS ma anche come responsabile per rifondare il settore giovanile ma anche dello scouting, perché in tantissimi anni non è mai uscito dalle nostre giovanili, nemmeno un talento perlomeno del potenziale da A+++ da poter lanciare in prima squadra. La Roma ha molto più potenziale economico ma anche può esserlo in termini di prestigio del Bayer Leverkusen (dove Voeller invece diversi giovani li è riuscito ha lanciarli li eccome).
      A noi quindi serve uno come il “Tedesco che vola” per evitare di fare altri clamorosi errori nel giudicare in modo errato occasioni come quelle di un Haaland.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome