Calciomercato Roma, Di Marzio: “Mitchell e Vivell i due candidati forti dei Friedkin per il ruolo di ds”

32
734

NOTIZIE AS ROMA – Giorni di grandi cambiamenti dentro la Roma. Con l’addio di Tiago Pinto, annunciato qualche giorno fa con un comunicato ufficiale, adesso il club è alla ricerca anche di un direttore sportivo. E la proprietà dei Friedkin ha avviato i primi contatti con alcuni dirigenti.

Ci sono stati degli incontri con Paul Mitchell e Christopher Vivell, due candidati forti per assumere la carica di nuovo ds della Roma. A riferirlo è Gianluca Di Marzio di Sky Sport in questi minuti.

Il primo ha lavorato nel Lipsia, nel New York Red Bulls e nel Red Bull Bragantino, per poi ricoprire il ruolo di consulente per il Cercle Brugge ed è stato Direttore Sportivo del Monaco per due anni, fino al 2022. Il tedesco invece ha esperienze con il Salisburgo e con il Chelsea.

I due dirigenti non sarebbero però gli unici in corsa per la carica di prossimo direttore sportivo. La pista esotica sembra essere ancora quella più battuta dalla proprietà americana. L’annuncio dovrebbe arrivare a giorni.

Fonte: Gianlucadimarzio.com

Articolo precedente“ON AIR!” – CIARDI: “L’esonero ha sorpreso tutti, anche Mourinho”, PRUZZO: “Ora i giocatori dimostrino che la colpa era dell’allenatore” JURIC: “La Roma si gioca tutto nelle prossime ore”, ROSSI: “Adesso in 70mila allo stadio”
Articolo successivoUFFICIALE: LA ROMA ESONERA MOURINHO. Friedkin: “Lo ringraziamo, ma serve un cambiamento immediato” (COMUNICATO)

32 Commenti

    • Ma qua si va avanti a tentativi!!! Provano, mandano via, riprovano, cacciano!!! Non hanno una logica. Sarei curioso di sapere chi ha proposto DDR perché non mi raccontate la barzelletta che questi due o la Souloukou sapevano chi era…

    • Speriamo siano solo voci, altrimenti il delirio di una dirigenza sarebbe totale.
      Se non hai i soldi devi affidarti a chi conosce il campionato Italiano, a chi ha scouting e soprattutto a chi sa individuare giocatori pronti e funzionali (vedi Atalanta ad esempio). Pescare in altri campionati va bene, ma il nostro è il più tattico che esiste e spesso prima che un giocatore sia pronto deve imparare movimenti e posizionamento.
      Io continuo a non capire….

    • Dan è chiaro che i Friedkin hanno un consigliere misterioso Romano, lo si è visto i parecchie scelte che hanno fatto, un giorno si saprà il nome, io a naso penso che questa persona misteriosa fosse già vicino a pallotta.

  1. Alla grande! altra bella notizia! .So solo che a Trigoria c è gente che vuole il male di questa società . E cmq dopo tre anni di calcio dovresti capire che lo straniero o prendi il top dei DS o in Italia fa solo danni .E dopo Daniele de Rossi ho capito che ridiventiamo la Rometta circo Orfei .

  2. Questi americani, così come lo yankee precedente, non hanno ancora capito che l’Italia è un microcosmo a parte, soprattutto in ambito calcistico, e continuano a puntare su profili stranieri che sono e saranno incapaci di confrontarsi con questa realtà. In questo senso, faranno la solita fine dell’agnello in un ambiente popolato da lupi e squali, fatto di ricatti, omertà e clientele in cui gente come lotitus la fa da padrone e si acchitta i calendari da anni. Guardate la federazione con gravina e lo scempio con la rubentus. Per non parlare della lega, dei de siervo, dei rocchi e dell’aia. Ci vuole un ds italiano che sappia essere a capo di una rete di scouting e, soprattutto, un direttore tecnico col pelo sullo stomaco che sappia farsi rispettare ovunque, tipo Boniek. Altrimenti senza budget immenso qualsiasi allenatore è destinato a naufragare.

  3. Non credo che la mia tv trasmetterà più partite della Maggica!!!!!!!!!!
    Questi porteranno la Roma al collasso……..

    FORZA MAGGICA

  4. Spero che gli americani abbiamo imparato la lezione.
    Seguano le scelte lungimiranti di altre società con proprietà straniera che si sono affidate a competenti dirigenti nostrani che sanno di calcio e conoscono il nostro campionato.

  5. A noi serve un DS con “agganci”, in grado di piazzare giocatori finiti e strapagati perchè dobbiamo comunque alleggerire il monte ingaggi (anche per il FFP).
    Sabatini a parte, qualcuno che sappia trattare con i procuratori, scambiare favori e mazzette ma raggiungere il risultato.
    Uno che ci porta il ragazzino belga o paraguaiano si trova comunque, fermo restando che se esce un Vinicius o un Rodrigo, le squadre top lo strapagano pure a 16 anni.

  6. L’unica spiegazione è che hanno dato mandato alla vendita e la società che se ne sta occupando ha dato indicazioni di ridurre i costi di struttura il più possibile. Se nel frattempo finiamo in serie B poco importa. Tacci vostra.

  7. Christopher Vivell sarebbe pure buono ma considerando che i friedkin hanno firmato il financial fair play agreement per non sborsare un solo centesimo la mia domanda é cosa ci fai con uno cosí se non hai i soldi?
    non hai i soldi? spiega ai tifosi della Roma che rete eccezionale di talent scout vuoi instaurare per tutto il mondo altrimenti torniamo la Rometta di fine anni 80.
    #greengo

  8. Gli americani sanno solo perdere le guerre per procura. Dovunque vanno fanno solo danni e lasciano macerie. Sono distruttivi e mai costruttivi. Una sciagura!

  9. Ao
    ma veramente ve divertite a vede la tragedia a ogni voce che circola?

    De Rossi ancora non è ufficiale … e se sarà lui beh non è detto che debba essere così negativo ..vedremo

    Il DS manco a parlarne di tutti i nomi fatti l’unico attendibile è massara..e non vedo perché.dovrebbero prendere uno straniero dopo l’esperienza fatta

    Massara avrebbe senso conosce Roma La Roma e DeRossi ma finché non lo annunciano è inutle stare a dire nulla

  10. Per amore della Roma , Daniele De Rossi farebbe qualsiasi cosa. Ci auguriamo tutti che ottenga grandi risultati . Rimane il fatto che come ha ben specificato Mourinho ,forse neppure Harry Potter avrebbe potuto ottenere qualcosa in più’ da una squadra messa insieme quasi per caso da un Direttore sportivo che , avendo tutte le limitazioni economiche che ben conosciamo,ha commesso anche errori negli acquisti . Ma i giocatori restano gli stessi che giocheranno sotto la guida di DDR. Vedremo cosa potrà’ cambiare ed ognuno potrà’ poi trarre le conseguenti deduzioni. A me rimangono dei dubbi sulle capacità’ degli attuali suggeritori” degli americani. Forza Roma sempre e comunque🤞e un grande grazie a Mourinho👏

  11. @steve330i
    Francamente sia Vivell e Mitchell sono profili fuori dalla nostra portata in questo momento, soprattutto Mitchell (che ha avuto successo in Inghilterra, Francia e Germania). Se il progetto è incentrato sul vero scouting, non serve avere agganci in Italia per scendere ai tanti compromessi e favori dove per prendere qualcuno di buono devi poi prendere qualche bidone oltre a girare tanti soldi sottobanco (e con il tetto delle commissioni ed oneri che entrerà a breve in vigore con il tutto definito tra un 3% ed un massimo del 10%, questi giochetti cambieranno per forza anche in Italia visto che doveva entrare in vigore in Europa dal 9 Gennaio ma la cosa è stata rinviata ed entrare in vigore in estate e tutte le transazioni dovranno passare attraverso la FIFA Clearing House). Puoi prendere calciatori dovunque se fai scouting che sono a livello di potenziale stati giudicati tutti essere buoni o più (poi magari qualcuno fallisce ma comunque mentre invece con il vecchio sistema ne prendevi tipo 4-5 buoni su 10, qui perlomeno parti dal presupposto che siano tutti e 10 buoni). Questo lo puoi fare con sia Mitchell (anche Vivell) che ha lavorato bene già in diverse realtà calcistiche diverse. L’Italia ha un suo sistema calcio è vero, molto corrotto ma lo è anche la realtà spagnola ed in parte la realtà portoghese (inghippi finanziari vari che non potrà continuare così in eterno nemmeno loro come anche in Spagna). Ogni paese in Europa ha un suo sistema calcio che funziona diversamente e non è affatto facile entrare in un contesto dove anche li ci sono rapporti consolidati anche li. Diversi progetti che hanno funzionato per sbolognarsi da situazioni dove sarebbero dovuti sottostare ai sistemi calcio esistenti anche in altri paesi, hanno tutti puntato sullo scouting e quindi di creare un sistema tutto loro che si esulava dal sistema calcio nei paesi in cui risiedevano. Avendo poi tanti calciatori di valore, quasi tutti buoni, la difficoltà nel cedere calciatori non diviene mai un problema, mentre la politica sulle acquisizioni si basa dalla competenza della rete scouting internazionale, e quindi si può anche esulare dal sistema di calciatori proposti da terzi (agenti, intermediari, dirigenti di un giro), per perseguire quello di prendere calciatori scovati dalla rete di osservazione del club e trattati direttamente in prima persona nelle prime fasi, senza la delega o la rappresentazione di terze parti (così tagli tanto a livello di commissioni agendo così e puoi risparmiare anche €40-50M annui di costi superflui che sarebbe quanto più o meno deve pagare un club di Serie A di medio-alta classifica se affida questa fase a terze parti).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome