Dimentica Tirana

35
1446

AS ROMA NEWS Vendetta. Questa è la parola chiave ormai abusata da Slot e del suo Feyenoord in vista del doppio confronto con la Roma dopo la bruciante sconfitta di Tirana. Oggi il primo atto dei quarti di finale di Europa League, quello vissuto con maggiore trepidazione dagli olandesi, che cercheranno di costruirsi un vantaggio importante in vista del ritorno all’Olimpico.

Perchè se il De Kuip stasera sarà infuocato, immaginatevi cosa sarà lo stadio giallorosso tra una settimana esatta, quando il sold out riguarderà solo i tifosi romanisti, che andranno a comporre un Olimpico unicamente fatto dei colori del club capitolino. Per questo il Feyenoord punta forte sulla partita di stasera e sulla spinta del proprio pubblico.

Sulla carta, i valori delle due squadre sono ben diversi: la rosa della Roma è arricchita da giocatori di livello internazionale quali Smalling, Matic, Wijnaldum, Dybala, gente che il club olandese può solo sognarsi la notte. Ma negli scontri diretti, specie in Europa, i nomi contano fino a un certo punto.

Il Feyenoord non ha grandi individualità, a parte forse il turco Kocku, unica stella rimasta a giocare in Olanda dopo la finale di Conference League raggiunta l’anno scorso. Ma ha un’identità, e dei calciatori poco noti che si stanno mettendo in luce agli occhi dei club europei, come l’attaccante italo-messicano Gimenez, da cui è bene guardarsi con attenzione.

Non è un caso che il club di Rotterdam sta dominando il proprio campionato, non eccelso, ma con due o tre squadre difficilmente superabili come Ajax e PSV. Sfida difficile dunque, ma alla portata dei giallorossi. Che stasera dovranno usare la maggiore esperienza a proprio vantaggio per uscire indenni dal De Kuip e giocarsi tutto giovedì prossimo all’Olimpico.

Qualità e mentalità devono essere le parole d’ordine della Roma, con Mourinho che non vuol sentir più parlare (giustamente) della finale di Tirana. Emblematica in tal senso la frase pronunciata ieri dallo Special One alla stampa: “Io non sono capace di pensare a Tirana. Per loro (il Feyenoord, ndr) sembra così. Io quando arrivo a Trigoria vedo la Conference League e mi fa ricordare di loro. Ma per il resto è storia finita“. Un modo di pensare che andrebbe scolpito anche nella testa della squadra.

Giallorossi.net – Andrea Fiorini

Articolo precedenteBOVE: “Wijnaldum un grandissimo, cerco di imparare da lui. Il nostro punto di forza è l’unità del gruppo”
Articolo successivoTorna Abraham, chi gli fa spazio? Pellegrini o Wijnaldum, uno dei due resta fuori

35 Commenti

  1. Se gli olandesi la smettessero di usare il termine “vendetta” riferito a una partita di calcio – non a una guerra – e lo sostituissero con il più ragionevole “rivincita”, sarebbe meglio per tutti. Di guerre ce ne sono sin troppe in giro per il mondo.
    Da parte nostra… sempre FORZA ROMA!

    • Non so in olandese, ma in inglese vendetta e rivincita si possono dire tutte e due come “revenge”, mai fare troppo la tara sulle interviste tradotte.

    • Per Sop: in linea di massima sono d’accordo con te sul fatto di non sottilizzare, ma – a differenza dell’inglese – sembra proprio che in olandese le parole “vendetta” e “rivincita” siano ben distinte, almeno stando ai traduttori online (di certo io non conosco l’olandese…).

  2. Va fatta la solita partita. Trincea davanti all’area di rigore, il golletto la Roma in qualche modo lo farà.
    Quando abbiamo giocato così l’abbiamo sempre portata a casa.
    Io non sono preoccupato. Vedo molto più impauriti gli Olandesi, i loro proclami sono così roboanti che è chiaro che hanno la netta sensazione di poter perdere.

    • Concordo, dimostra il fatto che sono continui, gli atteggiamenti di “vendetta”, ci temono, le parole di MOU sono giuste, acqua sul fuoco e concentrazione, alta concentrazione… Giusto quando dice, mi ricordo di loro solo quando vedo la Conference esposta a Trigoria…STOP! 💛🧡❤️🏆🐺🐺🐺

  3. Sono due partite , calma e gesso. Mourinho sa come si fa e sta trasferendo questa cosa a tutti.

    Ed è questo il suo vero valore, quello più grande. Sta cercando di farli diventare adulti.

    Non a caso, quelli più affidabili o costanti sono stati, in questi due anni, Miky, Smalling e Matic.
    Da un po’, un miglioramento in questo si inizia a vedere anche nel sempre qua bistrattato Cristante , Mancini, Ibanez ( derby a parte ) …meno in altri.
    Chi non ha la testa se ne è andato o siede in panca .

    Credo davvero che questa parte del lavoro di Mourinho sia impagabile.

    Forza Roma

    • Questo lavoro che fa Mourinho è la differenza fra un allenatore e un allenatore vincente.
      Poi la palla è rotonda e non sempre ti va bene, ma la Roma sa come deve giocare per portare a casa il risultato.

  4. Partita da giocare in ottica 180 minuti… Mi accontento del più squallido zero a zero, per poi far sentire tutta la spinta dell’Olimpico delle grandi occasioni. Non facciamo caxxate stasera…

  5. Partita accorta e di rimessa, come sempre…. ragionare in ottica 3 partite, stasera, udinese e giovedì prossimo… crocevia fondamentale in ottica futuro…✌🤞

  6. L’abolizione della regola sui gol fuori casa rende appetibile anche lo 0-0 (e quindi per me è stato un errore), per cui non ci sono dubbi sul tipo di partita che la Roma farà stasera.
    Limitare ogni danno sarà la parola d’ordine, poi se dovesse pure scapparci un golletto ovviamente tanto di guadagnato.
    A maggior ragione quando sai di poter contare su un reparto arretrato ben registrato, tranne qualche eccezione, e al contrario su un reparto avanzato oltremodo stitico.
    Roma sì, Feye-no…

  7. Wijnaldum fuori, oggi e al ritorno.
    A giocare con troppi pensieri e distrazioni in testa non solo ti deconcentri e giochi male, ma puoi anche farti male.
    Ci servirà fresco e con la testa a posto in altre partite.

    • si perché Gini è un ragazzino e nn un campione affermato da anni di calcio ab altissimi livelli!!!!!

    • Ma su dai, figurati se gente così si fa influenzare da certe cose. Anzi, se fosse così, probabilmente non avrebbe detto quelle parole.
      Quanti sono quelli che dicono tranquillamente di tifare Roma e che poi ci hanno fatto il mazzo ogni volta che sono scesi in campo contro di noi? Ti devo fare la lista?

    • Ragazzi, le vostre considerazioni possono starci, io preferisco evitare certi rischi.
      Quando si parla di gioco e moduli un po’ di rischi mi piacciono di più, sulle condizioni mentali e fisiche dei giocatori invece preferisco la cautela.
      Basta che la Roma faccia risultato in qualsiasi modo e nessuno si faccia male, e sono contento anch’io.

    • A Buda-Pest ci sono stato 3 volte e la conosco a memoria… ma allo stadio non sono mai andato 😛

  8. Invidio sinceramente chi se la sente calla.
    Io sono abbastanza preoccupato e guarderò la partita a chiappe strette.

    Il biglietto del ritorno ce l’ho… SEE YOU IN ROME NEXT WEEK

    • Beh….il tifoso romanista da anni guarda le partite a chiappe strette. Che tifosi della Roma saremmo se non dobbiamo soffrire…..è una sorta di masochismo.

    • “guarderò la partita a chiappe strette”

      ma da sempre non c’e’ altro modo di guardare le partite della Roma.
      Infatti a forza di stringere, il Romanista vero e di lunga data lo riconosci dalla muscolatura atipica in certi posti strategici…

  9. A me sembra che rispetto a Tirana la Roma sia semplicemente più forte (Dybala, Matic, Wijnaldum); lo testimonia il terzo posto in campionato con prestazioni in crescendo e una difesa che colleziona clean sheet. Poi ci vuole tanta fame e tanta determinazione ma Mou sa caricare la squadra. Forza Roma!

  10. Ma della partita di ieri sera ne vogliamo parlare???
    Il napoli pronti via e sfiora tre volte il vantaggio, in appena 5 minuti di gioco, la dimostrazione lampante che in campionato non si sono presentati in campo contro il milan.
    Così facendo ce lo hanno messo in quel posto, perché dovevamo avere 4 punti di vantaggio sul Milan e non uno solo .
    Poi da ieri sera i napulegni si stanno lamentando dell’arbitro, pure questa e’ la dimostrazione lampante che dovevano vincere lo scudetto, perché da inizio anno e’la prima volta che li sento lamentarsi dell’arbitro, loro che sono un lamento continuo.
    In campionato non sono mai , dico MAI, stati penalizzati.

  11. la Roma di oggi rispetto a quella di Tirana ha una rosa più competitiva, se scendiamo in campo con la testa giusta non c’è nessun motivo di aver paura. Questo ovviamente non vuol dire prenderli sottogamba come abbiamo già fatto quest’anno con squadre molto più modeste.

  12. Leggo le solite dispute su chi debba giocare, ma alla fine 2/3 cambi ci saranno lo stesso (seppure MOU abbia detto chiaramente che Lui non la considera più di tanto la necessità dei cambi – aggiungerei giustamente se l’11 iniziale rsp bene!).
    Tammy, Pellegrini, Wijnaldum ed il Faraone faranno parte di questa partita, se dall’inizio o meno io non lo so.
    Ma credo questo sarà…!
    FORZA ROMA

  13. come dice blouson noir meglio non sentissela calla
    se devo solo vincere come non importa loro vanno la vendetta
    invece noi cercamo di vincere senza cadere nelle loro trappole possibilmente evitare l’espulsione e infortuni

  14. Temo il loro attaccante.
    Ha una tecnica di tiro molto pulita e precisa.
    È giovane e talentuoso.
    Avrei preferito fosse più grosso perché con caratteristiche più specifiche per i nostri difensori, invece 1,83 mt lo rendono competitivo per ogni esigenza di gioco.
    Detto ciò, se io me sto a preoccupa’, onestamente, loro se devono caga’ sotto perché NOI ce presentiamo co’ DYBALA!!!
    Quindi, scordateve sto messaggio e annamo a sfonnarli!!!
    FORZA ROMA

  15. In tutta sincerità vorrei vincere questo match “Debiti scongiuri a parte”, pensate un pò cosa accadrebbe in caso di un risultato negativo. Salterebbero fuori tutti i scassano-minchia de sto mondo, pronti a riversare il loro veleno su Mister e Giocatori. In caso di vittoria in molti si defilerebbero. “Non sarà facile, ma spero in una Vittoria!” 💛💖Sempre Forza Roma💛💖

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome