Diritti tv, la Lazio sorpassa la Roma: biancocelesti quinti con 70 milioni di euro

37
2667

NOTIZIE AS ROMA – Campionato 2022/2023 andato in archivio, per i club è il momento di riscuotere. Oltre che dal punto di vista sportivo, la classifica finale ha un impatto anche sotto l’aspetto economico, scrive oggi Il Tempo.

In base al piazzamento (insieme ad un altro insieme di fattori) dipende infatti la ripartizione dei diritti televisivi che la Lega Serie A distribuisce alle 20 squadre del massimo campionato.

Leggendo la graduatoria, c’è da notare un sorpasso da parte della Lazio nei confronti della Roma: il club di Lotito metterà in cassa 70,7 milioni di euro, leggermente di più rispetto ai 68,2 dei rivali giallorossi.

In vetta alla classifica troviamo invece l’Inter, davanti a Napoli e Milan, uniche squadre oltre gli 80 milioni di euro. La Juventus, quarta, si ferma a circa 78 milioni di euro. Nelle ultime posizioni invece Salernitana, Empoli, Spezia e Cremonese. Molto buono anche il dato di Fiorentina e Atalanta, entrambe a 55,2 milioni di euro.

Fonte: Il Tempo

Articolo precedenteNzola, lo Spezia conferma: “Interessa alla Roma”
Articolo successivoPinto vuole ancora Frattesi: il piano del gm per portarlo a Trigoria

37 Commenti

  1. 🤣😂🤣😂🤣😂🤣😂🤣😂🤣😂🤣😂🤣😂🤣😂🤣 considerazioni personali…vedere i sbiaditi con il pacco dei soldi da distribuire tra CONI, AIA e FIGC…CHE SCHIFO. L U R I D E 💩……Il prossimo campionato vi sfondiamo! 💛🧡❤️🏆🐺🐺🐺

    • Sarebbe bello che i diritti venissero ripartiti n ugual misura fra tutte le squadre, forse così si darebbe maggior possibilità per l’alternanza in classifica e vi sarebbero meno interessi a fare carte false, anzi arbitri falsi, per indirizzare la classifica

    • @Lele: è vero quello che dici, infatti a mio avviso la quota fissa dovrebbe avere un peso maggiore rispetto a quello attuale. Ma una componente dipendente dai risultati è sacrosanta, a mio avviso: quest’anno, se ci fai caso, anche a fine campionato ci sono state ben pochi casi in cui le squadre “già in vacanza” hanno snobbato la partita, e penso che una parte di ciò vada attribuita anche all’esistenza di premi legati alla posizione in classifica. Se si dessero a tutti gli stessi denari a prescindere dal piazzamento, cosa impedirebbe alle squadre tranquille di vendersi le ultime partite del campionato al miglior offerente, visto che arrivare decimi o sedicesimi non cambierebbe nulla?
      Quindi, sì a una distribuzione più equa per aumentare la competitività, ma al tempo stesso è giusto riconoscere il merito di chi consegue buoni risultati.

  2. Lotito, con la metà delle presenze allo stadio e la metà degli ascolti tv, intasca più della Roma grazie al piazzamento in classifica.
    Tutto ciò grazie ad arbitraggi compiacenti per la Lazio e vessatori per la Roma.
    Friedkin sveglia, chi tace acconsente.

    • Ma quale Friedkin sveglia.. serve una rivoluzione nel sistema calcio della nostra Serie A che non avviene mai. Prendevano per il cu Viola ai tempi quando diceva che siamo più simpatici solo quando arriviamo settimi e hanno e anche Sensi che, lamentandosi della stampa contro, era costretto a piegarsi al sistema ingaggiando un uomo del sistema Capello come allenatore per vincere qualcosa..

  3. la differenza di appeal televisivo dato da uno stadio esaurito ed un altro semivuoto non conta?
    Ma dove vogliamo andare

    • Conta, infatti in quei campi prendiamo più di loro. Ma la differenza tra il secondo posto e il sesto in classifica conta molto di più in termini economici.

  4. Entrambi prendiamo meno dell’ultima in classifica in Premier.

    Non vi arrabiate co sti pezzenti per due briciole : incaxxatevi col SISTEMA

    perché potremmo e dovremmo TUTTI avere molto di piu’ se avessimo una

    Federazione SERIA al posto di fantocci messi’ là per aiutare la rubbe e rubbà !

    • l’ultima in premier prende 116 milioni di euro, la prima il city intasca 185 milioni di euro. Questi dati fanno capire che per avere credibilità il mondo pallonaro dovrebbe fare un’inversione ad U, finche avremo al vertice maneggioni, intrallazzatori, pregiudicati, figli dei figli, adulatori, vendicatori rimarremo con le pezze ar culo.

    • Ma non è il sistema, è il mercato. Le televisioni sono disposte a pagare molto di più i diritti della premier rispetto ai nostri.
      Lì si è attivato un meccanismo virtuoso per cui, più soldi alle società per i diritti televisivi, più giocatori forti, più spettacolo e quindi nuovamente più diritti televisivi, e così via.
      Poi il discorso della sudditanza degli arbitri è un altro paio di maniche. Ci sarà pure lì perchè tutto il mondo è paese. Pure li ci sarà la mafietta di City, Liverpool, Chelsea ecc.

  5. I due milioni e mezzo è la mazzetta che aveva pagato Lotito pe fosse aggiustà le partite in serie A e mo je l’hanno ridati. Sta tutta la la diffetenza!

    • Lotirchio che anticipa li sordi, magari puree de tasca sua…..pare vero. Quello va avanti a pagherò e a ce metto ‘na bona parola coll’ amichetti mia..

  6. Volevo fare notare agi “sbiaditi” che arrivano 2* e hanno il 5 monte premi, la Roma arriva 6* e ha il 6 monte premi…
    Capiranno un giorno che il loro brand non ha appeal…🤔 ??
    💪🧡❤️

  7. Capirai quei 2,5M in più se li crema tutti Claudione a porchetta e vinello 🍖🍷
    Auguri alle mer*e per quest altro trofeo 😂

  8. Fanno le cose al contrario.
    Invece di favorire la competitività, si vuole solo mantenere lo status quo.
    E con uno sguardo miope, a noi andrebbe anche bene visto che stiamo nel vagone dei ciccioni. Ma adottando una prospettiva d’insieme, tutto ciò è un disastro per tutto il movimento calcistico di cui facciamo parte.
    A questo punto buttassero la maschera e facessero la superlega peninsulare a 8 squadre. Poi vorrò vedere quanti spettatori faranno il decimo derby di Milano in stagione o una Roma-Juventus riproposta fino alla nausea…

  9. Prendere esempio dalla Premier e copiare pari pari la loro strategia, se vogliamo salvare il campionato italiano… Sti quattro spicci dati ai soliti noti, non spostano di una virgola le cose e il campionato resta uno dei più brutti d’Europa…

  10. Leggermente sotto l’ammanicato pinguino formellese ma a testa alta, inoltre i 78 milioni alla Rubbentus dovrebbero essere dirottati alle squadre retrocesse

  11. ma da quali fonte scrivete ste stronzate.. se magari fosse così mi comprerei subito una squadra 😆

    hanno ragione a darvi l oggettivo “abbocconi”

    LA CLASSIFICA INCASSI/POSIZIONI DELLA SERIE A 2022-2023
    – 33.4 milioni di euro (di cui 10 dalla UEFA)
    – 26.6 milioni di euro (di cui 7.5 dalla UEFA)
    – 21.8 milioni di euro (di cui 5 dalla UEFA)
    – 16.7 milioni di euro (di cui 2.5 dalla UEFA)
    – 12.5 milioni di euro (di cui 3.63 dalla UEFA)
    – 10.9 milioni di euro (di cui 3.63 dalla UEFA)
    – 9.3 milioni di euro (di cui 2.94 dalla UEFA)
    – 8.3 milioni di euro
    – 7.4 milioni di euro
    – 6.3 milioni di euro
    – 5.5 milioni di euro
    – 5 milioni di euro
    – 4.6 milioni di euro
    – 4.1 milioni di euro
    – 3.6 milioni di euro
    – 3.2 milioni di euro
    – 2.8 milioni di euro
    – 2.2 milioni di euro
    – 1.6 milioni di euro
    – 0.9 milioni di euro
    Foto: LaPresse

    • @Nexus: quelli di cui scrivi sono sono i premi monetari provenienti da Lega Calcio e Uefa. Qui si parla dei ricavi da diritti televisivi.

      PS
      Magari prima di dare degli scemi agli altri prova a leggere meglio gi articoli, eh?
      Senza cattiveria.

  12. Finché la lega sarà nelle mani dei soliti noti, non avremo speranze di cambiare lo status quo e di crescere. La Premier League è affidata ad un management indipendente, che fa gli interessi di tutti e non di pochi e che se sbagliasse andrebbe a casa. Ciò ha portato in pochi anni un campionato in cui ex campioni andavano a trascorrere gli ultimi tempi prima della pensione, alcuni addirittura da allenatore-giocatore come Vialli e Gullit, nel migliore che ci sia, con diritti tv venduti in tutto il mondo a caro prezzo. Ed i diritti tv vengono distribuiti equamente, diversamente da noi, tanto che l’ultima in classifica riceve più soldi della nostra migliore. La conseguenza è che l’ultima in classifica ha i soldi per comprare grandi giocatori, così che il campionato sia più avvincente e competitivo ed attiri investimenti e risorse. Da noi, quando avevamo il miglior campionato, abbiamo svenduto a Fininvest-Mediaset a due lire i diritti (poi a Telepiú, stessa cricca) e li abbiamo gestiti in favore del duopolio Milan-Juventus, che prendevano in due quasi quanto tutte le altre messe insieme. Ovviamente il risultato è stato il monopolio, su lungo termine, dei migliori giocatori grazie ad un maggiore potere d’acquisto ed un progressivo impoverimento del campionato, sempre meno competitivo ogni anno che passava. La ciliegina sulla torta, poi, è stata svendere i diritti tv esteri, prima nel tentativo fallito e di favorire l’espansione di Telepiú all’estero (Telecinco, ecc.), poi lavorando in costante conflitto di interessi dimostrando sempre una sciatteria senza pari, guardando al modello Liga ed al duopolio Real – Barcellona. Risultato? Crollo progressivo e meno soldi per tutti, compreso per le geniali compagini che hanno creato il danno, cercando di guardare solo il loro orticello

    • Nella tua disamina, (secondo me, chiaramente) sbagli i tempi di introduzione dei diritti ed inoltre salti a piè pari di nominare sky, che se ricordo bene aveva i diritti per la serie A molto prima, dei diritti venduti a mediaset. Quando si inserì mediaset nella trasmissione delle partite, infatti, si passò dal vero monopolio sky ad un duopolio, e ciò garantì anche una maggior scelta di visione (non più solo satellitare, ma anche attraverso il digitale terrestre), al consumatore. In quel momento ciò che si vendeva a due lire al solo sky, si vendette a tre lire a due piattaforme diverse. Naturalmente tutto questo mio discorso, dal punto di vista economico, non cambia di una virgola il fatto che i diritti televisivi siano stati sempre svenduti a pochissimo prezzo e che chiunque li abbia trasmessi, abbia sempre e costantemente patteggiato solo per le squadre con maggior seguito di pubblico.

    • Però facciamo un bel funerale di stato perché rubacchiando a tutti e devastando uno dei campionati più belli ha vinto 5 Champions…

  13. Altro aspetto delinquenziale, la ripartizione dei compensi che con questo criterio continua ad affossare l’appeal della serie A, piu’ soldi alle grandi e gli spicci alle piccole, il contrario di come viene gestita la Premier !

  14. EL ha portato alle casse della società 80 milioni di euro (c’era l’articolo anche qui su giallorossi.net) ed i diritti tv 68,2 milioni, la somma quanto fa?
    148.2 milioni di euro, giusto?
    Bene solo da queste due entrate le casse si sono riempite di 148.2 milioni di euro, giusto?
    Ok allora come fate sempre a scrivere che non ci sono i soldi?
    perchè parlate solo di debito ma mai di incassi?
    Forse perchè è un mantra ripetere come pecore c’è il debito?

    • E’ Difficile da capire che da quello devi togliere gli stipendi, togliere tutte le spese, etc.etc. Il resto degli incassi (sponsor vari) sono poca cosa rispetto ai ricavi TV e i diritti UEFA. Si sa che il bilancio della Roma è in PASSIVO, cioè spende più di quanto guadagna ( e infatti i Friedkin ci mettono ancora soldi) e il discorso con la UEFA per il FPF è proprio pe rtornare in parità (o lieve passivo) entro la scadenza concordata. Comunque se sei curioso fino all’uscita dalla borsa il bilancio era pubblico, ti basta leggerlo per capire.

    • erik971 non sai niente sicuro che è in passivo o ti vogliono far credere che lo sia?
      lo diceva sensi e non era vero, lo diceva pallotta e non era vero, entrambi hanno detto (dopo la vendita) che la asroma non fosse indebitata e che facesse utili (verissimo).
      sai che la asroma è una società ad utile, sai cosa significa?
      Che pagati gli stipendi rimangono denari…prima da distribuire ai soci ed ora a padre e figlio.
      il debito ce l’hanno i proprietari, come l’aveva l’asset dei sensi (non la asroma) e pallotta, ma credi che i friedkin stanno qui per spendere soldi senza ricavarne nulla?
      ma c’è qualcuno che lo crede davvero?
      mi porti i conti della asroma qui sul sito?
      mi fai vedere quello che sostieni?
      mi dici quanti soldi entrano dagli abbonamenti, campionato e coppe (fino ad ora 40 mila abbonati, somma?)?
      mi dici quanto dagli sponsor (toyota e puma) non è dato saperlo nonmesso a bilancio perchè?
      il merchandising perchè non è a bilancio?
      Costi per servizi: 63,2 milioni di euro cosa sono? me li spieghi?
      Costi per il personale tesserati: 182,2 milioni, cosa sono? ma non erano scesi sotto i 100 milioni i costi dei tesserati?
      Ammortamenti e svalutazioni: 90,2 milioni, cosa sono queste spese???
      Altri costi: 64,5 milioni, che è??? capisci che ci posso mettere tutto?
      daje su sveglia ragazzo….nessuno gioca a perdere.la asroma ogni anno fa utile ma non ve lo dicono…all’incirca 34/40 milioni!

  15. ovvio che la Lazie ha superato di poco, allo stadio sono in 15 la partita se la vedono tra in campagna tra cicoria e verdure varie.

  16. “La Lega Serie A per il campionato appena concluso distribuirà circa 1,018 miliardi divisi attraverso differenti parametri: il 50% esattamente in parti uguali (25,5 milioni), mentre le variabili sono il pubblico, gli ascolti, i risultati storici, quelli dei 5 anni precedenti e quelli dell’ultimo anno. Prendendo in riferimento solo i soldi incassati dal pubblico che ha assistito alle partite dallo Stadio, la Roma sarebbe terza (13,7 milioni) dietro solo a Milan (16) e Inter (19).”

    Cinque anni precedenti… compreso il cammino in europa… Cosa che i zampognari si sognano !

  17. Al di là della differenza di introiti minuscola fra noi e quelli là, mi torna in mente una cosa vergognosa:

    Classifica diritti tv serie A 2022/23:
    1-Inter 87,1 Mln
    20-Cremonese 29,4 Mln

    Classifica diritti tv Premier League 2021/22:
    1-City 153 Mln
    20-Norwich 101 Mln

    Faccio i conti per voi: In Italia quella che guadagna di più prende praticamente 3 volte (2,96 per la precisione) quello che prende l’ultima. In Inghilterra è pari a 1,51. La differenza laggiù è della metà. Al di là della differenza di risorse pazzesca, la ridistribuzione di queste mette in luce la mentalità calcistica differente. Qua si pensa a “proteggere il brand juventus” con favori di ogni tipo cercando di mantenere una solida base di tifosi su larga scala spremendoli come limoni fino a quando potranno. Laggiù cercano di mantenere alta la competitività anche delle squadre più piccole, rendendo il campionato più interessante (al di là di emiri vari che buttano 2 miliardi sul mercato) ed attirando nuovi sponsor e gradimento a livello mondiale.
    Chissà fin quando reggeremo la baracca…

  18. Ah, ecco perché ci frodano con arbitraggi vergognosi facendoci finire sotto i burini del padr(ino)e padron pinguino, così succede questa porcheria con i diritti televisivi nonostante abbiamo un bacino d’utenza 3 volte superiore rispetto a quello dei gallinacci sbiaditi in pigiama.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome