Divieto di sosta

62
857

AS ROMA NEWSL’Atalanta non si ferma più. La squadra di Gasperini ha ritrovato la formula magica di tanti successi di questi ultimi anni e sta macinando gol e punti, diventando la grande favorita al quarto posto alle spalle di Inter, Juve e Milan, ormai staccate.

Il tre a zero di ieri contro il Sassuolo fa volare la Dea a 45 punti, a più 7 sulla Roma, che oggi deve assolutamente rispondere con una vittoria sul campo del Frosinone. Un passo falso dei giallorossi renderebbe quasi impossibile la rincorsa all’Atalanta (che deve perfino recuperare una partita) e a quel piazzamento in classifica che le darebbe la certezza di giocare la prossima Champions League.

Daniele De Rossi pensa a qualche cambio, necessario in vista del match di ritorno di Europa League contro il Feyenoord, specie sulle corsie laterali sia di difesa che d’attacco. Kristensen e Angelino prenderanno il posto di Karsdorp e Spinazzola, Baldanzi dovrebbe far rifiatare Dybala, mentre El Shaarawy tornerà a giocare titolare al fianco di Lukaku.

Il Frosinone non è una squadra da sottovalutare, specie in casa e quando indovina la giornata giusta. I ciociari, ben allenati da Di Francesco e con qualche giovane molto interessante (gli juventini Barrenechea e Soulè su tutti), giocano un buon calcio palla a terra, spigliato e propositivo, ma concedono parecchio in difesa.

La Roma dovrà far valere la propria superiorità tecnica, ma dovrà essere meno sprecona e più incisiva sotto porta. De Rossi dovrà poi insistere su alcuni concetti nell’occupazione degli spazi in difesa, con la squadra che quando viene attaccata, specie sulle fasce, va troppo facilmente in sofferenza.

Attenzione dunque  ad avere la testa sulla gara di giovedì contro il Feyenoord. I tre punti di oggi sono indispensabili alla luce del passo che le principali pretendenti al quarto posto (oggi interessante Lazio-Bologna all’ora di pranzo) stanno tenendo. Con la Roma chiamata a cambiare decisamente passo in trasferta.

Giallorossi.net – Andrea Fiorini

 

Articolo precedenteRoma, la mannaia di Lina Souloukou: gli unici tagli sono ai dipendenti senza tutele. E i procuratori chiedono gli arretrati
Articolo successivoUna donna al comando della Roma in attesa dell’annuncio del nuovo ds (già al lavoro)

62 Commenti

    • Il IV posto era il massimo risultato attendibile già a inizio stagione. Più probabile il V, come da me pronosticato.
      Del resto, perché mai dovremmo attenderci di più da una squadra che negli ultimi CINQUE campionati si è piazzata costantemente tra il V e il VII posto e, nel frattempo, ha fatto quel po’ po’ di campagne acquisti?
      Spiegate, spiegate…

    • erterzomontingaggio ce dicono de sta al terzoposto.
      serve mandare via la gente che prende di piu cosi rispecchiamo ermontingagihihihi

      😂😂😂😂

    • Noooo Kawa, macché…vedrai con il bel gioco, Angelino, Aouar, Zalewsky, Baldanzi, Dybala e Souloukou Biancaneve…..

    • Se la Roma ha viaggiato in questi anni trà il 5° e il 7° posto lo dovete al vostro grande mentore e signore, il mago di Setubal.
      28 punti in un girone rifiutando di giocare a calcio sono il suo penultimo lascito dopo essere stato GIUSTAMENTE esonerato ancora una volta.
      Perciò fate silenzio che DeRossi vi stà dando lezioni su lezioni a tutti e spero veramente con tutto il cuore che in un modo o nell’altro raggiunga la zona Champions a fine stagione in modo da zittirvi tutti ancora una volta.

  1. 7 punti sotto all’Atalanta (con 1 gara da recuperare)
    4 punti sotto al Bologna
    + 1 sulla lazio che però ha una gara da recuperare

    In questo momento, se gli sbiaditi mantenessero la loro media punti/gara saremo virtualmente settimi.

    Questa la situazione che fotografa l’importanza della gara. Voglio credere che aver annullato la conferenza stampa pre-partita sia dovuto alla volontà di Daniele di utilizzare ogni minuto utile per stare con i ragazzi e preparare al meglio la partita. È infatti la prima gara che DDR prepara dopo un turno infrasettimanale e lui sa bene, essendo stato giocatore, quali sono le insidie di queste gare.

    Oggi vedremo se la Roma ha acquisito una mentalità nuova e una sua dimensione nuova, che dall’alto della sua chiara superiorità tecnica per troppo tempo sminuita (“il centrocampo del Sassuolo è più forte del nostro” cit.), le consenta di imporsi anche in trasferta.

    • D’altronde, tra centrocampo del Sassuolo più forte del nostro e mercatini come Lecce e Sampdoria, la dimensione nostra secondo il Maestro sarebbe stata quella del quartultimo posto in classifica.
      E non escludo che ce l’avrebbe anche fatta a raggiungerla, se solo gli avessero concesso il tempo necessario per completare il lavoro.

    • Vegemà, oggi serve vedè se riuscimo a guarì dal mal de trasferta. Perché oltre ad avè l’allergia a li scontri diretti, c’avemo pure er complesso de le mura nemiche. Sto andazzo nun l’ha ancora invertito manco DDR. Co sti presupposti er posto in Champions diventa na chimera…

    • Io invece Sonny, sbagliando, non l’avrei esonerato. Per due motivi fondamentalmente. Il primo è che dando la stagione ormai quasi per compromessa in campionato, gli riconoscevo comunque una capacità di over-performare nelle Coppe. Credo che con altri allenatori difficilmente avremo fatto due finali.
      Il secondo è che ritenevo importante che una tifoseria profondamente plagiata e legata al tecnico, nel probabile suo fallimento, maturasse la consapevolezza che Mou non avesse nulla di speciale e che quindi il distacco fosse la soluzione migliore: un po’ quello che è successo alle tifoserie di MU, Chelsea e Spurs.
      Temevo infatti che l’esonero ne avrebbe fatto un martire e quindi uno scomodo fantasma per chiunque l’avesse sostituto. Daniele ora convive continuamente con questa spada di Damocle sul capo: se oggi non vince non godrà della stessa indulgenza riservata al portoghese, ma sarà lapidato.

    • ammazza che gatti neri aooo… @Vagemite l’Atalanta la partita che deve recuperare ce l’ha co l’Inter, mica col canicattì… ce stanno na marea de partite ancora e noi se semo levati già Inter, milan, juventus e napule. Può seccedere ancora di tutto!
      @Giraldi Nico a ispettò… “DDR ancora non ha invertito” che doveva invertì? ha fatto 4 partite, 3 vittorie e una persa con l’Inter che sta ammazzando il campionato, in coppa un pareggio in Olanda che me pare comunque un passo avanti dalle partite precedenti, e dai 6 gol di Bodo…
      Time!!! Forza Roma e forza DDR!

    • manuel lascia perde non ne vale la pena. Prima era Pinto, poi Mourinho adesso sono i Friedkin e Lina Souloukou. Questi non sono tifosi, sperano che la Roma perda solo per poter dar alito alle loro frustrazioni. Sono provocatori nati, nati se li rimbrotti te riempono d’insulti e denigrazioni

    • Dici Vegemite che era meglio tagliarsi i coyoti per fare il classico dispetto alla moglie?
      Può darsi!

    • “…se VI è uno”, c’avemo Shakespeare qui…
      Ma come casso scrivi? Ma che stai ne l’ottocento, cor pennino e er calamaio?

  2. L’atalanta ha sculato alla grande ieri… pinamonti sbaglia un rigore 2 volte!!! nelle prossime giornate abbiamo un calendario molto favorevole rispetto al loro e la loro partita da recuperare è con l’inter (che ha il vantaggio di poter segnare anche in fuorigioco! :)). Quindi dajeromadaje! e Daje DDR!!!

    PS. ma come si fa a capire se l’italia avrà 4 o 5 squadre in CL l’anno prossimo?

    • Partendo dal fondo: non possiamo sapere da subito quante squadre italiane ci saranno in Champions l’anno prossimo, perché dipende dalle performance delle squadre attualmente impegnate nelle coppe. Più avanti andranno (specialmente quelle in Champions’, ma anche le altre competizioni hanno un peso non irrilevante), più sarà probabile avere 5 squadre.

      Detto questo, ieri sera ho visto la partita dell’Atalanta: è vero che Pinamonti ha sbagliato due volte il rigore, ma per il resto non c’è stata assolutamente partita, il risultato finale non è mai stato in discussione. Il tutto con Lookman assente da più di un mese per via della Coppa d’Africa, tra l’altro.

    • A fine stagione UEFA, cioè di tutte le competizioni (C.L, EUROPE LEAGUE e CONFERENCE), le squadre italiane devono aver fatto più strada possibile per continuare a tenere il 1° posto, ma va bene anche il 2°, nel ranking UEFA: le prime 2 avranno 5 squadre in C.L.

    • Pinamonti non ha calciato fuori o sul palo.
      Carnesecchi ha fatto due parate.
      Quante possibilità ci sono che Rui o Svilar facciano una simile impresa?
      Purtroppo l’Atalanta ha un fenomeno tra i pali e questo si traduce in punti. Un portiere che la DEA ha saputo aspettare e valorizzare ed ora se lo gode.
      I nostri due portoghesi, ora fortunatamente ex, quali portieri ci hanno invece portato?
      Lo scrivo da anni che per me Carnesecchi è il portiere italiano con più talento.

    • dipende da quali saranno i punteggi uefa a fine stagione. ad oggi ne hai 5 ma già al prossimo turno europeo potrebbe cambiare tutto o quasi. più le italiane vanno avanti e più punti di conseguenza fa l’Italia nel ranking uefa

    • devi aspettare la fine della stagione calcistica e vedere se siamo ancora primi o secondi nel ranking uefa.

      il top sarebbe se i punti per il ranking li portasse la lazio col suo percorso in europa… per poi arrivare 6′ in campionato… e noi 5′ 😉

      ecco, così sarebbe una goduria enorme

      ❤️🧡💛

    • grazie per le info sul ranking!
      @ago io ho visto solo il primo tempo e non sono d’accordo: a fine primo tempo il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto… poi magari nel secondo tempo è cambiato tutto e hai ragione tu… non l’ho visto. ricorda però che al sassuolo mancava berardi che fa tutta la differenza!
      @vegemite: a ma hanno sempre insegnato che non è mai il portiere che para il rigore… è sempre l’attaccante che lo sbaglia!

    • Te la insegno io una cosa: se il portiere non abbocca alle finte di chi calcia il rigore, lo para quasi sempre salvo che nonostante tutto venga calciato angolatissimo, forte e non a mezza altezza.

    • Daje Rometta, se è come dici tu, vuol dire che contro di noi i rigoristi non sbagliano mai. Detto questo ieri, rigori a parte, Carnesecchi fa pure parate importanti, una quasi miracolosa.

  3. Il Carbonaro purtroppo sembra avere trovato un’altra formula vincente con questo assetto che non prevede centravanti di ruolo, con Miranchuk e CDK a svariare sul fronte d’attacco e i micidiali inserimenti da dietro di Pasalic e Koopmeiners.
    Ricorda un po’ la formula del secondo Spalletti appena arrivato che mise in panchina lo spento Dzeko per schierare Perotti, Salah e El Shaarawi.
    Vero che il Sassuolo si mangia pure la ripetizione del rigore però l’andamento della partita lascia credere che avrebbero comunque perso data l’evidente supremazia bergamasca.
    A proposito dei sassuolari, la posizione in classifica inizia a farsi pesante, chissà non sia la volta buona che vanno in B. Hanno il Verona a 1 punto, seppure con una partita in più, e gli scaligeri hanno dimostrato coi gobbi di essere una squadra viva e che ci crede.
    Uno scherzo di “Carnevali” fuori stagione non mi dispiacerebbe affatto.
    In quanto a noi la situazione per la lotta Champions è dura, inutile nascondersi. Atalanta e Bologna sono la dimostrazione pratica di come un allenatore con idee possa incidere anche pesantemente in positivo.
    Noi ne abbiamo avuto uno che lo ha fatto nell’altro senso e adesso i margini di errore sono molto stretti, quasi inesistenti. Ma comunque qualche speranziella la nutro, a differenza di un mese fa.

    • I frequentatori storici di questo sito sono ormai abituati all’improvvisa “sparizione” di alcuni nickname. Porto a titolo di esempio il “mitico” Fasullik e, molto meno mitico, il povero Francomeno65, misteriosamente scomparso in Africa…
      Dobbiamo preoccuparci?
      Secondo me no. Possiamo dormire Sonni tranquilli.

  4. A fine stagione UEFA, cioè di tutte le competizioni (C.L, EUROPE LEAGUE e CONFERENCE), le squadre italiane devono aver fatto più strada possibile per continuare a tenere il 1° posto, ma va bene anche il 2°, nel ranking UEFA: le prime 2 avranno 5 squadre in C.L.

  5. L’anno prossimo voglio vedere la Roma che gioca in Champions Lik . Basta a fare partite contro le Servette e gli Sceriffi,lasciamole all’Alassio.
    Perciò oggi suoniamo la Carica con la tromba d’ordinanza. 🎺

  6. Piano con l Atalanta, alla prima sconfitta/pareggio comincerà la sua fase calante, non ha una rosa molto lunga e la mentalità non è quella di 4 anni fa…da canto ns testa giù e a pedalare fino in fondo, per come si era avviata la stagione e con i danni fatti dal duo portoghese, arrivare al 4° posto sarebbe un exploit.

  7. il periodo delle partite ravvicinate nelle coppe gara 6 la differenza

    mi duole dirlo, ma lo scorso anno la scelta di sarri (o lotito) di snobbare la conference gli ha permesso di guadagnare il piazzamento champions (e sono tanti soldi)

    ci vuole una rosa di 25 giocatori senza punti deboli in tutti i ruoli se vuoi vincere partite, tutte fondamentali, ogni tre giorni con spostamenti di ore.

    7 marzo , l’andata degli ottavi di finale
    il 10/03/2024 (Fiorentina – Roma)
    14 marzo , il ritorno degli ottavi di finale
    il 17/03/2024 (Roma – Sassuolo)

    il 7/04/2024 (Roma – Lazio)
    11 aprile , l’andata dei quarti di finale
    14/04/2024 (Udinese – Roma)
    18 aprile , il ritorno dei quarti di finale
    il 21/04/2024 (Roma – Bologna)

    Il 28/04/2024 (Napoli – Roma)
    2 maggio , l’andata delle semifinali
    Il 05/05/2024 (Roma – Juventus)
    9 maggio , il ritorno delle semifinali
    Il 12/05/2024 (Atalanta – Roma)

    Lo scorso anno, puntare all in sulla vittoria finale entrando in Champions dalla porta stretta dell’EL ci ha fatto rimanere con un pugno di mosche in mano, grazie a TaylorSiSvegliasseFreddo.

    La Roma di Mourinho, il “male della Roma ” era terza prima del terribile ciclo finalle.

    Sappiamo come è finita.

    Io dico che l’unica speranza di centrare un piazzamento Champions l’abbiamo se noi usciamo dalla coppa e l’ Atalanta continua.

    Potrebbe bastare il 5° posto, dicono, ma ho dei dubbi.
    C’è comunque da considerare Bologna, che non fa le coppe e poi Fiorentina e Lazio se escono.

    aldilà dell’essere tifosi, ditemi voi se non è questione proibitiva pensare di concorrere su entrambi i fronti.

    • WTF che scrivi ha una sua logica confortata da quanto è successo agli sbiaditi lo scorso anno.
      Ma anche se non dipende solo da noi il 5 posto è legato alle performance di Coppa quindi siamo in piccola parte padroni del nostro destino.
      Detto questo molto dipenderà da quale sarà la proprietà il prossimo anno.
      Rimanessero i Friedkin dovremo puntare maggiormente sul 4 posto per rifare la squadra. Con una proprietà che garantisse sponsorizzazioni tipo PSG o City il raggiungimento del 4 posto sarebbe meno importante.

    • Competere su 2 fronti,hai ragione,è proibitivo ma secondo me ha senso mollare l’Europa se l’obiettivo alternativo è chiaro ,alla tua portata ed importante, tipo lo scudetto o magari il quarto posto ma da una posizione di testa a testa o quasi.Io per ora tirerei dritto su tutti i fronti

    • Se usciamo noi ed escono le altre il posto in più te lo sogni. Per essere buono il quinto posto è necessario che le squadre italiane, noi compresi, vadano avanti il più possibile. È un serpente che si morde la coda.

    • La tua disamina, il tuo raziocinio, pragmatismo è perfetto WTF….
      Però c’è un però…
      Nello sport si compete per partecipare e magari vincere, fa’ parte del DNA dello sport..🤷
      Tutti gli altri atteggiamenti “rientrano” nelle furberie, comportamenti antisportivi.
      Si gioca il campionato per vincerlo, qualificarsi per…. salvarsi dalla serie b…
      Poi una volta raggiunto il traguardo sportivo ci rinuncio..?? 🤔
      La/e strategie spettano all’allenatore che a mio modo di vedere, quest’anno ha la possibilità di allestire 2 formazioni diverse per ogni competizione..

    • Quando leggo frasi tipo:
      “Nello sport si compete per partecipare”
      capisco quanto sia insanabile la diversità di vedute con alcuni utenti…

      Intanto, per amore della lingua italiana, bisogna evidentemente chiarire il significato di “competere”.
      Dalla Treccani:
      “Gareggiare, concorrere in rivalità con altri, lottare per riuscir superiore: c. per un titolo, per un premio…ecc.”.
      Quindi, non si compete per partecipare, bensì per VINCERE.
      Eh, lo so, che questo concetto vi spaventa, ma occorre che ve ne facciate una ragione…

      In conclusione, vi cedo volentieri il celebre e nobilissimo motto decoubertiniano,
      “L’importante è partecipare”.
      Il mio spirito agonistico è troppo troppo elevato per poterlo condividere.

    • @Wtf,
      per noi due saranno troppi, come dici te, ma la bergamasca è tuttora impegnata su tre fronti… E nun molla gnente.

    • @Kava, mollerà. Proprio per questo, mollerà.

      Io non ho alcun potere decisionale, quindi ogni discorso che faccio è improntato al condizionale. Sarebbe. Potrebbe. Eccetera.

      Semplicemente mi spoglio un attimo dai panni del tifoso (durante le partite è impossibile, voglio vincerle tutte, anche sporco, non me ne frega niente, anzi meglio) e in un bagno di realismo mi dico che concorrere su due fronti è impossibile.

      Lo scorso anno lo vedevo molto rischioso, lo è stato, ma ormai eri lì, ce l’avevi a portata di mano… era giusto l’All In.
      Quest’anno semplicemente, mi dico che se non passiamo il turno col fejenoord (mi rode sempre) me ne farò una ragione…

      🙂 ma insomma… diciamo che la stagione non la vedo bene.

  8. La situazione è quella classica in cui la retorica di un vecchio calcio ridiventa attuale: “non facciamo proclami, non stiliamo tabelle, giochiamo partita per partita e alla fine del campionato tireremo le somme”. Variante: “giocheremo ogni partita come se fosse una finale”.
    Essendo retorica, non cambia più di tanto la realtà; ma, aiuta a non mollare MAI psicologicamente.
    Oggi bisogna vincere, certo. Giocando al meglio non sarebbe un’impresa ma una cosa piuttosto normale. Ma vai a capi’ cosa sta nella testa di molti giocatori, che sanno che sicuramente o probabilmente l’anno prossimo non saranno più qui. ‘Na vorta c’erano i premi partita, che trasformavano le motivazioni in meglio.
    DAJE, NON FERMIAMOCI PIU’…FRS!

  9. l’Atalanta va come un treno e il ritardo accumulato da Mourinho lascia tutto nell’incerto di buono cioè assolutamente che DDR ha scelto un tipo di gioco ispirandosi a lui servirebbe al possesso finalmente non vediamo più l’ingessato 441 dello sciamano Luis Enrique aveva raggiunto un buon standard di gioco a Roma sia pure nel tormento costante spende nell’ombra di Totti sostenuta da media chiavi alla fine fu memorabile l’ennesima domanda dell’inviata del TG2 circa l’Impiego di Totti a cui Luis rispose nascoste signora son debole ma lei è la sorella di Totti ?

  10. De Rossi sta alternando calciatori in campo.
    TUTTI pronti a giocare e dare il massimo ,
    sia esso dal minuto 1 o da subentranti.
    Mancini N’Dicka Huijsen Llorente in attesa di Smalling. non male direi…
    Angelino / Spinazzola = anche.
    Karsdorp Kristensen/Celik =chissà perché ma vedo Celik il più portato per la difesa a 4 .
    Cristante / Paredes = i 2davanti alla difesa ad organizzare , con Pellegrini o Bove ad aiutare.
    Alto a sx =El Shaarawy Zalewski ( deve riprendere confidenza col ruolo , eccessive le critiche ).
    Lukaku Dybala= in pochi li hanno .Azmoun quando entra sempre utile , in attesa di Abraham
    ______
    vinceremo il campionato ?
    no.
    Abbiamo una squadra da QUARTO POSTO ?
    Certamente si , soprattutto se tutti ci credono e lottano , motivati e cattivi.
    Ma soprattutto UNITI ,
    mister , calciatori , dirigenza, tifoseria.
    Domanda
    con Mou c’era tutta questa unità o
    le polemiche/critiche/rimbrotti ai calciatori ed ai dirigenti
    avevano incrinato equilibri ?
    Nb
    1 capo
    ( e gli allenatori sono CAPI e leader della squadra) deve motivare , non cercare sempre giustificazioni addossando ad altri le colpe.
    _______
    29 punti in 20 partite.
    Forza Daniele De Rossi = 18 partite obbiettivo 36

  11. Oggi servono 3 punti.
    Ripeto invito già fatto una volta.
    Il 21/4 non sto a Roma e com’è noto si gioca Roma-Bologna. Posso cedere gratuitamente il posto in abbonamento Tribuna Tevere ad over 65 interessato o interessata, sempre che la partita non ricada fra le incedibili.

  12. Wtf la vedo come te.sopratutto se la Roma non cambia il trend negli scontri diretti!ad ora pensare che questa squadra possa vincere l El od arrivare 4 con questa Atalanta… è veramente utopico!l ho già scritto in un post giorni fa’.poi il calcio si sa…non è una scienza esatta.

  13. Il titolo di Fiorini è esatto: siamo due punti sopra il Toro e 7 sotto l’Atalanta. Oggi solo tre punti altrimenti anche il quinto posto se ne va. Forza Roma!

  14. Se non si centra la qualificazione Champion con il quarto/quinto posto o la vittoria della Coppa Europa, la sostituzione di JM con DDR è stato uno sbaglio, il resto è fuffa.

    • Proha non scherziamo… se non arriviamo quarti è colpa della preparazione di Mou…
      se invece entriamo in CL sarà merito di DDR…
      nel frattempo, adesso, se abbiamo qualche intoppo nelle partite è anche colpa dei calciatori…

  15. Comunque vedendo il Bologna sono sempre più convinto che per uscire da Anni di mediocrità bisogna avere un DS di livello Sartori da pagare a qualsiasi cifra. Poi Motta o De Rossi come allenatore credo cambi poco. Per quest’ anno già tanto tornare in Europa League

  16. bisogna battere il ferro finchè è caldo…
    in questo momento la squadra vive una nuova giovinezza con un modulo più piacevole da guardare m soprattutto con l’infermeria praticamente vuota, perchè è vero che Smalling dovrà riprendere il ritmo ma l’ultimi 15 minuti meglio di un Cristante adattato sarà…
    nelle prox giornate ci saranno diversi scontri diretti fra chi ci precede e diventa d’obbligo fare i 3 punti con squadre come il Frosinone, d’obbligo farli, ma non facile, con noi tutte le squadre trovano motivazioni, e una volta arbitraggi indisposti… e ce da pensare anche a giovedi, dove non serve l’impresa ma neanche pensare di avere già passato il turno… DDR finora ha saputo gestire perfettamente la mentalità dello spogliatoio, speriamo sappia gestire altrettanto bene anche i cambi…

  17. Ci sono ancora tante partite, bisogna avere fiducia, il 4 o 5 posto non si sa quante squadre vanno in CL e’ possibile come per arrivare in fondo in coppa …..Oh siamo tifosi senza scoraggiarsi per un risultato e daje Roma e Daje…

  18. troppi calcoli facciamo, iniziano partite abbordabili, da vincere poi vedremo , comunque l’Atalanta ha un ciclo duro , vedremo fra 5/6 partite, con il rientro di Smalling Sanches e Abraham, si può sperare

  19. Leggo in alcuni precedenti commenti che è un esercizio ai limiti della realtà o delle possibilità quello di competere su più fronti. PERCHÉ? Se la sfiga (non l’utente che ha scelto un tale nick) guarda da un’altra parte (tipo l’altra sponda del Tevere) abbiamo una rosa di tutto rispetto che può farlo senza particolari problemi. Soprattutto adesso che in campo si intravedono movimenti degni di tale nome e, soprattutto, organici allo scopo che è quello di buttare la palla nella rete avversaria il maggior numero di volte. Comunque almeno una in più dell’avversario. Quando diversi giorni fa parlavo di mentalità vincente mi riferivo proprio a questo atteggiamento rinunciatario che permea alcuni (fortunatamente non molti) commenti di alcuni utenti. Perché non si può gareggiare/competere su più fronti? Chi lo dice? Con quale motivazione logica? Se poi veniamo derubati in campo allora è tutta un’altra musica. Partire però con un approccio remissivo è autolesionista e controproducente. È solo per poter dire: “l’avevo detto io….”. Complimentoni

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome