Ds Roma, Maurice: “Resto al Rennes fino a giugno”. Massara smentisce contatti, il favorito diventa Neppe

77
1890

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – E’ sempre più ingarbugliata la corsa alla carica di prossimo direttore sportivo della Roma, che sui giornali è diventato un tema fisso di questi giorni, tra candidati in risalita e altri che sembrano perdere consistenza.

Fino a ieri il grande favorito era Florian Maurice, 50 anni, attuale direttore tecnico del Rennes che saluterà il club francese a scadenza di contratto. Ma ieri il dirigente transalpino ha dichiarato pubblicamente di essere concentrato al 100% sul suo compito e che resterà al Rennes fino a giugno.

Parole che sembrano metterlo fuori gioco dalla corsa alla poltrona di ds nella Roma: i giallorossi, rimasti orfani di Tiago Pinto, devono annunciare al più presto il prossimo direttore sportivo che avrà il compito non facile di lavorare sulla costruzione di una squadra che a giugno vedrà tanti calciatori, tra prestiti e scadenze di contratto, lasciare Trigoria.

Con Maurice che scende nel borsino, salgono le quotazioni del giovane Marco Neppe, 37 anni, ex Bayern Monaco. Un profilo che piace tantissimo ai Friedkin, ma che ha diverse proposte sul piatto. Resta in corsa Christopher Vivell, nella lista dei papabili è presente anche Ricky Massara, unico italiano in lizza, che però smentisce di aver avuto contatti con la Roma.

Fonti: Leggo / Gazzetta dello Sport / Il Messaggero / Corriere dello Sport

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedenteLe scelte di DDR: confermato il 4-3-3. Bove verso la panchina, debutta Angelino
Articolo successivoPinto, il retroscena di Zazzaroni: “A Trigoria disse ‘qualcuno andrà via prima di me…'”

77 Commenti

  1. Dieci poveri DD
    se ne andarono a mangiar:
    uno fece indigestione,
    solo nove ne restar.

    Nove poveri DS
    fino a notte alta vegliar:
    uno cadde addormentato,
    otto soli ne restar.
    (Tratto da “10 piccoli DS”, nuovo thriller prodotto da Dan Friedkin)

  2. Neppe sarebbe la soluzione migliore, ma un DS italiano alla Sartori o Corvino porterebbero alla Roma giovani di livello.
    I texani sono gente seria

    • Che tristezza questi tifosi di Mourinho.
      Non contesto che si possa avere un’adorazione per un tecnico, ma per questo addirittura arrivare a screditare un allenatore come DDR …..

    • Vegemite non credo si tratti di screditare De Rossi, è che ha un contratto in scadenza a giugno senza alcuna clausola per un rinnovo. Oggettivamente c’è ancora da scegliere il tecnico del prossimo anno

    • Quello che succederà a giugno non lo sappiamo. Io mio auguro che DDR rimanga sulla nostra panchina anche il prossimo anno perché questo vorrebbe dire che avrà concluso la stagione in maniera positiva.

  3. Mi sa che non vuole venire nessuno a Roma… È un brutto segnale. Nessuno se la sente di dover fare 40 milioni di plus valenze entro giugno

  4. I proprietari americani sono allergici ai DS italiani non vanno bene, per loro esistono solo i DS stranieri, ma io dico prendi una società di calcio in Italia e cosa fanno gli americani vanno ad assumere dirigenti stranieri provenienti da altri campionati? Ha tutto un senso questo per me no.

    • Su che tavolo vuoi giocare, quello del giro dei procuratori di un calcio in malora o quello che porta gli Håland e i Bellingham a Dortmund? Sabatini era valido non perché italiano, ma perché aveva i contatti giusti nel resto del mondo

    • Subterranean Homesick Ali… ma come pensi di andare avanti senza avere contatti tra procuratori come pensi di fare le benedette plusvalenze soprattutto in questi due anni per i bilanci, visto che hanno firmato accordi con l’ UEFA.
      I DS stranieri questi citati vanno bene se gli dai una valida e certa disponibilità economica che seguono la maggior parte il modello Red bull Salisburgo e Lipsia, ma se hai dei vincoli con l’ UEFA e tra l’ altro devi autofinanziarti per il mercato come pensi di fare tutto? Già è difficile la situazione almeno prendiamo dirigenti italiani che sanno già come muoversi nel nostro campionato rispetto al solito straniero che è un’ incognita.

    • Alessandro perdonami, io sono un profano, ma se dovessi fare le plusvalenze andrei a cercare dove girano i soldi, tipo la Premier, non certo nello scapestrato circo nostrano. Il modello Red Bull prevede di sgrezzare i giovani talenti e poi eventualmente rivenderli a peso d’oro, a me sembra un modo di creare il patrimonio, non di dilapidarlo. Non è che stiamo prendendo chiunque sia il folle che ha gestito il mercato del Man United negli ultimi anni, quello sarebbe abbastanza insensato…

    • Subterranean se stai con dei limiti imposti dall’ UEFA perché li hai voluti tu cara proprietà firmando un determinato accordo fino al 2026 e non puoi garantire al prossimo DS una disponibilità economica certa, allora se permetti senza troppi giochini o incognite ti vai a prendere un dirigente italiano valido che già conosce il nostro campionato e non lo straniero dove l’ esperimento non ha già funzionato. E poi se permetti questo Nepp ti verrebbe con soldi certi in mano e non con incertezze data la sua provenienza.
      Inoltre altro appunto se mi devo buttare su Maurice del Rennes, allora anche qui se permetti mi vado a prendere Massara.

    • @Franz … perché Mourinho l’ha portato Tiago Pinto? Credevo i Friedkin a suon di milioni l’anno. Pensa un po’.

    • Vincent, quindi pure Shorumodov l’hanno preso i Friedkin? Facce capí sta connessione.

    • Mourinho, Dybala, Lukaku e chiunque altro abbia ben figurato nella Roma lo hanno portato i Friedkin e solo grazie all’intercessione di sua santità Josè Primero.
      Vina e Shomurodov l’ha portati Pinto coi soldi suoi, ad insaputa di tutti.
      E paga pure casa a Renato Sanches, che per compenso gli gira il 40% dell’ingaggio.

  5. Sapendo che Pinto se ne sarebbe andato a fine giugno, mi stupisce che non si sappia ancora chi lo sostituisce. Lo sappiamo tutti che il mercato dura 12 mesi l’anno e non avere ancora ufficializzato il D.S. è un ritardo grave, spero che i Friedkin lo capiscano e lo comunichino al più presto. FORZA MAGICA.

  6. Ho finalmente un DS con i contro …… Neppe sarebbe la scelta giusta e chi dice il contrario ricordo che ha portato musiala e David solo loro due fanno metà della rosa nostra . Purtroppo Sartori non se può prende. Speriamo che sia lui ha diverse offerte gli devono dare carta bianca e i soldi .

  7. Come Pinto anche Neppe è under 40. Siamo proprio sicuri che in quel ruolo l’età non conti? Poi, Pinto non era un DS; speriamo che chiunque arrivi li sia sul serio.

  8. Suggerirei ai Friedkin di prendere un GM che conosca il mondo calcistico sia Italiano che Internazionale, e chi meglio di Zibi Boniek, attuale Vicepresidente UEFA, che può supportare il presidente nelle scelte più delicate, come quella del nuovo direttore sportivo. Non so se è fattibile dato il ruolo attuale che riveste, ma un pensierino lo farei su Zibi , che oltretutto ama Roma ed è un simpatizzante tifoso della ns squadra.

  9. infatti il lavoro di scouting presso domiciliazioni ospedaliere eseguito da pinto è stato fenomenale. E.R.e il Dr. Huose dei veri pivelli a confronto.

    primo anno cento milioni spesi maluccio. via tiago , nessuno sensato ti rimpiange.

  10. Ancora na fumata nera…
    Ma quann’è che er texano s’affaccia da la finestra de via Tolstoj? Daje dicce er” nuntio vobis gaudium magnum. Habemus ludis director”

    • cioe’ riuscire a farti scrivere due righe insulse su una pagina web?
      maxeemgoschool

  11. La nomina del prossimo DS della Roma non sarà a scelta ma a scarto,tipo quello che gli rimane il cerino in mano.
    Mi preparo al peggio ,tipo un ritorno di Monchi.

  12. Sono ben cosciente che una maggioranza preferirebbe un DS italiano ma possono esserci varie motivazioni perché i Friedkin non ne vogliono uno, e ci possono anche essere stati anche dei colloqui con alcuni dei DS italiani da voi nominati ma questi rifiutano di ricoprire un ruolo che considerano ne limiti i poteri.
    La maggioranza dei DS italiani (diciamo presso a poco tutti) vogliono la delega di firma che è quindi carta bianca. Possono pure accettare un budget di mercato da rispettare ma di solito, essendo le commissioni mai state regolamentate in Italia, vogliono decidere loro l’ammontare da pagare che a volte supera nell’immediato il costo del cartellino pagato del calciatore e questa va pagata subito in toto (es. puoi dire che hai acquisito un calciatore da tot squadra per €12M suddivisi in 4 rate dove paghi €3M in 4 anni, con la prima rata che la paghi pure il prossimo semestre ma le commissioni vanno pagate subito e può essere di €5M senza rateizzazioni e ne può essere dichiarata se in borsa in verità anche tipo €1M, mentre altri €4M da essere versati con altre modalità in nero su conti offshore o società a scatola vuota dove letteralmente quasi tutti i DS qui hanno conti esteri e di solito gli agenti ed intermediari degli affari prendono dalla loro parte il 50% che suddividono in più parti ed il restante 50% va al DS (la pacchia su questa sta per finire dopo che l’anno scorso è stata approvata il tetto a livello europeo per le commissioni ed oneri di agenti e mediatori il cui limite massimo è del 10% che doveva entrare in vigore a Gennaio ma che è slittata per questa estate e ci dovrà essere trasparenza su queste cose che soprattutto qui in Italia invece non essendo mai state regolamentate, facevano come li pareva). Il patron o presidente semplicemente era costretto a pagare e basta (anche a volte ricattato dal DS che se non pagava, li portava via dalla squadra qualche calciatore importante o ne boicottava il rinnovo). Guardate che una maggioranza di DS italiani ha operato per tantissimi anni in questo modo ed alcuni nomi che ho letto nominati da alcuni utenti mi facevano rabbrividire, lavorano in questo modo. Non ci vuole tanto in verità a scoperchiare tutto questo sistema.
    Invece all’estero come ad esempio in Germania, le commissioni sono regolamentate, e questo magna magna sulle commissioni non esiste. I vari DS tedeschi non hanno deleghe di firma (al limite hanno carta bianca sull’acquisto di giovani calciatori per il settore giovanile il cui costo totale deve rientrare entro un certo limite), l’ultima approvazione spetta al board del club che può decidere di approvare o bocciare un affare. I Friedkin penso non vogliano semplicemente finire in situazioni dove devono pagare e basta e non avere alcuna voce in capitolo.

    • Interessante.

      Ci vedi una connessione con l’acquisto di Baldanzi?

      A me sembra “strano”. Inspiegabile, considerando che a questo punto è evidente che non ci fosse il nuovo diesse a operare sottobanco ma il vecchio non-diesse.

      Un acquisto che sulla carta ha le stimmate dell’investimento per il futuro fatto da un non-diesse senza futuro per un allenatore a scadenza. Operazione che tecnicamente solleva molti dubbi e che invece si spiegherebbe considerando questo gioco di commissioni.

    • Diciamo che Baldanzi lo vedo come un compromesso.
      Penso che il nuovo DS sia già operativo e se fosse anche straniero, i DS stranieri che hanno operato all’estero puntano anche all’ingaggio di alcuni dei top talenti del paese in cui operano.
      Baldanzi rientra nei parametri di essere un “home grown talent” e l’affare era già comunque facile da impostare perché il suo agente è Riso che è già nel giro attuale della Roma (Mancini, Cristante). Diciamo che a Riso conveniva cederlo ora per prendersi la sua ultima cospicua commissione prima dell’entrata in vigore della normativa FIFA sulle commissioni, ed alla Roma prenderlo ora per evitare di pagarlo di più in estate oltre alla concorrenza di altre squadre. Si sono semplicemente andati in questo caso ad incastrare bene diversi tasselli che hanno reso l’affare Baldanzi conveniente a più parti. Per il calciatore è un progetto che punta sui giovani e dove potrà diventare un protagonista dalla prossima stagione. Per l’agente per evitare di prendere una commissione molto più bassa la prossima estate. Per il club per aver ingaggiato uno dei migliori talenti italiani in circolazione.

    • @Saverio, non discuto Baldanzi giocatore dal punto di vista tecnico e nemmeno che abbia un senso futuribile.
      Quando dico che è discutibile tecnicamente intendo che è strano che un un (non)”diesse” dimissionario lasci con un investimento di questo tipo.
      Avrebbe senso se avesse operato con il beneplacito del diesse entrante. E pensavo fosse così.
      Ma se ci fosse stato, sarebbe stato annunciato ormai.

      A che pro attendere per la comunicazione?

      O ancora non c’è, o è ancora sotto contratto con altra società. Ma allora avremo una vacanza fino a giugno? mi sembra inverosimile.

    • si con sabatini hai fatto piu di 300 milioni di plusvalenze e la roma che avrebbe dovuto fare la finale di champiuons era stata costruita interamente da lui…magari tornasse…

    • Wtf la mia è solo una supposizione, ma io ritengo che Baldanzi sia un acquisto fatto dalla coppia Pinto-De Rossi.
      Daniele è uno che ha l’occhio lungo per il talento e probabilmente i Friedkin hanno voluto omaggiare il neo-tecnico con un giocatore a lui gradito.
      Poi certo si possono fare altre ipotesi.
      Che sia un acquisto fatto da un DS attualmente sotto contratto con un altra squadra. Oppure che sia stato uno “sgarbo” a Mou al quale invece era stato prospettato un mercato senza pecunia.

    • @Wtf
      Può essere che il DS è ancora sotto contratto o anche è uscito da poco da una società che li deve pagare una buonuscita prima e quindi prima di firmare ufficialmente con noi, deve sistemare alcune cose. Se la cosa fosse stata architettata prima, beh c’erano già voci a Novembre di Maurice che voleva rescindere e lasciare il Rennes o di Neppe che perché non era contento della situazione nel Bayern, anche lui voleva lasciare il club baverese da Novembre, come anche di Schmadtke che pochi giorni fa ha rassegnato le dimissioni al Liverpool. Penso sia semplicemente una questione di pochi giorni perché ci può essere ancora qualche dettaglio di cui le parti per quasi tutto sono d’accordo mentre invece su qualcos’altro ancora no (magari può essere Neppe che vuole 4-5 anni di contratto ed i Friedkin offrono 3 anni e sulla parte fissa di contratto sono d’accordo e Neppe non farebbe magna magna come altri DS italiani ma come l’albanese alla Lazzie, vuole un 5-10% sulle future cessioni di calciatori che portano una plusvalenza, ecc.)
      L’operazione Baldanzi può avere avuto il beneplacito anche del nuovo DS che guarda che un DS tipo Neppe o Schmadtke, seppure stranieri, tengono conto del fattore “home grown talent” e Baldanzi entra in questa categoria quindi ci può essere stato l’okay da un po’ tutte le parti coinvolte, perché a volte se una operazione può avere gli incastri tutti giusti e le tempistiche combaciano, oltre che il giocatore viene ritenuto valido e può colmare delle caratteristiche tecniche che mancano, come anche i parametri economici pure, la cosa si chiude pure.

  13. Vi prego, basta ds stranieri, un italiano farebbe proprio così schifo? Sembra quasi lo si faccia apposta; storicamente nel nostro campionato i ds stranieri non hanno mai portato a nulla di buono.

    • Se prendi quelli veramente bravi invece vanno bene. Il gallese Congerton dell’Atalanta è ora forse il migliore dirigente tecnico che opera sul calciomercato in Italia ed i suoi risultati in 2 anni sono agli occhi di tutti (record di cessione Hojlund al Man United), record di plusvalenze e cessioni (€150M l’estate scorsa in una sola sessione di mercato dopo 1 sola stagione del suo operato), U23 formata dopo 1 anno dal suo arrivo con risultati in Serie C meglio dei Gobbi U23).
      La Lazzie aveva l’albanese che era il DS più sottopagato e che lavorava più sodo di tutti della Serie A (ha vinto anche premi come migliore Direttore Sportivo dell’Anno pure), e nonostante non avesse delega di firma e tutte le trattative potevano saltare per via di Lotirchio oltre al fatto che agenti ed intermediari non volevano trattare con i Formellesi perché spesso pagavano le commissioni più basse di tutta la Serie A, quindi proprio questa gente considerava la Lazzie l’ultima spiaggia dove portare un loro giocatore, nonostante tutti questi handicap, riusciva a fare un buon calciomercato. Infatti ora che non c’è più e Lotirchio con Sarri fanno a modo loro, c’è chi lo rimpiange l’albanese (che fu corteggiato dal Bilan ma lui stupidamente rifiuto un contratto da €2M per rimanere fedele alla Lazzie). Se non fosse stato il DS della Lazzie per così tanto anni ma di un altro club, francamente poteva essere una opzione molto valida visto che lavorare per Lotirchio ed alle sue condizioni economiche è meno peggio di questo nostro SA. XD

    • Errata corrige, volevo dire che lavorare sotto il SA nostro e meno peggio di lavorare sotto le condizioni economiche e la decisione finale che spetta a Lotirchio. XD

  14. Io prenderei totti cosi famo totti e derossi poi prenderei anche perrotta cosi famo totti derossi e perotta , poi prenderei anche taddei che fa’ laurelio , cosi famo totti derossi Perrotta detto perotta e taddei che fa l’aurelio, poi prenderei anche mancini che segna de tacco al derby cosi famo totti derossi perotta taddei co laurelio e amantino de tacco al derby …

    • dopo tutte le cessioni che ci sono stata senza rinvestire manco un centesimo qualcosa dovevano pur tirare fuori prima o poi

  15. a me sembra tutto molto chiaro.
    si naviga a vista in attesa dello stadio.
    nessuno vuole venire a fare il DS senza portafoglio perché i grandi Yankee hanno firmato l’accordo di 4 anni grazie al quale devono essere in attivo o massimo in pareggio di bilancio.
    con l’allenatore se la sono cavata con la paraculata DDR che si prende 4 spicci di stipendio perche deve fare praticantato sulla scia di Pinto.
    visto che nessuno vuole accettare l’incarico hanno preso Baldanzi sperando che qualcuno ci caschi ma a quanto pare la strategia non ha funzionato.
    Ma come si prende Baldanzi e udite udite il terzino di piede mancino richiesto da anni mentre con Mou in sella a mala pena si sono trovati gli spicci per prendere il giovane della Juventus Huijsen ?

  16. Un DS ? ottimo
    invece un DG sarebbe troppo chiedere?
    ricordo che, piaccia o no, Mourinho faceva spesso il DS e mi sa che DDR non ha (“ancora”) lo stesso fascino e non basterà 2 chiamate sue per colmare l’incompetenza del nuovo DG convertito in DS ..
    Se mettessero Boniek DG, secondo me potrebbe pure andare bene uno che parli più lingue e disposto a girare il mondo per fare il DS: mi propongo ufficialmente 😉

  17. Mah, io veramente non capisco.
    C’è libero Massara, uno che ha portato a Milano giocatori come Theo Hernandez, Leao, Giroud, Tomori, Tonali e Maignan, conquistando uno scudetto.
    Uno che è stato fatto fuori per aver preso un presunto flop come De Ketelaere, che invece sta facendo ora faville a Bergamo.
    Cosa stiamo aspettando?
    Poi certo non basterà il solo Massara.
    Servirà un team di dirigenti sportivi.
    D’altronde anche a Milano Massara lavorava con Maldini.

    • Non voglio fare il rompiscatole ma quasi tutti i calciatori che hai elencato sono perlopiù merito di Moncada ed in parte Maldini mentre Giroud è di Gazidis. XD
      In verità l’acquisto di Giroud so che si deve all’ex AD del Milan Ivan Gazidis. I due si conoscevano da tanti anni visto che Giroud gioco molte stagioni all’Arsenal dove Gazidis era il precedente CEO e fu lo stesso Gazidis che volle ingaggiarlo sempre ai Gunners. La trattativa si è chiusa rapidamente perché Giroud e Gazidis avevano un forte legame da tempo.
      Tomori come anche Kalulu furono due scoperte di Moncada.
      Theo Hernandez fu sempre Moncada a segnalarlo a Maldini. Theo rientrava dal prestito al Real Sociedad perché chiuso al Real Madrid e Moncada intui che i Blancos non volevano puntare sul ragazzo, così Moncada lo indica a Maldini di cui è famosa poi la storia del pranzo ad Ibiza tra Maldini e Theo che da lì parti la trattativa per portare Theo in rossonero.
      Stessa cosa di Leao, era seguito da Moncada dai tempi della Youth League dove fece delle partite ad alto livello e dove il Capo Scout francese si espone ed è il primo affare mi pare proprio dove il francese fra pressione per prendere.
      Chi invece fu un acquisto errato e non scovato da Moncada ma che impressiono Pioli ed un collaboratore quando gioco contro il Bilan fu il norvegese Hauge. Li non vollero valutare bene ed acquisirono il calciatore non studiandolo a dovere con Maldini e Massara che chiudino troppo rapidamente. Come alla trattativa prolungata ed a cifre troppo alte per De Ketelaere, qui ci fu un disaccordo tra Moncada ed il duo Maldini-Massara (di cui Moncada non fu contento per alcuni giocatori che lui segnalo non considerati dal duo ed il caso Kerkez poi getto ancora più benzina sul fuoco).
      Io so che in tante trattative, gli input partivano da Moncada ed i primi contatti erano di Maldini. Massara subentrava dopo. Io per questo dico che un binomio Modesto e Massara funzionerebbe meglio perché Modesto è più Capo Scout e lui ha una rete internazionale e di contatti molto più vasta di Massara. Massara è bravo a negoziare perlopiù.

  18. Un italiano?!?!

    Questi e commissioni nun le vonno pagà.

    Ancora ricordo la conferenza stampa di presentazione di Mourinho:
    ” qui troppa gente ha mangiato alle spalle di questa società…”

    I texani fanno i finti tonti, ma sapevano benissimo ( ingaggiando il Pinto) qual era il piano da sostenere.

    Chissà cosa ne pensa la Souloukou a tal proposito.

  19. Massacra possibile che non viene contattato? Basta con profeti e maghi! Abbiamo dato! Massacra e’ un competente , conosce l’ambiente e il calcio italiano ed estero! Non capisco perché’ andare in cerca di uno che poi dovrà’ ambientarsi! Lo stesso per Boniek e Totti! Prendere loro e fatw piazza pulita! Per completare io confermerei De Rossi e metterei Soe Claudio Direttore Tecnico a Daniele crescerebbe in modo perfetto !

  20. ma a che serve il ds è appena finito il calciomercato che massa di pecoroni
    avete deciso che non vogliono andare alla roma siamo tra i primi 20 club al mondo

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome