DYBALA: “Il mio futuro è qui, devo portare la Roma al livello della sua gente. Mou? Siamo simili, ci aiutiamo a vicenda”

47
2004

AS ROMA NEWS – Paulo Dybala ha parlato al quotidiano sportivo spagnolo “Marca” raccontando le sue emozioni da Campione del Mondo con l’Argentina e la sua “seconda giovinezza” a Roma. “Mi hanno fatto sentire a casa fin dal primo giorno” racconta il numero 21 giallorosso che poi parla anche del suo futuro. Queste le sue parole:

Sei campione del mondo. Come è cambiata la tua vita?
“Molte cose sono cambiate. Non è che ti alzi e dici: ‘Sono un campione’, ma, per un calciatore, aver vissuto tutto questo è qualcosa di unico e bellissimo”.

L’ha rivisto molte volte?
“Sì, ho visto tante volte i rigori e tutta la partita. Ogni volta che lo vedo mi viene la pelle d’oca. È un’emozione averlo vissuto, essere stato in quel momento per quello che significa per il nostro Paese, per la nostra gente, che ci ha sostenuto in modo incredibile. È stato molto emozionante”.

A Roma stai vivendo una seconda giovinezza. Perché?
“Sì è così. Tutti mi hanno accolto in modo incredibile. La passione che c’è in questa città è molto forte, giochiamo sempre con uno stadio pieno ed è uno stadio molto grande. Mi hanno fatto sentire a casa fin dal primo giorno e questo mi ha aiutato a poter dare il massimo e cercare di mantenere la Roma al top”.

(Quasi) ogni volta che segni o fai assist, la Roma non perde. Cosa ti dicono questi dati?
“Contribuire alla squadra è sempre bello. Siamo in una buona situazione, lottiamo per entrare in Champions League, e non è facile perché ci sono tanti grandi club. In Europa League non sarà facile ma siamo molto emozionati. Spero di poter contribuire affinché la squadra continui a vincere”.

Pensi che ci sia una ‘dipendenza da Dybala’ nella Roma?
“No, no. Per avere numeri migliori ho bisogno che la squadra sia in buona forma. Questo non è merito solo di un giocatore. Siamo un gruppo unito che lotta per lo stesso sogno”.

Mourinho è molto esigente, ma di te ha detto: ‘Con Paulo la musica è diversa’. Vi amate così tanto?
“Abbiamo una buona comunicazione per confrontarci, pensare, parlare con l’altro, per sapere cosa ne pensiamo. Che un allenatore così, che ha avuto tanti giocatori importanti e vinto tanto, dica questo di me mi fa piacere. Mou ci aiuta molto perché facilita le nostre partite”.

Qual è stato il tuo primo approccio con lui?
“Prima di arrivare avevo già parlato al telefono con José. Mi è piaciuto il suo modo di comunicare e il suo modo di essere, per come affronta ogni allenamento e ogni partita. Quella chiamata mi convinse a venire alla Roma. Ho avuto l’opportunità di giocare con i migliori al mondo e ora ho la possibilità di stare con uno dei migliori allenatori. Ne sono stato attratto, è un vincente”.

Hai quasi 500 partite e più di 150 goal. Mou in cosa ti ha reso migliore?
“Il suo modo di essere, il suo carattere, spesso ti aiuta a farti delle domande o ad affrontare ogni allenamento come una partita. Vede tutto come una finale, ogni partita. Al di là del rivale o della competizione, lo vive in un modo unico e mi identifico con questo. Anche io la vedo così. In questo, siamo molto simili e ci aiutiamo a vicenda”.

Chi è il favorito contro la Real Sociedad?
“Siamo in una situazione molto simile: lotta tra le prime posizioni in campionato e nella stessa posizione in Europa League. Entrambe abbiamo giocatori importanti che possono fare la differenza. Solo una può passare e speriamo di essere noi”.

Cosa ti piace la tua attenzione nella Real?
“Ho visto le ultime partite e hanno un modo di giocare molto bello. Mi piacciono le squadre che provano a giocare, che provano a fare le cose bene. Non credo che qualcuno avrebbe messo la Real Sociedad in questa posizione all’inizio del torneo. Hanno giocatori esperti, come David Silva, che rendono le cose molto facili in campo. È un giocatore che ammiro molto e sicuramente dovremo prenderci cura di lui. Imanol, l’allenatore, crea un gioco offensivo avendo la palla, con una pressione alta per recuperare. È un calcio che mi piace guardare”.

Hai qualche giocatore spagnolo o della Liga come riferimento in questi anni?
“Guardo sempre la Liga perché penso che le squadre provino a giocare molto. Mi piacciono molto Gavi e Pedri, e ho sempre ammirato Iniesta. Mi piace molto quello stile di gioco. Poi ammiro Benzema per la qualità che ha, per come si muove in campo, e ultimamente Vinicius, che sta facendo le cose in maniera incredibile”.

Sei un gioiello per la Roma, ma hai una clausola molto bassa. Cosa succederà la prossima estate?
“Sicuramente se ne parlerà più avanti. Il mio futuro è qui, nel portare la Roma al top e penso che possiamo farcela. Cosa succederà in futuro… non lo so, perché la cosa più importante adesso sono le partite”.

Quanto è grande la Roma? Forse non è così conosciuta in Spagna…
“Forse chi non è venuto a vedere una partita qui non la apprezza. Ma lo consiglierei. Ci sono pochi posti dove si vive il calcio come si vive qui. In Sudamerica sicuramente ce ne sono tanti, ma in Europa no. È un vero spettacolo, i tifosi sono qualcosa di unico e se fosse per questo la Roma meriterebbe di salire sui gradini più alti. Ecco perché dobbiamo fare le cose per bene e portare la Roma allo stesso livello della sua gente”.

Fonte: Marca

Articolo precedenteSolbakken, niente lesioni: torna in gruppo la prossima settimana. Si rivede Darboe
Articolo successivo“ON AIR!” – FERRETTI: “La Real Sociedad? La quarta in Serie A più forte di quella della Liga”, CENTO: “Stasera mi accontenterei di un 2 a 0”, PRUZZO: “Se ti fai ingolosire, rischi di perderla”

47 Commenti

  1. Alla fine rimangono tutti i più forti…

    Dybala, gini, mou 💛♥️….

    Magari tutte le cessioni di quei giocatori che non sono parte del progetto… (Villar, Perez, kluivert, vina, shomu, svilar, ecc) anche pochi vanno bene….

    Tre acquisti di buon /alto livello….
    Qualche occasione a zero….

    Bella intervista…. Umile, di cuore….. Je piace stare a ROMA 💛♥️

    • Purtroppo non mi fido più delle esternazioni dei calciatori, anche se Dybala mi sembra sincero, quindi aspetto giugno per osannarlo.

    • A me Dybala me fa’ morì…ha una classe pazzesca. Mi piaceva già al Palermo.
      Adesso se gli costruiamo una corazzata di centrocampo, può essere che si possa esprimere al meglio…
      purtroppo dobbiamo trovare ancora almeno un attaccante e un difensore, ma solo perché Smalling non è eterno, e poi secondo me da Champions league ci siamo…

  2. Da questa intervista si evidenziano due cose anche molto evidenti.

    La prima e’ sulla qualita’ dei calciatori della Roma che e’ ancora troppo bassa.

    La seconda e’ che Dybala rimarra’ a Roma solo nel caso che la squadra si qualifichera’ in champions, di conseguenza tale qualificazione fara’ alzare il tasso tecnico con almeno altri 2 inserimenti di calciatori TOP che e’ cio’ che mi auguro e credo che lo sia per tutti itifosi della Roma.

    • Cari ragazzi io no mi faccio film da solo.

      Mourinho è molto esigente, ma di te ha detto:
      ‘Con Paulo la musica è diversa’. Vi amate così tanto?

      “Abbiamo una buona comunicazione per confrontarci, pensare, parlare con l’altro, per sapere cosa ne pensiamo.
      Che un allenatore così, che ha avuto tanti giocatori importanti e vinto tanto, dica questo di me mi fa piacere.
      p.s.
      cosa vuole dire che HA AVUTO tanti giocatori importanti…..
      E’ solo lui ora quello importante ?
      All’onfuori di lui l’attuale Roma non ne ha ?

      p.s. perche’ rimanda la domanda a fine stagione per la permanenza ????
      forse c’e’ un accordo di massima sulla qualificazione alla champions, io mi domando se uno sta bene come dice El Shaarawi rimane anche a condozioni inferiori e non fa rifeeimenti di fine stagione….

      Queste sono dichiarazioni rilasciate da Dybala io non mi sono inventato niente, se poi il virgolettato e’ frutto di una traduzione sbagliata non sono io quello che ha letto male.

  3. Campioni, Fuoriclasse lui e Mourinho…è naturale che il loro pensiero sia sulla stessa lunghezza d’onda. Quelli come loro pensano diverso dallo standard. Falcao era cosi’.
    FORZA ROMA.

  4. “il mio futuro è qui…” “dobbiamo fare le cose per bene e portare la Roma allo stesso livello della sua gente…”

    Come calciatore e come persona, Dybala mi è sempre piaciuto tantissimo, anche quando era gobbo, figuriamoci adesso.
    Ho fatto copia-incolla di due sue frasi espresse nell’intervista che mi hanno veramente colpito, soprattutto la seconda in cui non ho nascosco anche un pò di commozione….

  5. Grande Paulo! Penso che ka tua grandezza sia modestia! Stai ripagando l’affetto ricevuto! Con Mou è un paio di innesti di qualità’, credo non cene sia per nessuno. A Roma si gioca sempre il 12! Sfruttiamo questa opportunità’!Andiamo a vincere sta Coppa ed entriamo nei primi 4! C’è la possiamo fare

  6. La telefonata di Mourinho mi ha convinto a venire alla Roma. Parole testuali di Paulo Dybala. E pensare che c’è ancora qualche allocco che dice che è stata opera di Pinto.
    A parte questo, dall’intervista se ne ricava che la permanenza di Dybala a Roma è legata all’approdo in Champions e alla permanenza di Mourinho. Un Dybala che si fa allenare da Itagliano non ce lo vedo proprio. 👈

    • Concordo Zenone, ribadisco inoltre che alla Roma sono necessari almeno altri 2 calciatori TOP per competere ad un livello piu’ alto.
      Di calciatori forti alla Roma non c’e’ solo Dybala, anche Winaldum Matic e Smalling sono TOP e non come viene riferito nell’intervista quando dice che HA AVUTO parlando al passato.

  7. apprezzo tantissimo la modestia di questo ragazzo, ma un po’ di dipendenza c’è, quando non gioca si vede la differenza

    • Ciao l Vinz71, certo che un po’ dipendenza c’è, se no non era un campione. Ed è bello avere questa dipendenza, vuol dire che stiamo crescendo come squadra 🙂 questa è la prima volta negli ultimi forse 6 anni che non sbrachiamo a gennaio anzi!

    • Ciao Andrea non potrei essere più d’accordo, secondo me bisogna ancora lavorare sulla continuità che serve a una grande squadra, però guardando il bicchiere mezzo pieno, abbiamo più punti di un anno fa, la Roma sta acquistando in solidità difensiva e negli scontri diretti quest’anno ha perso solo col Napoli (e il derby, ma per me gli scontri diretti sono quelli con le grandi squadre quindi la lezzie non la conto), quindi una crescita comunque c’è
      Basterebbe solo l’esempio di Roma-juve, l’anno scorso siamo riusciti a perderla in modo indecoroso, quest’anno pur con una prestazione non brillante l’abbiamo portata a casa
      Le defaillances tipo Cremonese me le sarei evitate volentieri, ma quelle fanno parte del nostro DNA come ha detto anche il mister e purtroppo ci siamo abituati

  8. La traduzione fa un po’ acqua, lo si intuisce in più di una parte. Per quanto riguarda il suo futuro ci sono almeno due frasi in palese contraddizione: “Il mio futuro è qui, nel portare la Roma al top e penso che possiamo farcela”…e “Cosa succederà in futuro… non lo so, perché la cosa più importante adesso sono le partite”.
    Non credo di andare lontano dalla realtà dicendo che nel primo caso “futuro” vada letto come presente (leggi “adesso” e non “qui”) e futuro molto prossimo, cioè fino a fine stagione.
    Mentre il futuro più remoto è ancora da decidere, come d’altronde ha già fatto sapere in più di un’occasione: “Sicuramente se ne parlerà più avanti”.
    Insomma il titolo è fuorviante e la traduzione traballante, non cadiamo nell’errore di prendere queste parole per una dichiarazione d’amore eterno per poi magari rinfacciargliele.
    Dybala è un campione e un ragazzo serio che non ha mai preso in giro nessuno.
    Resterà se riterrà che ci saranno le condizioni economiche e tecniche per farlo, come è normale che sia.

  9. …gran calciatore e ragazzo umile… due qualità che delineano un professionista di alto livello… daje Joja e daje Roma…

    • Ma nella vostra realtà oltre che dare del lazziese a tutti, ci sono anche altri interessi ?

    • Johann Cruijff é un utente che scrive commenti tra i più interessanti da leggere. Questo non vuol dire che bisogna essere per forza d’accordo con lui. Ma perché dargli del laziale? È un insulto estremamente infamante che lascia amareggiati. E l’ insultare in codesta maniera si addice ai poveri di spirito. Spero che non se la prenda a male e decida di non commentare più qui, rimarresti solo tu a dare del laziese agli altri utenti, sai che p..lle! FR

    • Quanno uno te dice che sei cazziale è perché il PIÙ delle volte non sa argomentare… QUINDI, tenta di ferirti con l accusa PIÙ vile e oltraggiosa…😏

    • @AUDI2020
      la gallina che canta per prima e’ quella che ha fatto l’uovo.

      @Francesco e Paolo
      come solito il riso abbonda sulla bocca degli stolti e AUDI2020 prima di parlare e’ meglio che si pulisca la bocca invece di fare il leone da tastiera.
      Vi ringrazio per la solidarieta’ e l’amicizia.

      Io ho solo ripreso la dichiarazione fatta, se poi e’ tradotta male sara’ Dybala a riprendere chi l’ha fatta perche’ quando uno parla al passato deve ricordarsi che il presente e’ adesso e se vuole dichiarare amore eterno lo fa a prescindere non aspetta l’esito della stagione.

      Stephan El Shaarawi sta dando un grande esempio in merito.

      PER TUTTI L’ARTI MENO CHE PE AUDI2020
      SEMPRE FORZA ROMA !!!

  10. Per questo dobbiamo assolutamente raggiungere la Champion ,per poter incassare e poter spendere in giocatori top tipo Dybala ,con 3/4 grandi acquisti lotteremo per lo scudetto ,con molte possibilità di vittoria e creare ancora di più un solco tra la quarta e la quinta classificata ,crescere ancora di più per questo è importantissimo entrare tra le prime 4

  11. “Sicuramente se ne parlerà più avanti. Il mio futuro è qui, nel portare la Roma al top e penso che possiamo farcela. Cosa succederà in futuro… non lo so, perché la cosa più importante adesso sono le partite”.
    Se il futuro è qui… perché non sa cosa succederà in futuro? Non è una contraddizione?
    O forse intendeva più probabilmente che il futuro è l’attualità (visto che parla di fare crescere la Roma)?
    A volte ci piace interpretare quello che vorremmo che fosse…

  12. Mourinho ha le chiavi dello spogliatoio e del mercato. Era ora!!!! Dajeeeeeeeeeeeeeeeee!!!!!💛❤🏆

  13. “Quanto è grande la Roma? Forse non è così conosciuta in Spagna…” . Probabile, caro Marca. Però a Barcellona ci conoscete, me pare…

    • Pure a Madrid quando abbiamo sbattuto fuori il Real dalla Champions vincendo 2-1 sia all’Olimpico sia al Bernabeu.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome