Dybala raddoppia: con lui in campo la Roma vola. E con Abraham è nata una coppia

17
766

AS ROMA NEWS – Tutti pazzi per Dybala. A Trigoria sono tutti innamorati di lui: Josè Mourinho, che parla senza mezzi termini di lui come di un giocatore diverso dagli altri, i compagni di squadra, che lo hanno eletto a leader indiscusso della Roma, e i Friedkin, che ora vogliono rinnovargli il contratto.

Ma è sul campo di calcio che Paulino fa la differenza: quando c’è lui la squadra vola. I numeri parlano chiarissimo: con la Joya a disposizione la Roma ha una media punti altissima, 2,3 a partita, mentre senza l’argentino la media crolla a 1,2.

Nelle sei partite disputate senza di lui per infortunio la Roma è riuscita a portare a casa solamente due vittorie (Sampdoria e Verona), poi un pari (Sassuolo) e tre sconfitte (Napoli, Lazio e Atalanta). Nelle dodici partite disputate da Dybaka in campionato oltre ai sette gol e le ventisette azioni create, sono arrivate otto vittorie, tre pareggi e una sola sconfitta contro l’Udinese.

E se prima c’era la netta impressione che oltre a Dybala ci fosse poco, ora sta nascendo una coppia con Tammy Abraham, il giocatore che l’anno scorso fece innamorare i tifosi della Roma a suon di gol. C’è un rapporto che decolla anche fuori del rettangolo di gioco e che, se è vero che l’argentino è chiaramente la stella della squadra, questi non perde occasione per far capire che il centravanti è il suo partner di riferimento.

E nessuno ha un rapporto di assist più paritario. Dal loro feeling sono arrivati cinque gol, così come quelli fra Kvaratskhelia e Osimhen, oppure tra Milinkovic-Savic e Immobile, ma in questi due ultimi casi il rapporto è totalmente squilibrato visto che si tratta addirittura di un 4-1 (per il nigeriano) e un 5-0 (per l’azzurro). Invece Dybala e Abraham cominciano a dividersi le reti come i nuovi gemelli del gol.

Per certi versi, sembra quasi un modo per ritrovare l’antico. Un attaccante alto e forte fisicamente che fa coppia con uno più rapido e bravo tecnicamente. Insomma, se vogliamo, sembra essere ritornati ai tempi di Edin Dzeko e Mohamed Salah. E se pensiamo al palmares che i due hanno conquistato, può essere che il nuovo tandem possa portare fortuna.

Fonti: Corriere dello Sport / Gazzetta dello Sport

Articolo precedenteNainggolan: “Alla Roma di adesso mancano giocatori di appartenenza, la nostra avrebbe lottato per il titolo”
Articolo successivoLo strano esordio di Solbakken: zero giocate

17 Commenti

  1. cin un paio di innesti, il rientro di Gini, e questi 2 in forma, un gran bel girone di ritorno ci starebbe tutto ❤️🧡💛👊

  2. Effettivamente nell’ultima partita è stato uno spettacolo vederli intendersi e trovarsi cosi bene. L’importante non esaltarsi subito e verificare sul campo la conferma.

  3. e magari Tammy un po’ meno abbandonato in avanti senza la possibilità di dialogare e magari creare situazioni interessanti in attacco.

  4. Non ci prendiamo in giro Napoli Lazio ed Atalanta erano le più difficili e lui non c’era. Detto questo rimane un campione. Anche Tammy gioca meglio semplicemente perchè arrivano palloni e non deve lui andarseli a a prendere. Dybala non segna solamente ma fa gioco al centro del campo e la Roma in questo deficita. Ma questi paragoni, se si fanno devono farsi correttamente.

    • il problema che Dybala debba andarsi a prendere palla quasi a ridosso della nostra area di rigore, ne limita molto la pericolosità a mio avviso…abbiamo ottimi giocatori che, se fatti giocare nel loro ruolo naturale, sarebbero ben più pericolosi di così, da Dybala a Elsha, Zalewski, Pellegrini…è ovvio che se gli chiedi di giocare a centrocampo o in difesa, poi arrivano al tiro, se ci arrivano, spompati…Salah che viene nominato nell’articolo, con noi era forte, ma è diventato devastante in Inghilterra dove viene schierato 20-30 metri più avanti rispetto a come giocava con noi, e lì si che può fare la differenza un giocatore veloce e tecnico. Ovviamente anche a Tammy fa bene avere accanto un giocatore con cui dialogare palla a terra, piuttosto che fare lo spizzatore di palloni sui lancioni di Mancini o del portiere, ma tanto da sta recchia il mister non ci sente, e la difesa a 4 è un tabù, da cui il posizionamento “particolare” di diversi giocatori adattati

  5. Le premesse sono buone … ovviamente deve continuare a parlare il campo

    Con questa configurazione Zaniolo potrebbe essere la risorsa da inserire a partita in corso magari proprio per fare rifiatare Dybala (pensare che non è neanche al massimo della forma ).

    Sicuramente da subentrato il suo rendimento aumenta e magari si sblocca e trova continuità anche lui …che deve imparare/tornare a fare le cose semplici. Secondo me scende in campo pensando di dovere spaccare il mondo per dimostrare chissà cosa… e questa non era la condizione mentale che aveva quando i primi anni si è presentato a Roma fino al primo infortunio… io continuo a pensare che il suo rendimento post infortunio non sia neanche il 30% del suo potenziale

  6. Ho scritto a più riprese che Abraham dalla presenza di Dybala ne può solo trarre vantaggi. Però mi sono reso conto anche del contrario. Continuate così!!!

  7. Tammy tornerà anche a segnare💪🏾🐺🔥… mica può sempre piove !!!
    e i fenomeni detrattori li aspetto al varco.

  8. Al netto del brutto visto in campo, delle capacità tecniche di alcuni giocatori, della disposizione tattica, delle scelte del Mister, degli acquisti del Ds, non rinnegando nulla di quello letto e detto posso solamente dire la mia sensazione. Siamo una squadra solida, imprevedibile, non appariscente, cinica e dico anche molto temuta. Chi, compreso me cercava il vero apporto del tecnico, il cambio di mentalità, la cazzimma che prima era inesistente oggettivamente adesso è sotto gli occhi di tutti. Noi siamo come la bruttina con quel non so che di sanguinolento che preferisci alla bella gnocca. Bruttarelli ma molto concreti. E siccome co le chiacchiere non vai da nessuna parte allora. Mou sta vincendo a mani basse. 💛❤️🤷🤙

  9. il 352 con mediano e 2 mezzali ho sempre pensato che potesse essere un buon modulo, per le caratteristiche dei 2 attaccanti e per avere più linee di passaggio a centrocampo, da questo scenario ne giova in spinta anche il quinto di sx, che sia Spina, Zale o El Shaa.

  10. In effetti logica dice che uno piccolo raffinato e rapido, si abbina bene con uno alto e veloce inutile, stare lì a intasargli gli spazi, se stanno bene loro dovrebbero essere i titolari

  11. diciamola tutta, se Abraham non segnava era si per demerito suo, ma anche perché non gli arrivavano palloni decenti. Con Dybala anche questo aspetto dovrebbe andare a posto

  12. Magari non è ancora una coppia devastante come Salah-Dzeko, ma con un po’ di fortuna ed impegno possono quantomeno avvicinarcisi. Sarei già più che soddisfatto.

  13. Che Dybala – Abraham sia una gran coppia offensiva lo dicono comunque i numeri, prendendo in considerazioni il solo duo, i gol di Abraham su assist di Dybala e viceversa, hanno fruttato ben 10 punti in 4 partite con una media di 2,5 punti a partita che sarebbe una media punti da scudetto perché su 38 gare tale media equivale a ben 95 punti ovviamente dopo punti persi per strada non è la realtà ma è una supposizione ipotizzando questo dato di 4 partite applicandolo a 38 partite dalla prima all’ultima giornata di un campionato qualora ci fosse un simile andamento.
    3 punti col Monza presi con assist di Abraham per Dybala e gol, l’altro gol Dybala lo aveva fatto di rapina sul gol che si era mangiato lo stesso Abraham.
    Allo stadium l’1-1 di Abraham su assist di Dybala in mezza rovesciata.
    Contro l’Empoli gol vincente di Abraham su cross di Dybala.
    Contro la Fiorentina doppietta di Dybala su 2 assist di Abraham.
    Veramente un bel duo d’attacco quindi con bei numeri.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome