DYBALA: “Sapevo quanto fossero passionali i romanisti, ma non mi aspettavo una cosa del genere. Il boato dell’Olimpico è incredibile”

10
1219

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Paulo Dybala, attaccante della Roma, è stato intervistato da Soccer Bible ed ha parlato del suo approdo in giallorosso. Queste le sue parole:

Il modo in cui i tifosi della Roma ti hanno accolto è stato incredibile, cosa ne pensi?
È stato un momento molto speciale. Quello che ho detto alla mia famiglia e ai miei amici è che è stata una bella sensazione, mi ha fatto venire la pelle d’oca. Prima di entrare all’Olimpico, sentire come cantavano e le bandiere e tutto il resto… è stato uno spettacolo davvero incredibile.

Deve essere stato uno shock. Avresti saputo che i tifosi della Roma erano qualcosa di speciale, ma sono davvero qualcos’altro, giusto?
Sì, sapevo quanto fossero appassionati i fan, ma a dire il vero non mi aspettavo qualcosa del genere. Quindi, ho sentito davvero l’amore che hanno espresso e ora spero di poter restituire ai fan quello che mi hanno dato durante la presentazione.

Qual è stata la parte più folle di quella giornata?
Credo sia stato quando sono uscito là fuori, perché prima non sapevo cosa sarebbe successo e poi quando me lo hanno detto, circa cinque minuti prima che dovevo uscire, quando sapevo più o meno quello che avevo fare… Vedere le persone là fuori in quel modo, e sullo schermo dietro le quinte, come ho detto prima, è stato qualcosa di incredibile.

Devono esserci state un certo numero di squadre dopo di te, e tu hai scelto questi tifosi e questo era il loro modo per mostrarti il ​​loro apprezzamento per la tua scelta. È stata una scelta difficile?
No, per niente. Anzi, dopo aver parlato con alcuni dirigenti, l’allenatore, credo che alla fine sia stata un’ottima decisione. Innanzitutto, sono molto felice di essere qui, poi è stato facile perché quello che è stato detto con loro mi ha convinto al 100% a voler far parte di questa squadra.

C’è qualcuno che ti ha aiutato a prendere questa decisione?
Beh, ovviamente la mia famiglia, le persone che lavorano con me in quanto sono le persone più vicine a me in questi momenti in cui devi prendere determinate decisioni, sono state loro ad aiutarmi. Ma alla fine ho deciso. Ho detto di sì all’idea di entrare a far parte di questa squadra e ne sono molto orgoglioso.

Prima del tuo arrivo probabilmente avevi delle aspettative su questo club. Ora che sei qui, c’è qualcosa che ti ha sorpreso?
No, cerco sempre di non avere aspettative su certe cose perché poi se succede il contrario ti senti un po’…non sono sicuro che deludere sia la cosa giusta da dire, ma le tue aspettative non sono soddisfatte. Quindi, a parte quello che potevo immaginare di trovare qui ho deciso di venire qui perché credo in questo progetto, in quello che si è discusso con la dirigenza, il presidente e l’allenatore quindi le aspettative sono sul campo, non fuori.

Quali parole useresti per descrivere la Roma?
Penso che avrei bisogno di un po’ più di tempo per usare solo singole parole. Come ho detto prima, sono molto felice di essere qui, a lavorare. Mi piace molto qui, le persone che lavorano per il team mi stanno aiutando da ogni angolazione. Sono i miei primi passi qui, sono molto contento di quello che stiamo facendo e non vedo l’ora di iniziare la stagione e giocare con questa maglia.

E quanto ha influito nella tua scelta il pensiero di essere stato allenato da Mourinho?
Abbastanza ovviamente, perché è un allenatore vincente, sicuro di sé. Quello di cui abbiamo discusso mi ha dato molta fiducia e mi ha fatto venire voglia di venire qui per vincere, per aiutare la squadra, i miei compagni di squadra, a condividere ciò che ho vissuto negli ultimi anni. L’allenatore e io condividiamo una visione molto simile, quindi andiamo d’accordo su questo.

E come sono stati i primi momenti con lui?
Beh, prima non lo conoscevo molto bene, ma poi abbiamo iniziato a parlare… È una persona molto umile che vive per il calcio e lo dimostra ogni giorno, in ogni allenamento. Credo che avere qualcuno che ha vinto così tanto, che fa parte della storia del calcio, che è ancora motivato a dare il meglio di sé con la sua squadra, dimostri quanto sia appassionato di calcio. Ed è in grado di trasmetterlo a tutti noi.

Come è stato indossare per la prima volta la maglia della Roma?
È chiaramente una grande gioia poter rappresentare questa maglia, con tutto ciò che significa. Dobbiamo essere consapevoli di tutte le persone che ci stanno dietro, di tutte le persone che vengono a trovarci. Quindi, prima di tutto bisogna rispettare la maglia, onorarla. E come dicevo prima, spero di poter giocare subito la prima partita all’Olimpico con i nostri tifosi.

E quanto è motivato dalla prospettiva di giocare all’Olimpico?
Molto. Da quello che ho potuto vedere alla presentazione, questo mi ha sicuramente motivato a stare con loro ancora di più.

E che dire di Roma come città, non vedi l’ora che diventi la tua casa?
Credo che sarebbe difficile descrivere Roma e cosa significa. Roma è sempre stata la mia città preferita fin da quando ero bambino. Credo di sapere molto poco della città, quindi sono anche molto curioso di conoscere posti nuovi. Di certo, quando la mia famiglia arriverà qui, troveremo il tempo per conoscerla.

Il ruggito proveniente dal pubblico quando sentirà il tuo nome, sarà un momento speciale, vero?
Totalmente. Come ho detto prima, spero che il primo obiettivo arrivi presto, quindi sarà ancora più speciale.

Hai vissuto molti momenti incredibili nella tua carriera. Sentire l’amore dei fan ti dà ancora una scarica di adrenalina?
Certo. Noi latinoamericani siamo abituati a giocare allo stadio con tifosi molto rumorosi. Qualunque sia il risultato, sono lì che saltano, cantano per tutti i 90 minuti. Credo che questi fan siano molto simili a quelli dell’America Latina, quindi sarà come essere a casa.

Questo è un nuovo capitolo della tua storia, quali sono le tue ambizioni?
Lo stesso di sempre. Voglio vincere. Credo che alla fine questa sia una partita e tutti giochino per vincere. Ovviamente bisogna tenere a mente quello che dobbiamo fare, quello che l’allenatore ci chiederà di fare. Abbiamo degli obiettivi e credo sia molto importante essere consapevoli di quello che possiamo fare e dare un po’ di più insieme.

La Roma ha appena vinto l’Europa Conference League, come cambia l’approccio in questa stagione?
Credo che vincere un trofeo sia stato molto importante per i miei compagni di squadra, perché vincere aiuta a vincere, questo è certo. Poi avere un allenatore come Mourinho, che ti dà sempre energia in più negli spogliatoi e ti dà più consapevolezza quando scendi in campo.

E quali sono i momenti che non vedi l’ora di vivere?
Certo, giocare all’Olimpico con i nostri tifosi e ovviamente fare gol.

Fonte: Soccer Bible

Articolo precedenteNazionali: Dybala convocato dall’Argentina, Rui Patricio col Portogallo, Zalewski con la Polonia
Articolo successivoTIAGO PINTO: “Impressionato da Ibanez, sorpreso da Dybala. Matic-Cristante? Se Mou li fa giocare insieme è perchè possono”

10 Commenti

  1. Di tanto si puo’ parlare e discutere, ma il tifo della Roma, da decenni, e’ al di la’ di paragoni.
    E’ la Joya mi toglie le parole di bocca: Solo in certi stadi-monumento del sudamerica si vedono cose del genere.
    Questi tifosi si meritano molto di piu’ di quello che hanno avuto. Molto molto di piu’.
    Si meritano coppe e si meritano Campioni.
    Come Dybala.

  2. Paulo Mio
    Tu sei il calcio..tu sei il fuoriclasse..tu sei un grande campione…

    Con il cuore ❤️💛
    Forza magica Roma

  3. Fatti sentire Paulo!!! Ibrahimovic disse a Milano che le pippe non possono giocare insieme, i campioni di capiscono guardandosi. …..parole sante!!! Noi invece abbiamo il nonno in carrozzella Cristante, Mancini il difensore più falloso d’Europa, kardroop corsa dritto per diritto, e pellegrini il capitano più sopravvalutato in Italia. Ecco come stiamo messi. Le vacche sacre di Roma….gli intoccabili de Roma….i cessi de roma

  4. Grande Paulino !!!
    Mi soffermo su una cosa che ha detto Dybala, una cosa bella, che Roma è la sua città preferita fin da quando era bambino, questa cosa la disse anche quando giocava nel Palermo.
    Sarei contento se restasse per sempre.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome