Dybala, stilato il piano di rientro per essere in campo contro il Feyenoord

12
731

AS ROMA NOTIZIE – Ottimismo crescente per Paulo Dybala, anche se ieri l’argentino non era in gruppo nell’allenamento svolto all’indomani della bella vittoria sull’Udinese.

Il programma di rientro della Joya sembra essere stato già stilato: oggi l’attaccante, sostiene l’edizione odierna del Corriere dello Sport, svolgerà allenamento differenziato oggi, per poi essere in gruppo nella rifinitura di domani.

La sua presenza contro il Feyenoord è molto probabile. Un’ottima notizia per Josè Mourinho dopo la paura dei giorni scorsi: l’emergenza attacco sembra essere già finita.

Abraham e Solbakken ieri si sono allenati in gruppo: l’inglese ha già giocato e segnato domenica scorsa, mentre il norvegese era seduto in panchina.

Fonti: Corriere dello Sport / Corriere della Sera

Articolo precedenteRoma in allerta, gli ultras del Feyenoord minacciano: “Occhio alle vostre fontane…”
Articolo successivoIl Feyenoord vuole Reynolds: incontro prima della partita con la Roma

12 Commenti

    • il recupero di Ola è visto in chiave positiva per l’attacco perché si diceva che fossimo in emergenza, invece tutti disponibili, si rischierà Dybala giovedì per magari poi farlo recuperare in campionato quando potrà giocare Solbakken.

    • Dybala può essere fondamentale ma solo se usato nella parte di gara che giochi a ridosso dell’area avversaria. Quindi, dato che difficilmente sarà un assedio dal primo minuto (Mourinho è troppo utilitaristico per rischiare di farsi infilare in contropiede da inizio match), Paulo deve partire dalla panchina dato che non è adatto a rincorrere gli avversari (questo anche quando sta bene. Andrebbe usato come seconda punta in un 3 5 2 e non sulla fascia con compiti di copertura ).
      Forza Roma

    • Fabio Dybala non ha mai giocato come terzino da quando è con noi, non capisco dov’è che avete visto lui giocare terzino..

    • Marcoll non intendevo dire che ha giocato terzino ma esterno destro d’attacco con compiti di copertura. Paulo non è adatto a coprire molto campo, può provare a farlo ma non è efficace e lo perdi in zona goal (Dybala se tira 3 volte in porta fa 2 goal). A me resta l’amaro in bocca quando capita di vederlo provare a rincorrere gli avversari (anche perchè con due centrocampisti è necessario, nonostante i sacrifici di Cristante che chiude continuamente sulla nostra fascia destra) e, conseguentemente, perderlo in zona goal. Se ti serve un esterno che ripieghi devi mettere altri (Solbaken, El Sharavy… meno efficaci per goal e assist ma più dinamici per evidenti caratteristiche fisiche). Se si vuole giocare accorti deve essere 3-5-2 e non 5-2-3 con baricentro basso e giocatori inadatti alle rincorse e al contropiede lungo. Se invece vuoi giocare in attacco con baricentro alto allora va bene Dybala esterno…

  1. Dato che 90 munuti non li potrà sicuramente fare io la carta Dybala me la giocherei nella ripresa potendo almeno contare su 45 minuti di qualità. Magari si potrebbe partire con Pellegrini ed Elsharawy dietro Abraham con Matic e Cristiante mediani per poi giocarci Dybala e Wijnaldum freschi (e lucidi) nel secondo tempo. La mia preoccupazione sono gli esterni invece che non potranno spingere x tutta la gara. Ok a Dx puoi inserire Celik al bisogno ma a sx se parti con Elsharawy non hai più nessuno. Quindi credo possa partire con Wijnaldum e Pellegrini dietro Abraham

    • il problema di mettere dybala alla ripresa, che è anche la cosa più logica, è che si può far male da solo in qualunque momento, poi rischi di metterlo al 45esimo e di doverlo togliere al 60esimo, meglio dall’inizio e nel caso lo togli nel secondo tempo…

  2. Giustamente ognuno fa le sue supposizioni,ma io non escluderei anche il classico “colpo di scena alla Mourinho” dell’ultimo minuto,tipo Bove domenica scorsa.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome