E’ Mou contro Spalletti, la piazza si divide

81
1536

AS ROMA NEWS – La partita di domenica sera non è solo la sfida tra Roma e Napoli, due squadre al vertice del campionato che in classifica sono separate da appena quattro punti. La gara dell’Olimpico è anche e soprattutto il duello tra Josè Mourinho e Luciano Spalletti.

E’ la la sfida degli opposti, è lo scontro tra le “vedove” di Spalletti e i soldati di Mou. Così oggi i giornali presentano la partita del prossimo sunday night: motivatore e stratega il romanista, maniaco della tattica il toscano.

L’allenatore del Napoli pratica un calcio verticale, fatto di possesso e con una manovra avvolgente. Quello della Roma invece ha sempre praticato un’idea di calcio più pragmatico, il pallone lo lascia volentieri all’avversario, pronto per far valere fisicità e tecnica nelle ripartenze.

La piazza romanista in particolar modo vive questo duello con particolare trasporto, avendo avuto modo di conoscere e apprezzare le qualità di entrambi gli allenatori. Ecco perchè, davanti a questo avvio sfolgorante di stagione del Napoli, la piazza si è subito divisa. Su cosa? “La Roma di Mourinho gioca troppo male, Spalletti avrebbe dominato il campionato!”.

La tesi è questa, il confronto, come potrete immaginare, a volte diventa anche incandescente. Il calcio champagne degli azzurri fa gola a chi proprio non riesce a farsi andare giù l’idea pratica e cinica del calcio del portoghese. Dall’altra il palmares del tecnico di Setubal basta e avanza per far cessare ogni tipo di confronto.

Nemmeno il successo in Conference League ha scalfito la convinzione di molti, che vorrebbero vivere uno “Spalletti tris”, dopo le 299 panchine già collezionate dal toscano nelle due precedenti avventure giallorosse. E il fantasma di Spalletti aleggia ancora su Trigoria, specie dopo quel “Non escludo il ritorno” pronunciato prima di lasciare Roma per la seconda volta.

Fonti: Il Tempo / La Repubblica

Articolo precedenteMatic fa sognare i tifosi: “Scudetto? Vogliamo che diventi presto realtà”
Articolo successivoBrivido Curva Sud, è a rischio chiusura per il derby: ecco perchè

81 Commenti

  1. ma dove le hanno sentite ste cose??? qua l’unico che ha qualcosa da ridere su mou è Galopeira…. il mister ha una intera città ai suoi piedi e oggi non esiste nessun tifoso (con un po’ di cervello) che farebbe a cambio. Inoltre Spalletti riuscì a dividere la tifoseria, Mourinho l’ha compattata come non mai.
    Che schifo di stampa che abbiamo!!!

    • Un confronto imparagonabile, per un semplice motivo…. LA BACHECA… Intendiamoci, la palla è rotonda, può sovvertire qualsiasi momento risultato ecc… Ma la storia, il passato e presente
      non si cancella, MOU ha vinto tutto il pelato nulla….💛❤️🐺🐺🐺🏆

    • è sbagliato metterla in caciara, come sempre.
      noi abbiamo mourinho adesso e siamo felici, stop.
      spalletti è stata una bella parentesi a roma, peccato per come è finita.
      non inventiamo rivalità che non esistono

    • Ieri ho letto commenti indicibili su Mou e a favore di Spalletti.
      A Roma l’erba del vicino è sempre più verde.
      Per me è inconfrontabile la vittoria in Europa con la coppa Italia.
      Vi ricordo che abbiamo perso con lo Slavia Praga nella nostra storia.
      Quando eravamo primi abbiamo perso con la sampdoria perdendo lo scudetto…con Mou non sarebbe mai successo. Libertà di esprimere consenso per Spalletti come allenatore è ultra legittimo, ma, spingersi fino a criticare Mou per partito preso è prevenzione pura.
      Comunque Mou tutta la vita

    • Per carità il pelato maledetto mai nella vita. Abbiamo una dignità. Spero di avere Mou fino alla sua pensione. Che m’inporta del bel giuoco fine a se stesso, del 7-1 col Catania e cose del genere quando poi nelle partite decisive te prendono a pallonate?

    • Mario, per correttezza di informazione la Roma che perse con la Samp da prima in classifica era allenata da Ranieri

    • Mourinho e Spalletti dividono la piazza di giallorossi.net,cosa alquanto ininfluente dandosi che si tratta solo di 4bara5 trolletti moltiplicati e repressi, all’Olimpico si sostiene tutti lo Special One e si fischia il pelatone toscano…. sempre dalla parte dell’immenso Capitano.

      PS: Se avete un toscano buono fumatelo eheh

    • Spalletti è un bravo allenatore.
      La sua Roma era forte ma ha vinto poco come molte altre Rome di questi ultimi vent’anni.
      Mourinho ha vinto un trofeo a suo primo anno in panchina.
      Penso che questo basti a eliminare ogni tipo di discorso.
      Poi per carità, per chi è neutrale le partite della Roma sono una noia mortale e posso capirlo.
      Ma noi tifosi dopo venti anni di niente vogliamo i trofei, il bel gioco lo lasciamo volentieri agli altri.

    • In realtà ce ne sono diversi, anche su sto forum, che farebbero fuori Mou. Ma d’altronde, sono quelli che cambierebbero allenatore ogni 6 mesi perché non legge i loro commenti tecnici e i loro consigli su come mettere la squadra in campo

    • se penso che in quel Roma-Sampdoria ho visto proprio sotto i miei occhi Vucinic e Perrotta quasi venire alle mani….e poi neanche un minuto dopo proprio per quel litigio non passarsi una palla facile facile e poi da lì si è creato un recupero che ha innescato l’azione del gol…..ancora oggi mi fa venire su un odio per quei 2 giocatori assurdo….e a Perrotta mai nessuno ha rinfacciato quell’episodio….

    • La differenza c’è. E’ sostanziale. Abissale. Spalletti ha vinto con l’odiato Totti, all’epoca dei Sensi, e con la Juve della Russia, lo Zenit.
      Ovunque è andato, ha sempre litigato con i giocatori più rappresentativi: è successo allo Zenit, con Totti, con Icardi, con gli epurati di Napoli.
      Mourinho ha vinto e lo ha fatto anche con squadre non quotate: la champions con il Porto, o quella con l’Inter, ad esempio. E la Conference della Roma (noi siamo tifosi, ma il Feyenoord è una squadra che a livello internazionale ha vinto più di noi). Mourinho ha vinto con squadre che non erano date per favorite ai nastri di partenza, in Italia e in Europa. Questo è un fatto.

      Dire che Spalletti è superiore a Mourinho, è follia. E’ da laziali. Basta con il politicamente corretto, diciamo le cose come stanno.

      Spalletti tatticamente è bravissimo, ma quando alzi l’asticella, l’allenatore deve essere più flessibile soprattutto verso quei giocatori che da soli ti fanno vincere le partite.

  2. Roma-Napule partita da tripla ma se si vince sarà un campionato come non ne viviamo da almeno dieci anni. C’è un solo allenatore: Mou. Forza Roma!

    • 2015-2016
      80 punti, terzi con spalletti subentrato a gennaio
      2016-2017
      87 punti, secondi
      record di punti
      record di goal segnati
      record differenza reti
      E seconda migliore performance difensiva di sempre
      il tutto in 1 anno e mezzo con la bomba addio Totti da gestire…

      il resto so chiacchere

      detto questo, Mou siede in panchina e Mou è il nostro condottiero.

    • Il campionato del record (senza le milanesi competitive) è stato un grande campionato ma negli ultimi 10-12 anni non ricordo abbiamo mai lottato testa a testa per lo scudetto.

  3. Ma si può dire che la rosa del napoli è la più forte e completa in serie A? O adesso dipende tutto all’allenatore?
    E poi basta con sti confronti, questo ha vinto tutto pure con porto e inter, che altro deve dimostrare. Quello, per quanto mi piaccia, ha vinto solo in russia, ma di che parliamo…

    • ma dai! Juan Jesus Mario Rui lobotka fino allo scorso anno potevamo associarli alla serie b.E a Kim gli avresti mai dato 2 lire?E le rose di Inter Milan e anche Juventus allora?il Napoli ha avuto fortuna e merito di pescare kvara che è un vero fenomeno. È lui il punto di forza. Senza questo giocatore non sarebbe la squadra che stiamo vedendo …e ddai

    • già prima che iniziasse il campionato qualche esperto dava il napoli come la miglior rosa della serie A, nonostante la perdita di Koulibaly.
      evidentemente ci ha preso.
      attualmente noi in squadra giocatori come kvaratskhelia e anguissa non li abbiamo .
      e raspadori-osimenh sono superiori a belotti-abrham

    • @nonymous non è che perchè Kim e Kvara erano sconosciuti allora sono meno forti.
      Ad oggi è così, e non capisco cosa ci sia di male a riconoscerlo.
      Poi se vogliamo dire che Zaniolo è un fenomeno che deve ritrovarsi, Abraham un bomber inarrestabile, Pellegrini l’erede di Totti allora cantiamocela e suoniamocela ma le prestazioni dei singoli rimangono quelle e sono sotto gli occhi di tutti.

    • Davide che Kvara fosse fortissimo lo avevo scritto ad agosto perchè lo avevo visto giocare. Da qui ha dire che ha la rosa più completa della serie a ce ne passa. Facile soprattutto dirlo ora. Senza Insigne, koulibaly , Ruiz e Ospina lo davate 7imo 8avo ad agosto. E in effetti in difesa gioca con mario rui e jesus scarti della roma e giocatori oggettivamente mediocri. A centrocampo abbiamo lobotka zielinski ndombele che non hanno certo un curriculum strabiliante (certo manca Anguissa, vero campione insieme a Kvara). In attacco sono fortissimi ma ribadisco soprattutto i meriti del georgiano. In serie A le rose del Milan, Inter , Juve e anche Roma sulla carta sono superiori se includi gli infortunati. Complimenti comunque allo scouting del napoli . Il bello del calcio è anche questo e Spalletti ha trovato un equilibrio perfetto che rende oggi il Napoli una squadra quasi imbattibile.

    • spalletti gioca un bel calcio e molto europeo.
      però per vincere con il suo gioco devi anche avere una squadra top, con difesa super top.
      mourinho ha vinto la champion con inter e porto, e solo lui al mondo potrebbe riuscire in un impresa simile.
      aspettiamo febbraio per trarre delle conclusioni

    • Ragazzi ma a parte il Porto (lì fu un vero capolavoro)… l’Inter era una squadra mostruosa eh. Leggo sempre più che Mou con l’Inter ha fatto un miracolo… te credo… Eto’o, Milito, Shnider, Samuel ecc ecc…. dai su. Il Rela Madrid non mi pare fosse una squadra di scarpari.
      Certo però non penso esista uno scontro tra i tifosi della Roma, si discute si, io stesso apprezzo molto più il gioco di Spalletti ma penso che tifiamo comunque tutti la Magica e Mou che ora l’allena.

    • 🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣 palermo-Roma 0-3 3-3, chievo-Roma 0-3 3-3, inda-Roma 0-3 4-3 (🙈😡) cazzio-Roma 3-0…bisogna continuare? Spettacolo puro…🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣 sì, pe l artri…😡😠😡😠😡😠😡😠😡

    • Paolo B., io non credo sia il caso di iniziare a fare gli elenchi, perché anche la Roma di Mourinho di sberle clamorose ne ha prese lo scorso anno e anche quest’anno da avversari impensabili.
      Ciò che conta, lo ripeto, sono i trofei che si vanno a vincere.
      Mou ha vinto al primo anno, cosa che non è riuscita a nessun altro in oltre venti anni. Stop.
      Come ha detto qualcun altro i conti si fanno alla fine della stagione. Vediamo cosa vince il Napoli e cosa vinciamo noi.

  4. pure ste domande se pongono, uno che ha vinto 26 trofei nn se può manco mettere a confronto, quando entrambi finiranno con il calcio, chi de due sarà dimenticato …ahahahaha

    • Spalletti nell’anno del record (senza Milan e Inter ai box per questioni societarie)
      aveva
      Szczęsny e Allison portieri (dico…),
      Rudiger e Manolas ancora attivo centrali,
      De Rossi, Strootman e Nanggolan ancora presentabili mediani,
      oltre a Paredes che per me comunque non è sta gran cosa,
      SALAH,
      Dzeko al top,
      Elshaa e Perotti ancora validi, per non citare Totti.

      Ma che cavolo di confronto è scusatemi?
      Tolti i terzini, era una squadra superiore in tutto eccetto Dybala a quella di oggi.
      Su….

    • Intendi che Totti a 46 anni ancora giocherebbe? Che ne pensi di riprendere anche Giuseppe Giannini a 58 anni, Bruno Conti a 67 anni e Falcao a 69 anni? Perché non pure Giacomo Losi? Sai che esperienza? Saremmo così na bella squadra

    • @Toto: qui sono tutti tifosi giovani? o sono vecchi con problemi di memoria? Spalletti è quello che mentre stringeva patti di ferro con la squadra andava di nascosto a parlare con il Chelsea, ed è stato sgamato da Totti e De Rossi? (da qui l’eterna ruggine con il capitano) è quello che l’ha rifatto accordandosi in Aprile con l’Inter? Quello dei comportamenti? Ilary una cosa giusta l’ha detta: un buon tecnico, ma un piccolo uomo. Abbiamo visto di meglio a Roma.

    • Io metterei un accento su quella “o” finale nel nick. Perché la battuta è degna di un grande comico…

    • Na cosa io vorei sapè: Ma quann’è che a’ gente se romperà er casso de trollà su li forum? Perché a na certa stuccano, dato che so sgamati come li gusti de Margiojo…

  5. Che personaggi… Mou si vuole sempre migliorare, sempre competere, vincere sempre, il pelato? Anche se vince trova sempre, il pelo nell’uovo…. 💛❤️🐺🐺🐺🏆

  6. Caro Spalletti, vieni coi tappini alle orecchie perchè le bordate di fischi che t’aspettano non le puoi manco immaginà!

    • mi sembra solo un comportamento infantile , da rosiconi e invidiosi.
      prefirei un mondo calcistico dove totti e spalletti si stringono la mano in pubblico e la gente applaude

  7. il pelatino non esclude il ritorno.. ma che è una minaccia? qualche amante del bel giuoco ricorda cosa è riuscito a vincere nonostante gente come manolas, rudiger, palmieri, de rossi, strootman, ninja, dzeko, salah e totti? per carità…

  8. Che la piazza sia divisa lo dice solo La Repubblica. Ai giornali piace chiacchierare. Ma vedrete domenica all’Olimpico quanto sarà divisa….

  9. Sono convinto che con Spalletti noi avevamo raggiunto la champion gia lo scorso anno….Sono due allenatori profondamente diversi nello stile di gioco,ma la verita e che Luciano sa adattare i giocatori al suo gioco,tant’evvero che nonostante il Napoli rispetto allo scorso anno abbia perso giocatori notevoli forse gioca pure meglio. Mourinho invece se non ha in squadra i pezzi da novanta va in confusione e non fa altro che mischiare le carte ogni partita senza avere uno schema ben preciso di gioco, in pratica si affida alle giocate individuali.Quindi per me Spalletti tutta la vita, poi ognuno la pesi come vuole,ma dire che Mourinho ha tutta Roma ai suoi piedi secondo me non corrisponde alla realta’…

    • Mourinho è n’condottiero come Napoleone. Nun c’avrà tutta Roma a li piedi sua, ma na Bonaparte de certo sì…

  10. S’avviscina domenica… er duello
    tra ‘r comannante nostro e ‘r pelatone,
    la sfida de l’opposti, indove quello
    è un maniaco e ll’artro usa la raggione!

    La piazza se divide, “troppo bbello
    sto suo avvio sforgorante de staggione…”
    s’arivole er pelato, “vvòi sapello?
    co llui qua se sarebbe ggià ccampione!”

    Er confronto addiventa incandesscente…
    er carcio bbolliscine sta a ffa’ ggola
    a cchi ésse pratico nun piasce un accidente…

    Manco er zuccesso in coppa jj’è abbastato!
    E un fantasima avvorto de lenzola
    a Trigoria cuarcuno ha ggià avvistato…

    “nun escrudo er ritorno” ha ppronunciato!
    A llegge sto sproloquio, sai che gghiggno
    sarà spuntato in faccia ar Zor Muriggno??

  11. Salve, considerazione strettamente personale:
    Spalletti, uno che non ha mai avuto campionissimi e top club per vincere, ma ha dimostrato di conoscere molto la materia calcio, le sue squadre hanno sempre fatto un buon calcio e lui ha sempre trovato metodi e posizioni idonee per i singoli. Purtroppo a Roma non gli perdonano la gestione Totti, gestione imposta dalla società americana e si è dimenticati troppo in fretta quanto con una squadra “normale” abbia dato da temere anche a squadre molto più forti.
    Mourinho, a parte il Porto ha avuto la fortuna di avere sempre campionissimi nei top club, anzi…. ha anche fallito con squadre piene di campioni, e a Roma sta dimostrando che senza le invenzioni dei singoli spesso la partita si mette meale, squadra senza identità. Peccato che a Roma oggi si venga dato del laziale a chi non apprezza Mourinho, mettendolo addirittura avanti alla squadra.
    Vincere 1 a 0 su rigore contro l’ultima in classifica ci fa esaltare…. peccato che gli altri spesso ci bacchettano, ed in campo non hanno campionissimi.
    FORZA ROMA.

    • No, non ci fa esaltare, ci fa esultare. Che è diverso. Ma poi scusa, vincere uno a zero su rigore è vietato da qualche regolamento? Io non vi capisco. Si può non apprezzare Mourinho per il tipo di calcio che fa, ma addirittura lamentarsi che la gente sia felice di una vittoria è il colmo. E poi parlate sempre della vittoria contro l’ultima in classifica, dimenticando che abbiamo pure battuto l’Inter a San Siro e che nonostante tutti i guai, siamo lì a giocarcela per le prime posizioni. E dai su…

    • All’Inter ha trovato due quarti posti raggiunti all’ultima giornata e appena andato via Conte ha vinto lo scudetto in carrozza.

    • spalletti nel 2016-2017 aveva una squadra normale? non aveva campioni? ninja, strootman, de rossi, dzeko, manolas, totti erano scarsi? e palmieri rudiger e salah? altra gente che non ha vinto niente? ditemi un solo giocatore della roma di mou (al netto di gini e dybala) che giocherebbe titolare nella roma di spalletti

    • A me daa diatriba fra Spallo e Totti, me frega poco meno de n’casso, dato che so sempre stato tifoso da’ Magica e no der TOTTInham. Detto questo, a me nun me piace er Capoccione pe na serie de motivi; uno su tutti è che n’piscopatico vanesio che nun conclude mai na mazza, a parte li piazzamenti. C’ha avuto l’occasione de la vita sua e la fallita: L’inda de Suning, quanno li cinesi davano ancora portafojate a destra e manca, che ha vinto? Te risponno io: Sta gran ceppa de casso…

    • commento equilibrato e assolutamente realista come aggiungerei o titolo estremamente personale e la campagna mediatica a favore di Mourinho è assolutamente inaccettabile e fuorviante in fondo a Roma si è dimostrato soprattutto un grande rimestatore di mercato con l’operazione sicuramente dannose per la società e con un canale assolutamente i suoi senza fine nell’analisi dei vari errori lui Patrizia Sergio rivares e dello stesso medico rammento senza cattiveria ma con l’obiettività che quest’uomo ha cacciato dal Chelsea de bruyne e salah sarebbe bene maggior equilibrio dei media un quarto gli avrebbero alla Roma lo stadio è pieno perché la passione è grande è sempre stata grande e il costo dei biglietti accessibili ha portato Nello Stadio tantissima gente Forza Roma sempre

  12. Nessuno pensa di sostituire Mourinho con Spalletti oggi. L’anno scorso abbiamo iniziato un nuovo ciclo e la società lo porterà a termine almeno fino al 2024. In futuro, l’ho già detto ieri, non mi dispiacerebbe rivedere Spalletti a Roma corroborato da una società forte (lui ha vissuto la gestione Rosella che doveva confrontarsi con Moratti…e la gestione Pallotta) in grado di regalargli una squadra competitiva al vertice.
    Quest’anno ADL e giuntoli hanno fatto una squadra fortissima, spendendo meno di quanto hanno incassato e riducendo di molto il monte ingaggi. Ad agosto (pensate alla sera di Roma Shaktar) nessun romanista sano di mente avrebbe mai scambiato la nostra rosa con quella del Napoli e probabilmente tutti i napoletani invece l’avrebbero scambiata volentieri. Al di là del campanile quindi …c’è da applaudire il loro scouting e la lungimiranza. Poi magari a gennaio crolleranno come hanno sempre fatto, ma il calcio del futuro per chi non ha fatturati da top team sarà quello.

    • Pallota je l’ha data risultato zero titoli usciti con una Lazio scazzata in coppa Italia usciti in champions con il porto 3 a 0 arrivati secondi senza le milanesi è uscito in Europa league dove come rosa nessuno era al nostro livello e in quella rosa cerano giocatori che oggi sono dei top mondiali

  13. Ho sempre ammirato Spalletti per la parte tattica.. Tatticamente e uno dei migliori allenatori della serie A.. Però.. Per come la vedo io questo non basta..

    Se vuoi essere un grande allenatore.. Se vuoi diventare un allenatore vincente hai sempre bisogno dei giocatori.. Un allenatore deve essere capace di imporsi con le società..

    Con l’Inter c’è un esempio chiaro.. Lui doveva riportare l’Inter in Champions.. C’è riuscito.. Ma non è riuscito a farsi fare la squadra che voleva… Dopo di lui è arrivato Conte.. Che si è fatto prendere chi voleva.. Da Lukaku a Barella ad Hakimi e ancora altri..

    Questa è la grande differenza tra un buon allenatore ed un vincente secondo me.. Anche rinunciare ad una panchina se non ti dà ciò che chiedi.. Ed in tanti anni Spalletti non lo ha mai fatto..

    Io ero innamorato della Roma del primo Spalletti.. Tatticamente quella squadra era bellissima.. Tuttavia la fine mi ha deluso non poco..

    Così come mi ha deluso il suo ritorno.. In Europa League contro il Lione, contro il Napoli e poi il derby.. Che ci buttò fuori praticamente da tutto.. E poi il modo di gestire il capitano.. E qui a differenza di altri la colpa non la do solamente a lui.. Sono da condividere..

    Molti dicono.. Spalletti non ha avuto i campioni che ha avuto Mourinho.. Ma secondo me è un aggravante.. Perché se uno ci è arrivato ed un altro no.. C’è un motivo..

    Prendiamo un Simoncino Inzaghi.. Ha vinto diverse coppe Italia.. Ha portato una squadretta in Champions dopo anni.. Ha fatto il grande salto e puff.. Si è perso.. Certo ha vinto un paio di coppe.. Ma si è fatto portare via dei giocatori.. Ed in due anni non si è mai imposto sulla società.. Ed anche lui si è perso perdendo uno scudetto..

    Per come la vedo io ci sono sempre dei motivi per il quale uno arriva ad allenare dei club tanto importanti ed un altro invece non ci riesce..

    Per me questa non è una gara.. Ognuno ha la sua storia.. Il Napoli in questo momento è forse la squadra più completa di tutta la serie A.. Gioca un calcio veloce ed offensivo.. Ed ha anche una panchina importante..

    Ma questo Napoli giocava così anche lo scorso anno.. Anzi lo scorso anno aveva addirittura più punti di ora.. Per poi perdersi.. Ed è un altra caratteristica che appartiene alle squadre di Lucianone..

    Non è Mourinho contro Spalletti.. Ma è Roma contro Napoli.. Una squadra adesso sta bene fisicamente e non gli mancano i giocatori più importanti.. La Roma invece ha ancora diversi problemi.. Due su tutti sono Dybala e Wijnaldum..

    Sara una partita dura.. Ma la Roma non parte sconfitta.. Sicuramente si proverà ad addormentare l’intensità del Napoli.. Ma è solo una mia supposizione questa..

    Nessuno scontro tra allenatori.. Si tifa Roma e basta..

    Forza Roma..

    • Ottimi spunti, come sempre, complimenti. Inizio per forza di cose da qui.
      In realtà non è vero che Spalletti non abbia mai rinunciato alla panchina: lo ha fatto proprio con noi, appena ha compreso che gli stavano per smantellare una squadra che necessitava solo di tre o quattro ricambi all’altezza per essere competitiva ai massimi livelli.
      Pure la prima volta a Roma abbandonò la nave dopo la fantasmagorica campagna acquisti che portò agli arrivi di Lobont e Zamblera.
      E ricordo che anche allo Zenit ebbe delle frizioni in questo senso.
      All’Inter lo hanno fatto fuori invece di dargli ciò che dopo hanno dato a Conte.
      E’ un po’ troppo semplicistico dire che bisogna essere capaci di imporsi; dipende dalla società che ti ha preso e che tu hai accettato di guidare in campo.
      Lo stesso Inzaghi sapeva benissimo di essere stato scelto all’interno di un programma di ridimensionamento delle spese, era cosciente che avrebbe perso qualche pedina importante.
      Cosa doveva fare? Rifiutare quello che era comunque uno step importante per la sua carriera? Rimanere col Pinguino?
      E Mourinho a Roma ha dovuto comunque limare di molto le sue pretese; anzi, si è addirittura creato un rapporto di forze diverso, in cui il suo prestigio è addirittura superiore a quello di una società con un pedigree tutto sommato modesto e limitata dai vincoli del FFP.
      E’ il suo curriculum che ha consentito l’arrivo di giocatori a parametro zero come Dybala e Wijnaldum che probabilmente senza di lui non avremmo visto qui.
      Ma quando si è trattato di spendere cash, anche lui ha dovuto accontentarsi dei Vina, Shomurodov e Celik invece dei Drogba, Modric o Varane cui era abituato all’apogeo della sua carriera.

    • Ub non vorrei sbagliarmi.. Ma la prima volta non è andato via da Roma per la campagna acquisti.. E andato via dopo una serie di sconfitte.. Se non erro ci fu anche una sconfitta con una delle Juventus peggiori della storia.. Con 4 goal presi..

      Era la Roma che lo stava facendo fuori in quel caso.. Non il contrario..

      Nella seconda esperienza, sapeva da tempo di avere dietro di sé l’Inter.. A Roma non poteva più stare per motivi che tutti conosciamo.. Anche in quel caso, parere personale la campagna acquisti c’entra poco..

      Concordo, ogni discorso viene affrontato con semplicità… Ed è complicato andare affondo alle cose.. In primis perché non conosciamo tante cose che ci sono sono dietro.. E poi perché è un forum.. Ed è complicato fare un discorso veramente completo..

      Tuttavia credo, che se ci sono differenze tra i due non è un caso.. Spalletti tatticamente è un allenatore che sa far divertire.. Ma io credo che di allenatori che fanno divertire ce ne sono tanti.. Ma non sempre raggiungono lo step successivo.. Anche per Sarri si potrebbe fare un discorso simile.. Ma non mi dilungo..

      Per Mourinho e diverso.. Ha scelto di fare un esperienza totalmente diversa, un ritorno alle origini, ma nonostante i tanti problemi e riuscito a portare a Roma gente di spessore, con vittorie alle spalle.. Se questo è un bene ancora non lo so.. Lo scopriremo nel tempo..

      Tuttavia il discorso per me principale.. Il più importante.. E che il duello Mourinho Spalletti.. Non esiste.. E la classica balla giornalistica, che in qualche modo cerca di “dividere”.. Questa è Roma contro Napoli.. C’è chi parte meglio è chi peggio.. E non solo per via degli allenatori..

      Spalletti e un passato.. Un passato anche bello in molte occasioni.. Ma non c’entra assolutamente nulla con il presente.. Questo era ciò che volevo dire principalmente..

      Si tifa Roma a prescindere da chi siede sulla panchina.. Un concetto banale infondo..

      Forza Roma..

    • Si dimise alla seconda giornata del torno 2009-10, dopo due sconfitte, la seconda delle quali 1-3 in casa contro la Juve. Ma era ai ferri corti con la società da tempo, dopo esser stato preso in giro fortemente con una campagna acquisti che sapeva di provocazione.
      Il paradosso è che con quella squadra il subentrante Ranieri ci arrivò secondo contro l’Inter di Mourinho, purtroppo perdendo quella dannata partita con la Samp. Così va il calcio ed è bello anche per questo.
      La seconda volta si accordò con l’Inter ben prima della piena deflagrazione del conflitto con Totti, appena dopo la partenza di Sabatini, e subito dopo avere annusato l’aria che tirava con l’arrivo di Monchi.
      Su Mourinho possiamo dire che abbia scelto di fare un’esperienza diversa oppure più semplicemente che in Premier aveva chiuso a certi livelli e che la sua carriera aveva bisogno di un rilancio.
      Rimanere fermo alla soglia dei 60 anni poteva essere un problema, e da persona estremamente intelligente quale è ha accettato il rischio calcolato Roma piuttosto che quello di perdere un treno che poi magari non ripassa.
      Su tutto il resto concordo: è banale tentare di ridurre questa sfida a Mourinho/Spalletti.
      Anche per me il passato è passato, Spalletti è già tornato una volta, direi che va bene così.
      Forza Roma, e adesso l’allenatore della Roma è Mourinho. Sul quale non di rado esprimo perplessità, ma non per questo penso che ci sia qualcun altro che potrebbe fare meglio di lui.
      Almeno non in questo preciso momento storico della società AS Roma.

    • Vale’, la scelta “diversa” di Mou è stata dettata unicamente nel voler provare cosa realmente potesse significare stare “a capo” di un popolo… questa era “l ultima ebbrezza” che gli mancava… e riuscire a portare QUESTO POPOLO alla vittoria dopo tempo immemore per lui ha significato ENORME VANTO per il suo prestigio e perché no ego… ma hai visto la sua faccia dopo ROMA-leicester e il 26 maggio sul pulman? In quei momenti tu capisci il perché lui accetta un “ridimensionamento” prendendo la Roma… una derubricazione SOLO per quanto riguarda il poco appeal in termini di bacheca ma un FASCINO IRRESISTIBILE (E INTROVABILE) come piazza… Non sembra, ma guardate che Mou è un romanticone… 😍

  14. Se fosse ancora vivo ed allenasse io rimpiangerei solamente er grandissimo Niels Liedholm, er Barone. De tutti l’artri me ne sbatto artamente, compreso er pelato che, a conti fatti e con giocatori fortissimi (Totti su tutti), nun ha vinto praticamente na fava (la coppa Italia nun è né na coppa Europea, né ”no scudetto). Mo’ c’avemo Mourinho e, anche se nun ce fa vede er carcio sciampagne, lui è l’allenatore della Roma e quindi DAJE JOSÉ, FACCE VINCE !!!

  15. Quale è il migliore allenatore dei due ? Quello che vincerà domenica sera.
    Totti, Inter, Conte, Triplete,Coppa Italia, Ilary, ecc. ecc. Il passato è morto e sepolto.
    Chi vincerà domenica sarà il più bravo dei due.

  16. Probabilmente però, avresti steccato col fejenoord… o addirittura ti saresti fermato a leicester…. e o stadio esaurito PURE per Roma-pizze e fichi sarebbe stata una chimera…😏

  17. Io a Spalletti non je perdonerò mai essere riusciti ad uscire in Europa league con la squadra più forte del torneo rudiger dzeko allison salah naingollan ddr palmieri pre crociato perotti fazio ancora in forma e manolas uscire con una squadra come il Lione buona ma con giocatori che scarsi come gonalons perdere 4 a 2 invece dalla altra parte mou con gli unici giocatori forti (pogba miki smalling) ha vinto una Europa league senza difficolta ecco la differenza tra chi partecipa e chi vince

  18. Ancora? ANcora ce stanno le vedove di spallettone che c ‘ha fatto le scarpe a Gnneaio con l Inter, 87 punti senza vincere un ciufolo

  19. L ideale sarebbe vincere 1-0 con un gol di mady, possesso palla 80/20 per il pelato e poi gustarsi i commenti sul non-gioco della Roma… C’È SOLO L ASROMA 💛 ❤️!!!

  20. I tifosi della Roma sono con Mou…….la piazza so’ quelli che tifosi non sono e ancora adorano quel carciofaro de pallotta che la Roma ha violentato per 10 anni, vincendo un Bonsai e lasciando solo debiti e ceneri!

  21. ma ci fosse un solo cristiano che si rendesse conto di che sorta di grande giocatore sia stato Daniele de Rossi!Ha fatto sembrare un fuoriclasse Nainggolan,un giocatore normale che tre quattro allenatori del Belgio non hanno mai preso in considerazione.Tatticamente Spalletti…..na ceppa! Tatticamente de Rossi,casomai!Era sempre il migliore in campo anche in nazionale con tutti i Buffon,i Pirlo e compagnia cantando.Daglielo a Mourinho uno come de Rossi,e poi dagli pure i pjanic,i Florenzi,i strootman,i Dzeko,i paredes,i gervigno…e i Totti a mezzo servizio,e poi vedete dove arriva.Ma basta dire che Garcia ha lottato per lo scudetto,di francesco è arrivato in semifinale(rubata)di Champions,e il pelato? Niente! viene salvato da Totti che entra all’ottantanovesimo,ed esce col Lione in El.Ma annatevene a fa no giro voi e er pelato….

  22. A me la piazza non pare divisa per niente.

    C’ é chi tifa ROMA e sta con Mourinho e la squadra.

    Poi c’ é qualche sparuto fan di PALLOTTO che rosica

    e che rivanga spalletti perché fu l’unico allenatore decente

    che il fruttarolo ci ha rifilato in un decennio demmerxa :

    preso per salvare la solita stagione fallimentare e inutile,

    e ovviamente chi te la salva la squadra dallo sfacelo pallottiano ?

    Un allenatore SENSIANO : uno che rappresenta la ROMA

    che portava a casa qualche TROFEO che i pallotto-boys sminuivano.

    Trofei minori che il fruttarolo non ha MAI manco provato a vincere.

    Perché era qua per i suoi loschi affari lo zozzone, non per farci vincere.

    Quindi si rivanga l’allenatore SENSIANO facendolo passare come

    “allenatore della spumeggiante roma de pallotto che giocava bene”

    per andare contro all’allenatore di oggi, quello dei Friedkin

    quello che ci ha portato subito un Trofeo Europeo e ci ha fatto gioire,

    e si va contro uno che in carriera ha vinto TUTTO e poi lo ha ri-vinto,

    si va contro alla società che sta cacciando fior di milioni per salvarci

    dal baratro finanziaro causato dall’incompetenza di un borioso idiota

    venuto dall’altro capo del mondo per rovinare la vita a noi.

    Miseria allo stato puro, falsità e menzogne per coprire le malefatte,

    insomma le solite cose di uno squallore infimo che da sempre

    contraddistinguono i fan lobotomizzati di colui che e’ stato

    IL PEGGIOR PRESIDENTE DELLA STORIA EL CALCIO.

  23. spalletti 2
    2015-16 subentrato girone ritorno
    2016-17

    57 partite giocate
    133 punti
    media 2.33 a partita, la più alta in assoluto per un allenatore della Roma
    43 vittorie
    4 pareggi
    10 sconfitte
    140 goal segnati
    58 subiti
    record di goal segnati
    record differenza reti

    il resto so chiacchere!

    qualsiasi società e tifoseria seria ci avrebbe costruito sopra un futuro importante

    noi lo abbiamo fischiato per un giocatore a fine carriera, capitano storico e sicuramente uno dei più grandi, ma pur sempre 41 enne a fine carriera.

    Roma purtroppo vive di (tra)passato, e da sempre vive di idoli e chiacchere.

  24. Il commento é immediato e piuttosto semplice. In sintesi: io mi ritengo far parte della “piazza romana” (non sono di Roma, ma immagino non significhi nulla, non si parla di un quadrangolare Roma-Viterbese-Ostia mare-Lazio…), e non mi vedo proprio nella frase: “la Roma di Mourinho gioca troppo male, Spalletti avrebbe dominato il campionato”, seguita dai “tanti che nonostante la Coppa vinta qualche mese fa vorrebbero uno Spalletti tris”…
    Ma magari il TEMPO/REPUBBLICA si riferiscono ai dintorni immediati e hanno ragione, e chi vive a ROMA saprà confermare che questo è quello che la maggior parte di loro vorrebbe?
    Oppure, come penso (con buona pace dell’utente di giallorossi.net, che qualche giorno fa sull’articolo che riportava i voti dei quotidiani sportivi post Samp-Roma si sbellicava dal ridere, parole sue 😉, che molti qui osassero mettere in dubbio le pagelle degli esperti “dottori in giornalismo” e la loro attendibilità ) questo é solo altro fango sulla squadra giallorossa ?

  25. Ma che razza di titolo…nessuno di noi sta con Spalletti, né ora né MAI più. Piccolo uomo, c’è chi critica Mou, ma mai e dico mai x favorire un ritorno del pelato a Roma. Mou tutta la vita!!!! E basta cercare sempre un pretesto x dividerci, noi che siamo i colori e i tifosi più belli d’Italia!

  26. Piazza divisa? Si tra chi tifava Spalletti quando era alla Roma e chi non lo poteva vedere già da allora. Tutti i Romanisti stanno con Mou, non fosse altro perché è lui l’allenatore della Roma, Spalletti, con luci ed ombre lo è stato, ma non lo è più.
    Forza Roma

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome