E ora la società va in pressing sullo sponsor

8
3921

ULTIME NEWS AS ROMA – I contatti tra Friedkin e la Roma vanno avanti e nei prossimi giorni potrebbero esserci novità. La società chiede di capire in fretta, entro poche settimane, il tipo di impegno per poi procedere con il piano industriale.

Fino a questo momento Friedkin ha manifestato il suo gradimento rispetto alle strategie dell’attuale management. L’obiettivo è quello di implementare i ricavi senza ridurre drasticamente i costi, anche se comporterà sacrifici alla fine di questo campionato in termini di cessioni.

L’indebitamento da 275 milioni conta fino a un certo punti perché verrebbe scalato dal prezzo di acquisto che Friedkin negozierà con Pallotta. Ciò che conta per la Roma in questa fase è ridurre il delta tra costi e ricavi. Per restare in linea di galleggiamento i dirigenti si stanno impegnando a raggiungere una cifra vicina ai 200 milioni di ricavi al netto delle plusvalenze.

Una delle iniziative su cui sta lavorando Francesco Calvo è la rivisitazione dell’accordo con la Nike che durerà altri 4 anni. La Roma ritiene che la firma sul materiale sportivo della squadra possa valere almeno tre volte di più dell’attuale accordo da 5 milioni a stagione. La sensazione è che con un dialogo costruttivo si possa ottenere un corposo bonus.

(Corriere dello Sport)

8 Commenti

  1. Oh non c’è niente da fare, per la Roma a prescindere di qualunque argomento si tratti il capitolo sacrificio nelle cessioni è sempre da citare. Per la stampa la Roma deve sempre sacrificare giocatori per fare cassa dal 1° giorno di inizio del campionato mentre x altre non se ne parla mai, anzi si favoleggiano acquisti e non si parla di risci e buchi di bilancio che potrebbero infastidire i club del nord. Che miseri che siete. Umili servi.

    • Ti faccio una domanda: in questi anni, quanti giocatori titolari la Roma ha ceduto? 2-3 di media l’anno.
      Parlare di cessioni è realistico, illusorio è parlare di mancate cessioni di giocatori top.
      Uno addirittura, probabilmente, a Gennaio: florenzi. Gli hanno scatenato contro i loro cani da tartufo, infangandolo, e Fonseca (che comunque è un bravo allenatore) è complice di questo giochino.
      Gli altri due possibili “ceduti” sono Zaniolo e Under.
      Io spero che la Roma possa alzare un trofeo quest’anno, e che questo sia l’Europa League. Preferirei vincere l’Europa League alla qualificazione champions. Tanto, in champions o meno, i giocatori partono lo stesso.
      Questo fenomeno è riuscito a cedere Nainggolan, Strootman ed Alisson l’anno in cui ha incassato 100 mln dalla champions + 40 per l’accesso diretto, figuriamoci quest’anno….

    • “Quando ho saputo che il Barcellona aveva messo sul mercato Coutinho, lo volevo comprare. Ma non avevamo i soldi…”.
      Parole e musica di Jurgen Klopp, fresco vincitore della UCL…130 milioni appena incassati dalla UEFA (più bonus vari dagli sponsor) e un fatturato che è il triplo del nostro.
      Ora, è vero che da quando c’è lui il Liverpool ha speso un botto sul mercato in appena tre anni e lo squadrone già ce l avevano (infatti quest anno non hanno fatto mercato)…ma fa capire che i conti di un club non vengono gestiti come il vostro ménage familiare. Quindi è inutile che ve riempite la bocca con parole difficile e fate i conti della serva (me entra 100 e spendo 100).

      Ps: la vittoria dell EL, se non lo sapessi, da l accesso diretto alla CL. E da prestigio, naturalmente. Ma non te crede che te fa salva’ i conti del club.

  2. Sai Gladio, possono scrivere ciò che vogliono tanto la sostanza non cambia! La Roma sarà sempre più competitiva ed alla fine dovranno spiegare la cosa in due sole maniere: o x opera dello Spirito Santo o perché hanno scritto e scrivono solo fantasie! Già adesso, quello che ai più è spiegabile (l’ascesa in Campionato) come un naturale processo figlio del recupero di qualche infortunato, per loro è “sorprendentemente sconosciuto”!!! Volesse il cielo che venerdì arrivi ” il sacco di Milano” …sai i mali de capa che vedremmo!!!!! Forza Roma

  3. Chiaro, la Roma che ha 275 milioni di debiti cederà tutti i suoi giocatori a Mila e Inda che vanno per la miliardata di buffi e comprano solo. Tutta da ridere. Senza contare che il primo anno le nuove proprietà possono fare investimenti senza l’assillo del FPF che, notoriamente, vale solo per la Roma. Ma questo non lo diciamo al Corriere di Formello…

  4. Ma certo, l’Indaa che ha un indebitamento di quasi il doppio del fatturato è una società virtuosa, la Roma con un indebitamento inferiore al fatturato una società di straccioni….
    Ma continuate pure eh

  5. La Roma non cede giocatori a causa del debito consolidato,ma per ripianare i buchi di bilancio che ogni anno si creano spendendo più di quanto ricava.Questo anno la Roma,senza gli introiti della Champions,non arriverà a 200 mln di ricavi,l’inter ha raggiunto i 450mln grazie alle sponsorizzazioni Suning.e ai ricavi Champions

  6. La Juve prende da Adidas 25 milioni piu altri 18 di bonus maturato per accresciuta visibilità a seguito, ovviamente, dei risultati sportivi, per un totale di 43 milioni l’anno piu un’altra vagonata da Jeep e altri sponsorini vari.
    Consideriamo anche il top del top: il Barcellona da Nike prenderà 105 milioni da Nike e il Real 110 da Adidas, il ManUtd 84 da Adidas e 55 da Chevrolet.
    La Roma prende da Nike la miseria di 4 milioni l’anno, piu 14 da Qatar.
    Il confronto è impietoso, ma forse costruire squadroni e restare competitivi, porta ricavi.
    Forse, eh?

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome