Ecco come Ibanez ha conquistato Fonseca

25
3318

AS ROMA NEWS – “A Brescia ho schierato Ibanez al centro della difesa a tre per due motivi: mi serviva un giocatore veloce e che costruisse dal basso“. Telegramma rapido, scrive La Gazzetta dello Sport (A. Pugliese) da parte di Paulo Fonseca, proprio nella pancia del Rigamonti, quando dopo la vittoria di Brescia gli è stato chiesto il motivo per cui il brasiliano avesse giocato al centro e Fazio fosse stato dirottato sul centrosinistra.

Un attestato di stima quello del tecnico portoghese, che dimostra ancora di più quanto Fonseca voglia puntare sul difensore brasiliano. Da quando c’è stata la ripartenza, infatti, Ibanez ha giocato cinque partite su sei, di cui ben quattro da titolare. Evidentemente il brasiliano alla ripresa ha convinto Fonseca, che in lui vede ampi margini di miglioramento.

La partenza, in realtà, non è stata delle migliori con lo smarrimento sul gol di Gabbiadini (Sampdoria) e gli errori su quelli di De Paul (Udinese) e Callejon (Napoli). Ma sono sbavature in un processo di crescita in cui la Roma crede. E molto. Fonseca lo sta facendo giocare anche per trovarselo pronto davvero nella prossima stagione. E magari già pure in questa.

Fonte: Gazzetta dello Sport (A. Pugliese)

25 Commenti

  1. Mah, io resto scettico, un giocatore quando é forte in prospettiva si vede, io onestamente guardando gli errori davvero gravi fatti fino ad ora che hanno causato quasi un gol a partita, non posso pensare che si possa tornare da primi tre posti come fino a due anni fa, con giocatori tipo Ibanez

    • Valter Sabatini, uno che ha portato a Roma difensori come Benatia, Manolas, Mapu, Rudiger e anche lo stesso Fazio, quest’ultimo su imbeccata di Baldini, scommette la testa su Ibanez.

    • I difensori possono evolversi molto più degli altri… guarda Koulibaly, che ai tempi di Benitez sembrava la fotocopia di Matteo Ferrari.

    • @@@ Ibanez secondo me sta crescendo partita, dopo partita.
      @@ comincia a piacermi.
      @ più gioca e più prende confidenza, sicurezza,
      modo di stare in campo, marcare gli avversari.
      *** giudicato frettolosamente (come capita a Roma)
      come un bidone.
      ** diamo tempo ai giocatori di ambientarsi ed
      adattarsi nel nuovo ambiente.

      FRS💛💗

    • Sono perfettamente d’accordo con te.
      Marquinhos aveva fatto vedere di essere forte nonostante qualche piccola incertezza iniziale. Ma lo aveva fatto vedere. Questo buca il primo intervento di testa, saltando a vuoto…poi la palla arriva a torregrossa, che poraccio si trovava li per caso, e sbaglia un goal fatto. Stesso discorso due minuti dopo, quando ibanez perde palla DENTRO l’aria di rigore.

      Ma il popolo è volubile, si sà. Qui basta una vittoria e se critichi partono i pollici versi. Poi, però, quando ricordi il tuo pensiero mesi dopo, i pollici versi diventano dritti. Ormai conosciamo i pallotta boys.

      Se ieri prendevi quei due goal, la prestazione di Ibanez sarebbe stata molto negativa. E qui non è possibile che devi prendere i goal e perdere le partite per evidenziare dei problemi che ci sono.

      Lo stesso vale per Villar, che non è migliore di Riccardi. Anche contro il Brescia ha fatto un paio di cavolate.

      Non sto dicendo che sono bocciati, ma ORA non possono giocare con la Roma. La Roma ha bisogno di calciatori PRONTI. Se no facciamo come il Brescia, prendiamo Papetti e lo mettiamo titolare – con tutto che è un buon difensore e ad esempio mi è piaciuto più lui di Ibanez. Sapete tutti che non sono un estimatore di Kalinic, ma indubbiamente il croato è un cliente più “tosto” Der Poro Torregrossa.

  2. Semmai si sovrappone a Mancini. Smalling è un marcatore, come sarebbe Cetin.
    Fazio da verificare, JJ da alienare finalmente.L’inter non ci ha mai dato difensori forti, noi a loro abbiamo dato anche qualche campione.

  3. Contro er BS gli ho visto fa delle cose allucinanti…er problema è che in campo c’ha pure l’atteggiamenti de uno che se la sente calla e che se crede Beckenbauer. Er classico difensore tecnico e stiloso che pe eccesso de fiducia te impicca le partite. De bòno ho notato che è veloce, cor gioco de lo scienziato portoghese è na manna dar cielo, nei recuperi su l’attaccante in particolar modo…

    • Boh a me piace… Sarà per l’aria da tajagole che cià, ma dalla prima partita in cui ha giocato, in cui ho visto sufficienza, ho notato che progressivamente tiene moltissimo a far bene e questi sono i presupposti del giocatore VERO.
      Poi è una scheggia e chiude molto bene, deve stare attento quando costruisce dal basso sotto pressione perché al momento, come dici tu, è un rischio… Ma questa non è mancanza di tecnica o altro perché, impressione mia, quando riesce ad uscire l’azione della Roma diventa tremendamente pericolosa…. Per me è mancanza di esperienza, e je la dobbiamo dare sta chance…non lo schiererei in El comunque, ne lui ne mancini.
      Andrei con Smalling Kolarov (CENTRALE) e Fazio a sinistra

    • @@@ scusa ma gli altri calciatori non sbagliano mai?
      @@ non mi va di fare esempi (lunga la lista).
      @ dico solo aspettiamo che giochi con più continuità
      e poi uno sarà in grado di giudicare.

      FRS💛💗

  4. A me piace moltissimo la sua personalità e sfacciataggine… a differenza di quello che credono molti, per me lanciare la palla a caso appena vedi un avversario che ti pressa (tipo Rudiger e Florenzi), non è necessariamente una virtù, perché come diceva mio padre, “se non rischi non bevi champagne”. La tecnica c’è, la velocità e la tigna pure, deve migliorare nel posizionamento difensivo, nonché nell’anticipo aereo.

  5. Quando uno che nella vita ha sbagliato tutto certifica che Ibanez e Villar sono due pippe, è certo che davanti hanno una luminosa carriera.

  6. Lasciamolo crescere.. i numeri ce li ha e si vedono in campo,trovarsi titolare nella Roma così di punto in bianco potrebbe far tremare le gambe a chiunque.
    Gli errori fanno parte di un percorso di crescita..secondo me sarà un ottimo centrale ,d’altronde la scuola brasiliana è eccellente

  7. A me sembra che abbia un innato senso della posizione e che veda il gioco. In questo è già superiore a molti.
    Certo commette errori che possono costare molto.
    Alcuni si vede che derivano da scarso affiatamento con i compagni (vado io, vai tu…) altri sono ingenuità che non puoi commettere quando sei l’ultimo uomo: meglio accompagnare piuttosto che cercare di anticipare e perdersi l’uomo se dietro hai solo il portiere.

    Tutto sommato però dimostra personalità. E’ veloce. Ha buoni piedi.

  8. Giocatore del 1998 al suo VERO primo anno in serie A ( con l’Atalanta non ha toccato campo praticamente ) secondo me sta migliora di ogni volta che tocca campo.

    Voglio ricordare che alisson il primo anno di Roma andò malino.

    Fisico, tecnica, velocità, testa… Se continua così potrebbe fare molto molto bene.

    PS: Sarò matto io, ma Mancini mi ricorda tantissimo mexes per movenze, atteggiamenti e modo di giocare.

  9. A me personalmente non mi ha fatto una buona impressione. Ma se la società crede in lui, se il mister crede in lui giusto farlo giocare (anche sbagliando) così può crescere. Altrimenti perché abbiamo fatto l’investimento? Ha fatto tre partite finora.

  10. Ma vi ricordate i primi 3 mesi di Rudiger?
    Il liscione in aria che fece esclamare a Conte sugli spali “madonna e da dove è venuto questo???”.
    Un anno e mezzo dopo lo chiese al Chelsea.

    A me piace come atteggiamento, deve crescere molto,
    ma mi fa sorridere che alcuni che bocciano il ragazzo di 22 anni siano gli
    stessi che parlano di giovani prospetti per Under (23) e Pellegrini (24. No, qua non sorrido, me rotolo proprio).

    Però vorrei davvero capire cosa è successo con Cetin…

  11. Un copia e incolla dei commenti su Toloi, che guarda caso oggi è il titolare dell’Atalanta. A me Ibanez non dispiace, ha la cattiveria giusta per diventare un buon difensore.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome