Ecco il Salisburgo dei giovani: l’attacco è il punto di forza, occhio alla stella Sesko

21
842

AS ROMA NOTIZIE – Alla scoperta del Salisburgo, squadra austriaca che sta dominando il suo campionato e che in Champions è dovuto arrendersi a Milan e Chelsea, chiudendo al terzo posto davanti alla Dinamo Zagabria.

Il tecnico Matthias Jaissle ha la stessa età di Nemanja Matic, ma ha smesso di giocare (difensore dell’Hoffenheim) a 26 anni per colpa degli infortuni.

Il Salisburgo è forte davanti, dove può alternare Sesko (gigante sloveno di 19 anni già valutato oltre 20 milioni), Adamu (11 reti) e Okafor (10). A centrocampo brilla il giovane francese Gourna Douath, che a 19 anni si è preso le chiavi di una squadra under 24 (tranne il 27enne Bernardo e capitan Ulmer, 37 primavere).

Dietro il punto di forza è Pavlovic, centrale serbo con 21 gare in nazionale. I punti deboli della squadra sono gli esterni. 

Fonte: Gazzetta dello Sport

Articolo precedenteRoma senza tregua, Mou prepara la carta Volpato
Articolo successivoWijnaldum è ancora indietro: rientro a febbraio, e dal mercato…

21 Commenti

  1. Bene,bravi,potete avere tutte le stelle che volete…..Quelle ce l’abbiamo anche noi e quindi dovrete da andarvene a casa…..

  2. Squadra giovane che corre tanto e con buone ind loividualità, un Ludogorets più forte ed evoluto, di tutte quelle, tolto il top Barcellona è una delle più toste, perché gioca esattamente al nostro opposto. Speriamo che a febbraio la Roma sia in una condizione migliore.

  3. Quel Sesko sarebbe da prendere subito… Prima che la spuntano Man U, Lipsia, ecc.
    Ma tanto qui sto parlando di fantamercato, figurati..

  4. bho io tutta sta paura non ce l ho specialmente se a febbraio rientra gini , mi piacerebbe vedere un bel centrocampo con gini matic pellegrini e davanti zaniolo dibala abraham magari un bel 4321 visto che se continuiamo a 3 dietro in pratica giochiamo a 5 con i tre difensori che non sanno passare una palla quindi si abbassa un centrocampista e diventiamo in 6 +portiere dentra la nostra meta campo certo che poi l avversario non ha difficolta a marcare gli attaccanti ne hanno uno in due

    • Questa è la Roma come era stata pensata in estate credo.
      E quella Roma non avrebbe da temere certo dal Salisburgo.
      Purtroppo però il rientro di Gini è una forte incognita. Dopo una frattura di tibia c’è da rifare la muscolatura, riprendere il ritmo partita e superare la paura di infortunarsi di nuovo. Il tutto per un giocatore di 31 anni.
      Io credo che ci vorrà più tempo del previsto.

    • Rod io non ci credo piu a cosa scrivono i gironali Dibala doveva essere fermo 2 mesi perdere il mondiale e domenica anche se solo un minuto scenderà in campo a torino , questi che scrivono ne sanno meno de mi zia che lavora al bar .

  5. Roma nettamente più forte nell’ organico.
    tra quelle uscite Salisbrugo e Shakthar erano quelle da preferire squadre da EL le altre sono da CL.
    Niente scuse per passare il play off.

    • Dici? La penso al contrario ,forse non hai visto la partita col milan e ti sei fatto ingannare dal 4 a 0 finale,anche perchè al momento attuale se la Roma incontrasse il milan ne beccherebbe altrettanti.
      Per me invece sarà una qualificazione ardua ,contro una squadra che ha un’età media di 21,5 anni e che possiede tutti i requisiti per mettere in seria difficoltà i nostri lentoni di centrocampo,facendo della riconquista di palla e delle ripartenze a ondate il suo punto di forza.
      Un segno di debolezza invece,mi pare la scarsa efficacia in attacco.
      Il qui decantato Sesko mi ricorda tanto Schick, il mai dimenticato Mezza Tacca di personale conio.
      Se la Roma non viene adeguatamente puntellata dal mercato di gennaio saranno dolori,ma da questo punto di vista bisogna purtroppo rassegnarsi alla mediocrità.

    • La penso come Zenone. Soprattutto se lo schema della Roma sarà anche a febbraio palla a Smalling che la dà a Ibanez che la dà a Mancini che la dà a Smalling che la dà a Ibanez che la dà a Mancini che la dà a Smalling…
      Speriamo a febbraio di stare un po’ meglio.

  6. Siamo fuori al 100%

    L’unica speranza era beccare un Barcellona a cui non frega nulla.

    Abbiamo beccato esattamente l’avversario che ci fa a pezzi :

    giovani motivati con stipendi bassi che vogliono mettersi in mostra

    per andare via da una città di merxa dove piove sempre.

    Invece i nostri stanno belli comodi nella Città piu’ del Mondo

    a guadagnare stipendi altissimo a fronte di prestazioni scadenti.

    E chi li manda via a sti deosciati che ci ha lasciato PALLOTTO ?

    Questi manco lo vogliono passare il turno !!!!!

    Preferiscono “concentrarsi’ sul prestigiosissimo quarto posto

    per chiedere un aumento di contratto

    e dare ai tifosi beoti l’illusione di avere una “Squadra da Champions”.

    Ma guardate che pure se ci andiamo in Champions,

    sempre co Pellegrini, Mancini e Cristante ci tocchera giocare

    e se co questi ci serve un miracolo per battere il Ludogoretz,

    che fine credete che faremo in Champions ??????

    O davvero pensate che 30-40milioni facciano la differenza

    in una competizione dove certi avversari ne spendono 300-400 ???

    Ragazzi il campionato e’ andato, le coppe sono andate,

    in Coppa Italia usciremo al primo turno e poi sarà una lenta agonia

    per sapere se arriveremo quarti, quinti, sesti o settimi :

    e che caxxo cambia ????

    Sempre co Pellegrini, Mancini e Cristante ci toccherà giocare

    e sempre sti risultati qua faremo, come da 4anni a questa parte

    perché IL MALE CHE CI HA FATTO PALLOTTO ANCORA CI AFFLIGGE

    e finché non se ne saranno andati via TUTTI i giocatori del fruttarolo

    non sarà possibile migliorare i nostri modesti e deludenti risultati.

    Ma ditemi voi quale presidente e’ riuscito a condannarci non solo

    ad un decennio di mediocrità ma pure a danneggiarci nel

    decennio successivo ? Chi ???? Nessuno ! Solo LUI,

    il fruttarolo venuto dall’altra parte del mondo per rovinarci la vita

    ed e’ per questo e mille altri motivi che verrà ricordato come

    IL PEGGIOR PRESIDENTE DELLA STORIA DEL CALCIO.

    • Tu dai sempre tutta la colpa a Pallotta il tuo ragionamento è tale e quale a quello dei sindaci incapaci, che la colpa di tutto è sempre dei sindaci che c’erano prima.
      Ora Pallotta non c’è più ci sono i Friedkin, visto che tu disprezzi tanto i vari calciatori appartenenti alla era Pallotta, ti voglio dire che nessuno vietava ai Friedkin di fare piazza pulita e azzerare tutto ciò che era di Pallotta, invece mi sembra tutto il contrario, loro vorrebbero costruire una grande squadra su ciò che gli ha lasciato Pallotta, visto che non hanno venduto quasi nessuno e hanno aggiunto solo delle chicche.
      Purtroppo per come la vedo io i Friedkin sono una delle proprietà migliori che abbia mai avuto la Roma, ma neofiti del calcio e se la Roma non decolla come gli investimenti che stanno facendo meriterebbero è perché hanno sbagliato allenatore e direttore sportivo

    • beh Salisburgo è una bellissima città..guarda che t’hanno fregato l’atlante geografico..cmnq se vai alla Federalberghi un cataolgo lo rimedi..eh eh eh eh..

  7. Va bene sarà anche una squadra ricca di giovani talenti ma il Milan gli ha fatto quattro gol, il calcio non è mai una equazione matematica ogni partita è diversa dalla altra, però quella partita con il Milan, dove sono crollati è da studiare attentamente

    • Io più che il Salisburgo studierei il Milan.
      Sovrapposizioni, movimento continuo, scambi rapidi a centrocampo, gente che al 90esimo ancora scatta e accelera.
      Non ho mai visto Tomori che dà la palla a Kalulu che la dà a Tomori che la dà a Kiaer che la dà a Kalulu…
      Se la Roma riacquista uno stao di forma decente e Mourinho la smette di voler fare il torello la vinciamo facile, sennò sono dolori.

    • Diciamo pure che in quella partita è stato provvidenziale segnare al momento giusto…
      Poi, sarà pure andata in discesa per il Milan, ma è dovuto rimanere sul pezzo e fare una partita esemplare nel 2° tp.
      Ergo, bisognerà giocarla bene, sin da subito e con convinzione!
      Tra parentesi, l’articolo ha “dimenticato” Sucic, che non mi pare sia da meno agli altri, anzi…
      FORZA ROMA

  8. Pur avendo perso le loro stelle (Adeyemi e Mohamed Camara su tutti) rimane sempre una squadra temibile specie in casa dove vengono spinti da un tifo incredibile.

  9. tutti a dire che perderemmo pure con la Solbiatese…
    non solo utenti “macchiette di passaggio” qui, o amanti del “bel gioco, unicorno inesistente davvero, da chiunque il ‘racconto ne racconti la leggenda’, ma anche “vecchi saggi” (almeno dalla scelta del nick e dalla foto da vecchio profeta) normalmente equilibrati e non privi di commenti, condivisibili o meno, ma che sembran conoscere l’argomento.
    Io mi limito a considerare che la ROMA ha sì perso 4 partite in A ad oggi, ma di queste, soltanto una, solo Udinese vs Roma 4 a 0 é gara orribile.
    Le altre (Atalanta, Napoli e Lazio) sono altrettanto chiare e leggibili da chiunque sappia di cosa parla. E non sia prevenuto contro la Magica e questo o quel giocatore, questo o quel responsabile tecnico.
    La DEA ha vinto quell’unica volta su 10 a rigiocarla, sull’unico tiro di alleggerimento, maltrattata e presa a pallonate, punto.
    Il NAPOLI (che ne dà da 3 in su praticamente a chiunque, senza discussioni, ad ora) ha vinto col gollonzo della domenica una gara a 20 scarsi dalla fine ampiamente indirizzata su un pari senza reti.
    La LAZIO? lasciamo perdere.
    Un regalo di NATALE anticipato. Un punto e si sarebbero abbracciati.
    Questi sono i fatti, e guardando la classifica, siamo in corsa su tutto. Le altre? (Napoli escluso, per ora?)…
    Non ridono sempre. Inzaghi era da buttare, 3 gare buone, ora non guardo ma immagino tutto… Allegri “conquista” la Col, torna Chiesa, esplode Fagioli, per lo scudetto c’è tempo…

    In Europa siamo DENTRO, quella persa col Betis é un dono di Spinazzola (stupido in “marcatura” quasi quanto Roger domenica). È scarso Spinazzola?!

    Il Ludogorets all’andata una vendetta degli arbitri che ignorano 2 rigori più rosso (inglesi) trombati nella finale di Wembley, quando gli irreprensibili inglesi, nel silenzio complice e vigliacco dei media, politici, e vertici del calcio, non fecero entrare un solo tifoso italiano per cautele Covid (?!), pregustando la festa…

    Io capisco a Roma la gente delusa dal derby (com’era… la partita dell’anno? la partita delle partite? L’onore del Gra?), capisco certi utenti romani de Roma, capisco la rabbia e la delusione a caldo… capisco tutto, ma anche basta adesso. Hanno perso meno, ma 1 punto con 3 in palio è mezza sconfitta (pure di più).
    Hanno perso male.
    Quindi ha vinto la Lazio?
    Ma alla fine, chissenefrega! Tiferemo per loro alla COL (peccato non abbiano il BODO) come squadra italiana…😉
    E al netto dei troll sempre presenti, ZENONE e simili (il vecchio saggio della montagna ..) fatevi una ragione e piantatela di spalar merd… sulla ROMA ferita, sui giocatori e sull’ottimo Pinto (meglio Tare eh?) per la terribile onta, che già ci sono i Focolari, i Damascelli e i Corsi tutti, gli amanti di Juric, Italiano, Guardiola, Spalletti, senza dar loro spago… 😉

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome