Effetto Mou? No, effetto Roma: col Brighton 50° sold-out dei Friedkin

46
769

NOTIZIE AS ROMA Ennesimo sold-out all’Olimpico. Il 50esimo, da quando Dan Friedkin è il presidente del club capitolino. Roma-Brighton dunque avrà una cornice di pubblico splendida, con lo spettacolo che non mancherà sia sugli spalti che sul campo.

Domani, infatti, saranno oltre 64mila gli spettatori che assisteranno alla sfida di andata degli ottavi di finale di Europa League, facendo registrare l’ennesimo tutto esaurito alla biglietteria di Trigoria.

Una dimostrazione d’amore che sancisce come quello che molti avevano identificato come “effetto Mourinho” sia in realtà l’effetto Roma, rimasto saldamente intatto anche dopo l’esonero dello Special One, a cui va comunque riconosciuto il merito di aver restituito entusiasmo alla piazza.

De Rossi poi è stato in grado di proseguire quell’onda lunga a suon di bel gioco e risultati, un connubio che non ha di certo allontanato i tifosi dall’Olimpico, sempre colmo d’amore per i colori giallorossi.

Fonte: Gazzetta dello Sport

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedenteAttacco o difesa: il dilemma De Rossi per provare a batter l’amico De Zerbi
Articolo successivoRoma, ufficiale l’amichevole contro il Milan in Australia a fine stagione. Souloukou: “Onorati di rappresentare l’eccellenza italiana” (COMUNICATO)

46 Commenti

  1. Sarebbe ora di allestire una squadra capace di lottare per altissimi obbiettivi, DEGNA delle aspettative dei tifosi.

    • infatti…ma sai come ragionano gli yankees: prima accesso alla CL poi si spende

  2. raccordo anulare libero e traffico in città scorrevole, buche sull’asfalto assenti, disoccupazione ai minimi, reflazione salariale, affitti ai minimi, il nome Josè vietato per legge.
    Finalmente, e ora una Gionata di Lutto Cittadino per il 25 Maggio!

    • E niente, manco i dati evidenti, manco i numeri……
      Cmq tranquillo dai, prima o poi perderemo, è nell’ordine delle cose, chissà, pure male, e allora lì sì che godrai come un riccio, un bel sorrisetto compiaciuto, la tua idea avrà vinto. Per te.

    • Diciamo che è l’ennesima favola inculcata dai Mourinhiani e/o dallo stesso Mourinho che svanisce in modo piuttosto imbarazzante (per lui). Alcuni esempi:
      Rosa scarsa che non può nemmeno competere con Bodo, Sassuolo, Bologna; con De Rossi media da scudetto;
      Attacco con poca qualità che non permette di risolvere le partite ne di segnare molti goal; con De Rossi la Roma è la squadra che segna di più insieme all’ Inter;
      Rosa infarcita di infortunati cronici; cosa già smentita dalle statistiche personali dei singoli giocatori e resa ancor più grottesca adesso che, gestendo gli infortuni (Renato Sanchez non ha ancora giocato per più di pochi minuti…immagino stia facendo la mini preparazione che non aveva fatto quest’ anno), i giocatori e tutta la rosa, la situazione è migliorata;
      Soldi e incassi portati dallo special one al quale attribuire addirittura il merito del calore della tifoseria giallorossa che, viceversa, è la migliore da sempre.

  3. Diciamo che mourinho ha risvegliato lo spirito dormiente del tifoso romanista e da lì la passione si è riaccesa..I dati sono là..Prima.di mourinho i sold out erano rari.

    • Prima di Mourinho c’erano le residue misure restrittive per il contenimento del COVID…

  4. Se arriverà qualcuno che vorrà costruire veramente una squadra di campioni come lo è il real Liverpool o city servirà una stadio da 100 mila posti è sarà sempre pieno

  5. nuovo stadio da 75000, 15000 posti in più rispetto ai 60.000 previsti garantisco fidelizzazione e il 20/25 % d’incassi in più

    • portamelo a 100mila che e’ meglio
      altro che pieno sarà ‘ strapieno (gia’ lo e’ pieno cosi’)

    • Aumentano anche i costi di gestione però…. e vanno pure cambiati i calcoli su portanza delle strade, parcheggi, trasporti, impatto acustico….
      Non è semplice e infatti rimarrà da 55.000/65.000 posti (se mai si farà).

    • certo ale.

      chi lo nega è in malafede o ha la memoria davvero corta.

      mi sembra di ricordare una leggera euforia generale nel giorno in cui fu presentato … ma magari ricordo male io che inizio ad avere una certa età 😉😅

      ❤️🧡💛

    • Su questo sono d accordo anche io… PERÒ, l onda emosionale, 😏 andava sfruttata meglio e senza tremori, coi pannolini lasciati in ritiro, NON portati in campo…

    • Rudy Völler 9, certo che ci fu “una certa euforia generale” ma poi il tuo amato l’ha tradita.

  6. Eh niente, i Mourinhani sono affetti da idolatria e allucinazioni. Noi tifosi siamo tornati allo stadio perché 1) non c’è più Pallotta 2) i prezzi sono più accessibili 3) dopo la pandemia è esplosa la voglia di stare insieme allo stadio. Ma soprattutto amiamo la Roma. Basta con l’idoleggiamento di Mourinho. A Roma è diventato più importante di Dio. E per cosa? Per aver vinto la terza coppa europea… Basta, votate pagina per favore oppure andate a seguire la prossima squadra di Mourinho. Il vostro servilismo fa vomitare

    • Ma chi l ha detta sta cosa?..Mourinho è stato uno dei motivi,vuoi negarlo?..Carmate che te partono le coronarie e pulisciti la bocca co un tovagliolo perche quando parli di mourinho c’hai la bava alla bocca.Mado come state.

    • Idolatria.

      Spero che la Sharia Mourinhiana imponga di seguire il Profeta ovunque vada e di “non tenere il piede in due staffe”, per non essere accusati di blasfemia.

    • Tutti i fattori citati sono stati importanti ma disgiunti. C’era bisogna di un collante e quello e’ stato Mou. Prima di lui c’era Fonseca che i sold-out non li faceva, eppure Pallotta se ne era andato già, la pandemia era passata o quasi e i Friedkins avevano cominciato ad attuare una politica di prezzi ‘popolari’. Non c’entra l’idolatria ma si deve dare a Mou cio’ che e’ di Mou. I ‘fissati’ sono gli anti-Mou ad oltranza.

    • Concordo con tutto ciò che hai scritto, pure le virgole…
      Questi invece del crocifisso, hanno messo in casa la foto del portoghese…roba da non credere.
      Ok che abbiamo fatto due finali europee di cui una (la minore) vinta… ma mo’ bastaaaaa…
      Anche di fronte all’evidenza di un Mourinho oramai ai bordi del calcio come idee, uomo superato e mai (per il suo enorme ego) si è aggiornato alla nuova realtà, anzi, per confondere un pò le idee l’ha buttata in caciara… Se non lo avessero esonerato, credo che avremmo finito il campionato nella colonna destra della classifica.
      Tre anni fa, quando è stato annunciato, ho esultato e goduto come un riccio. Poi però per quanto visto in campo, soprattutto nell’ultimo anno, mi sono altamente rotto le palle e quindi basta Mourinho. Stop!
      Ehi! accoliti di Mourinho! … Adesso c’è “uno” a guidare la nostra Roma che ha il giallorosso nella vene da quando è nato, ma soprattutto ci sta capendo molto più del suo predecessore… ok che siamo all’inizio, ma ho grande fiducia in Daniele DeRossi. Fiducia dettata dai fatti (gioco e risultati).

    • Caro Asromaunicafede, mi sa che per te le fedi sono due, una è appunto Mourinho. Nonostante le evidenze continui ad insistere. Quindi fammi capire? Tu andavi allo stadio per Mourinho? Non per la Roma? Posso capire all’inizio che sei tornato allo stadio pensando ad una Roma vincente con Mourinho, ma poi, visto lo spettacolo spesso indecente, per cosa andavi? Voglio sperare che lo facevi per stare al fianco della Roma e non per vedere la faccia di Mourinho. Gli esaltati siete voi che per difenderlo mettete in giro falsi miti. Lo ringrazio per la conference. Ho festeggiato pure io ovviamente, ma quella doveva essere un punto di partenza, mentre per voi è diventato il punto di arrivo. Come esaltare continuamente un tecnico per la vittoria della serie B che però poi in serie A non combina nulla. Per voi, le vittorie erano di Mourinho e le sconfitte dei giocatori. Eh no… La conference è di tutti e pure i sesti e quinti posti o il non fare un tiro alla Lazio su 3 derby o i 29 punti su 20 partite e i 6 gol a Bodo… Ecco queste sono le cose che mi fanno schiumare… Perché io amo la Roma, non Mourinho

  7. I Sbiaditi per portarli allo Stadio devi andare a prenderli a casa…….navetta regionale, costi troppo alti, non resta che insistere sul “natiiiiii brimaaaaa”, ” a Riommaaaa”, “a lazziooooo”, ” Russelllll Crooooo è daaaaa lazzioooooo” “biancoceleste è lu colore dellImberoooooo” ” Brimaaa Sguadraaaa daaa Cabitaleeeeee”. Peccato che abitate tutti a 70/80 KM da Roma!
    Finita la gita fuori porta per quest’anno…..se torna a Formello!

  8. una domanda, a cosa è dovuta questa riduzione dei posti allo stadio? Una volta i sold-out si facevano con 80000 spettatori se non ricordo male. Purtroppo da espatriato sono anni che non vado allo stadio.

  9. Condivido l’opinione di UTR ma, a mio giudizio, c’è anche altro. Il post covid è stato più determinante di Mou perché questo effetto non ha coinvolto solo la Roma, ma anche altre realtà calcistiche e altri settori dell’infotainment.
    Ho notato che ora, soprattutto i giovani, vanno a un evento per essere lì, indipendentemente dall’evento. Bisogna partecipare all’evento. I social e il loro tam tam hanno un’importanza rilevante in questo. Basta vedere i concerti che sistematicamente fanno il sold out in poche ore.
    La sensazione di precarietà trasmessa alla popolazione per via di continue emergenze narrate dai media fa il resto. Gli adulti, inconsciamente scottati da quanto accaduto di recente, percepiscono che quello che oggi c’è potrebbe mancare in futuro, da un giorno all’altro. Per questo sono aumentate le attività di svago, come viaggi, eventi, ristoranti ecc…
    Come dire, “finché ci sono le faccio”, anche a scapito della capacità di risparmio individuale.
    Ovviamente per coloro che possono ancora permetterselo.

    • Analisi socio-psicologica di stampo berlusconiano: “Ma quale crisi. I ristoranti sono sempre pieni”.
      Una domanda: ma tutti sti timori esistenziali hanno colpito solo Roma? Anzi, solo la Roma? La Lazio fai i pienoni? E il Napoli? Il Franchi e’ sempre sold-out? Juve a parte (l’Allianz Arena ha ‘solo’ 40000 posti) chi ha lo stadio pieno ogni partita?

    • Claudio, evidentemente non hai capito molto di quello che ho scritto. Parlo di continue emergenze narrate, quindi il paradosso è che l’essere in situazione di costante precarietà, spinge le persone a vivere di più il presente (hic et nunc), nonostante la crisi. Non ha niente di berlusconiano, anzi. Se poi andassi a vedere lo storico degli spettatori negli stadi di calcio in Italia (stadiapostcards), scopriresti che la Roma è sempre stata al 3° posto dopo le milanesi (al massimo 4°) e così è ora. Scopriresti che quest’anno in tutta serie A la media spettatori è aumentata del 20% rispetto alla stagione pre-covid (2018-19), a dimostrazione che il fenomeno coinvolge più o meno tutti. Poi c’è la politica dei prezzi della società e il fattore determinante dei social per i giovani. Mou è stata la scintilla, nessuno lo nega, ma il fenomeno dello stadio pieno è più complesso, persino di lui.

  10. vabbe’ guardo per quanto possibile la Roma femminile è sono contento di loro
    sono prime in classifica per il 3 anno in champion, alle semifinali di coppa Italia
    anche le giovanili della Roma dalla primavera a tutti gli under 18 17 16,15,ecc. in lotta per i primi posti nei loro gironi per superare le varie qualificazioni settori della Ad Roma in crescita
    merito di chi,?
    della societa’ si
    degli allenatori di
    delle giocatrici o dei ragazzi si
    anche dell’apporto dei tifosi che seguono la As Roma anche in questi settori lasciando un impronta anche in loro

  11. La prima domanda da farsi sarebbe: CHI ha detto che la gente andava allo stadio grazie a Mourinho?
    Io, che vado allo stadio da abbonato, non ho mai sentito nessuno affermare una tale idiozia.
    Si va allo stadio per la Roma.
    Mi è capitato, invece, di sentirlo affermare da qualche anti-mourinhano della prima ora, per avvalorare la tesi secondo la quale una massa di Romanisti si sarebbe fatta “incantare” dal grande illusionista manipolatore di menti deboli… Che tristezza.

    E’ anche vero, innegabilmente, che l’ingaggio di JM portò una ventata di entusiasmo tra la nostra tifoseria, lasciando presagire l’inizio di un ciclo vincente.
    La vittoria della Conference League non fece altro che confermare tale auspicio.
    La finale di Budapest, anziché, scoraggiare il Popolo giallorosso, lo ha compattato ulteriormente.
    La scelta (tanto paracula quanto azzeccata) di DDR ha evitato il raffreddamento del clima, che è rimasto immutato.

    A questo punto, la cartina di tornasole coinciderà con la prossima campagna abbonamenti: solo allora sapremo, oggettivamente, se è esistito e quanto ha pesato il fattore Mourinho.
    Una cosa, però, la posso già anticipare: io e gli altri miei simili ci saremo anche il prossimo anno. Qualunque cosa accada.
    Così come i divani&sofà continueranno a stare a casa a cianciare…

    • Carissimo Kawa, per un romanista non sarebbe corretto ammettere che i sold out fossero determinati da Mourinho ma che come me molti hanno ricevuto dalla finale di Tirana e dal carattere di Mourinho una motivazione in più per abbonarsi?
      Sai bene che gli alfieri una volta defunti contano meno del vessillo che gloriosamente hanno sventolato, eppure la ricostruzione di un mito di orgoglio giallorosso è passata per le sue gesta. Entrare all’Olimpico con JM a me è sembrato sempre di rivivere un mito, quando scendeva in campo la Roma di Liedholm, sempre in grado di poter vincere.
      Tutti noi ora aspettiamo un risultato che giustifichi la scelta fatta un quarto, quinto posto. O tu con ddr non ti poni limiti e pensi alla finale?
      Io intravedo in questo cambiamento un ridimensionamento anche ideologico nei foschi e loschi parametri UEFA. Per dirne una, ci qualifichiamo ma poi quale squadra schieriamo in Champions? Aver scelto ddr, vincola il tifo della curva a una non so quanto sincera accettazione del futuro della Roma.
      Ciao

    • Kawa e Prohaska due tifosi, due compagni, la penso come voi, e tra le tanti porte scorrevoli della lunga militanza mi rimarrà anche questa: cosa saremmo oggi se l’infame inglese avesse fischiato rigore e avessimo trionfato a Tirana, con conseguente partecipazione alla champions ed esplosione dei conseguenti introiti.
      Mou mi ha rappresentato contro il palazzo, ha scansato chi non meritava la maglia, e chi tirava indietro la gamba. Un di noi dentro e fuori.
      Ora c’è DDR, forza Roma come e più di prima, e forza DDR. Gli infami restano infami.

    • ahò ma che d’è?..radio nostalgia?..il futuro non esiste senza il presente..quindi..presentatevi voi 2..eh eh eh eh

    • @Orange se proprio te scappano 😂😂😂accetto pure le offese ma fatti capire. Mastica brodo 2 😂😂😂

    • Prohaska, potete anche gridarlo, tu e Kawa, il vostro amore verso la Roma e ci credo che prima era sincero, adesso il bluff del santone ha manipolato il vostro raziocinio alterando il rapporto tra idolatria e realtà.
      Sono speranzoso che quel grande medico che è il tempo vi riporterà ad analisi più attente e obiettive.

  12. ancora una volta la cak…ta ha sparato contro Mourinho e coglie ogni occasione dove può farlo pur facendo un articolo ‘positivo ‘ nei confronti della Roma, vi ricordo squadra non grata alla redazione rosa….
    A me il gioco/gestione/cinema dello spesciol uane non mi sono mai andati giù, ma la verità sta in mezzo alle due versioni: no i soldout non sono tutti dovuti a lui, sì è stato grazie a lui che il fuoco si è riacceso, a Cesare quello che è di Cesare.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome