EL SHAARAWY: “Il rinnovo è l’ultima cosa a cui penso, l’obiettivo è la Champions. Solbakken? Ci sarà più concorrenza”

8
436

AS ROMA NEWS – Stephan El Shaarawy ha parlato con i giornalisti presenti in Algarve del suo futuro nella Roma, dell’arrivo di Solbakken e degli obiettivi stagionali della squadra. Ecco le parole del Faraone:

Nella prima amichevole ti abbiamo visto giocare terzino ed esterno, col Casa Pia da seconda punta. Mourinho ti utilizza in tutte le posizioni.
“Sì, ero un po’ più avanti infatti è arrivato il gol. L’aspetto positivo di questa partita è la vittoria che mancava da qualche partita. L’obiettivo di questo ritiro è quello di mettere minuti nelle gambe e arrivare nella miglior condizione possibile al campionato. Manca poco, cerchiamo di lavorare forte e farci trovare al meglio quando riprendiamo”.

Come vi sentite in questo momento?
“Sicuramente in questa partita c’è stato un miglioramento a livello fisico. Abbiamo giocato la prima partita il primo giorno, adesso stiamo lavorando e cercando di mettere minuti: è quello l’obiettivo principale, cercando di non farsi male, infatti speriamo che Lorenzo (Pellegrini, ndr) non si sia fatto niente”.

Anche Smalling.
“Chris non si è fatto niente, credo (ride, ndr). L’obiettivo è quello sicuramente: cercare di lavorare bene e mettere minuti”.

Gli obiettivi della Roma ma anche i tuoi: sei in scadenza di contratto, cosa ti aspetti per il futuro?
“Sinceramente adesso il rinnovo è l’ultima cosa a cui penso. L’obiettivo è di gruppo, è la cosa a cui penso seriamente: cercare di aiutare la squadra ad arrivare ai nostri obiettivi stagionali. Al rinnovo ci penserò”.

A Roma stai bene però?
“A Roma sto bene”.

Con l’arrivo di Solbakken aumenta la concorrenza nel reparto offensivo. Hai dimostrato di poter giocare benissimo anche come giocatore a tutta fascia, pensi possa essere il tuo ruolo da qui a fine stagione?
“Ho dimostrato di poter ricoprire tanti ruoli, l’ho fatto in passato e sono in grado di farlo: a tutta fascia, nei tre davanti e come trequartista. Non ho nessun problema. Con un attaccante in più è chiaro che ci sia più concorrenza ma è giusto così: in una grande squadra ci deve essere. Ci mettiamo tutti a disposizione”.

È un ritiro differente rispetto a quello estivo, quando siete arrivati ora c’erano giornalisti portoghesi che chiedevano della possibilità di Mourinho di allenare il Portogallo. Tra di voi ne avete parlato? Mourinho vi ha detto qualcosa?
“Sinceramente no. Lo vediamo veramente, come tutti noi, concentrato sulla Roma, è l’allenatore della Roma. Lo vediamo concentrato sugli obiettivi che abbiamo, anche da come ci parla nello spogliatoio e da come è presente in partita. È una persona così, di cuore e istintiva. Lo vediamo bene, penso che per lui adesso l’importante sia la Roma”.

Riuscirà la Roma ad arrivare in Champions League?
“È il nostro obiettivo, come lo è stato l’anno scorso e non lo abbiamo centrato ma abbiamo conquistato un trofeo. Quest’anno l’obiettivo è quello di andare avanti in Europa League e centrare il quarto posto”.

Articolo precedenteSmalling e Pellegrini non preoccupano: le ultime sulle loro condizioni
Articolo successivoScambio Karsdorp-De Sciglio, frenata Juve: valuta di più il proprio terzino, richiesto un conguaglio

8 Commenti

  1. è evidente che Elsha, come diversi altri giocatori, è penalizzato da una posizione in campo che gli toglie lucidità e lo allontana dalla porta…continuiamo a prendere gente che non serve a niente in rosa, avendo già abbastanza attaccanti, e non correggiamo gli errori di impostazione di una rosa deficitaria in alcuni reparti, e così facendo ci avviciniamo al 4° mercato Pinto/Mou senza che nulla si sia fatto per sistemare seriamente difesa e centrocampo…coi soldi spesi in 3 sessioni (tanti), non mi venite a dire che non si poteva fare di meglio…

    • Basterebbe comprare un bel centrale per passare a 4 in difesa e poter usare 3 centrocampisti e li hai matic wyjnaldum e pellegrini con cristante al posto di pellegrini e ti restano camara e bove per eventuali sostituzioni di matic e gini , ma senza difensori è come il cane che si mrde la coda per far giocare zaniolo pellegrini abraham e dibali ti scropri

  2. se prendiamo Frattesi per me bisogna far giocare i piu’ forti e mi piacerebbe un 3 5 2 con tutti titolari ma partirei con : Rui .. Mancini Smalling Ibanez .. Pellegrini Frattesi Matic Wijnaldum Zaniolo .. Abraham Solbakken ..

    • Grossi contratti in altre squadre, non credo che riuscirebbe a spuntarla. Se rinnovasse con stipendio da riserva, lo terrei molto volentieri, l’ho sempre apprezzato molto da quando è venuto a Roma, dove credo che si sia ritrovato come persona, dopo le vicissitudini giovanili a Milano (la breve parentesi europea forse non era stata sufficiente in tal senso)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome