Feyenoord, Trauner: “La Roma? Sembrava uno scherzo, ma stavolta la battiamo”, Bijlow: “Dobbiamo sconfiggerli”

27
574

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – “Sembrava un po’ uno scherzo. Probabilmente avremmo preferito giocare da un’altra parte, perché ora sembra che andremo solo a Roma. Ma è una bella sfida per noi. La scorsa stagione li abbiamo quasi battuti. Questa volta li batteremo e ci ricompenseremo”.

Sono le parole di Gernot Trauner, difensore e capitano del Feyenoord al portale Rijnmond.nl riguardo alla sfida di febbraio di Europa League contro la Roma.

Anche il portiere della squadra di Slot, Justin Bijlow, ha rilasciato alcune dichiarazioni sul sorteggio: “Avevo detto in anticipo che sarebbe stata la Roma o l’Olympique Marsiglia.

La mia prima reazione è stata ovviamente: di nuovo! Ma saranno altre due partite intense. Ora dobbiamo sconfiggerli“. 

Fonte: Rijnmond.nl

Articolo precedenteLa Roma spiazza Mou. Gelo Friedkin: prima i risultati
Articolo successivo“ON AIR!” – MORONI: “Mourinho disperato, fa quasi tenerezza”, CORSI: “Lui pronto al progetto giovani? Non capisco”, CIARDI: “Non farà l’under 23, fidatevi…”

27 Commenti

    • Il vero problema risiede nelle “vendette”. Quando è capitato a noi di dover restituire negli ultimi anni pan per focaccia al Liverpool, al Siviglia, al Manchester United e allo Slavia Praga, vai per demerito e vai per arbitraggio a pendaglio di cane 🐕, abbiamo scagliato. Porta una zella assoluta questa determinazione basata più sull’umore che sulla sostanza un po’ figlio della mirabolante Armata Brancaleone.

      Detto ciò, il Feyenoord a Rotterdam ha il suo fortino. Tocca tenere botta al clima becero batavo e alla loro unica qualità: essere una squadra fisica e di gamba come l’Atalanta (squadre che soffriamo perché è da anni che il nostro centrocampo è mono-passo). All’Olimpico la storia si inverte. Il nostro pubblico impazzito farà vivere agli olandesi, benché non è una novità per loro il clima romano, una paura degna delle “120 giornate di Sodoma” di Pasolini.

      Attualmente mi sento di dire che il Feyenoord di quest’anno è più debole di quello dell’anno scorso. Sono stati capaci di perdere un girone alla loro portata. Tuttavia, le sfide vanno giocate e la palla è rotonda. Se arriveremo con tutta la squadra al completo gli possiamo fare il c.lo a spicchi o altrimenti sarà dura.

      Non ci voleva questo turno di qualificazione a febbraio, dopo il tour de force di dicembre/gennaio. Arriveremo belli provati ma voglio vederci del buono. Arriveremo anche “sul pezzo” e credo che la nostra Roma non ha le caratteristiche per riposare. Dobbiamo stare, come Mou, sempre in tiro, sempre nell’occhio del ciclone, sempre in campo. Non appena cala un poco la concentrazione pijamo li schiaffi.

      Il sorteggio non è andato comunque bene. Assieme al Benfica (anche se il nome richiama lidi allettanti) e il Galatasaray, il Feyenoord era tra quelle da evitare. Avrei preferito lo Young Boys. Però siamo sicuri che i nostri si sarebbero comportati decentemente? Meglio che partono dal concetto di essere con le spalle al muro. Così la guardia non si abbassa.

      A mio parere, anche se sono ancora un primo dan di fossa sul divano, sbocciatura di birre e strappo di buste di patatine croccanti, questa Europa League è molto competitiva. Il Liverpool è il super favorito. Di seguito la nostra Roma, il Milan e l’Atalanta hanno le stesse opportunità. Dietro ancora ci sono alcune squadre che non scherzano (tocca fare attenzione perché nelle ultime tre edizioni, escludendo il m.rdoso Siviglia, hanno vinto il Francoforte della pittoresca Eintracht e quelli della Villa Reale – mica Barcellona e Bayern Monaco).

      Vabbè me vado a magnà du banane 🍌 su quell’albero se me cercate venite li. Ve presento pure du babbuine niente male 🐵

      !!!FORZA ROMA!!! Ora inizia il tempo delle verità e il tuo campionato!!! Noi sti saremo sempre vicino ❤️ Trionfiamo tutti insieme!!! 💪

    • Invito tutti ad una notevole prudenza perchè bisogna vedere chi riusciremo a schierare in quelle due sfide. Abbiamo visto che la Roma senza Dybala e Lukaku è davvero poca cosa. Quindi aspettiamo di vedere cosa gli infortuni ci consentiranno di avere a febbraio.
      C’è da considerare che questa Roma non è quella solida dello scorso anno, quindi sarà una sfida molto diversa.

  1. avoja, state già a Dublino!
    ci sfondate 5 a 0 andata e 5 a 0 al ritorno.
    ci asfaltate 10 a 0 complessivamente.
    tu magna tranquillo e nunn ce pensà, compà.
    poi sai come si dice: LA ROMA SI E IL FEYE NO!

    • “E stavolta ho paura che ci riescano”

      secondo me ma manco pe’ sbajo ci riescono, invece, a patto che le due partite le giochiamo con Dybala e Lukaku in condizioni decenti.

    • Non vedo giocare la Roma in condizioni decenti da una vita. Per colpa arbitrale, sfiga e per colpa propria.

  2. Una volta avrei scritto , li prendiamo a pallonate, puntualmente succedeva il contrario, oppure parlavo da solo, e come se ci fosse qualcuno ad ascoltarmi ecco arrivare la sconfitta a smentire il mio pronostico.
    Ultimamente mi sta succedendo di peggio, basta che penso soltanto e succede il contrario. Come se ci fosse qualche dannato diavoletto a farmi gli sfregi e i dispetti.
    Allora non devo pensare o devo pensare al peggio.
    Quindi dici occhio che sarà dura, durissima.

  3. Certo che sti fenomeni che ci sono nell’Uefa
    fanno di tutto per creare dei problemi alle
    squadre italiane in generale.
    Sembrano tutti sorteggi pilotati,
    ma come si puó essere sorteggiati 3 volte
    di seguito sempre contro la stessa squadra!!
    Tra quello che mi disturba di piú non é la
    parte calcistica ma piuttosto il fatto che
    lascino muovere a lord piacimento sti pseudo
    tifosi, che a ogni trasferta fanno danni ingenti
    alla cittá Eterna.
    Spero solo che la cittá dopo gli eventi passati non si ritrovi per l’ennesima vota a dover contare danni materiali a persone e cose, perché altrimenti si meriterebbero una messa in
    causa diretta per danni al patrimonio storico.

  4. quando è o uno o l’altro, “quasi vinto” significa che hai perso.

    in un mondo normale.

    poi, che ormai siamo nel mondo delle realtà che si raccontano, purtroppo è un fatto, forse quando sulla terra rimarranno pochi sopravvissuti, torneremo a chiamare le cose con il loro nome

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome