Fonseca: “Alla Roma con il passaggio alla difesa a 3 abbiamo subito meno gol. Spinazzola uno dei giocatori più importanti”

31
1116

NOTIZIE AS ROMA – Paulo Fonseca, ex tecnico giallorosso, ha rilasciato un’intervista al The Coaches Voice. Di seguito, le sue dichiarazioni:

“Quando sono arrivato alla Roma ho deciso di giocare con lo stesso sistema di gioco che usavo allo Shakthar. Sono partito con il 4-2-3-1 con le ali che si inserivano per vie centrali come in Ucraina. La differenza è che in Italia le squadre pressano alte e bisogna trovare più soluzioni per iniziare a costruire l’azione. Confesso che preferisco quando le squadre attaccano ed è più facile trovare lo spazio. Giocava quasi sempre Pau Lopez in porta, a destra c’era Florenzi o Santon. I difensori centrali erano Mancini e Smalling mentre a sinistra giocavano Kolarov o Spinazzola. A Centrocampo Cristante e Veretout. Con il francese che aveva molto spazio per attaccare. Davanti Zaniolo, Pellegrini, Mkhitaryan e Dzeko. Dopo l’infortunio di Nicolò al suo posto ha giocato Kluivert. A metà stagione ho deciso di cambiare e di giocare con il 3-4-3.

Il modo di attaccare è lo stesso del 4-2-3-1 ma si cambia nel modo di difendere. La maggior parte delle squadre in Italia ci mettevano in difficoltà e ho aggiunto un difensore in più perché era più semplice controllare i movimenti degli avversari.
“Un altro motivo è perché la maggior parte delle volte che prendevamo l’iniziativa, nel momento in cui perdevamo il pallone con i tre difensori centrali eravamo più pronti per il contropiede. Infatti dopo che abbiamo cambiato modulo i gol subiti sono diminuiti e non abbiamo perso per 8 gare di fila. Anche nella seconda stagione ho confermato questo sistema di gioco”.

Costruzione del gioco con i tre difensori.
“Come nell’altro sistema è importante la costruzione del gioco con i difensori centrali. La differenza è che nell’altro facevamo indietreggiare uno dei centrocampisti mentre con il nuovo assetto tattico non serviva. Con quel modulo potevamo liberare i due terzini con molta più libertà. La prima fase è cruciale per noi e avevamo giocatori molto forti per costruire dal basso e sotto pressione come Kolarov, Mancini e Smalling”.

L’abilità nell’adattarsi.
“Ho deciso di cambiare in base alle caratteristiche del campionato. Uno dei giocatori più importanti per noi era Spinazzola, con il 3-4-3 diventa uno dei migliori perché è un giocatore molto offensivo e abbiamo vinto molte gare grazie a lui. Nel modo di attaccare non è cambiato granché ma confesso che preferisco il 4-2-3-1 e nel mio prossimo club giocherò in questo modo. Adesso non sto allenando ma vedo molte partite”.

Articolo precedente“ON AIR!” – CORSI: “Ronaldo alla Roma? Cavolate”, MAGNI: “Ibanez via e dentro Theate, operazione perfetta”, PIACENTINI: “I belgi li compro a occhi chiusi”
Articolo successivoRoma, giovani in vetrina: il Borussia mette gli occhi su Zalewski. Calafiori e Felix verso la cessione

31 Commenti

  1. “Con Postal Market, sai, uso la testa, per ogni avversario è una festa…lalaaallaaa lalaaallaaa”
    139 goal (in 102 partite) presi in due anni, peggior risultato degli ultimi 16 anni, e questo ancora sparge fuffa…

  2. Ma oggi proprio tutti parlano! Lotito, Pallotta ,Fonseca. In settimana Sabatini, Petrachi, Capello… Mi chiedo quando intervisteranno Monchi

  3. Sei uno degli allenatori che mi son piaciuti di + … era bello guardare una partita di CALCIO , sei arrivata nel momento peggiore . passaggio di proprietà e infortuni innumerevoli … Ti auguro una grande squadra e molti successi.

    • Io mi addormentavo con I passaggetti. Un gioco proprio soporifero, tanta stima per l’uomo Fonseca che si è dovuto prendere tante responsabilità non sue facendo da parafulmine ad una società con una dirigenza inesistente ma il gioco…. Per carità. Preferisco fare un tiro/un gol e poi controllare la partita piuttosto che 80% possesso palla e farmi bucare in porta più e più volte in una partita. Finalmente ad oggi c’è una squadra concreta per quanto i retropassaggetti sono rimasti in memoria ed ogni tanto escono fuori

  4. Ecco bravo vedi molte partite. A cominciare da quelle della tua Roma…
    Perché CRISTANTE (2 anni quasi da difensore centrale) a centrocampo te lo sei sognato…
    lo stesso Bryan (un signore, e comunque é vero) ha detto l’altra settimana che pur se avrebbe preferito giocare a centrocampo, gioca dove lo mettono, e con FONSECA ha imparato almeno a difendere di più..Vabbè, acqua passata. Meno male.

    • Tutti a citare Cristante difensore come se fosse un crimine di guerra, ma nessuno che tiene in considerazione il contesto che ha portato a quella scelta: si infortunarono tutti i difensori nello stesso periodo.
      Certo, io avrei preferito metterci uno stendipanni, però per dovere di cronaca c’è da dire che ha provato schierarlo lì anche Mourinho quando ha avuto gli uomini contati nel reparto arretrato… Salvo poi rendersi conto quasi subito che Bryan ha necessario bisogno di qualcuno dietro di lui per mettere una pezza alle frequenti cacate che gli riescono.

    • Se cristante doveva fare il centrale, Mancini il mediano e via dicendo, nn penso sia solo colpa sua. Poi……

    • Hai ragione ANACRONISTICO, MOU in emergenza lo ha fatto.
      Aggiungi che lo ha fatto in UNA SOLA occasione, però.
      E dopo non ci ha mai più provato.
      Comunque non voglio insistere sulle dichiarazioni di Fonseca. Da cancellare.
      Diciamo che su Cristante MENTE, lo ha dalla prima ora messo dietro, di conseguenza sul centrocampista (ha provato una volta poco più persino Mancini, giocava Diawara, ha giocato Villar, ha giocato alla fine Darboe).
      Florenzi lo ha escluso. Dzeko pure.
      Pedro, davanti, era titolare fisso, pure Borja per tanto.
      Pastore, che andava a ripeter a chi lo chiedeva che era disponibile, da gennaio in poi su 27 partite stava in panchina o in tribuna. 3 volte dentro, per 10 min. una, due x 20 le ultime (un altra a scaldarsi a bordo campo dall’80esimo senza entrare).
      La Roma ha avuto il Covid, il cambio di proprietà, Longo e la lista, le bestemmie di Bryan, il funerale di Diego, tutto quel che vi pare.
      Ma pure gli altri lo avevano il Covid19, il Milan ha cambiato (forse) tante proprietà negli ultimi anni e ci ha vinto uno scudetto…
      Quindi anche mi interessa poco.
      E per come fai giocare la gente, potevan essere uguali i nomi, ma con gli arbitraggi dell’ultimo anno arrivavi a 50 punti dal quarto posto.
      Patricio a costruire dal basso sarebbe impazzito dai pallini presi…

  5. Si… Si… Adesso dormi e riposa… 100 gol in 2 anni presi, questi sono i fatti… Nessun allenatore tipo, Zeman e Di Francesco ci sono arrivati… V E R G O G N A T I! 💛🧡❤️🐺🐺🐺🏆MOU È ARRIVATO E HA VINTO! 💛🧡❤️🐺🐺🐺🏆

  6. Vabbè è stato 2 anni
    Il primo 6
    Il secondo 7 per miracolo a parità con il Sassuolo…..
    In campo nn si va con la scoppoletta, il figo se fa da altre parti nn in campo….. Dilettante

    • Preferisco arrivare 8avo ma con un trofeo in bacheca piuttosto che arrivare secondo e non vince un carso come Sarri col napoli o Spallettolo o Conte alTottenham che punta al 4 posto e si fa schiaffeggiare dal Mura in Conference…

  7. Poi finalmente è arrivato un allenatore e praticamente con la stessa squadra ci e ti ha fatto vedere come si fa!!! Per magia sono finiti gli infortuni seriali e con una rosa ancora più ridotta della tua ha portato a casa una coppetta e costruito una mentalità da squadra. Chi non è in grado di capire i propri errori non va troppo avanti nella vita professionale. Infatti un anno fermo e vedremo nel futuro.
    Nel calcio non esistono solo i bei i concetti poi devi costruire ed allenare una squadra, questa è la differenza tra Fonseca e Mou altrimenti ero pure io allenatore

    • Ah vabbè, peccato che la competizione che conta è la cl e i campioni quella vogliono giocate, e pure l’anno prossimo nada.

  8. Fonzè…a manchester hai giocato con la difesa a 3 e ne hai beccati 6.
    Se giocavi con la difesa a 4 ne beccavi 8.
    😱

  9. Semifinale di EL buttata al vento e campionato martoriato dagli infortuni. Avesse solo avuto smalling di quest’anno avrebbe fatto molto di più.Grande persona e ottimo allenatore. Gli auguro il meglio

  10. Prendo per buono tutti: chi lo rimpiange , chi lo critica. Personalmente non ricordo gioco champagne nè con Fonseca nè con Mou con la differenza che quest’anno ABBIAMO VINTO la ROMA HA VINTOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!!!!
    Non ve lo dimenticate.
    Poi se vogliamo chiacchierare (perchè a Roma questo famo tutti i giorni), allora, l’unico gioco champagne è stato quello di Spalletti con Totti falso nueve. Partita CL contro russi gol con azione magistrale tutta di prima (manco ricordo chi fossero). Forse la più bella Roma.
    Se parliamo di bel gioco poi chi vince….vince. Non si preoccupa del bel gioco.
    Per come ho goduto quest’anno preferisco vincere

  11. ancora co sto scarparo???? aooo è due anni che nun se lo ca-ga nessuno, perchè? e daje solo sor pallotta lo poteva prenne.

  12. Mister, sei stato educato, composto, e quant’altro, però stai parlando di una squadra allenata da Mourinho, quindi evita qualsiasi commento

  13. “confesso che preferisco il 4-2-3-1 e nel mio prossimo club giocherò in questo modo”. Ecco l’errore, e la fissa degli allenatori per i moduli. Avrebbe dovuto dire, “giocherò in base alle caratteristiche della squadra”. Altrimenti è punto a capo. Ma è un limite che condivide con quasi tutti i geni che siedono in panca.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome