FOTI: “Mou crea una chimica unica, a Tirana ero convinto di vincere. Ora sogniamo di festeggiare ancora. Abraham? Potenziale enorme”

8
989

NOTIZIE AS ROMA – Salvatore Foti, vice allenatore di Mourinho alla Roma, ha rilasciato un’intervista all’edizione odierna de Il Secolo XIX (V. Arricchielo). Queste le sue parole sullo Special One, su Tammy Abraham e sul futuro del club giallorosso:

Curiosità: anche a Roma la chiamano Lillo?
Ovvio, nel calcio sono Lillo per tutti. Il soprannome me lo diede Flachi alla Samp, pensando al presidente della Reggina. Francesco è venuto a salutarmi per Fiorentina-Roma, abbiamo un bellissimo rapporto, mi ha aiutato da giovane, gli voglio bene.

L’immagine più emozionante del trionfo in Conference?
La festa con migliaia di tifosi in strada e il giro col bus scoperto sono stati incredibili ma il pensiero va a un magazziniere scoppiato in lacrime di felicità a Trigoria 24 ore dopo la finale. La gioia di chi ama e vive per la Roma mi emoziona. Mourinho ha parlato di famiglia: è così, c’era un’unione speciale che poi ti fa vincere.

Ma come ci è finito alla Roma da vice di Mou?
È stato inatteso, il preparatore atletico Rapetti con cui ho lavorato alla Samp mi parla di questa possibilità e pochi giorni dopo, a Natale, mi contatta Mourinho, una videochiamata lunga un pomeriggio. Da un lato c’era il dispiacere di lasciare Giampaolo, che in 5 anni mi ha insegnato il mestiere, dall’altra la chance di lavorare con uno dei migliori. Non potevo rifiutare e Giampaolo mi ha alleggerito la scelta: “Va dove meriti, sei bravissimo”. Marco è una persona di cuore, di grande valore umano, chi lo conosce bene come me lo sa.

E Mou? In cosa è Special?
Devi viverlo tutti i giorni per capire ma non è un caso se ha vinto tanti trofei non banali in posti in cui non si è abituati a vincere. È inimitabile, al di là delle competenze calcistiche ha un carisma innato, un’energia che crea una chimica unica per cui tutti vanno nella stessa direzione. A Tirana ero teso ma convinto che in qualche modo avremmo vinto, l’identica sensazione provata davanti alla tv prima di Inter-Bayern di Champions nel 2010.

Quando l’ha sostituito per squalifica ha vinto due volte su due.
Per fortuna è andata bene, la responsabilità è tanta ma ho capito presto che con lui devo solo essere me stesso e dare tutto.

La chiamavano “Piccolo Ibra”: lui a 40 anni gioca ancora, lei ha dovuto smettere per gli infortuni a 27, ci soffre?
Non è stato facile superarla, ma quando ho smesso è nata mia figlia e questo mi ha dato tanta forza, maturità. Ho preso subito il patentino e ringrazio Invernizzi che mi ha fatto entrare nel settore giovanile Samp. Ora non ci penso più, mi piace quello che faccio: saper accettare quel che ci accade è fondamentale.

Da ex attaccante: dove può arrivare Abraham?
Ha fatto 27 gol, i numeri parlano per lui, deve solo aumentare la continuità ma è giovane. Potenziale enorme, completo, ha tutto: con la voglia di migliorarsi ogni giorno avrà una carriera molto importante.

Vincere aiuta a vincere: cosa si aspetta per la Roma?
Se vinci ti viene voglia di rivincere, è contagioso, vuoi riprovare momenti così: abbiamo fatto un’annata bellissima, lavoreremo per migliorare ancora, col sogno di festeggiare di nuovo qualcosa con i tifosi.

Fonte: Il Secolo XIX

Articolo precedenteMatic, è fatta: il primo colpo della Roma è il centrocampista ex Manchester United
Articolo successivoPotenza e classe: ecco Matic, il primo rinforzo per Mou

8 Commenti

  1. Se viene un grande centrocampista al pari di Matic, cambia tutto, si gioca su tutto. 💛🧡❤️🐺🐺🐺🏆

  2. L’energia di Mourinho chimica unica per andare direttamente al podio, quello che anni mancava…scansateve sbiaditi

  3. Questo è solo l’inizio, subito una coppa europea, preso un mediano top player prima dell’inizio del mercato.
    Ci aspetta una Grande Roma con vittorie ancora più importanti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome