Totti nel mirino dell’Antiriciclaggio: bonifici sospetti ai casinò di Monte Carlo, Londra e Las Vegas

34
1841

ALTRE NOTIZIE – Non solo la separazione da Ilary Blasi. Altri guai, stavolta niente di sentimentale, starebbero per portare – di nuovo – Francesco Totti in tribunale. Lo scrive in questi minuti il portale “Corriere.it“.

La notizia, riportata da La Verità mentre lui e la nuova compagna Noemi Bocchi sono in crociera extralusso a Miami per le festività natalizie, parla infatti di «operazioni sospette segnalate dagli addetti all’Antiriciclaggio».

Dai controlli effettuati nell’istituto di credito in cui il Capitano ha depositato i suoi risparmi emergerebbero importanti investimenti nelle scommesse. L’ultimo allert, arrivato all’attenzione del pool di Bankitalia, risale ad agosto: un «prestito infruttifero» di 80mila euro inviato sul conto di un’anziana pensionata residente ad Anzio. Un conto cointestato con la figlia A. M., dipendente della società Sport e salute (già Coni servizi) controllata dal ministero dell’Economia. Lo stesso giorno però quei soldi viaggiano dal conto della 50enne a uno cointestato con il marito, D. M., dipendente del ministero dell’Interno e amico di Totti, e infine su quello personale dello stesso D. M..

Andando ad analizzare i movimenti della coppia, è emerso che oltre all’accredito degli stipendi, si susseguono periodicamente «bonifici domestici» in favore del marito: bonifici, si legge, «rivenienti da società operanti nel settore delle scommesse online», come la Malta limited terrestre, la Malta limited online e la Sa.Pa. Srl. Quindici trasferimenti per un totale di circa 87mila euro. Inoltre, sempre nel periodo preso in esame, ben 125mila euro sono stati dirottati sui conti personali dei coniugi. In loro favore poi sono stati «negoziati» assegni bancari per un valore di 445mila euro. A detta dell’Antiriciclaggio, riporta ancora La Verità, si tratta di una «attività opaca con controparti operanti nel settore del bet online». Interpellati al riguardo nell’ambito dell’attività investigativa, i coniugi non avrebbero fornito «adeguati chiarimenti e giustificativi» e avrebbero mostrato «un atteggiamento evasivo e non collaborativo».

Il nome di Totti entrerebbe in gioco nel giugno del 2020. Dall’esame di due conti, uno cointestato con la Blasi e uno con Manuel Zubiria Furest, ex team manager della Roma. Per prima cosa viene segnalato un fido da 2,5 milioni di euro per una ristrutturazione, e a seguire finiscono sotto osservazione cinque assegni bancari e un bonifico, intestati alla Société financière et d’encaissement (Sfe) con sede a Monte Carlo per 1,305 milioni di euro. La causale: «finanziare le giornate che il noto personaggio ama trascorrere nella casa da gioco del Principato». E non solo lì. Viene infatti evidenziato anche un altro bonifico da 300mila euro «a favore della società United London services limited, collegata con il casinò di Londra» e un altro da 200mila «a favore della società Belco, apparentemente collegata con il casinò di Las Vegas».

Ma i movimenti sospetti, finiti nel mirino dell’Antiriciclaggio, riguardano anche operazioni in entrata, come per esempio quella da 201mila euro eseguito dalla Mgm resorts international, un albergo di Las Vegas con annessa casa da gioco. E l’elenco è lungo. Come pure quello dei prelievi in contanti e dei bonifici a favore del fratello Riccardo. O le raccolte in beneficenza a cui hanno partecipato anche compagni di squadra (come Antonio Rudiger, Thomas Vermaelen, Radja Nainggolan, Juan Jesus, Edin Dzeko ed Emerson Palmieri), ma con la causale «multe» e «sanzioni». Per questo, secondo gli esperti «permangono forti dubbi in merito alla reale destinazione del denaro inviato alle varie case da gioco internazionali». I risk manager precisano anche che il cliente ha riferito: «”Mi piace scommettere”. Trattasi di pagamenti che lo stesso effettua per le sue giornate trascorse al casinò di Monte Carlo essendo appassionato del gioco d’azzardo». La valutazione si conclude quindi così: «I clienti in segnalazione sono clienti anche della controllata Fideuram Spa e San Paolo Invest Spa. Si è provveduto ad innalzare ad alto il profilo di rischio».

Fonte: Corriere.it

Articolo precedenteNervi tesi a Trigoria: Mourinho non gradisce le parole di Pinto e continua a chiedere rinforzi
Articolo successivoCALCIOMERCATO ROMA LIVE – Tutto il mercato giallorosso minuto per minuto

34 Commenti

    • Anche perché l’antiriciclaggio funziona con le persone normali, ma non con i banditi: è l’ente più inutile della storia.
      Difatti Mafia, Camorra, ‘Ndrangheta e Sacra Corona vengono sempre pizzicati dall’antiriciclaggio.

    • Anger, dipende cosa hai capito… io l ho detto ironicamente visto che ogni volta appare una notizia inerente il capitano (posso dire storico? Posso dire la STORIA di un quarto di secolo?) della a.s. Roma si scatenano TUTTI comprese le pulci….

  1. Boh, sarò stupido io ma non è che ci abbia capito molto. E poi “riciclaggio” per me ha sempre avuto il significato di reimmettere in circuiti legali i proventi derivanti da attività illegali.
    Il betting online mi sembra un’attività regolamentata, vietata ai tesserati, ma Totti non lo è più da un pezzo. Così come non mi sembra illegale passare giornate al casinò se ne ha voglia e pagare le cifre che eventualmente perda.
    E le raccolte con la causale “multe” e “sanzioni” mi sanno tanto di penali che i giocatori pagavano in caso di ritardi e mancanze varie, regolamentate all’interno della squadra.
    La storia dei coniugi non l’ho proprio capita, ma ripeto che probabilmente è colpa mia.

    • Ma cosa dici… Ha una società di procura per calciatori e fa scommesse? Se leggi bene si sono attivati organi bancari, che hanno segnalato strani movimenti. Sembra la storia di Buffon…

    • E quindi? Non è un tesserato. Buffon lo faceva da calciatore e sapeva che non poteva farlo, infatti versava i soldi in conti terzi.
      E comunque il riciclaggio, come e quando ci entrerebbe?

    • sogni… quindi buffon l hanno arrestato?? perche nn me ricordo, ma ricordo un trafiletto a meta giornale

    • Vabbè, hanno attenzionato pure i soldi che ha girato… Al fratello! Cioè, uno diventa miliardario e deve giustificare quel che passa al consanguineo più stretto?
      Mi sa che Totti avrà mandato a quel paese le persone sbagliate.

  2. Mai una notizia positiva per la Roma e capire so lo che e’ una congiura !! Bravi bravu vi fa’ sentire importanti tirare fuori notizie su Totti con il divorzio ancora da celebrare questa notizia si evince che e’ un dipendente del gioco dopo la malattia del sesso e’ malato giusto !! Che vergogna fare giornalismo gossip che aspetta a querelare sti infagatori professionisti

  3. Io auguro a Totti di spiegare tutto e che si risolva questa situazione,
    però sinceramente non capisco in che modo questo riguardi la AS Roma.

    Comunque ho sempre pensato che più lontano stai da casinò e scommesse meglio è.

  4. Il riciclaggio si fa con i bonifici in entrata, non con quelli in uscita.
    Cambi i soldi in contanti al casinò, giochi un pò e poi riprendi le tue fiches e ti fai fare un assegno circolare del casinò o un bonifico.
    Diventano soldi che hai vinto… perfettamente legali se ci paghi le tasse.
    Comunque che a lui piacesse giocare d’azzardo non è una novità..

  5. Il più grande calciatore della storia della Roma ridotto a personaggio trash, re del gossip e marchettaro, ci mancava l’antiriciclaggio ! da calciatore è stato inimitabile, peccato davvero.

  6. La Verita’: fogliaccio clericoberlusconiano, gia’ querelato dal padre di Renzi, querela che porto’ alla condanna di Belpietro e alcuni dei suoi sodali, e al risarcimento per diffamazione.
    Che dire? Tutte queste “attenzioni” nei confronti della Roma e di chi e’ o e’ stato associato con lei, non possono che convincermi che facciamo paura. Anche considerando che chi ci sta davanti – e qualcuno che ci sta dietro, tipo Sassuolo – potrebbe essere invischiato in cose ben piu’ gravi che le scommesse on-line!
    FORZA ROMA SEMPRE!

    • nn è che facciamo paura..e che ci stanno stringendo il cappio al collo..e questa storia è solo una tessera del mosaico..ma ahimè in ballo ci sono cose assai più grandi del tentativo occulto di far fallire la AS Roma..

  7. Questi sperperano soldi di tifosi innamorati che magari si sono anche indebitati per seguire “i campioni”, davanti a questi schiaffi alla miseria vanno in secondo piano le gesta sportive se uno riflettesse sul senso di queste cose altro che montecarlo per questi.
    Campioni de che!

    • Se un padre di famiglia si indebita per seguire la Roma o qualunque squadra di calcio è un deficiente. Mia moglie già me lo dice ogni giorno senza che sia minimamente protestato.
      Evitiamo moralismi da quattro soldi. Ognuno è libro di fare ciò che vuole coi propri guadagni, a condizione che lo faccia in modo legale ovviamente.
      Mi fa più specie un poveraccio che sperpera i suoi pochi denari in gratta e vinci e al lotto, piuttosto che un riccastro che passa le giornate al casinò.
      Il primo non se lo può permettere, il secondo sì.

    • Purtroppo questo è “l’indotto” del calcio attuale. Mentre altre realtà economiche creano ricchezza e lavoro a cascata, l’industria del pallone é sempre più un tema vietato ai minori, per adulti, o almeno così dovrebbe essere. Giri di Escort, mogli costantemente in mutande, scommesse, ostentazione di ricchezze inarrivabili. Tutti elementi di uno stile di vita salutare, soprattutto per le nostre tasche. Personalmente penso che se qualcuno si fosse indebitato come dici tu, non è da giustificare né più né meno di un ludopata o tossicodipendente. Ma si, hai fotografato perfettamente una triste parte di questa storia.

    • queste per ora sono chiacchiere di giornale a cui non do alcun peso

      però , nel caso fosse vero il gioco d’azzardo a quei livelli e senza voler fare alcun moralismo … sarebbe meglio fare un po di beneficenza almeno per dare un senso a quei soldi… il divertimento in questi casi è solo l’alibi di una patologia …

      .. la questione del riciclaggio non la prendo proprio in considerazione ma da Romanista per l’affetto che mantengo per il ns capitano auguro a Francesco di chiarire e risolvere tutto al più presto

  8. Come utilizza i suoi soldi sono affari suoi.
    Ma per tutti coloro che hanno una passione sfrenata per le scommesse o per il gioco d’azzardo provo molto dispiacere.
    Se non hanno un minimo di equilibrio finiscono tutti male.

  9. Per me chi fa giochi strani con la grana in faccia a noi poveri mortali dovrebbe stare al gabbio, pure fosse Dio in persona.

    Comunque non mi pare sia condannato, solo il tempo darà una risposta

  10. Prima regola quando ci sono separazioni tra moglie e marito / soci ed hai eventuali magagne da coprire cerca di separarti in modo amichevole

  11. Ognuno ha i suoi vizi.
    Io tengo quello di mangiare. Mangio peggio di Cayetano Lopez Gonzales y Martinez detto CICO ( Si il pancione messicano amico di ZAGOR)
    Che IL Capitano abbia il vizio del gioco nei Casinò mi dispiace. Ma ognuno e’libero di fare , con i suoi soldi , ciò che vuole.
    Basta che sia legale. In questo articolo che ho letto e riletto. Io il riciclaggio o anti riciclaggio non lo vedo.
    Mi sembra solo un attacco vergognoso verso Totti.
    Chissà perche ‘ a Mr. Li non hanno mai controllato niente. ..poi proprio la mattina in cui viene aperto il fascicolo per riciclaggio e falso in bilancio contro di lui è quindi il Milan. .IL FANTOMATICO MR. LI diventa usignolo di bosco….

  12. a Francè, stavi tanto bene con Maria…. ma perché poi hai scelto l’altra.. ? peggio di un suicidio, fuori dal campo non ne hai indovinata una….

  13. La Verità è il giornale dove militano gli pseudo giornalisti più cialtroni di tutto il panorama giornalaro italiano. Tanto per esempio Paolo Giordano e Francesco Borgonovo e, ciliegina sulla torta, li dirige Belpietro. Tutte personcine distinte e benpensanti legate ad ambienti della destra anche extraparlamentare.

  14. Può fare quello che li pare ma potrebbe fare quello che fa Sadio Mane del Bayern Monaco, ex Liverpool, calciatore eccezionale ma lo è anche fuori dal campo, per via di come lui elargisce donazioni pesanti per finanziare tantissime opere di beneficienza per la costruzione di scuole, ospedali, ospizi ma anche provvedere a fornire cibo e medicine. Lui stesso ha dichiarato più volte che l’idea di comprarsi una Ferrari o indossare abiti di lusso, erano cose non adatte a lui. Indossa al polso pare spesso un orologio di plastica economico, regalato da un bambino del Senegal per riconoscenza. Dei compagni di squadra nel Liverpool li dicevano perché non cambiava smartphone, visto che il vetro era scheggiato, e lui rispondeva che funzionava benissimo per lui, e che quello che lui fa con i suoi soldi, sono affari suoi.
    Io ammiro molto Mane, professionista serio, umile e calciatore eccezionale. Più calciatori dovrebbero trarre ispirazione dal suo modello insomma.

  15. PIENA SOLIDARIETA’ A TOTTI. Del foglio di cartaccia qualcuno se ne occupera’. Certi avvoltoi meritano una lezione.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome