I Friedkin preparano un’altra sorpresa: Olimpico tutto colorato di giallorosso per il derby

36
5987

AS ROMA NEWS – I Friedkin preparano un’altra sorpresa per i tifosi della Roma: stando a quanto scrive l’edizione odierna de La Repubblica, il club sta lavorando a un’idea, in stato avanzato, che però non è ancora ufficiale. Quella di colorare di giallorosso tutto o quasi lo stadio Olimpico.

Come sempre, una immagine scenografica per celebrare il derby sarà organizzata e finanziata dal tifo organizzato della curva e solo nello spazio della curva. Stavolta, però, ce ne dovrebbe essere anche un’altra (il condizionale è obbligatorio, perché il progetto non è stato ancora deliberato). Una scenografia coreografica ideata, sostenuta e realizzata dalla società. E che copra tutto il resto dell’Olimpico – esclusa ovviamente la curva Nord – in un unico abbraccio cromatico.

Ovviamente, l’ideazione (che già esisterebbe) è top secret: l’unica certezza è la composizione con una serie di “bandierine” – ma forse sarebbe meglio parlare di cartoncini colorati – ovviamente gialle e rosse, che dovrebbero comporre un mosaico lungo tutto l’impianto.

Poi, l’immagine di richiamo sarebbe ovviamente affidata alla curva, che però è autonoma e si è mossa per conto proprio, senza interagire con la società. A volere questa iniziativa sarebbero stati direttamente i proprietari, Dan e Ryan Friedkin, che alla partita con la Lazio tengono particolarmente.

Fonte: La Repubblica

Seguici su TWITTER e FACEBOOK per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma!

Articolo precedenteVolpato, parla l’ex allenatore: “Ha visione, dribbling e tiro. Può arrivare a grandi livelli”
Articolo successivoDybala-Roma, si lavora al prolungamento fino al 2026 senza più clausola rescissoria

36 Commenti

    • …non esageriamo Daniele ! 😂😂😂, poi le prendiamo e siamo perculati fino alla fine del mondo…è gara da 1-X-2, pure più difficile per ovvi motivi…
      la Lazio é per me una bella squadra quest’anno. Perlomeno meglio dell’anno scorso.
      Ok, hanno perso Felipe e Acerbi. Hanno tenuto i buoni e aggiunto gente che vale. VECINO é esperto e di valore, Anderson in giornata pure, ZACCAGNI é uno forte (e ha carattere ad occuparsi del figlio di Zaniolo…).
      PROVEDEL non é portiere da buttar via, SARRI é bravo e ha imparato a non scoprirsi troppo… PEDRO avrà poca autonomia, ma ha classe e personalità, e la porta non la sballa come stiamo (per ora) facendo noi… Luis ALBERTO usato metà tempo è più sveglio e spesso decisivo.
      Senza IMMOBILE (e SAVIC) perdono tanto, ma sono anche più imprevedibili… hanno aggiunto dietro ROMAGNOLI e non solo.
      Sarà un derby duro.

    • SardegnaGiallorossa(S1967) esageriamo esageriamo vederli rosikare e’ piu bello……Si bella squadra la loro ma io mi affido a quel fijo de na bona donna de Mou……lui sa come vincerle ste partite…..di certo gli facciamo sentire bene i scarpini…..

    • Per chi accennava a Provedel, devo dire che purtroppo è un gran portiere che già a La Spezia si era messo in evidenza. Un signor portiere. Purtroppo, ripeto.

  1. I Friedkin hanno già capito come ragiona il tifoso romanista: vanno benissimo gli acquisti importanti, gli investimenti, ma ci vuole anche un po’ di passione, di colore (in tutti sensi), un po’ di amore per questa squadra e questa tifoseria, e loro stanno mettendo sul tavolo anche tutto ciò. Un solo commento: complimenti.

    • C’era una stampa che era appecoronata nei confronti di Pallotta, che pubblicizzava il fatto di non dare biglietti alle Radio (ne aveva creata una sua, il mostro di coerenza) ma elargiva favori alla stampa…ed è risaputo.

      I Friedkin fanno i fatti. Al primo vero mercato hanno preso Mou ed un trofeo internazionale che a Roma mancava da 61 anni. A mio avviso godono di credito e fiducia.

      Sono i primi a volere una Roma grande, perché la Roma è cresciuta e con i suoi successi ha trainato anche il Friedkin group – andate a vedere l’aumento di fatturato che si è registrato.

  2. Si si tutto bello, ma al derby sempre meglio avvicinarsi con un basso profilo.

    ad esempio non so se Sarri sia capace, e spero di no, ma Inzaghi avrebbe usato la squalifica di Savic per caricare a pallettoni la squadra, già una volta avvenne qualcosa di simile

    • E quello che ti auguri…
      Ci sta pensando lotito Er panza a fare pressione Sarri sul designatore ci sono le foto sulla Gazzetta…
      E tranquillo ci sta ancora la conferenza per partita , dove tra una caccola e l’altra Sarri ti accontenta..vedrai i pianti prima e dopo…

    • Carissimi, non si capiva, ma sono Romanista e per scaramanzia al derby arrivo sempre con le cautele del caso.

      Per Inzaghi, non parlo della capacità tecnica, per il quale si deve però ammettere che con i fichi secchissimi di Lotito ha a volte imbastito anche buoni piatti con un buon condimento di fortuna ovviamente.

      Ricordatevi la polemica di un paio di anni fa di Rizzitelli e le sue dichiarazioni.
      Beh le usò per caricare la sua squadra e purtroppo finì che perdemmo 3 a 0.
      Forse non solo per questo, ma anche per questo motivo.

    • Anzi, ora che rileggo si capiva.. altrimenti quel “spero di no” che significato avrebbe.
      Controllate i riflessi automatici la prossima volta 😉

    • Sarri ha già cominciato a piagne invece e col pianto perse ogni possibilità di scudetto del Napoli in albergo,in compenso si è mosso Lotito,Orsato e Mazzoleni

    • Io farei mettere tanti cartoncini con una freccia, che circondano le quaglie sfigate indicandole, e sopra un enorme striscione con la scritta CHI SIETE?

  3. però siamo gentili dai,
    elaboriamo una coreografia che si abbini bene alle caciotte, le ova fresche e i fiaschi appesi in Curva Norde.

    • Con questa abbiamo toccato il
      Fondo!
      Parli delle coreografie della nord vero LazieleMarra???
      Mo’ critichiamo pure il tifo della sud… fra i più invidiati al mondo!!!
      Prova schiacciante della malafede di tanti infiltrati in questo sito

    • @DajeRometta non critico il tifo della SUD ma mi ricordo di poche belle coreografie della curva, tipo quella dei capitani e bandiere, o anche quella di Tirana che era carina. Le altre semplicissime, minimaliste, senza un bricciolo di fantasia o impegno.

    • “MA LE VOSTRE MAMME SANNO CHE SIETE QUI?”
      (fischi dall’altra parte)
      “PIU’ FORTE… NON SI SENTE!!!”
      (fischi più forti dall’altra parte)
      “CERTI MITI, CHI LI VIVE E CHI LI SOGNA”
      Basta questo.

    • Le coreografie non mi risulta portino male; festeggiare e tenere celebrazioni prima della partita, questo si.

    • portano sfiga come i maxi schermi in città per seguire la finale di Tirana? Se è così, mi auguro la stessa riuscita…
      comunque i giornali ormai dovrebbero chiamarsi “sussuratori (nelle orecchie) news”… la “cascata dei mormorii”.. ” la Voce…di corridoio”.

  4. I Friedkin sono grandi imprenditori, facoltosi, con spirito innovativo; stanno mostrando anche una certa passionalità. C’è una cosa, comunque, che li contraddistingue e li caratterizza: sono assolutamente empatici. E si, perchè attraverso questa ed altre iniziative già poste in essere, dimostrano di “sentire” quello che sentiamo noi. Empatia, appunto.
    Sono felice, contento ed orgoglioso di avere come Proprietari e Presidenti i Friedkin, mi hanno ispirato sempre grande fiducia. Se non erro, la moglie di Dan è un’archeologa, di conseguenza la Storia di Roma non le sarà certo indifferente. Chissà che non rientri anche Lei come “musa ispiratrice” di alcune gesta che il marito ed il figlio stanno compiendo.
    Il riferimento alla Grandezza di Roma non è casuale.
    FORZA ROMA!

  5. Il modo di “muoversi” dei Friedkin, oltre alle cose che ho scritto in un post collocato più su, non fa altro che spingermi sempre di più ad ipotizzare che stiamo vedendo solo la punta dell’iceberg. Lo scrivo ancora una volta e a costo di ripetermi.
    Qui, secondo me, bollono in pentola “cose che noi Umani non abbiamo mai visto”…
    Troppi elementi (l’avvento di Mourinho, lo Stadio, Adidas, Toyota, l’uscita dalla Borsa, la ristrutturazione del debito relativo al Bond, ecc…), evidenziano che la “carne al fuoco” comincia ad essere tanta.
    E tutto questo non può avere altro che un obiettivo: fare della A.S. Roma un club di livello Mondiale.
    Tra l’altro, quanto sopra sta avvenendo seguendo in maniera evidente un piano già ben delineato. Nulla sembra avvenire per caso. E’ chiaro, lampante.
    Sono molto fiducioso e questo mi induce ad avere anche un pò di pazienza in più nell’attendere risultati adeguati. Uno, peraltro, già ottenuto dopo lustri e lustri di assenza.
    FORZA ROMA! FORZA FRIEDKIN!

  6. Uno di “loro” una volta entrato in curva nord rivolgendosi a un altro caciottaro accanto a lui: “macché, gnende gnende li Friddichinne ce vonno fa’ sindi’ ‘n pochetto più caccole de quelli che semo?…”
    ahahahahaha …. FORZAAAA ROMAAAA C@77O!!!

  7. Io ai caciottari non avrei venduto nemmeno i biglietti. Al massimo un angoletto nel settore ospiti come per qualsiasi altra tifoseria. E per loro è pure troppo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome