Volpato, parla l’ex allenatore: “Ha visione, dribbling e tiro. Può arrivare a grandi livelli”

11
838

NOTIZIE AS ROMA – E’ l’uomo (si fa per dire) del momento. Cristian Volpato, trequartista giallorosso ancora 18enne (compirà 19 anni tra un paio di settimane), è finito sotto i riflettori dopo il bellissimo gol realizzato a Verona che ha permesso alla Roma di vincere una partita complicata all’ultimo respiro.

Oggi la Gazzetta dello Sport ha intervistato Andrea Icardi, l’ex calciatore che gestisce la scuola calcio in Australia dove Volpato ha mosso i primi passi:Cristian l’ho visto crescere, è venuto da noi che aveva 8-9 anni. Si vedeva già allora che aveva capacità importanti, lo facevo giocare 2-3 anni sotto età.

All’epoca era un po’ esile, ma riusciva a far cantare il pallone. E gli dicevo: “Cristian, mettiti lì, queste sono le chiavi del centrocampo: gioca come sai, pensaci tu”. Purtroppo oggi nel calcio si deve giocare a uno o due tocchi, ma quando trovi calciatori così creativi non puoi limitarli, devi lasciarli liberi di inventare”.

Volpato strada facendo ha provato poi anche per Milan e Atalanta (“Mi dissero: bravo ma piccolino“) e avuto anche dei momenti difficili: “Aveva perso coordinazione e forza muscolare, è stato anche fermo per dei problemi di crescita legati al morbo di Osgood-Schlatter. Poi si è risolto tutto e ora può fare una grande carriera: salta l’uomo, muove bene la palla, ha visione di gioco e tiro. Con il tempo può arrivare a grandi livelli, l’Italia ha bisogno di giocatori così“.

Fonte: Gazzetta dello Sport

Articolo precedenteRoma senza tregua: turn-over al minimo col Ludogorets
Articolo successivoI Friedkin preparano un’altra sorpresa: Olimpico tutto colorato di giallorosso per il derby

11 Commenti

  1. Da tempo che Mourinho segue con notevole interesse i giocatori della primavera mon e’ casuale che li sta inserendo gradualmente in prima
    Squadra al di là degli infortunati

  2. Ma Mou non era un allenatore che non lanciava i giovani? Uno che voleva solo giocatori fatti?
    Come al solito i luoghi comuni vengono smentiti appena c’è possibilità…..

    • Giusto Kap, è vero che Mourinho vuole giocatori formati, esperti, top players ma non è che vuole per forza solo quelli perché invece è altrettanto vero che punta anche sui giovani e lo ha già fatto in passato nei club più blasonati come ad esempio il Real Madrid.
      Basta ricordare quando allenò l’Inter del triplete dove aveva più o meno 40 giocatori, 2-3 squadre praticamente titolari, fece giocare terzino titolare Santon allora giovanissimo, diciottenne mettendolo in marcatura su Taddei nello scontro diretto per il 1° posto proprio contro di noi.

    • …finché EDOARDO BOVE ha davanti allora CRISTANTE, VERETOUT, OLIVEIRA, DIAWARA i primi 6 mesi, MHKYTHARYAN o PELLEGRINI arretrati; oggi BRYAN, MATIC, sempre PELLE arretrato, ora in forma CAMARA, e si gioca con soli 2 centrocampisti, e ci si trova, purtroppo, sempre o quasi in gare col risultato in bilico, il Mister prima di buttarlo dentro ci pensa due volte…
      e io lo capisco.
      ZALEWSKJ (immaginato e provato estetno basso) invece entrò che si era senza VINA, SPINA e pure l’ultimo ELSHA infortunati, sfruttando l’occasione in maniera sorprendente.

  3. ho sorvolato, in queste ore, sulle abituali glorificazioni di massa e i fiumi di inchiostro versati per Cristian…
    ho sorriso alle richieste dei tifosi che vorrebbero, di conseguenza alla gara di lunedì (ma già prima diversi), Tripi e Missori dietro e in fascia, Faticanti a metà campo, Volpato trequartista ad illuminare, il centravanti della primavera pure che gli sfuggiva il nome (😁) in attacco… e SVILAR in porta che peggio non può essere.
    Mettendo in panchina pronti a subentrare MANCINI e SPINAZZOLA, CRISTANTE (questo pure in tribuna…) PELLEGRINI e ABRAHAM… e PATRICIO… 😂😂😂

    ma colgo oggi questo ulteriore sbuffar di rotative (e mi auguro che il ragazzo, meglio i genitori, rinchiuda tutti gli articoletti in un libro e lo metta via, e stia già correndo a testa bassa e orecchie spente, che si sa i “sussurri a Roma che posson diventare”), per rammentarvi timidamente il nome di FELIX AFENA GYAN, esploso col GENOA poi no con una, ma con 2 perle… e finito oggi ad osservar dalla panchina (accanto a Milanese) le gesta incerte della CREMONESE…

    A VOLPATO (e alla ROMA, of course) auguro, sono abbastanza certo succederà, di trovar lo stesso spazio in campo, pure di più, che trovò poi FELIX (magari senza scarpe in regalo, portassero male…), ma sorte ben diversa…
    Che il povero FELIX in brevissimo tempo diventò per tanta gente qui uno “che è giocatore di calcio? solo corsa e piedi quadrati… stop a 2 metri… ha pure rotto Wjinaldum, sto’ disgr…!… l’ha fatto apposta? fucilatelo!…” dimenticando subito età acerba, il salto dalla Primavera ieri, tutto da imparare e fare…
    E Mourinho che lo buttava in campo che aveva in testa?
    …sic transeat gloria mundi…
    (dimenticavo, e il mister che aspetta a metter dentro Cassano per Zaniolo?😂😂😂…)

    • ma io Felix con la Cremonese lo ho visto giocare e se non sbaglio ha pure segnato.
      Mi son visto la partita della Cremonese solo perchè c’era lui.

    • …si, qualche spezzone lo fa. Anche se per ora mai dal primo. Mi sa che un goal lo ha fatto pure, come dici.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome