Gasparri: “La chiusura di Totti alla Roma? Fa bene. Non mi fido di Friedkin”

25
4637

AS ROMA NOTIZIE – Il Senatore Maurizio Gasparri, noto tifoso romanista, ha rilasciato un’intervista al portale de Il Messaggero, per commentare la possibilità di un cambio di proprietà nella Roma e le parole di Francesco Totti.

Senatore Gasparri, ha letto le parole di Totti?
Stavo appunto sfogliando le pagine dello sport de “il Messaggero”. Che le devo dire? Fa bene, in questa fase della sua vita ha preso un altro percorso, ormai s’è organizzato con un’altra attività. Magari in futuro cambierà idea, del resto ha poco più di 40 anni. Non c’è un limite d’età per fare il dirigente come accade con i calciatori.

È a conoscenza del fatto che alcuni tifosi ci sono rimasti male a fronte di questa chiusura?
E perché mai? Un conto è il fatto sentimentale, un altro quello professionale. Poi non ha detto nulla contro la Roma o i romanisti. Non è che se fa altre cose, Francesco diventa automaticamente contro la Roma. Tra l’altro allo stato attuale la società è ancora di Pallotta che ha fatto di tutto per metterlo in condizione di andarsene. Sapete come la penso, per me prima se ne va lui, invece, meglio è. Sinceramente non capisco questa delusione. Leggendo le parole di Francesco, mi sembrano delle riflessioni pacate e serene, prive di astio. Considerazioni di una persona che si sta organizzando per fare altre cose nella vita. Perché poi non dovrebbe essere prudente nei confronti di un gruppo che probabilmente nemmeno conosce? Anzi, il suo atteggiamento mi sembra improntato alla massima serietà. Meglio che sia sincero e sobrio nei confronti della gente com’è stato, piuttosto che dica cose ingannevoli.

Cosa ne pensa del potenziale futuro acquirente, il Friedkin Group, interessato al club giallorosso?
Non mi fido. Allo stato attuale non ho capito ancora chi è. Ho letto che ha l’esclusiva per distribuire le auto Toyota in alcuni stati negli Usa, quindi non è produttore. Mi si dirà che ha un capitale di 4,2 miliardi di dollari. Domando: quanto vuole investire nel calcio? Speriamo bene. Le racconto un aneddoto. Quando arrivò Pallotta incontrai in un pranzo l’ambasciatore americano in Italia dell’epoca. Gli chiesi, da tifoso, informazioni sul nuovo presidente della Roma e venni rassicurato. Non sa le cose belle che mi disse. Poi, invece, abbiamo visto un po’ tutti come sta finendo. Aspettiamo, seguiamo queste notizie con grande curiosità. Mi auguro che arrivi una proprietà più calda e vicina alla squadra. Se mi permette, io invece mi preoccuperei di quello che Francesco ha detto su Zaniolo.

Si riferisce al passaggio dell’intervista nel quale paventa il timore che possa venir ceduto a fine stagione?
Proprio a quello. Non vorrei che lui, come futuro protagonista di questa nuova attività da procuratore, possa sapere cose che noi non sappiamo o che possa proporre al ragazzo, per conto di qualcuno, qualcosa di diverso. Mi auguro che Zaniolo rimanga ma non ci giurerei molto.

(Il Messaggero)

Articolo precedenteCalafiori, ko non grave: torna fra tre settimane
Articolo successivoFriedkin-Pallotta insieme: “Così il progetto accelera”

25 Commenti

  1. Sta sottospecie di giornalari sono sempre alla ricerca di dementi da intervistare per gettare letame.. Già si stanno preparando a dare battaglia alla nuova società.. Buffoni, ma non c’è l’hanno un briciolo di dignità, io a fare articoli del genere dopo dovrei darmi all’alcolismo, vabbè forse già lo fanno…

  2. In qualsiasi altro Paese Gasparri sarebbe considerato come il cretino del villaggio e a parte qualche schicchera sulle orecchie e qualche pedata sul c*lo nessuno se lo filerebbe. Da noi è Senatore…!

    • Gasparri è lo scemo del villaggio in qualsiasi posto gli imbecilli sono i giornalisti che ancora lo cercano

    • Gli scemi del villaggio, nelle dittature e nelle repubbliche delle banane, sono da sempre perfettamente funzionali al sistema…

  3. Forse il senatore Gasparri non ha più l’ingresso gratis?
    Se ancora lo ha, da oggi stesso tirasse fuori i soldi come i VERI tifosi.

  4. Oggi il fessaggero fa gli straordinari. L’occhiello di Liquami, e l’intervista a Gasp!arri.
    A quando l’ipocondriaco Verdone?

  5. Lui non si fiderebbe neanche se venisse il principe del Kuwait.
    Loro sono sovranisti,l’Italia agli italiani, la Roma ai romani, se vinisse il viperetta romano romanista testaccino, con Totti direttore sportivo, marione addetto stampa e Cosmi allenatore, si fiderebbe alla cieca.
    Con una Roma così possiamo pure andare in serie B, perché quattrini e competenza ce ne sarebbe poca.
    Però che c’è frega, sarebbe una Roma alla bucatino all’amatriciana, della pizza con mortazza prima della partita, sarebbe una Roma romana e romanista, ma soprattutto sarebbe la Roma, dei biglietti gratis e delle trasferte dove nun pagamo manco er treno 😂 sarebbe finalmente tornata la rometta anni 70 quella che….. non se discute se ama.
    Anche in serie B saremmo sempre e ancora più romanisti, l’importante è che ce sia Totti e il viperetta

    • Condivido tutto quello che hai scritto. La mentalità da rometta deve sparire, non ha senso tifare la romanità e accontentarsi di questo. Io voglio che la Roma vinca, che venga apprezzata anche da chi non è di Roma e questa società sta seguendo questa strada e in parte ci sta riuscendo.

    • Appunto Maja questa è una città disastrata al limite del collasso se non era per Pallotta, se aspettavamo i romani e romanisti i testaccini o la banda della magliana a questo punto eravamo spariti da un pezzo, visto che oltre Pallotta non si presentò nessuno, soprattutto nessun romano.
      Qui dobbiamo partire dal presupposto che chiunque metti i soldi in questa città così a pezzi e di conseguenza in questa squadra che è l’icona di questa città è ben accetto, che sia arabo tedesco, americano o marziano, i testaccini purtroppo c’hanno le tasche vuote e so pieni de buffi

  6. Prima bisognerebbe spiegare al Si. Friedkin chi è costui, è forse dopo aver smesso di ridere gli manderebbe omaggio 2 biglietti x il cinema….

    • Gasparri non è altro che un lecchino strapagato da Lotirchio per gettare letame contro la Roma, ed è molto amico di Salvini.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome