Gasperini: “Ognuno si è fatto il suo regolamento pur di giustificare scelte assurde. Il calcio ora non è più credibile”

43
1697

ALTRE NOTIZIE – Al termine del pareggio per 1 a 1 in casa contro la Salernitana, Gian Piero Gasperini è tornato sul tema arbitraggio, salito alla ribalta dopo il caso del gol decisivo in fuorigioco di Acerbi in Spezia-Lazio.

L’allenatore dei bergamaschi è un fiume in piena: È stato un disastro quest’anno, ma non dovete farlo dire a noi, avete le immagini, se volete tirarle fuori lo fate. Poi ieri è venuto fuori quest’altro episodio e il polverone, quello di La Spezia. Io sono mesi che non parlo più di questi aspetti. Sono contento lo abbia fatto la società, ma questo è stato uno dei motivi, non l’unico, per cui siamo qui.

È stato un aspetto di una gravità assoluta, ci sono tutti gli episodi, potete divertirvi. È stato un campionato in cui non si può pensare alla malafede perché sarebbe Medioevo, ma quello che abbiamo subito è stato veramente pesante. E nel Medioevo c’erano anche dei valori, io forse sono da Medioevo. È stato esagerato quello che abbiamo subìto.

Non avremo mai potuto lottare per lo scudetto, ma la mia è una squadra pesantemente penalizzata. Dobbiamo finire il campionato bene, partite come stasera poi dipendono da noi. Nel girone di ritorno alcuni hanno cambiato marcia, vedi la Salernitana e altre. Dovesse ricominciare il campionato ora per noi sarebbe molto dura stare in classifica dove siamo ora”.

Sul Var: “È difficile avere uniformità, ma ci sono tanti episodi clamorosi sbagliati come interpretazioni. Se succede a velocità normale capita e dispiace, ma quando sei davanti alla tv… Ognuno si è fatto il suo regolamento pur di giustificare certe scelte assurde. Se togli la certezza del regolamento diventa uno sport non più credibile, sui fotogrammi si può dire tutto e il contrario di tutto. Ci sono delle fazioni, non c’è più obiettività di giudizio, ognuno parteggia e poi chi ne risente è il calcio. E il calcio ora non è più credibile, perché anche a bocce ferme non c’è la stessa interpretazione sulle cose”, ha concluso Gasperini.

Articolo precedenteSerie A, l’Atalanta non va oltre l’1 a 1 con la Salernitana: Roma ancora a tre punti
Articolo successivoMou si affida a Oliveira, ma il “blindato” è Cristante

43 Commenti

    • Infatti..vaje a da’ torto ! Purché lo dica pure quando viene favorito però…sennò caro Gasp in quel mondo di ipocrisia ed opportunismo occupi il tuo bel posto.

    • Premetto che mi piace come gioco Gasperini e la serietà della Atalanta come piccola società che con la programmazione e pochi soldi ha saputo farsi valere.
      Ho visto diverse partite della Atalanta contro le tre nobili (inter, juve e milan).
      Le hanno rubato diversi punti con arbitraggi simili a quelli avuti dalla Roma contro juve, lazio e milan..
      Era palese che si utilizzava il Var per trovare l’appiglio per annullare gol regolarissimi.

    • La cosa che conferma il marciume (anche se non serve perché è palese) è il silenzio dello Spezia.
      Sembra il silenzio di chi non vuole denunciare perché teme ritorsioni.
      Questa è la cosa più triste!

  1. Se alziamo la voce tutti insieme vedrai come cambia la musica ma siccome ce troppa omerta e chi piu e chi meno e pieno de impicci il problema non si risolvera mai!

    • Ci guadagnano tutti ….a parte noi tifosi …per questo saranno sempre omertosi…. dovete pensare che a parte rarissimi casi …sono tutte bracce rubate all agricoltura… nel calcio non ci sono laureati in fisica quantistica

    • Infatti, Lupo.

      Una cosa che mi ha sempre lasciato interdetto, ad esempio, è che tesserati danneggiati da calciopoli (come i nostri) non abbiano mai preso una posizione netta a riguardo.
      Forse avevano paura che crollando il baraccone anche i loro stipendi ne avrebbero risentito?
      Eppure ancora oggi, dopo aver smesso, quando vengono intervistati i giocatori non escono mai dal recinto della retorica su quel periodo (che le sentenze hanno circoscritto a due anni, 2005 e 2006, ma che per logica andrebbe esteso anche alle stagioni precedenti).
      Non ho mai sentito un Delvecchio o un Totti o chiunque altro ritenersi danneggiati da quel malaffare. Dire, chessò, “senza la Triade, Galliani & co. avrei vinto un paio di scudetti in più”. Invece mai una parola fuori posto con gli attori delle squadre coinvolte, juventini, milanisti ecc, anzi sempre stucchevoli sbrodolate addosso l’uno con l’altro su quanto erano bravi e belli…

    • Il problema è che gli incompetenti sono ad ogni livello, fino a raggiungere addirittura i vertici decisionali (o presunti tali) del nostro Stato. Gente di un’ignoranza sesquipedale che decide dei destini e delle vite di lavoratori, studenti, cittadini.
      Non c’è da meravigliarsi, dunque.
      Da indignarsi, si.
      Ma rendersi conto del problema dovrebbe essere solo il primo passo.

  2. Completamente d’accordo, chi tace è complice. Bisogna fare saltare questo sistema malato.
    Tutti dovrebbero ribellarsi e pretendere il rispetto del regolamento.

    • Lo dico da una vita , tutta Roma e se vogliono aggregarsi tutta l’Italia, deve dare disdetta a tutte le piattaforme televisive .
      La partita se riesci la vedi allo stadio sennò te la senti per radio. È l’unico sistema per far saltare il carrozzone

  3. Gasperini è stato onesto e lucido in questa intervista. E voglio concentrarmi solo su questa e su quella censurata del post eliminazione in Coppa Uefa, dove parlava delle necessarie riforme di FIGC e stampa sportiva (la prima paventata dopo l’eliminazione al mondiale, poi dopo 15 giorni caduta nel dimenticatojo). Possiamo discutere su altre sue uscite passate, ma ora mi interessa che la Roma non sia l’unica società, per mezzo di Mourinho, a stigmatizzare certe cose. Sono indecenti. E posso anche convenire sul fatto che siano errori (quello del fuorigioco della Lazio sembra proprio inettitudine di Nasca, su Pairetto ho più dubbi), ma gli errori avantaggiano sempre i soliti e allora mi sento un po’ preso per i glutei. Nel mescolone pazzo di errori e incompetenza, perché il Torino o il Sassuolo non sono in Europa League?

    E soprattutto, anche togliendo la malafede prezzolata e ammettendo che si tratti solo di inettitudine, è sotto gli occhi di tutti che l’intera classe arbitrale sia inadeguata, però i vertici AIA non vengono toccati, nessuno fa mea culpa, nessuno si dimette, o parla di riforme e quindi a qualcuno va bene che il sistema sia scassato, perché evidentemente ci guadagna. E se a questo aggiungiamo che lo SPezia contro la Roma ha quasi fatto un’interrogazione parlamentare, mentre contro la Lazio manco un fiato, beh, allora io chiedo scusa, ma non posso credere si tratti solo di inettitudine, perché è la fotocopia del Bologna e della Fiorentina ai tempi di calciopoli.

    • Si è stato lucido ma leggendo la sua analisi sembra che queste cose siano successe solo quest’anno è invece succedono da sempre o almeno dal 1980

      Per il resto siamo tutti allineati

      questo sarebbe il momento opportuno perché tutti si uniscano per fare saltare il banco

  4. Gesperi, il calcio in Italia ormai sono anni che non è più credibile …
    ( Hai perso una finale di Coppa Italia contro gli sbiaditi dove te l’hanno letteralmente rubata e parlo di Lazio Atalanta mano di Bastos sullo 0 a 0 )
    Guardo quasi tutti i campionati europei , le cose che succedono qui all’estero mai viste sinceramente, non so se sia peggio la malafede o il fatto che i nostri arbitri non conoscano il regolamento.
    Dopo calciopoli doveva essere fatta un po’ di pulizia invece ristiamo alle solite.
    FORZA ROMA !

  5. Come mai le “solite” 3 squadre che arrivano sempre nei primi 4 posti vengono puntualmente eliminate agli ottavi..?? Ben che gli vada..??
    Come mai le “altre” tra cui la sua di squadra, sono anni che arrivano in semifinale…??
    Ecco, si faccia sta domanda e capirà se il calcio italiano è credibile…🤷
    Stia bene..
    💪🧡❤️

  6. Se tu hai subito….

    Cosa ha subito la ROMA 💛❤️????!!! De tutto è de più…..
    Il campionato è stato falsato…. A discapito di alcune società…..Tra tamponi, plusvalenze, doping amministrativo, favoritismi,… Nessuno è stato punito, nessun colpevole, ci sono società che non dovrebbero essere scritte al campionato,….. Arbitri scadenti, incapaci, scorrotti e faziosi, con la complicità di testate giornalistiche, pseudo giornalisti appecoronati al sistema Corrotto…. Tra federazione, lega, aia,….. Non so chi sia il peggiore…..

    Un Italia da rivoluzionare dalle fondamenta,

    Il campionato italiano e talmente sporco…. Non più credibile…..

    Che il campionato italiano riposi in pace 🙏

  7. Gasperini piagne perchè sta sotto, se stava sopra andava tutto bene, anche lui non è credibile in quanto “figlio” di questo calcio, il piazza pulita che servirebbe comprende pure lui, che fa parte del circo e quando gira bene tutti zitti….

  8. Il regolamento c’è ma non quello che è scritto e si può andare a leggere. C’è n’è un altro, non scritto, che viene sempre rispettato. Ovvero, adesso che sono tutt’e tre competitive, in primis le strisciate, in secundis i due panzoni Delamentis e Lotirchio che fanno a turno ad andare in Champions, tertium le squadre senza santi in paradiso come Roma, Atalanta e Fiorentina. A Gasperi’ t’hanno lasciato anda’ due volte in Champions…mó che siete americani pure voi me sa che ve tocca di rimanere col cerino in mano. Che nun c’è o sapevi? Sapevilo.

  9. Purtroppo succede questo quando si lascia il calcio in mano ai papponi. Iniziando con la concessione a dazn che grida ancora vendetta. I vertici del calcio vanno azzerati, in realtà andrebbero arrestati

  10. Io veramente e’ gia’ da tempo che mi lamento, dalla prima Roma di Fonseca dal sistema designazione, all’ impreparazione arbitrale mediocre arruolamento (arbitri stra raccomandati), naturalmente c’e’ l’eccezione…dire rara e’ poco quello di Inter Roma non male! Ma si era preparato….era di Milano. Non sono professionisti hanno ancora gettoni di presenza come nei quiz certo Orsato Maresca il fenomeno Pairetto prendono tanto, altri solo rimborsi, spese taroccate pure quelli( da vedere che combinano all’ Aia) se li aumentano o sono fasulli non veritieri…Poi il Var la pietra dello scandalo… il grande fratello mascherato, le immagini dal vivo sono piu’ vere di quello che vede sto apparecchio manipolato…Deve aiutare non decidere non puo’ essere un altro arbitro ha usarlo ce gia’ il diffusore di immagini in campo, basta quello deve decidere l’ arbitro in campo! C’e’ il 4 uomo che fa’ serve solo per cacciare le persone dalla panchina quindi lo spione, ecco questo puo’ essere buono per cambiare sto sistema, basta con il Var cosi com’e’ e una vergogna e per voi giornalisti cominciate a scrivere e fare battaglie contro il Var e l’ AIA cosi’ gestita vi fa’ bene serve per dare credibilita’ al calcio. Tutte ste cose le avevo scritte 2 anni fa’ ma se ci sono arrivato io che sono un ebete tifoso voi non ve ne siete accorti di questo schifo che va denunciato.

  11. Più che le dichiarazioni di Gasperini sono interessanti quelle di Marino dg dell’Atalanta :
    “Mourinho ha ragione, non puoi nascondere la verità, quel che è successo toglie certezze”

  12. La situazione calcio in Italia è come quella di un condominio con il 110%…

    Se hai fatto abusi non regolamentati non accederai mai al bonus se non regolarizzando il tutto, qui di tirando fuori soldi… Purtroppo in Italia si è così.

    Dirai sempre che è inutile fare questi lavori e non che hai fatto degli abusi…

    La stessa cosa nel calcio, non si dirà mai che c’è MALAFEDE ma si dirà sempre che è stato un semplice errorino che una volta oggi è una domani, ha cambiato le sorti del campionato e lo scacchiere in campo.

    In Italia non si vince a caso, ricordate…

    • SE HAI FATTO ABUSI..è giusto che il bonus nun lo vedi..pè fortuna in Italia è cosi..quello che dirai so taxxi tuoi..

  13. Ok, ma come se n’esce?
    Il sistema è piramidale e consolidato.
    Al vertice le tre con le divise da S. Vittore e Le Molinette, che decidono chi decide per tutto ciò che riguarda il sistema calcio.
    Ai margini, con qualche potere, gli azzurri e gli azzurri sbiaditi, entrati tempo addietro sgomitando (perché ce li hanno fatti entrare).
    Tutti gli altri, fuori. Varie squadre minori però fanno affari con le cinque poc’anzi dette, e quindi di fatto ne sono satelliti e succubi.
    Ecco perché subiscono tacitamente le decisioni cervellotiche.
    Mi veniva da sorprendermi per il patron del Toro, che s’è preso il pacco del goal di Ignobile. Ma forse, occupandosi di media, il suo tornaconto è alimentarli con le polemiche piuttosto che agire concretamente per farsi ridare i punti rubati.
    Quanto allo Spezia, mah, il silenzio assordante mi fa pensare che se pubblicassero i tabulati telefonici per un paio di tizi nell’immediato dopopartita con la lanxie ne uscirebbero delle belle.
    Gasp!erini quantomeno non ci vuole stare, ed anzi l’altra volta se n’è uscito con dichiarazioni furibonde provvidenzialmente cancellate da web e giuornali.
    Sarebbe bello se si creasse una Santa Alleanza per cambiare un po’ di regole. Per dire, una maggioranza più qualificata per le cariche elettive. Il ripristino del sorteggio integrale per gli arbitri. La definizione di un regolamento che riduca al minimo gli spazi interpretativi, che poi sono i sotterfugi per tirar fuori le bestialità conclamate dell'”errore non errore”.
    Trattandosi di un settore che fa girare parecchi quattrini, compresi sponsor e scommesse, l’assoluta mancanza di trasparenza è veramente intollerabile.
    Probabilmente i sodali lenzuolati del buon Trofie si tengono lontani dall’Italiotta proprio perché sanno che il sistema è marcio. Crollato anni addietro, l’hanno rifondato ma ormai è marcio di nuovo.
    E mi fa oscillare perfino a far il tifo per il Pocacons.

    • Proviamo a metterci nei panni degli arbitri che ricevono una tel.con la promessa di migliaia di euro,che fai ci sputi sopra? No perché è così che funziona non me vengano a di che c’è la legge di compensazione favori-torti ,qui cari amici miei ci hanno rubato si rubato in malafede 8punti,hanno falsato il campionato.ormai sono stati smascherati.pairetto fermati ah..ok vado avanti..mah..io ho capito ok.. oh a scemo ma ce fai.. è evidente che ce fa’ha già preso i dollari…bastardi

  14. il calcio ora non è più credibile, perché anche a bocce ferme non c’è la stessa interpretazione sulle cose”, ha concluso Gasperini.

    Ha ragione da vendere var o non var è un calcio che non è stato mai credibile e oggi più che mai te ne accorgi sono anni che si portano avanti sempre e solo le solite squadre a discapito di altre, tutto ciò inizia ad essere nauseante, la Roma che porta settantamila persone allo stadio non può essere maltrattata dal sistema e chi invece anche con i biglietti a gratis fa 11 mila spettatori diventare squadra tutelata portata in braccio dagli arbitri è un vero schifo

  15. Ragazzi è tutto molto più facile di come sembra. Vi siete mai chiesti come mai in un mondo di alto professionismo, solamente la classe arbitrare resta fuori per volontà propria?

    In questa domanda ci sta tutto il ragionamento di Gasperini, Mourinho e compagnia cantante.

  16. nasca e’ deleterio. Ripeto un arbitro mediocre di B e’ diventato improvvisamente inamovibile al var in serie A ??? e i criteri quali sono stati? a noi ha tolto molti punti questo soggetto e adesso vedo che ne ha portati almeno 2 alla lazio….per favore rimandate questo tipo da dove e’ venuto

  17. Rendere possibile 3 chiamate Var a squadra (come nel Volley, il challenge è chiamato dalla squadra). Si interrompe il cronometro affinché non venga usato per perdita di tempo.
    In sala Var un ex giocatore (equilibrato, formato alle regole No Cassano o Vieri…) da affiancare agli arbitri.
    Potrebbe migliorare così?

  18. Approccio arbitrale (non di tutti): 1. due squadre non si penalizzano mai perché lottano per lo scudetto; 2. se una delle due di cui sopra in una annata proprio non ce la fa si da spazio ad una delle altre due di riserva alle quali comunque deve essere assicurato un posto in champions 3. infine c’è una quinta squadra cui dare generalmente le posizioni di rincalzo lasciandole comunque aperta una possibilità migliore. Metodo da seguire: secondo inventiva e situazioni sul campo (gestione di cartellini, punizioni, rigori, fuori gioco, goal). E quando tutto diventa troppo evidente ? Punizioni blande o ridicole, spiegazioni surreali quale errori non errore, e no comment. Come si fa a prendere decisioni errate di simile importanza sociale ed economica senza dover dare alcuna spiegazione ?

  19. Io credo che una delle motivazioni per cui non c’è la corsa ad investire nelle nostre società calcistiche sia proprio quella della scarsa trasparenza del governo di tutto il movimento calcistico. Come puoi investire soldi dove il gioco è truccato e tu non sei sodale di chi muove le pedine. Ormai, tranne gli americani, che sono un po’ naif i quattrini veri quelli che li investono nel calcio li investono in altri paesi, vedi Inghilterra e Francia per citarne un paio. Questo fa sì che cresca tutto il movimento in quei paesi mentre qui si resta nel nostro piccolo mondo antico in cui ormai anche giocatori di medio livello ci pensano bene prima di venire. E poi ci meravigliamo che non andiamo ai mondiali. Se le cose non cambiano non vedo grandi possibilità di miglioramento della situazione. Se vinceremo qualcosa lo dovremo al cosiddetto “stellone” italiano. In Champions andranno sempre le solite tre o quattro squadre a rotazione e saranno eliminate dopo i primi turni e il campionato continuerà a non invogliare nessuno a venirci a giocare a parte qualche ex campione dalla carriera agli sgoccioli e tantomeno qualcuno disposto a mettere quattrini. Se non ci sarà un cambiamento radicale a partire dal vertice (perché il pesce, come saggiamente diceva un detto popolare, puzza sempre dalla testa) dovremo rassegnarci a fare da comprimari a un calcio più corretto, più evoluto e più bello da vedere e da seguire. Detto quanto sopra comunque sempre e dovunque FORZA ROMA

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome