Gerolin: “Qualcuno dietro le quinte sta lavorando da ds della Roma, altrimenti sarebbe assurdo…”

15
711

NOTIZIE AS ROMA – Manuel Gerolin è intervenuto nella fascia mattutina dell’emittente radiofonica “Radio Manà Manà Sport” commentando così la ricerca di un direttore sportivo che è in atto alla Roma:

“Non credo che il posto sia così vacante. Credo che ci sia qualcuno che sta già lavorando dietro le quinte. Se così non fosse, sarebbe assurdo”.

Un direttore sportivo non si sceglie a giugno perché deve studiare il mercato e la politica societaria della squadra. Se mi rivedo a Roma a ricoprire questo ruolo? Spero di sí, ma se dovessi scegliere punterei sull’area scouting”.

Fonte: Radio Manà Manà Sport

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedenteReport UEFA, la Roma ha costi per 181 milioni. Entro il 2024/25 deve scendere del 3% nel rapporto con i ricavi
Articolo successivoMourinho: “L’esonero della Roma quello che mi ha ferito di più, ma ho rispettato la decisione dei Friedkin. Fosse per me tornerei a lavorare domani” (VIDEO)

15 Commenti

  1. A mio parere Gerolin non ha tutti i torti: è abbastanza improbabile che per un ruolo così importante la scelta del responsabile possa essere effettuata a giugno.

  2. magari… da prendere subito

    cmq anch’io penso che il Ds è stato già scelto, probabilmente è sotto contratto oppure ha già lavorato per altra società nella serie a in questa stagione… per questo nn so può annunciare, sarebbe follia sennò

    • Pure Dan Ashworth del Newcastle lavora col newcastle ma il manchester sta provando a prenderlo ora per impostare il mercato estivo.
      Se contatti un ds che lavora per un’altra squadra puo essere annunciato, ma chi dice di no? Ma perchè non vi informate e documentate?

  3. Meno male : almeno qualcuno LAVORA qua !!!

    Meglio ancora se anonimo : cosi’ nessuno di sti sapientoni qua

    gli va a dire cosa dovrebbe fare e non fare, dall’ alto della loro

    esperienza di disoccupati cronici e fini intenditori sia di finanza che di pallone.

  4. Sono anni che faccio questi pensieri… “no, deve esserci qualcosa che non sappiamo, altrimenti sarebbe assurdo…”

    per poi scoprire, mesi dopo, che era invece proprio come appariva, cioè assurdo.

    la Roma è senza una testa pensante da anni.

    da prima dei Friedkin, ma anche con loro.
    niente. nothing. nihil. nada.

    chi s’arza prima se veste

    • La verità è che se qualche mente pensante è stata presa in considerazione nell’era americana, certamente non lo è stata per l’area tecnica, di cui non importa nulla alle proprietà d’oltreoceano.
      Magari per l’affare stadio…anche se poi ricordo che per ballotta se ne occupava baldissoni, cui non mi sentirei di fare un complimento tanto munifico.
      Difatti pure lo stadio ‘ndo sta?
      Per essere un’ossessione dal 2012 direi che il fallimento è palese anche sotto questo aspetto.
      Fallimento dopo fallimento, speriamo se ne vadano pure i friedkin. Al più presto.

  5. Per me Baldanzi è un tipico acquisto di un direttore sportivo concordato con la proprietà (per i soldi) e con l’allenatore (per l’aspetto tecnico). Quindi, anche per me sotto c’è qualcuno…

  6. Ma invece anche basta con le paturnie, l’unica cosa che sappiamo con assoluta certezza è che Pinto si è dimesso, lo ha comunicato un mese prima, se n’è andato 2 settimane fa e non ci sono comunicazioni ufficiali riguardanti il nuovo DS.
    Non sappiamo se c’è e lo tengono nascosto dietro le quinte oppure se davvero ancora non lo hanno ingaggiato. Faccciamo solo supposizioni a chi ci azzecca quindi.

  7. Si Marco, lo so che Pinto non era un DS ma un GM, l’avevo scritto fino alla noia e stavolta non l’ho specificato ma gli è stato fatto fare anche quel ruolo dove non abbiamo avuto più un DS.
    Fatto sta che non c’è più neanche lui, restano solo i proprietari e la Dott.ssa Lina con altri ruoli.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome