GILARDINO: “Fa rosicare prendere un gol del genere in 11 contro 10. Bello l’atteggiamento della mia squadra”

10
226

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Alberto Gilardino, allenatore del Genoa, commenta a fine gara la prova dei suoi ragazzi nel match di campionato che si è appena giocato allo stadio Olimpico contro la Roma.

Ecco le dichiarazioni del tecnico dei liguri ai microfoni dei giornalisti al termine della partita:

Una grande prestazione, c’era qualcosa in più da chiedere?
“Rosichiamo perché in 10 contro 11 prendere un gol del genere…potevamo e dovevamo fare meglio. Però bravi i ragazzi per come hanno giocato, per la consapevolezza e l’atteggiamento avuto contro una squadra forte, che si giocava un obiettivo importante”.

Campionato straordinario, anche dopo la salvezza non avete mollato e avete fatto ottime gare. Una crescita tua e della squadra:
“È proprio così. L’ho detto in queste settimane, c’è stata una crescita mentale della squadra, con voglia di giocare, correre, sacrificarsi e superare i nostri limiti. La squadra così ha fatto grandi prestazioni, come anche stasera”.

Mi ha impressionato nel primo tempo la vostra compattezza al centro, avete concesso poco alla Roma. Quando De Rossi ha cambiato avete sofferto:
“La volontà era quella, chiudere le giocate dentro. Loro hanno tirato soprattutto da fuori,  abbiamo lavorato bene tra i reparti e mantenuto le distanze. I ragazzi si sono espressi al massimo. Nella ripresa, andando in superiorità numerica, potevamo evitare il gol, però sono contento della stagione. Hanno e stanno dando veramente tutto”.

Il rinnovo volevi firmarlo a Roma?
“Sì, l’ho firmato stamattina, così come era concordato. Sono contento, la società è felice. Diamo continuità, le basi ci sono. Dobbiamo arricchirci di giocatori affamati, giocatori che vogliono giocare con la nostra maglia nel nostro stadio, che vogliono giocare con l’ardore che ci contraddistingue”.

C’erano altre squadre?
“La mia volontà era di dare continuità a questo progetto. Io mi trovo molto bene qua con il mio staff, con i miei ragazzi. Credo ci sia qualcosa di costruttivo e importante e questo è importante per un allenatore”.

Qual è lo step di crescita che ora deve fare il Genoa?
“Consolidarci come modo di lavorare in campo. Consolidarci negli interpreti e cambiare anche. Ci deve essere quella mentalità che ti fa cambiare a livello tattico, una squadra aperta mentalmente. La volontà è quella”.

Neanche quando giocavi sudavi così tanto?
“Sono le luci… poi quando sono in panchina è come se giocassi”.

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedenteROMA-GENOA: 1-0 (79′ Lukaku). I giallorossi vincono l’ultima all’Olimpico e blindano il sesto posto
Articolo successivoEL SHAARAWY: “Vincere oggi era doveroso. Tifare Atalanta? Il nostro lo abbiamo fatto, ora vediamo…”

10 Commenti

    • Gilardino, vatti a nascondere. Il tuo Genoa ha 46 punti ed è salvo, non hai più nulla da chiedere a questo campionato e sei andato a Roma per fare le barricate, ma giocati la partita a viso aperto invece di fare il catenacciaro.

  1. Te lo sei detto da solo.. rosica, Gilardino, rosica.
    Sapere che stai rosicando rende più dolce il sapore della vittoria.

  2. Gne, gne, gne. Gilardino può rosicare quanto gli pare, ha fatto un catenaccio infernale fin quando era sullo 0-0 ed in parità numerica. Lukaku li ha purgati addirittura quando eravamo in 10 contro 11 e Svilar ha fatto una sola grande parata mentre la Roma ha avuto più occasioni da gol nitide.
    Di gol di scarto ce n’erano almeno 2 a favore nostro.

  3. Pensa quanto potevamo rosicare noi con un pareggio o una sconfitta in 10 per un rosso a Paredes che ancora non ho capito. Solo con noi gli arbitri vedono e sentono tutto. Questa volta il Manganiello di turno non è riuscito nell’impresa e la goduria è doppia. Sapere che rosicate tu e i laziali.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome